Referendum, Ramos Allup: “L’Opposizione non demorderà”

Henry Ramos Allup, presidente del Parlamento

ramos-allup-2

CARACAS – Non vi sará dialogo senza Referendum per destituire il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Lo ha assicurato il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, che ha ammesso che la situazione del paese politicamente ed economicamente é assai difficile e complessa.

Il deputato ed esponente del Tavolo dell’Unitá ha affermato che l’Opposizione non demorderá e continuerá a esercitare pressioni a livello nazionale e internazionale per permettere agli elettori di esprimersi sulla gestione del governo prima della fine dell’anno.

– La violenza non é la soluzione – ha affermato Ramus Allup convinto -. Nessuno promuove un colpo di Stato. Ed è per questo che abbiamo denunciato che, quanto fatto dal presidente Maduro, é stato un “autogolpe”.

Riferendosi, poi, alle “amministrative”, il presidente del Parlamento si é detto convinto del trionfo dell’Opposizione.

– Se il governo fosse sicuro del contrario, non dubiterebbe neanche un attimo a organizzare le elezioni – sostiene –. Invece, lo stesso presidente Maduro afferma che non sono una priorità.

Non tutti, in seno al Psuv, sono convinti dell’impossibilitá di realizzare il Referendum prima della fine dell’anno. Esponenti di “Marea Socialista”, l’ala dissidente del partito di governo, ritengono che la consulta popolare non solo é un diritto dei cittadini ma é anche necessario per imprimere una svolta politica al Paese.

Il Generale in ritiro, Cliver Alcalá Cordones, ha affermato che il governo, con le sue politiche finanziarie e il controllo dei cambi, ha permesso la fuga di oltre 400 miliardi di dollari.

– E’ una presa in giro allo Stato e alla cittadinanza – ha affermato -. Dopo aver analizzato la pessima gestione del governo ho deciso che il 26, 27 e 28 ottobre saró tra i primi a firmare per non essere escluso dalla storia.
Il generale in ritiro, poi, ha affermato che il “Plan República” dovrebbe assicurare tranquillitá nel processo per la raccolta delle firme.

Condividi: