Gesuiti: padre Sosa, principale sfida è riconciliare l’umanità

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Conferenza stampa di padre Sosa - AFP

Conferenza stampa di padre Sosa – AFP

ROMA. – “Quella dei Gesuiti è una spiritualità che ti mette in contatto sia con Gesù incarnato sia con il mondo reale e i suoi conflitti: i Gesuiti sono stati sempre presenti nelle frontiere, hanno cercato di essere lì dove dare testimonianza del Vangelo”. Ricordando la “profondità spirituale” e la “santità” incontrata tra i confratelli della Compagnia di Gesù, non solo preti ma anche laici, tra i quali ha maturato la vocazione, il nuovo preposito generale padre Arturo Sosa, 30/mo successore di Ignazio di Loyola ha sintetizzato così il senso della presenza nel mondo del maggiore ordine religioso della Chiesa.

Padre Sosa, 68 anni, venezuelano, ha incontrato i giornalisti nella stessa sala della 36/ma Congregazione generale dove venerdì scorso è stato eletto: Congregazione che ora andrà avanti per deliberare le linee di governo della Compagnia e scegliere i principali collaboratori del ‘generale’.

“Sto bene, sono sereno. Sono molto sorpreso e nello stesso tempo grato al Signore”, ha esordito il primo non europeo a capo della Compagnia in 500 anni di storia. “Sento di aver bisogno di aiuto, non è una cosa che posso fare da solo. Del resto, questa è la Compagnia di Gesù e quindi confido che Gesù stesso se ne faccia carico. Da parte mia, spero di non porre troppi ostacoli. E poi mi fido dei miei compagni”.

Sosa ha ringraziato il suo predecessore, lo spagnolo padre Adolfo Nicolas, dimessosi a 80 anni, che ora andrà nelle Filippine come padre spirituale di un centro pastorale: “Mi tocca molto la sua libertà e il suo desiderio di continuare la sua missione come semplice gesuita”.

Nella discussione sull’agenda di governo e sugli orientamenti del futuro prossimo della Compagnia, “non ridiscuteremo il senso della nostra missione oggi: il servizio della fede e la promozione della giustizia, tenendo conto della diversità culturale e del dialogo”, ha detto.

Le priorità già fissate dalla 35/ma Congregazione “rimangono attuali, come il dialogo interreligioso, la questione dei rifugiati e dei flussi migratori, le situazioni di crisi dovute alle mutate condizioni economiche, la povertà, il ruolo delle case internazionali”.

Sosa ha ricordato di aver incontrato molte volte papa Francesco, il Papa gesuita, fin dalla 33/ma Congregazione generale del 1983, e poi per il ruolo ricoperto negli ultimi due anni come responsabile a Roma delle case internazionali.

“E’ facile entrare in comunicazione cordiale con lui”. Quanto alla definizione di “Papa nero” ha detto che non gli piace, che non la trova in linea con il voto dei Gesuiti di non aspirare a cariche ecclesiastiche. “Cerchiamo di lavorare a un altro livello di servizio, aiutando Papa e vescovi”.

E nonostante le dimissioni degli ultimi tre padri generali (Arrupe per malattia, Kolvenbach e Nicolas agli 80 anni di età), ha spiegato che la Compagnia continuerà a eleggere il suo generale “a vita”: il criterio è che sia capace di gestire la complessità del governo. Per questo vigilano gli assistenti e l’ammonitore.

Ma qual è oggi la sfida principale della Compagnia? “Dalle risposte giunte da tutte le province del mondo, la parola più ricorrente è ‘riconciliazione’. In tutte le regioni del mondo si sente questa ferita profonda della divisione, dei conflitti, anche molto gravi come in Siria o altri di cui non si parla”.

“Questa – ha aggiunto Sosa – è la chiamata alla riconciliazione. Non si può andare avanti se non si vive in pace, anche col creato, come dice papa Bergoglio. Per noi la sfida è vedere come poter contribuire alla riconciliazione tra gli esseri umani, che è anche riconciliazione con Dio e col creato”.

Parlando di “ricerca dell’impossibile”, ha detto che la Compagnia si poggia su due “gambe”: la “fede in Dio che ci invita a fare quello che speriamo”, anche se sembra impossibile. “Quando fai l’analisi storica del mondo puoi anche diventare pessimista. Di fronte al potere economico, al narcotraffico, al commercio delle armi, al traffico delle persone, i poteri sono così forti che sembrano imbattibili. Ma noi diciamo che è possibile costruire un mondo diverso dove tutti sono trattati come persone e possono avere cibo, casa, scuola”.

La seconda è la “profondità intellettuale”: “se non cerchiamo di approfondire la conoscenza scientifica e culturale per capire cosa succede non è possibile che l’impossibile accada”. Per questo la Compagnia investe tanto nella formazione dei gesuiti e nell’apostolato educativo.

Sulla presenza in Cina, “impegno speciale”, Sosa ha ricordato infine il lavoro su due fronti: i 10-12 gesuiti che insegnano nelle università lingue, economia e scienze sociali, senza fare lavoro pastorale, cosa che invece accade a Taiwan, Hong Kong e Macao con la formazione teologica e spirituale di circa un centinaio di seminaristi.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

13:12Migranti: sabato a Milano il contro-corteo, ‘no invasion’

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - Si chiama "No invasion" la manifestazione organizzata per il 27 maggio da Milano Sicura, comitato che si definisce apartitico e che ha deciso di scendere in piazza a una settimana dall'iniziativa "Insieme senza muri" a favore dei migranti. Sulla pagina Facebook che conta poco meno di duemila iscritti si legge: "L'evento, ideato e organizzato dal nostro comitato dichiaratamente apartitico di liberi cittadini, si propone di portare in piazza tutti coloro i quali si oppongono alla politica di dissennata accoglienza degli immigrati posta in essere dall'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Beppe Sala. I cittadini milanesi, esasperati da degrado, abusivismo e violenza che si verificano quotidianamente da parte dei clandestini che popolano ormai senza controllo la città, sfileranno lungo via Vittor Pisani per giungere al piazzale della stazione Centrale, simbolo dell'assoluta mancanza di sicurezza che domina oggi il capoluogo meneghino".

13:07Marra: Raggi, se chiamata andrò a testimoniare

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Se e quando mi chiameranno andrò perché è un dovere previsto dal codice e quindi si rispetta". Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, risponde a chi le chiede se andrà a testimoniare, come richiesto dalla difesa, nel processo cominciato oggi a carico dell'ex capo del personale in Campidoglio, Raffaele Marra, e dell'imprenditore Sergio Scarpellini, accusati di concorso in corruzione.

13:01Migranti: “dateci cibo migliore”,200 protestano nel padovano

(ANSA) - PADOVA, 25 MAG - Nuova protesta, che è durata poco più di un'ora, dei profughi ospiti al centro di accoglienza di Bagnoli di Sopra (Padova). Intorno alle 8 di oggi circa 200 migranti di origine africana ospitati nel centro di accoglienza allestito nell'ex caserma di San Siro sono scesi nella piazza principale del paese, davanti al Municipio per chiedere una qualità maggiore del cibo e un incremento delle attività del centro di accoglienza. La protesta si è conclusa intorno alle 9,30. L'ultima manifestazione a Bagnoli risale alla fine dello scorso gennaio quanto un cinquantina di richiedenti asilo bengalesi aveva manifestato stamane, davanti al centro di accoglienza bloccando l'ingresso e l'uscita dal campo per una trentina di minuti.

13:00Manchester: May, livello allerta resta critico

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Il livello dell'allerta anti-terrorismo resta "critico". Lo ha detto la premier britannica Theresa May parlando a Downing Street. Il primo ministro ha invitato i britannici a rimanere "vigili" contro la minaccia di nuovi attacchi.

12:56Nave Usa in mar Cinese meridionale, Pechino protesta

(ANSA) - PECHINO, 25 MAG - Il cacciatorpediniere Uss Dewey ha navigato entro le 12 miglia di una delle isole artificiali realizzate dalla Cina nelle Spratly, nelle acque contese del mar Cinese meridionale, nella prima operazione sulla "libertà di navigazione" della presidenza Trump. La Cina ha inviato due fregate che hanno "messo in guardia e allontanato" la Dewey dopo l'ingresso nelle acque territoriali "senza permesso", ha affermato il portavoce del ministero della Difesa. "Abbiamo presentato un grave reclamo alla parte americana", ha aggiunto.

12:55Renzi, noi fatto bene su musei, sbagliato non cambiare i Tar

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Il fatto che il Tar del Lazio annulli la nostra decisione merita il rispetto istituzionale che si deve alla giustizia amministrativa ma conferma - una volta di più - che non possiamo più essere una repubblica fondata sul cavillo e sul ricorso". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi. "Non abbiamo sbagliato perché abbiamo provato a cambiare i musei: abbiamo sbagliato perché non abbiamo provato a cambiare i TAR". Lo dice Matteo Renzi su facebook.

12:54Manchester: minuto silenzio in Gb

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Un minuto di silenzio per le vittime della strage di Manchester è stato rispettato in tutto il Regno Unito alle 11 locali (le 12 in Italia). Nel centro della città inglese colpita dall'attacco terroristico centinaia di persone si sono riunite ad Albert Square, diventato uno dei luoghi simbolo della risposta della comunità alla tragedia.

Archivio Ultima ora