Gesuiti: padre Sosa, principale sfida è riconciliare l’umanità

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Conferenza stampa di padre Sosa - AFP

Conferenza stampa di padre Sosa – AFP

ROMA. – “Quella dei Gesuiti è una spiritualità che ti mette in contatto sia con Gesù incarnato sia con il mondo reale e i suoi conflitti: i Gesuiti sono stati sempre presenti nelle frontiere, hanno cercato di essere lì dove dare testimonianza del Vangelo”. Ricordando la “profondità spirituale” e la “santità” incontrata tra i confratelli della Compagnia di Gesù, non solo preti ma anche laici, tra i quali ha maturato la vocazione, il nuovo preposito generale padre Arturo Sosa, 30/mo successore di Ignazio di Loyola ha sintetizzato così il senso della presenza nel mondo del maggiore ordine religioso della Chiesa.

Padre Sosa, 68 anni, venezuelano, ha incontrato i giornalisti nella stessa sala della 36/ma Congregazione generale dove venerdì scorso è stato eletto: Congregazione che ora andrà avanti per deliberare le linee di governo della Compagnia e scegliere i principali collaboratori del ‘generale’.

“Sto bene, sono sereno. Sono molto sorpreso e nello stesso tempo grato al Signore”, ha esordito il primo non europeo a capo della Compagnia in 500 anni di storia. “Sento di aver bisogno di aiuto, non è una cosa che posso fare da solo. Del resto, questa è la Compagnia di Gesù e quindi confido che Gesù stesso se ne faccia carico. Da parte mia, spero di non porre troppi ostacoli. E poi mi fido dei miei compagni”.

Sosa ha ringraziato il suo predecessore, lo spagnolo padre Adolfo Nicolas, dimessosi a 80 anni, che ora andrà nelle Filippine come padre spirituale di un centro pastorale: “Mi tocca molto la sua libertà e il suo desiderio di continuare la sua missione come semplice gesuita”.

Nella discussione sull’agenda di governo e sugli orientamenti del futuro prossimo della Compagnia, “non ridiscuteremo il senso della nostra missione oggi: il servizio della fede e la promozione della giustizia, tenendo conto della diversità culturale e del dialogo”, ha detto.

Le priorità già fissate dalla 35/ma Congregazione “rimangono attuali, come il dialogo interreligioso, la questione dei rifugiati e dei flussi migratori, le situazioni di crisi dovute alle mutate condizioni economiche, la povertà, il ruolo delle case internazionali”.

Sosa ha ricordato di aver incontrato molte volte papa Francesco, il Papa gesuita, fin dalla 33/ma Congregazione generale del 1983, e poi per il ruolo ricoperto negli ultimi due anni come responsabile a Roma delle case internazionali.

“E’ facile entrare in comunicazione cordiale con lui”. Quanto alla definizione di “Papa nero” ha detto che non gli piace, che non la trova in linea con il voto dei Gesuiti di non aspirare a cariche ecclesiastiche. “Cerchiamo di lavorare a un altro livello di servizio, aiutando Papa e vescovi”.

E nonostante le dimissioni degli ultimi tre padri generali (Arrupe per malattia, Kolvenbach e Nicolas agli 80 anni di età), ha spiegato che la Compagnia continuerà a eleggere il suo generale “a vita”: il criterio è che sia capace di gestire la complessità del governo. Per questo vigilano gli assistenti e l’ammonitore.

Ma qual è oggi la sfida principale della Compagnia? “Dalle risposte giunte da tutte le province del mondo, la parola più ricorrente è ‘riconciliazione’. In tutte le regioni del mondo si sente questa ferita profonda della divisione, dei conflitti, anche molto gravi come in Siria o altri di cui non si parla”.

“Questa – ha aggiunto Sosa – è la chiamata alla riconciliazione. Non si può andare avanti se non si vive in pace, anche col creato, come dice papa Bergoglio. Per noi la sfida è vedere come poter contribuire alla riconciliazione tra gli esseri umani, che è anche riconciliazione con Dio e col creato”.

Parlando di “ricerca dell’impossibile”, ha detto che la Compagnia si poggia su due “gambe”: la “fede in Dio che ci invita a fare quello che speriamo”, anche se sembra impossibile. “Quando fai l’analisi storica del mondo puoi anche diventare pessimista. Di fronte al potere economico, al narcotraffico, al commercio delle armi, al traffico delle persone, i poteri sono così forti che sembrano imbattibili. Ma noi diciamo che è possibile costruire un mondo diverso dove tutti sono trattati come persone e possono avere cibo, casa, scuola”.

La seconda è la “profondità intellettuale”: “se non cerchiamo di approfondire la conoscenza scientifica e culturale per capire cosa succede non è possibile che l’impossibile accada”. Per questo la Compagnia investe tanto nella formazione dei gesuiti e nell’apostolato educativo.

Sulla presenza in Cina, “impegno speciale”, Sosa ha ricordato infine il lavoro su due fronti: i 10-12 gesuiti che insegnano nelle università lingue, economia e scienze sociali, senza fare lavoro pastorale, cosa che invece accade a Taiwan, Hong Kong e Macao con la formazione teologica e spirituale di circa un centinaio di seminaristi.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

18:38Sparatoria in scuola in Messico, vittime

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 18 GEN - Un alunno di una scuola media privata di Monterrey, capitale dello Stato messicano di Nuevo Leon, ha sparato contro i suoi compagni e una insegnante, prima di ferirsi al mento con la stessa arma. Secondo alcuni media locali, il giovane sarebbe morto e potrebbe trattarsi di un suicidio. Un portavoce delle autorità locali ha detto alla stampa che l'alunno di 12 anni è entrato nella sede del Collegio Americano di Monterrey armato con una pistola calibro 22 e ha sparato contro i suoi compagni e la professoressa e poi contro sé stesso. La stampa locale, citando testimoni, non ha dubbi sulla morte dei tre, che non è ancora stata confermata ufficialmente. Le autorità si limitano a dire che i due studenti e l'insegnante sono stati ricoverati in condizioni molto gravi.

18:27Corea Nord: Kim zoppica in tv, ipotesi problemi di obesità

(ANSA) - PECHINO, 18 GEN - Il leader nordcoreano Kim Jong-un è apparso claudicante nel documentario trasmesso dalla tv di Stato Kctv e relativo alle ispezioni sul campo fatte lo scorso mese, tra cui una fabbrica di scarpe, rilanciando l'ipotesi di nuovi problemi alla caviglia a causa del sovrappeso. Nelle immagini Kim appare zoppicare sulla gamba sinistra, in forma ancora più evidente mentre sale su una rampa di scale. L'ultimo episodio simile risale a luglio 2014 durante la cerimonia del ventennale della morte del nonno, il "presidente eterno" e fondatore dello Stato, Kim Il-sung. Il leader sparì dagli eventi pubblici per diverse settimane e fece immaginare scenari come una grave malattia e un colpo di Stato, ricomparendo il 14 ottobre con un bastone. L'intelligence di Seul appurò che Kim fu operato da un chirurgo europeo per la rimozione di una ciste formatasi alla caviglia che si sarebbe potuta riformare per l'obesità. Per il ministro sudcoreano dell'Unificazione è troppo presto per parlare di problemi di salute.

18:26Maltempo: Sardegna,allerta per neve e ghiaccio anche domani

(ANSA) - CAGLIARI, 18 GEN - La Protezione civile regionale ha esteso l'avviso di condizioni meteorologiche avverse dalla serata di oggi e fino alla mattinata di domani, con nevicate sopra i 400-500 metri sulla Sardegna orientale e centrale. Successivamente la quota neve si innalzerà progressivamente. Si segnalano ancora venti di burrasca sulla parte nord-orientale dell'Isola e mareggiate sulle coste settentrionali, con gelate nelle ore più fredde. Diramata, inoltre, una allerta di criticità ordinaria per rischio idraulico sulle zone del Flumendosa-Flumineddu e della Gallura.

18:16Moro: parti offese, interroghiamo noi ex Br omertosi

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Morucci davanti la Commissione Moro è stato arrogante e omertoso. Chiederò a tutti i brigatisti di rendere interrogatorio promosso da indagini difensive della persona offesa". Lo annuncia l'avvocato Valter Biscotti, che rappresenta i familiari dei caduti in via Fani dopo la "sconcertante" audizione di ieri sera a San Macuto dell'ex "postino" delle Br. La difesa delle persone offese a questo punto intende intraprendere un'azione clamorosa:"chiederò come difensore della persona offesa di sentire in indagini difensive tutti i brigatisti del commando". "Se si rifiuteranno chiederò al PM di poterli interrogare. E li vorrò discutere se sia legittimo il loro ulteriore diniego di rispondere visto che oggi (esauriti i loro processi) sono solo persone informate sui fatti".

18:10Speleologia:Lombardia, scoperta nuova grotta sotto Grigna

(ANSA) - LECCO, 18 GEN - Importante scoperta in Lombardia degli speleologi del gruppo "InGrigna". Sono riusciti a scendere oltre nella grotta "W le donne" - nelle viscere della Grigna Settentrionale, una delle principali montagne della provincia di Lecco - e hanno scoperto una nuova galleria che hanno battezzato "L'autostrada del sole", alla profondità di meno 1150 metri, esplorando 400 nuovi metri di cavità. Il progetto nato un paio d'anni fa, consisteva nello svuotare un sifone con una pompa a manovella per avere la possibilità di andare oltre, un modus operandi del tutto particolare. Ci sono volute sette ore di pompaggio. Il gruppo è partito dal rifugio Bogani. La grotta "Viva le donne" è la seconda più profonda d'Italia, ha l'ingresso a quota 2170 metri e scende fino al "Ramo del cobra".(ANSA).

18:05Ragazza di 16 anni si taglia polso a scuola, non è grave

(ANSA) - LECCE, 18 GEN - Una ragazzina di 16 anni, studentessa di un liceo a Lecce, ha tentato di tagliarsi le vene del polso nel bagno della scuola. E' accaduto alla terza ora poco prima del compito in classe di Fisica in programma nella classe della ragazzina. E' stato il perdurare dell'assenza che ha allarmato il docente il quale ha chiesto ad una compagna di classe della 16enne di andare nella toilette dell'istituto per vedere cosa stesse accadendo. La 16enne era in bagno ancora lucida con la musica del cellulare diffusa ad alto volume. Per terra c'era sangue e la ragazzina aveva un taglio ad un polso. In ospedale dove la 16enne è stata condotta, i sanitari le hanno diagnosticato una lesione superficiale auto inferta sembrerebbe durante un attacco di ansia di cui sembra che la giovane soffra a causa di un lieve stato depressivo. Sull'accaduto stanno indagando i carabinieri mentre la dirigente scolastica ha provveduto ad informare il Provveditore e il Tribunale dei Minorenni.

17:49Crolla tensostruttura adibita ad asilo nel maceratese

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - ''La neve, forse le scosse di oggi, hanno fatto crollare la tensostruttura provvisoria adibita ad asilo, e che per fortuna era deserta''. Lo dice il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci, che è furioso per la carenza di aiuti ricevuti in questi giorni con l'emergenza neve: ''servono più Stato e meno burocrazia, altrimenti non so come andremo a finire qui. Ho 35 persone isolate nelle frazioni e non posso raggiungerle''. Secondo il sindaco anche altre tensostrutture si sono abbassate.

Archivio Ultima ora