Gesuiti: padre Sosa, principale sfida è riconciliare l’umanità

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Conferenza stampa di padre Sosa - AFP

Conferenza stampa di padre Sosa – AFP

ROMA. – “Quella dei Gesuiti è una spiritualità che ti mette in contatto sia con Gesù incarnato sia con il mondo reale e i suoi conflitti: i Gesuiti sono stati sempre presenti nelle frontiere, hanno cercato di essere lì dove dare testimonianza del Vangelo”. Ricordando la “profondità spirituale” e la “santità” incontrata tra i confratelli della Compagnia di Gesù, non solo preti ma anche laici, tra i quali ha maturato la vocazione, il nuovo preposito generale padre Arturo Sosa, 30/mo successore di Ignazio di Loyola ha sintetizzato così il senso della presenza nel mondo del maggiore ordine religioso della Chiesa.

Padre Sosa, 68 anni, venezuelano, ha incontrato i giornalisti nella stessa sala della 36/ma Congregazione generale dove venerdì scorso è stato eletto: Congregazione che ora andrà avanti per deliberare le linee di governo della Compagnia e scegliere i principali collaboratori del ‘generale’.

“Sto bene, sono sereno. Sono molto sorpreso e nello stesso tempo grato al Signore”, ha esordito il primo non europeo a capo della Compagnia in 500 anni di storia. “Sento di aver bisogno di aiuto, non è una cosa che posso fare da solo. Del resto, questa è la Compagnia di Gesù e quindi confido che Gesù stesso se ne faccia carico. Da parte mia, spero di non porre troppi ostacoli. E poi mi fido dei miei compagni”.

Sosa ha ringraziato il suo predecessore, lo spagnolo padre Adolfo Nicolas, dimessosi a 80 anni, che ora andrà nelle Filippine come padre spirituale di un centro pastorale: “Mi tocca molto la sua libertà e il suo desiderio di continuare la sua missione come semplice gesuita”.

Nella discussione sull’agenda di governo e sugli orientamenti del futuro prossimo della Compagnia, “non ridiscuteremo il senso della nostra missione oggi: il servizio della fede e la promozione della giustizia, tenendo conto della diversità culturale e del dialogo”, ha detto.

Le priorità già fissate dalla 35/ma Congregazione “rimangono attuali, come il dialogo interreligioso, la questione dei rifugiati e dei flussi migratori, le situazioni di crisi dovute alle mutate condizioni economiche, la povertà, il ruolo delle case internazionali”.

Sosa ha ricordato di aver incontrato molte volte papa Francesco, il Papa gesuita, fin dalla 33/ma Congregazione generale del 1983, e poi per il ruolo ricoperto negli ultimi due anni come responsabile a Roma delle case internazionali.

“E’ facile entrare in comunicazione cordiale con lui”. Quanto alla definizione di “Papa nero” ha detto che non gli piace, che non la trova in linea con il voto dei Gesuiti di non aspirare a cariche ecclesiastiche. “Cerchiamo di lavorare a un altro livello di servizio, aiutando Papa e vescovi”.

E nonostante le dimissioni degli ultimi tre padri generali (Arrupe per malattia, Kolvenbach e Nicolas agli 80 anni di età), ha spiegato che la Compagnia continuerà a eleggere il suo generale “a vita”: il criterio è che sia capace di gestire la complessità del governo. Per questo vigilano gli assistenti e l’ammonitore.

Ma qual è oggi la sfida principale della Compagnia? “Dalle risposte giunte da tutte le province del mondo, la parola più ricorrente è ‘riconciliazione’. In tutte le regioni del mondo si sente questa ferita profonda della divisione, dei conflitti, anche molto gravi come in Siria o altri di cui non si parla”.

“Questa – ha aggiunto Sosa – è la chiamata alla riconciliazione. Non si può andare avanti se non si vive in pace, anche col creato, come dice papa Bergoglio. Per noi la sfida è vedere come poter contribuire alla riconciliazione tra gli esseri umani, che è anche riconciliazione con Dio e col creato”.

Parlando di “ricerca dell’impossibile”, ha detto che la Compagnia si poggia su due “gambe”: la “fede in Dio che ci invita a fare quello che speriamo”, anche se sembra impossibile. “Quando fai l’analisi storica del mondo puoi anche diventare pessimista. Di fronte al potere economico, al narcotraffico, al commercio delle armi, al traffico delle persone, i poteri sono così forti che sembrano imbattibili. Ma noi diciamo che è possibile costruire un mondo diverso dove tutti sono trattati come persone e possono avere cibo, casa, scuola”.

La seconda è la “profondità intellettuale”: “se non cerchiamo di approfondire la conoscenza scientifica e culturale per capire cosa succede non è possibile che l’impossibile accada”. Per questo la Compagnia investe tanto nella formazione dei gesuiti e nell’apostolato educativo.

Sulla presenza in Cina, “impegno speciale”, Sosa ha ricordato infine il lavoro su due fronti: i 10-12 gesuiti che insegnano nelle università lingue, economia e scienze sociali, senza fare lavoro pastorale, cosa che invece accade a Taiwan, Hong Kong e Macao con la formazione teologica e spirituale di circa un centinaio di seminaristi.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

21:04Calcio: Genoa, Pandev, contro Roma occasione per fare punti

(ANSA) - GENOVA, 23 NOV - "Quest'anno in casa non abbiamo ancora vinto, domenica avremo una bella occasione". Goran Pandev è fiducioso in vista della prossima sfida del Genoa. Nonostante il valore dell'avversario, la Roma, l'attaccante macedone è convinto che questo Genoa possa fare punti. "Sarà una partita difficile, ma dobbiamo fare punti in casa. Un tempo giocare davanti al nostro pubblico era la nostra forza e deve ritornare a esserlo. La Roma è una grande squadra, ma ci stiamo preparando e allenando bene". L'arrivo di Ballardini sembra aver dato la scossa tanto attesa. "L'allenatore ci dà tranquillità e ci fa sentire tutti importanti - ha aggiunto Pandev -, ora dipende tutto da noi. Il nostro rapporto? Quando è arrivato alla Lazio io già non mi allenavo più con il gruppo. Qui ci siamo parlati e ora lavoriamo per il bene del Genoa". Sulla stessa linea anche Ervin Zukanovic. "Ballardini è entrato nelle nostre teste - ha detto il difensore - ed è cambiato qualche cosa, ora siamo più solidi. La Roma? E' forte, ma ci serve vittoria".

21:03Stadio Roma: verso ok con prescrizioni

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Si terrà domani l'ultima riunione della conferenza dei servizi sullo stadio della Roma. I pareri delle istituzioni coinvolte giunti alla Regione Lazio, a quanto si apprende, delineano uno ok all'impianto a Tor di Valle con prescrizioni. La riunione di domani si preannuncia articolata in quanto dovrà dirimere le eventuali contraddizioni tra le diverse prescrizioni arrivando ad una quadra unitaria. E' possibile infatti che la riunione non termini domani ma prosegua in altra giornata. Dopo il parere favorevole annunciato ieri dal Comune, anche la Città Metropolitana fa sapere che domani consegnerà in "un parere unico di assenso". I tecnici della ex Provincia hanno espresso "pareri con prescrizioni e condizioni che gli stessi dipartimenti e servizi ritengono tecnicamente superabili, il che ha consentito l'espressione di un parere unico di assenso", spiega la Città Metropolitana.

20:57Figc: Cairo, il calcio italiano va rifondato velocemente

(ANSA) - TORINO, 23 NOV - "Il calcio va rifondato velocemente". Lo ribadisce il presidente del Torino, Urbano Cairo, a margine della presentazione del Corriere Torino, il nuovo dorso torinese del Corriere della Sera, in edicola da domani. "Fare previsioni è molto difficile - aggiunge il patron dei granata -. Intanto, vediamo come va l'assemblea in Lega calcio e se riusciamo a eleggere i nostri organi di governo. Da lì tutto conseguirà. Tavecchio ha dato le dimissioni e credo ci siano 90 giorni di tempo per convocare l'assemblea, per cui vedremo come evolveranno le cose".

20:56Azzurri: l’auspicio di Tronchetti Provera

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Mi auguro che la Nazionale azzurra riprenda un cammino che le permetta di essere competitiva come meritano tutti i tifosi italiani". E' l'auspicio per il futuro del calcio italiano fatto da Marco Tronchetti Provera, ad Pirelli, intervenuto sul tema a margine della premiazione per gli Oscar di bilancio 2017, in programma a Milano.

20:52Corea Nord:’16 obiettivi nel mirino, da Casa Bianca a Tokyo’

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Se la Corea del Nord decidesse di lanciare un attacco nucleare preventivo, avrebbe almeno 16 obiettivi da colpire. Lo stima uno studio del think-tank European Council on Foreigni Relations (Ecfr) basato su materiale e fonti nordcoreane. In cima all'elenco le "maggiori città statunitensi", "Manhattan, la Casa Bianca e il Pentagono", i maggiori centri della Corea del Sud e quelli del Giappone -incluse Tokyo e Seul - le basi americane nel Pacifico, così come le portaerei a capacità nucleare. Lo studio avverte tuttavia che, secondo le fonti nordcoreane, l'approccio di Pyongyang al nucleare è parte di una strategia "difensiva" e non "offensiva".

20:36Calcio: Ranieri, lite a distanza con Domenech

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Con Raymond Domenech la polemica è sempre dietro l'angolo. Stavolta la lite a distanza è con Claudio Ranieri, al quale l'ex ct francese ha dedicato un tweet velenoso, dopo averlo in passato osteggiato, ritenendolo troppo anziano per guidare una squadra della Ligue 1: "Alla fine la strategia del doppio pullman Mercedes non ha fatto meglio delle piccole 2 cv", con tanto di faccina sorridente e risultato (4-1, riferito alla sconfitta del Nantes del tecnico romano contro il PSG). "Le critiche le accetto, perché aiutano a crescere, ma dipende anche da chi le fa - ha replicato Ranieri - Non accetto, però, l'ironia dal capo della nostra categoria. Non c'è etica nel suo comportamento. Domenech magari lo ascolto, se c'è da parlare di pullman. Oppure di teatro. Ma non certo quando si parla di calcio. In realtà, ne ho già parlato troppo. Io sulla panchina dell'Italia? Penso che prenderanno qualcun altro. Sto bene qui e penso solo al Nantes".

20:32Tumori inesistenti: Ordine medici apre indagine interna

(ANSA) - NUORO, 23 NOV - L'Ordine dei medici Nuoro-Ogliastra apre un'indagine interna sui fatti che riguardano la dottoressa di Tertenia Alba Veronica Puddu, di 48 anni, dopo la bufera mediatica scatenata dalla trasmissione Tv Le Iene, in onda domenica scorsa: la professionista avrebbe curato "tumori inesistenti" e altre patologie, nel suo studio di medicina estetica, con gli ultrasuoni. Alcuni pazienti sarebbero morti, mentre un pensionato avrebbe perso una gamba. "Prima di decidere su eventuali provvedimenti disciplinari - spiega all'ANSA la presidente dell'Ordine Maria Giobbe, che ieri sera ha convocato il direttivo - abbiamo deciso di approfondire la questione che non può essere liquidata in due ore di riunione. Abbiamo già chiesto a Mediaset di poter acquisire il filmato integrale della trasmissione. Inoltre vorremmo sentire sia i pazienti sottoposti a queste cure sia la stessa dottoressa". Alba Veronica Puddu ha già dato la sua versione e si è difesa: "Non ho mai diagnosticato tumori all'inviato delle Iene e non ho dato assenso alla pubblicazione del filmato, che è stato manipolato - ha raccontato ieri all'ANSA -. Ho dato mandato al mio legale per tutelarmi nelle sedi opportune". L'Ordine dei medici era già a conoscenza di alcune delle cure prescritte dalla dottoressa Puddu. "Le prime segnalazioni erano arrivate nel 2015 - ricostruisce la presidente -. Ciò che era arrivato alla nostra attenzione in quell'occasione non riguardava tumori o patologie gravi, ma cose di minor peso. Per questo motivo l'Ordine non ha dato corso a provvedimenti. Per contro i fatti più gravi li stiamo apprendendo in questi giorni dalla stampa, non dai pazienti e familiari interessati. Per questo è d'obbligo da parte nostra un serio approfondimento". (ANSA).

Archivio Ultima ora