Scontro su Unesco e Gerusalemme. Ucei, male l’Italia

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Scontro su Unesco e Gerusalemme. Ucei, male l'Italia

Scontro su Unesco e Gerusalemme. Ucei, male l’Italia

PARIGI. – ‘Rien ne va plus’ tra Unesco e Israele: dopo il voto di giovedì in commissione, il Consiglio esecutivo dell’organismo Onu per Scienza, Educazione e Cultura ha formalizzato l’adozione della controversa risoluzione su Gerusalemme Est e il Monte del Tempio tanto osteggiata da Israele. Contro la risoluzione si era espressa nei giorni scorsi la stessa direttrice generale dell’Unesco, Irina Bokova, condannando le divisioni religiose e culturali all’interno dell’organismo delle Nazioni Unite.

Secondo l’ambasciatore israeliano presso l’organismo, Carmel Shama Hacoen, la Bokova avrebbe addirittura ricevuto per quelle parole “minacce di morte e la sua protezione è in via di rafforzamento”. Una notizia non confermata dall’Unesco stesso. Il testo è stato formalizzato in mattinata intorno alle 11.30, ha confermato all’ANSA l’ufficio stampa dell’organizzazione con sede a Parigi.

Riuniti nella capitale di Francia i 58 Paesi membri del Consiglio esecutivo hanno dunque approvato formalmente la risoluzione su Gerusalemme Est che, a giudizio dello Stato ebraico, non riconosce i profondi legami storici e spirituali tra gli ebrei, il Monte del Tempio di Gerusalemme (come gli ebrei chiamano la Spianata delle Moschee) e il Muro del Pianto.

Una posizione duramente criticata dal premier Benyamin Netanyahu, che nei giorni scorsi l’ha definita “assurda” e che equivale a dire che “la Cina non ha legami con la Grande Muraglia o l’Egitto con le Piramidi”.

Presentata dai palestinesi insieme ad Egitto, Algeria, Marocco, Libano, Oman, Qatar e Sudan, la risoluzione è stata adottata giovedì scorso in commissione suscitando la dura protesta di Israele e la sospensione delle relazioni con l’organismo Onu. In quell’occasione 24 paesi dissero di essere favorevoli e 6 contrari (Usa, Germania, Gran Bretagna, Lituania, Estonia, Olanda). In 26 si sono invece astenuti (Italia compresa), mentre i rappresentanti di due nazioni non erano presenti al momento del voto.

“E’ gravissimo” che la risoluzione sia passata “senza l’opposizione dell’Italia, la cui politica estera non può certo essere dettata dal caso, dalla superficialità o, peggio ancora, dall’opportunismo. Non ci meravigliamo allora se il domani porta con sé atti e fatti di odio e sangue”, è stata la dura condanna della presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Noemi Di Segni, secondo la quale l’Unesco “si pone fuori dalla storia” cancellando “tremila anni di storia, ebraica ma anche cristiana con una decisione di chiaro stampo revisionistico e negazionistico”.

Per certo la risoluzione sembra per ora aver messo una pietra tombale sui già difficili rapporti tra l’organismo e Israele, tesi da anni per il riconoscimento della Palestina. Nel provvedimento – che condanna Israele su vari temi riguardo Gerusalemme e i suoi luoghi santi – si utilizza la terminologia araba di “Moschea di Al-Aqsa” e di “Haram al-Sharif” ma non il termine ebraico (Har HaBayit) né quello inglese equivalente (Temple Mount). E nel testo ci si riferisce al Muro del Pianto usando la dizione araba di “Buraq Plaza” e quella di ‘Muro Occidentale’.

Una formulazione che ha indignato tutto Israele: dalla maggioranza all’opposizione, come testimoniano l’intervento del premier Netanyahu (“Il teatro dell’assurdo dell’Unesco continua”) e quello del laburista Isaac Herzog (“Una risoluzione bizzarra”).

Bokova, nei giorni scorsi, ha detto che il patrimonio di Gerusalemme “è indivisibile e ognuna delle sue comunità ha diritto all’esplicito riconoscimento della sua storia e del suo legame con la città”. “Negare, nascondere o voler cancellare una o l’altra delle tradizioni ebraica, cristiana o musulmana significa mettere in pericolo l’integrità del sito, contro i motivi che giustificarono la sua iscrizione nella lista del patrimonio mondiale”.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

19:06Consiglio dei ministri non esamina dl su collegi elettorali

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Il decreto sui collegi elettorali non è stato esaminato, a quanto si apprende, dal consiglio dei ministri nella riunione di questo pomeriggio. A quanto si apprende da fonti di governo, il testo non era ancora pronto.

18:54Paralimpiadi: Planker portabandiera azzurro a Pyeongchang

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Florian Planker sarà il Portabandiera azzurro alla Paralimpiadi invernali di PyeongChang 2018". E' quanto ha reso noto Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico, al termine della Giunta Coni di oggi. Il 40enne bolzanino, in Corea del Sud alla sua sesta Paralimpiade (tre edizioni come sciatore, tre come pedina fondamentale della Nazionale di para ice hockey) Florian Planker riceverà dal Presidente della Repubblica la bandiera italiana che porterà in sfilata alla cerimonia di apertura dei Giochi di Pyeongchang 2018. Numerosi i successi in carriera: bronzo a Salt Lake City nel 2002 nello sci alpino, campione europeo nel 2011 e vice campione europeo nel 2016 con la nazionale di Para Ice Hockey. Ha inoltre vinto nove titoli italiani con le Aquile del Sudtirolo nel campionato italiano di Para Ice Hockey. "Questa nomina è un riconoscimento alla carriera e alla passione di uno straordinario campione" le parole di Pancalli.

18:49Basket: Pianigiani, Olympiacos test durissimo

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - L'Olimpia Milano alla prova del nove in Eurolega. Dopo le ultime due vittorie che hanno risollevato morale e classifica, l'AX ospita la capolista Olympiacos. I greci, con ogni probabilità, non potranno contare sulla leadership di Spanoulis mentre l'Olimpia resta in emergenza, senza l'infortunato Goudelock e i nazionali Fontecchio e Abass, e reduce da tre partite in cinque giorni. "Questo - ammette il coach Simone Pianigiani - è un test durissimo ma partiamo dall'atteggiamento che è sempre stato quello giusto nelle ultime gare, dall'entusiasmo che sa trasmetterci il nostro pubblico per giocare una partita orgogliosa". Pianigiani spende parole al miele sull'Olympiacos: "Ha di gran lunga la miglior difesa della competizione, sa proteggere l'area ed erigere un muro: quindi dobbiamo prepararci a momenti in cui non vedremo la luce. L'obiettivo è avere un po' di ritmo in attacco e non perdere fiducia nei momenti in cui saremo in difficoltà".

18:41Calcio:Maxi Lopez in aula a gennaio in processo a Wanda Nara

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - Prevista per oggi è stata rinviata al 23 gennaio la testimonianza dell'attaccante dell'Udinese Maxi Lopez nel processo milanese a carico di Wanda Nara, showgirl e ex moglie del giocatore e sposata ora con l'attaccante dell'Inter Mauro Icardi, di cui è anche manager, accusata di aver postato su Twitter e Facebook, condividendoli "pubblicamente", i dati personali, tra cui il numero del cellulare, dell'ex consorte. Maxi Lopez non ha potuto essere presente per la deposizione davanti alla seconda sezione penale, perché impegnato negli allenamenti e il giudice ha fissato quindi l'udienza per la testimonianza a gennaio. Wanda Nara, sposata con Icardi che in passato era compagno di squadra di Lopez nella Sampdoria, è accusata di aver condiviso il 22 giugno 2015 sui social i dati personali, tra cui anche l'indirizzo email, dell'ex marito, con il quale dopo la fine del matrimonio lo scontro anche pubblico andò avanti a lungo.

18:35Art. 18: Camera, relatore chiede rinvio, proteste Mdp-SI

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Art. 18": è la scritta che i deputati di Mdp e Si hanno composto con grandi fogli posti sui loro banchi nell'Aula della Camera per protestare contro la proposta avanzata dalla relatrice Titti Di Salvo (Pd) di rinviare in commissione la proposta di legge che punta alla Modifica dell'articolo 18 e che contiene altre disposizioni relative la tutela dei lavoratori dipendenti in caso di licenziamento illegittimo. La vicepresidente Marina Sereni ha chiesto, con pochi risultati, di rimuovere i cartelli, che restano sui banchi a "favore" dei fotografi e delle telecamere in tribuna.

18:34Atletica: Firenze Marathon, oltre 10mila iscritti

(ANSA) - FIRENZE, 22 NOV - Per la quinta volta in 34 edizioni superano quota 10.000 (10042) gli iscritti alla Asics Firenze Marathon in programma domenica prossima. A questi si aggiungeranno i circa 2000 partecipanti stimati alla Ginky Family Run, la minicorsa di 2 km circa che partirà mezz'ora dopo la partenza della maratona. Nel dettaglio sono 8003 gli uomini e 2039 le donne iscritte. Gli stranieri sono 2812 di cui 1973 uomini e 839 le donne. Gli italiani sono 7230 di cui 6030 uomini e 1200 donne. Tra gli stranieri (oltre 80 le nazioni rappresentate) i contingenti più numerosi sono, nell'ordine: Francia con 793 iscritti, Gran Bretagna (330), Belgio (202), Germania (197), Marocco (147), Austria (140), Spagna (135). Tra le regioni italiane, dopo la Toscana con 2028 unità, la Lombardia con 1147, il Lazio (801), Campania (557), Emilia Romagna (548). Oggi è scattato ufficialmente il conto alla rovescia, con una cerimonia presso la sala riunioni della Fidal Toscana presso l'Asics Firenze Marathon Stadium.

18:33Berlusconi a Merano il giorno di Strasburgo

(ANSA) - BOLZANO, 22 NOV - Silvio Berlusconi ha scelto la quiete di Merano per la giornata dell'udienza a Strasburgo. Come già avvenuto, più volte nei mesi scorsi, il leader di Forza Italia si trova nella cittadina termale altoatesina per un periodo di riposo. Questa volta però, non si è fatto per il momento vedere in centro storico, dove di solito volentieri passeggia e si presta anche a fare dei selfie. Merano in questi giorni è particolarmente tranquilla. Sono ormai quasi conclusi i lavori per il tradizionale mercatino di Natale che aprirà domani, e che come ogni anno attira decine di migliaia di turisti. Pochi i cronisti e fotografi in attesa davanti al famoso Hotel Palace Chenot, il mago delle cure estetiche e dimagranti. C'è solo un tranquillo via vai degli ospiti in questo albergo, apprezzato dai vip proprio per la sua riservatezza.

Archivio Ultima ora