Scontro su Unesco e Gerusalemme. Ucei, male l’Italia

Pubblicato il 18 ottobre 2016 da ansa

Scontro su Unesco e Gerusalemme. Ucei, male l'Italia

Scontro su Unesco e Gerusalemme. Ucei, male l’Italia

PARIGI. – ‘Rien ne va plus’ tra Unesco e Israele: dopo il voto di giovedì in commissione, il Consiglio esecutivo dell’organismo Onu per Scienza, Educazione e Cultura ha formalizzato l’adozione della controversa risoluzione su Gerusalemme Est e il Monte del Tempio tanto osteggiata da Israele. Contro la risoluzione si era espressa nei giorni scorsi la stessa direttrice generale dell’Unesco, Irina Bokova, condannando le divisioni religiose e culturali all’interno dell’organismo delle Nazioni Unite.

Secondo l’ambasciatore israeliano presso l’organismo, Carmel Shama Hacoen, la Bokova avrebbe addirittura ricevuto per quelle parole “minacce di morte e la sua protezione è in via di rafforzamento”. Una notizia non confermata dall’Unesco stesso. Il testo è stato formalizzato in mattinata intorno alle 11.30, ha confermato all’ANSA l’ufficio stampa dell’organizzazione con sede a Parigi.

Riuniti nella capitale di Francia i 58 Paesi membri del Consiglio esecutivo hanno dunque approvato formalmente la risoluzione su Gerusalemme Est che, a giudizio dello Stato ebraico, non riconosce i profondi legami storici e spirituali tra gli ebrei, il Monte del Tempio di Gerusalemme (come gli ebrei chiamano la Spianata delle Moschee) e il Muro del Pianto.

Una posizione duramente criticata dal premier Benyamin Netanyahu, che nei giorni scorsi l’ha definita “assurda” e che equivale a dire che “la Cina non ha legami con la Grande Muraglia o l’Egitto con le Piramidi”.

Presentata dai palestinesi insieme ad Egitto, Algeria, Marocco, Libano, Oman, Qatar e Sudan, la risoluzione è stata adottata giovedì scorso in commissione suscitando la dura protesta di Israele e la sospensione delle relazioni con l’organismo Onu. In quell’occasione 24 paesi dissero di essere favorevoli e 6 contrari (Usa, Germania, Gran Bretagna, Lituania, Estonia, Olanda). In 26 si sono invece astenuti (Italia compresa), mentre i rappresentanti di due nazioni non erano presenti al momento del voto.

“E’ gravissimo” che la risoluzione sia passata “senza l’opposizione dell’Italia, la cui politica estera non può certo essere dettata dal caso, dalla superficialità o, peggio ancora, dall’opportunismo. Non ci meravigliamo allora se il domani porta con sé atti e fatti di odio e sangue”, è stata la dura condanna della presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Noemi Di Segni, secondo la quale l’Unesco “si pone fuori dalla storia” cancellando “tremila anni di storia, ebraica ma anche cristiana con una decisione di chiaro stampo revisionistico e negazionistico”.

Per certo la risoluzione sembra per ora aver messo una pietra tombale sui già difficili rapporti tra l’organismo e Israele, tesi da anni per il riconoscimento della Palestina. Nel provvedimento – che condanna Israele su vari temi riguardo Gerusalemme e i suoi luoghi santi – si utilizza la terminologia araba di “Moschea di Al-Aqsa” e di “Haram al-Sharif” ma non il termine ebraico (Har HaBayit) né quello inglese equivalente (Temple Mount). E nel testo ci si riferisce al Muro del Pianto usando la dizione araba di “Buraq Plaza” e quella di ‘Muro Occidentale’.

Una formulazione che ha indignato tutto Israele: dalla maggioranza all’opposizione, come testimoniano l’intervento del premier Netanyahu (“Il teatro dell’assurdo dell’Unesco continua”) e quello del laburista Isaac Herzog (“Una risoluzione bizzarra”).

Bokova, nei giorni scorsi, ha detto che il patrimonio di Gerusalemme “è indivisibile e ognuna delle sue comunità ha diritto all’esplicito riconoscimento della sua storia e del suo legame con la città”. “Negare, nascondere o voler cancellare una o l’altra delle tradizioni ebraica, cristiana o musulmana significa mettere in pericolo l’integrità del sito, contro i motivi che giustificarono la sua iscrizione nella lista del patrimonio mondiale”.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

21:11Danni da cellulare: sentenza Ivrea, è come Hiroshima

(ANSA) - TORINO, 27 APR - "Il rischio oncologico per i sopravvissuti alle esplosioni atomiche di Hiroshima e Nagasaki è nella misura di 1,39 per tutti i tumori. Mentre il rischio per un uso massiccio e prolungato nel tempo di telefoni cellulari, secondo Interphone, è pari a 1,44". Lo si legge nelle motivazioni della sentenza, depositate oggi, con cui il Tribunale di Ivrea ha condannato l'Inail a riconoscere a Roberto Romeo, assistito dallo studio legale Ambrosio & Commodo, una rendita vitalizia da malattia professionale. "Se nessuno osa porre in dubbio un nesso quantomeno concausale tra esposizione alle radiazioni provenienti da un'esplosione atomica e patologie tumorali - scrive Fadda - non si vede perché non possa ritenersi analogamente sussistente questo medesimo nesso tra esposizione a radiofrequenze e tumori encefalici rari", come quello che ha colpito Romeo. La sentenza ha stabilito che esiste una correlazione tra il tumore al cervello, benigno ma invalidante di cui è affetto l'uomo, e l'uso "abnorme" del cellulare.(ANSA).

21:01Ferrari contro Biga,sfida presente-passato a Cinecittà World

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Una sfida senza precedenti tra passato e presente andrà in scena a Cinecittà World, il parco divertimenti di Roma. Nella suggestiva Arena che ha dato vita al Kolossal Ben Hur, una leggerissima Biga tirata da due purosangue da corsa, sfiderà una 'mandria' di cavalli rinchiusa in una 'Biga' Rossa e di alluminio. Cavalli di ieri contro cavalli di oggi: nell'ovale di sabbia del set serviranno 3 giri per determinare chi dei due piloti avrà vinto. La Ferrari 458 guidata dal pilota detentore di due record del Mondo di velocità Fabio Barone, preparata da Capristo e Leone Motors, scenderà nell'arena giovedì 11 maggio alle 11 a Cinecittà World-Castel Romano. Ben Hur è una delle 10 nuove attrazioni realizzate quest'anno a Cinecittà World, il parco divertimenti del cinema e della TV. "Si tratta una sfida sportiva mai avvenuta al mondo prima d'ora" afferma l'ad di Cinecittà World, Stefano Cigarini "dove l'agilità della biga si scontrerà con la potenza del mitico motore 8 cilindri Ferrari"

20:54Bulli rasano bambino di 10 anni mentre va a scuola

(ANSA) - GENOVA, 27 APR - Bambino di 10 anni bloccato in strada, strattonato e rasato sulla nuca con un rasoio in segno di sfregio da due bulli di qualche anno più grandi. Il fatto è accaduto nelle vie della Valbisagno mentre il bimbo stava andando a scuola. L'allarme è stato lanciato con una telefonata alla polizia dalla mamma dell'alunno avvertita del fatto dal preside dell'istituto. Gli agenti delle volanti hanno raggiunto le vie dove sono avvenuti i fatti per cercare di rintracciare immagini dei due ragazzini che hanno aggredito il bambino descritti come adolescenti di circa 15 anni. La mamma ha detto che il bambino stamane, eccezionalmente, si è recato a scuola da solo. Sull'episodio indaga la Squadra mobile.(ANSA).

20:49Alpinismo: Messner, l’impossibile è il motore dello sviluppo

(ANSA) - TRENTO, 27 APR - "L'impossibile è il motore dello sviluppo dell'alpinismo. Ogni nuova generazione ha cercato di rendere possibile ciò che la precedente riteneva impossibile". Così l'alpinista Reinhold Messner, in vista dell'incontro pubblico-spettacolo in programma stasera a Trento, dal titolo 'Il fascino dell'impossibile', nell'ambito della prima giornata del Trento Film Festival. In questa serata porterà gli spettatori in quella che chiama la "quarta dimensione" della montagna, nel rapporto con l'uomo e le sue emozioni, con l'ausilio di esclusive immagini elaborate con rilevazioni satellitari, ripercorrendo la storia dell'alpinismo attraverso tredici cime leggendarie: dal Monte Bianco al Cervino, dall'Aconcagua all'Everest, dal K2 al Nanga Parbat, dall'Annapurna al Masherbrum. Messner porta inoltre a questa 65/a edizione del Festival il suo esordio alla regia, 'Still Alive-Dramma sul Monte Kenya', tratto da una storia vera, che sarà in sala a Trento nei prossimi giorni. (ANSA).

20:42Terremoto: domani Forum all’ANSA con Errani e Curcio

(ANSA) - ROMA, 26 APR - In programma domani alle ore 13 un forum in ANSA che sarà coordinato dal Direttore dell'Agenzia, Luigi Contu, e al quale parteciperanno il commissario straordinario del governo per la ricostruzione, Vasco Errani, e il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, in occasione del lancio del portale dell'ANSA Sisma e Ricostruzione. Il sito è già on line e si propone di dar conto di tutte le attività successive ai terremoti che, a più riprese, hanno colpito l'Italia centrale. Attraverso il portale, oltre che sui suoi canali tradizionali, l'ANSA seguirà, in particolare, le attività della ricostruzione nelle quattro regioni colpite - Marche, Umbria Lazio e Abruzzo - in tutti i suoi aspetti. Il forum di domani sarà trasmesso a partire dalle ore 13 in diretta streaming sul sito Ansa.it e sulla pagina Facebook di Ansa (https://facebook.com/AgenziaANSA). Su Ansa.it sarà anche attivo un live blog sul quale i lettori potranno proporre domande per Errani e Curcio.

20:42L.elettorale: Renzi, no giochini, no a Provincellum

(ANSA) - ROMA, 27 APR - "Non facciano giochini. Sa cos'hanno in testa?". Lo chiede Matteo Renzi, nella registrazione di Porta a Porta. "Hanno in testa il Provincellum. Un sistema che non ha preferenze, che fa finta di avere i collegi, ma poi non si sa se passa il tuo candidato o no. Questo sistema giova a chi non ha un voto. A chi non ha la possibilità di tornare in Parlamento se non attraverso un colpo di fortuna. Facciano la legge elettorale che vogliono ma ci deve essere un sistema chiaro, per cui se io voto Renzi so che eleggo Renzi", sottolinea.

20:18Terremoto: 13 sindaci a premier, ricostruzione dov’è?

(ANSA) - MACERATA, 27 APR - ''La ricostruzione non c'è, e non ci sono neanche i presupposti perché ci sia in futuro, se le premesse continueranno a essere queste''. E' quanto 13 sindaci del maceratese scrivono in una mail inviata al premier Paolo Gentiloni. L'hanno firmata i sindaci di Camerino, Castelsantangelo sul Nera, Ussita, Bolognola, Camporotondo, Caldarola, Castelraimondo, Esanatoglia, Fiastra, Fiuminata, Pieve Torina, San Severino, Serravalle del Chienti. Nella lettera i sindaci affermano che ''la questione riveste carattere di particolare urgenza. Si confida - dicono - in un tempestivo riscontro, necessario per un corretto e rispettoso rapporto tra le istituzioni''. Oltre ai ritardi e a quelle che definiscono ''inefficienze'' nella gestione dell'emergenza, i primi cittadini mettono l'accento sui servizi che ancora mancano, le macerie che restano dove stanno. Spiega all'ANSA il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci: il territorio sta morendo. Non siamo più disposti ad accettare contentini o mediazioni''.

Archivio Ultima ora