Gesuiti: padre Sosa, principale sfida è riconciliare l’umanità

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Conferenza stampa di padre Sosa - AFP

Conferenza stampa di padre Sosa – AFP

ROMA. – “Quella dei Gesuiti è una spiritualità che ti mette in contatto sia con Gesù incarnato sia con il mondo reale e i suoi conflitti: i Gesuiti sono stati sempre presenti nelle frontiere, hanno cercato di essere lì dove dare testimonianza del Vangelo”. Ricordando la “profondità spirituale” e la “santità” incontrata tra i confratelli della Compagnia di Gesù, non solo preti ma anche laici, tra i quali ha maturato la vocazione, il nuovo preposito generale padre Arturo Sosa, 30/mo successore di Ignazio di Loyola ha sintetizzato così il senso della presenza nel mondo del maggiore ordine religioso della Chiesa.

Padre Sosa, 68 anni, venezuelano, ha incontrato i giornalisti nella stessa sala della 36/ma Congregazione generale dove venerdì scorso è stato eletto: Congregazione che ora andrà avanti per deliberare le linee di governo della Compagnia e scegliere i principali collaboratori del ‘generale’.

“Sto bene, sono sereno. Sono molto sorpreso e nello stesso tempo grato al Signore”, ha esordito il primo non europeo a capo della Compagnia in 500 anni di storia. “Sento di aver bisogno di aiuto, non è una cosa che posso fare da solo. Del resto, questa è la Compagnia di Gesù e quindi confido che Gesù stesso se ne faccia carico. Da parte mia, spero di non porre troppi ostacoli. E poi mi fido dei miei compagni”.

Sosa ha ringraziato il suo predecessore, lo spagnolo padre Adolfo Nicolas, dimessosi a 80 anni, che ora andrà nelle Filippine come padre spirituale di un centro pastorale: “Mi tocca molto la sua libertà e il suo desiderio di continuare la sua missione come semplice gesuita”.

Nella discussione sull’agenda di governo e sugli orientamenti del futuro prossimo della Compagnia, “non ridiscuteremo il senso della nostra missione oggi: il servizio della fede e la promozione della giustizia, tenendo conto della diversità culturale e del dialogo”, ha detto.

Le priorità già fissate dalla 35/ma Congregazione “rimangono attuali, come il dialogo interreligioso, la questione dei rifugiati e dei flussi migratori, le situazioni di crisi dovute alle mutate condizioni economiche, la povertà, il ruolo delle case internazionali”.

Sosa ha ricordato di aver incontrato molte volte papa Francesco, il Papa gesuita, fin dalla 33/ma Congregazione generale del 1983, e poi per il ruolo ricoperto negli ultimi due anni come responsabile a Roma delle case internazionali.

“E’ facile entrare in comunicazione cordiale con lui”. Quanto alla definizione di “Papa nero” ha detto che non gli piace, che non la trova in linea con il voto dei Gesuiti di non aspirare a cariche ecclesiastiche. “Cerchiamo di lavorare a un altro livello di servizio, aiutando Papa e vescovi”.

E nonostante le dimissioni degli ultimi tre padri generali (Arrupe per malattia, Kolvenbach e Nicolas agli 80 anni di età), ha spiegato che la Compagnia continuerà a eleggere il suo generale “a vita”: il criterio è che sia capace di gestire la complessità del governo. Per questo vigilano gli assistenti e l’ammonitore.

Ma qual è oggi la sfida principale della Compagnia? “Dalle risposte giunte da tutte le province del mondo, la parola più ricorrente è ‘riconciliazione’. In tutte le regioni del mondo si sente questa ferita profonda della divisione, dei conflitti, anche molto gravi come in Siria o altri di cui non si parla”.

“Questa – ha aggiunto Sosa – è la chiamata alla riconciliazione. Non si può andare avanti se non si vive in pace, anche col creato, come dice papa Bergoglio. Per noi la sfida è vedere come poter contribuire alla riconciliazione tra gli esseri umani, che è anche riconciliazione con Dio e col creato”.

Parlando di “ricerca dell’impossibile”, ha detto che la Compagnia si poggia su due “gambe”: la “fede in Dio che ci invita a fare quello che speriamo”, anche se sembra impossibile. “Quando fai l’analisi storica del mondo puoi anche diventare pessimista. Di fronte al potere economico, al narcotraffico, al commercio delle armi, al traffico delle persone, i poteri sono così forti che sembrano imbattibili. Ma noi diciamo che è possibile costruire un mondo diverso dove tutti sono trattati come persone e possono avere cibo, casa, scuola”.

La seconda è la “profondità intellettuale”: “se non cerchiamo di approfondire la conoscenza scientifica e culturale per capire cosa succede non è possibile che l’impossibile accada”. Per questo la Compagnia investe tanto nella formazione dei gesuiti e nell’apostolato educativo.

Sulla presenza in Cina, “impegno speciale”, Sosa ha ricordato infine il lavoro su due fronti: i 10-12 gesuiti che insegnano nelle università lingue, economia e scienze sociali, senza fare lavoro pastorale, cosa che invece accade a Taiwan, Hong Kong e Macao con la formazione teologica e spirituale di circa un centinaio di seminaristi.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

19:48Voto scambio: Fi, indagati deputato e 2 consiglieri Campania

(ANSA) - ROMA, 20 GEN Il deputato di Forza Italia Luigi Cesaro e due consiglieri regionali azzurri - Armando Cesaro, capogruppo e figlio di Luigi, e Flora Beneduce - hanno ricevuto avvisi di conclusione indagini da parte della procura di Napoli, per un'ipotesi di voto di scambio in relazione a fatti che, secondo la tesi accusatoria, sarebbero avvenuti tra il maggio ed il giugno del 2015, in occasione cioè delle ultime elezioni regionali. Commenta il capogruppo Fi alla Camera, Renato Brunetta: "La solita giustizia ad orologeria. Gli italiani il 4 marzo giudicheranno anche questo". E replica Armando Cesaro: "Non ho nulla da temere. Quando si ha la coscienza pulita si affronta tutto con serenità. Io ho fiducia nella verità, che presto o tardi arriva. Per tutti".

19:42Giorno Memoria: Bruno Segre, Shoah non è finita

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 20 GEN - "Il Giorno della Memoria è particolarmente difficile da celebrare perché o vale per i giovani che devono rendersi conto di una pagina fondamentale della storia d'Europa del secolo scorso, oppure non vale nulla. Per questo io non credo alle celebrazioni che si limitino a dire che queste cose non devono accadere mai più, perché è un discorso che non porta da nessuna parte". Lo ha detto lo studioso di storia e cultura ebraica Bruno Segre, 87 anni, che oggi ad Ascoli Piceno ha incontrato gli studenti del liceo classico 'Stabili', lo stesso da lui frequentato nel 1943, quando si rifugiò nella città marchigiana, con la madre e la sorella, e dove riprese gli studi dopo la guerra. Segre, che fu ospitato da un ciabattino anarchico ascolano, non considera finita la Shoah: "E' un genocidio che è ancora in corso oggi, purtroppo. Ci sono situazioni in cui intere popolazioni vengono sacrificate, mandate in tutti i continenti".

19:14Egitto: Pence al Cairo, prima tappa visita in Medio Oriente

(ANSA) - IL CAIRO, 20 GEN - Il vicepresidente americano Mike Pence è arrivato al Cairo, la prima tappa del suo viaggio che fino a martedì lo porterà poi in Giordania e Israele. Lo riferiscono fonti aeroportuali al Cairo. Il viaggio era previsto per metà dicembre ma era stato rinviato dopo la svolta del presidente americano Donald Trump che solo pochi giorni prima aveva annunciato di voler riconoscere Gerusalemme quale capitale di Israele, facendo infuriare palestinesi e mondo arabo. Pence è il primo esponente di spicco statunitense ad affacciarsi nell'area dopo l'annuncio di Trump su Gerusalemme. Nel pomeriggio è previsto un suo incontro con il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi.

19:10Siria: offensiva turca anti-curdi battezzata ‘Ramo d’Ulivo’

(ANSA) - ANKARA, 20 GEN - Un comunicato dei militari turchi ha reso noto che l'operazione militare lanciata la notte scorsa dalla Turchia contro l'enclave curda nel nordovest della Siria è stata denominata 'Ramo d'Ulivo'. Nel comunicato si dice anche che l'operazione militare intende proteggere i confini della Turchia, "neutralizzare" i combattenti curdi siriani nell'enclave di Afrin e salvare la popolazione locale da "pressioni e oppressione". Il testo dei militari turchi afferma pure che l'offensiva rientra nel diritto internazionale della Turchia di attuate una legittima autodifesa del suo territorio e che la Turchia intende rispettare l'integrità territoriale della Siria. Ankara infatti - aggiunge il comunicato - intende colpire "i terroristi", i loro rifugi e i loro arsenali. Sarà inoltre usata "estrema attenzione" affinché i civili non siano colpiti.

19:04Festa tesseramento CasaPound Genova,antifascisti in presidio

(ANSA) - GENOVA, 20 GEN - Situazione tranquilla in piazza Alimonda dove circa 300 manifestanti antifascisti hanno dato vita a un presidio dietro allo striscione 'Genova antifascista', manifestazione che avviene in contemporanea alla 'festa del tesseramento' che si tiene nella sede di CasaPound. Gli antifascisti, cantando 'Bella ciao', distribuiscono volantini con lo slogan 'se toccano uno di noi toccano tutti' facendo riferimento all'accoltellamento avvenuto venerdì scorso ai danni di un antifascista nella zona di piazza Tommaseo. "Rovineremo la festa a CasaPound perché non c'è nessuno spazio per questa feccia" hanno spiegato gli antifascisti. Intanto, mentre dentro la sede di CasaPound si trovano una cinquantina di attivisti, un cordone di polizia tiene divisi i manifestanti da via Montevideo dove si trova la sede dei neofascisti.

18:59Biathlon: Cdm, norvegese B› domina pursuit ad Anterselva

(ANSA) - BOLZANO, 20 GEN - Con un'altra prestazione straordinaria il norvegese Johannes Thingnes B› ha bissato ad Anterselva il successo ottenuto solo 24 ore prima nella sprint, aggiudicandosi anche la 12,5 km di inseguimento, davanti al francese Martin Fourcade ed al russo Anton Shipulin. Miglior azzurro in gara, il beniamino locale Dominik Windisch, 17/o. B› sta dominando la Coppa del mondo di biathlon. Dopo aver vinto nettamente la sprint, oggi nella pursuit non ha lasciato scampo ai suoi avversari. Perfetto al poligono, dove non ha sbagliato un colpo, nonostante abbia tirato molto velocemente, e fortissimo anche sugli sci, ha staccato Martin Fourcade di oltre un minuto. Per il 24enne norvegese è l'ottava vittoria stagionale, la terza in carriera ad Anterselva. Fourcade anche oggi è salito sul podio. Cosa che gli è riuscita in questa stagione in tutte le 14 gare disputate. Con il secondo posto difende anche la leadership in Coppa del mondo, proprio davanti a B›.

18:58Calcio: Serie B, Frosinone momentaneamente primo

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Classifica di Serie B dopo la 22/a giornata (Spezia-Palermo alle 18, Cesena-Bari alle 20.30, Brescia-Avellino domani alle 15): Frosinone 40; Palermo 39; Empoli 37; Cremonese e Cittadella 35; Bari 34; Parma 33; Pescara 31; Spezia 30; Venezia, Salernitana e Carpi 29; Perugia e Novara 27; Avellino 25; V.Entella 24; Cesena e Brescia 23; Foggia 22; Ternana 21; Ascoli 20; Pro Vercelli 18.

Archivio Ultima ora