Gesuiti: padre Sosa, principale sfida è riconciliare l’umanità

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Conferenza stampa di padre Sosa - AFP

Conferenza stampa di padre Sosa – AFP

ROMA. – “Quella dei Gesuiti è una spiritualità che ti mette in contatto sia con Gesù incarnato sia con il mondo reale e i suoi conflitti: i Gesuiti sono stati sempre presenti nelle frontiere, hanno cercato di essere lì dove dare testimonianza del Vangelo”. Ricordando la “profondità spirituale” e la “santità” incontrata tra i confratelli della Compagnia di Gesù, non solo preti ma anche laici, tra i quali ha maturato la vocazione, il nuovo preposito generale padre Arturo Sosa, 30/mo successore di Ignazio di Loyola ha sintetizzato così il senso della presenza nel mondo del maggiore ordine religioso della Chiesa.

Padre Sosa, 68 anni, venezuelano, ha incontrato i giornalisti nella stessa sala della 36/ma Congregazione generale dove venerdì scorso è stato eletto: Congregazione che ora andrà avanti per deliberare le linee di governo della Compagnia e scegliere i principali collaboratori del ‘generale’.

“Sto bene, sono sereno. Sono molto sorpreso e nello stesso tempo grato al Signore”, ha esordito il primo non europeo a capo della Compagnia in 500 anni di storia. “Sento di aver bisogno di aiuto, non è una cosa che posso fare da solo. Del resto, questa è la Compagnia di Gesù e quindi confido che Gesù stesso se ne faccia carico. Da parte mia, spero di non porre troppi ostacoli. E poi mi fido dei miei compagni”.

Sosa ha ringraziato il suo predecessore, lo spagnolo padre Adolfo Nicolas, dimessosi a 80 anni, che ora andrà nelle Filippine come padre spirituale di un centro pastorale: “Mi tocca molto la sua libertà e il suo desiderio di continuare la sua missione come semplice gesuita”.

Nella discussione sull’agenda di governo e sugli orientamenti del futuro prossimo della Compagnia, “non ridiscuteremo il senso della nostra missione oggi: il servizio della fede e la promozione della giustizia, tenendo conto della diversità culturale e del dialogo”, ha detto.

Le priorità già fissate dalla 35/ma Congregazione “rimangono attuali, come il dialogo interreligioso, la questione dei rifugiati e dei flussi migratori, le situazioni di crisi dovute alle mutate condizioni economiche, la povertà, il ruolo delle case internazionali”.

Sosa ha ricordato di aver incontrato molte volte papa Francesco, il Papa gesuita, fin dalla 33/ma Congregazione generale del 1983, e poi per il ruolo ricoperto negli ultimi due anni come responsabile a Roma delle case internazionali.

“E’ facile entrare in comunicazione cordiale con lui”. Quanto alla definizione di “Papa nero” ha detto che non gli piace, che non la trova in linea con il voto dei Gesuiti di non aspirare a cariche ecclesiastiche. “Cerchiamo di lavorare a un altro livello di servizio, aiutando Papa e vescovi”.

E nonostante le dimissioni degli ultimi tre padri generali (Arrupe per malattia, Kolvenbach e Nicolas agli 80 anni di età), ha spiegato che la Compagnia continuerà a eleggere il suo generale “a vita”: il criterio è che sia capace di gestire la complessità del governo. Per questo vigilano gli assistenti e l’ammonitore.

Ma qual è oggi la sfida principale della Compagnia? “Dalle risposte giunte da tutte le province del mondo, la parola più ricorrente è ‘riconciliazione’. In tutte le regioni del mondo si sente questa ferita profonda della divisione, dei conflitti, anche molto gravi come in Siria o altri di cui non si parla”.

“Questa – ha aggiunto Sosa – è la chiamata alla riconciliazione. Non si può andare avanti se non si vive in pace, anche col creato, come dice papa Bergoglio. Per noi la sfida è vedere come poter contribuire alla riconciliazione tra gli esseri umani, che è anche riconciliazione con Dio e col creato”.

Parlando di “ricerca dell’impossibile”, ha detto che la Compagnia si poggia su due “gambe”: la “fede in Dio che ci invita a fare quello che speriamo”, anche se sembra impossibile. “Quando fai l’analisi storica del mondo puoi anche diventare pessimista. Di fronte al potere economico, al narcotraffico, al commercio delle armi, al traffico delle persone, i poteri sono così forti che sembrano imbattibili. Ma noi diciamo che è possibile costruire un mondo diverso dove tutti sono trattati come persone e possono avere cibo, casa, scuola”.

La seconda è la “profondità intellettuale”: “se non cerchiamo di approfondire la conoscenza scientifica e culturale per capire cosa succede non è possibile che l’impossibile accada”. Per questo la Compagnia investe tanto nella formazione dei gesuiti e nell’apostolato educativo.

Sulla presenza in Cina, “impegno speciale”, Sosa ha ricordato infine il lavoro su due fronti: i 10-12 gesuiti che insegnano nelle università lingue, economia e scienze sociali, senza fare lavoro pastorale, cosa che invece accade a Taiwan, Hong Kong e Macao con la formazione teologica e spirituale di circa un centinaio di seminaristi.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

22:34Roma: Spalletti, se fanno smettere Totti io me ne vado

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Il mio contratto? Io sono convinto che Totti debba rinnovare. Io non voglio che smetta con me, e se lo fanno smettere io vado via anche se vinco. Se faccio il 'triplete' non rimango. Totti non ha un contratto, ha un patto d'amore con la città". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, al termine della gara vinta dai giallorossi per 4-1 sul Torino all'Olimpico. Per l'allenatore toscano, il rinnovo di contratto del n.10 "deve essere naturale come è naturale il boato del pubblico quando lui si alza dalla panchina per entrare. Quelli importanti sono i giocatori, non gli allenatori".

22:28Calcio: ds Milan, partita carica emozione in vista closing

(ANSA) - MILANO, 19 FEB - A due settimane dal closing con cui il Milan dovrebbe passare in mani cinesi c'è una certa emozione in casa rossonera, come ha confessato il ds Rocco Maiorino prima della partita contro la Fiorentina, destinata a diventare l'ultima casalinga dell'era Berlusconi. "Se si dovesse concretizzare il closing, sarebbero le ultime due settimane. C'è molta emozione per tutto quello che è stato fatto per questa squadra - ha detto Maiorino, intervistato da Premium Sport -. Per me, inoltre, il primo marzo saranno dodici anni al Milan, è una partita carica di emozione". Infine il ds milanista ha definito "importante ma non fondamentale" il risultato della sfida di questa sera contro la Fiorentina, diretta concorrente nella corsa all'Europa League.

22:24Congo: 25 civili hutu decapitati con i machete da miliziani

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Miliziani Mai-Mai del gruppo etnico Nande hanno attaccato un villaggio Hutu in Congo (Rdc) e hanno ucciso almeno 25 civili. Lo ha reso noto oggi il rappresentante locale del governatore provinciale Francis Bakundakabo, precisando che quasi tutte le persone sono state uccise a colpi di machete e decapitate. Il massacro è avvenuto nel villaggio di Kyaghala e - ha denunciato Badundakabo - "getta nuova benzina sul conflitto interetnico nella regione" in un momento in cui l'intero Congo vive una situazione estremamente difficile a causa del rifiuto del presidente Joseph Kabila di lasciare il potere e di indire elezioni, benchè il suo mandato sia scaduto lo scorso 19 dicembre.

22:21Trump: ex premier Svezia, attentato? Ma cosa si è fumato?

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Svezia? Attentato terroristico? Cosa si è fumato? Le domande abbondano": così l'ex primo ministro svedese Carld Bildt, in carica dal 1991 al 1994, ha commentato su twitter l'ultima uscita del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il quale ha evocato, durante un comizio, un attacco la scorsa notte in Svezia, mai avvenuto. I siti e i social network - riferiscono i giornali svedesi - sono pieni di ironie e dileggi verso l'ennesimo inciampo del nuovo inquilino della Casa Bianca.

22:20Trump: Svezia chiede chiarimenti su attacco inventato

(ANSA) - NEW YORK, 19 FEB - L'ambasciata svedese a Washington ha chiesto al Dipartimento di Stato americano spiegazioni sulle affermazioni del presidente Donald Trump, che nel corso di un comizio ha fatto riferimento ad un presunto attacco in Svezia venerdì notte, mai avvenuto. "Abbiamo posto la domanda al Dipartimento di Stato. Stiamo cercando di avere chiarezza", ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri svedese, Catarina Axelsson.

22:17Calcio: Genoa, sputi e insulti contro pullman squadra

(ANSA) - GENOVA, 19 FEB - Circa 200 tifosi del Genoa, sorvegliati da polizia e carabinieri, hanno 'accolto' il pullman che riportava la squadra di Preziosi nel capoluogo con calci, sputi e insulti. Il pullman, uscito dall'aeroporto con la squadra, il tecnico Juric e i dirigenti a bordo, è stati bloccato dai tifosi che hanno tirato uova e sputi contro il mezzo. Insulti sono stati proferiti contro il presidente Enrico Preziosi e l'ex giocatore e ora dirigente Omar Milanetto. Juric non è mai stato insultato né nominato. Dopo una decina di minuti, la folla si è aperta per far passare il pullman scortato dalla polizia e poi i tifosi si sono allontanati.

22:15Roma: Spalletti “Siamo stati bravi, ora mentalità è giusta”

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "I ragazzi sono stati bravi, dopo la vittoria in Europa League c'era il rischio di non avere il ritmo giusto, invece siamo entrati molto bene in partita, abbiamo pressato da primo minuto e fatto vedere le nostre qualità". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, a Premium dopo il bel 4-0 dei giallorossi sul Torino. "Siamo un po' calati dopo il 2-0, dove potevamo fare di più. Se noi ci togliamo dalla testa il pensiero continuo della vittoria, di passare delle belle serate insieme ai nostri tifosi, poi le avversarie ci superano. La crescita è evidente e visibile, altrimenti non potremmo contendere le posizioni alte in classifica. Noi però dobbiamo trovare giocatori forti come Totti, noi siamo abituati a lui e finché non ne troveremo altri non cresceremo ancora molto: di leader come Francesco in squadra ne servono più di uno per stare al passo con le grandi. Per questo bisogna rinnovare il suo contratto, un rinnovo che dovrà essere naturale come è naturale il boato dello stadio ogni volta che lui entra".

Archivio Ultima ora