Conindustria, l’industria produce al 35 per cento delle proprie capacità

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da redazione

Conindustria, l’industria produce al 35 per cento delle proprie capacità

Conindustria, l’industria produce al 35 per cento delle proprie capacità

CARACAS – L’industria venezuelana occupa attualmente solo il 35 per cento della propria capacità di produzione. Una realtà, stando al presidente di Conindustria, Juan Pablo Olalquiaga, che non ha precedenti.

– E’ una cifra storica – sostiene il rappresentante degli industriali nel commentare l’ultima “Encuesta de Coyuntura” che l’organismo realizza periodicamente -. Riflette le difficoltà del settore nel soddisfare la domanda. Oggi, specialmente nel settore agroindustriale, vi è una minor possibilità di produzione.

In opinione del rappresentante degli imprenditori, il governo, attraverso i Clap (Comitès Locales de Abastecimiento y Distribuciòn), ha trasferito le responsabilità della produzione alla distribuzione. E ciò ha peggiorato la situazione poiché, sostiene Olalquiaga, “si prende ciò che si può distribuire tra molti per darlo a pochi”.

Olalquiaga ha anche reso noto che la disoccupazione nell’industria è aumentata raggiungendo il 46,9 per cento e ha assicurato che oggi si assiste all’esodo di mano d’opera all’estero.

– Nella misura in cui diminuisce il ritmo di produzione – ha spiegato Olalquiaga -, nella stessa misura si riduce l’impiego. Si contratta meno gente. Così i consumatori hanno meno possibilità di acquistare i beni di cui hanno bisogno. L’economia s’impoverisce.

Dal versante opposto, Freddy Bernal, responsabile del controllo dei Clap ha reiterato l’invito ai venezuelani a far fronte comune considerando l’iniziativa “un elemento fondamentale per affrontare guerra economica”.

– Il Clap – ha spiegato Bernal – è un meccanismo che riunisce i Comitati di Salute, il Comitati di Terra, i Consigli Comunali e fa circolo attorno agli ambulatori di “Barrio Adentro”, i Centri di Diagnostico Intergrale, e la rete dei mercati di alimento rappresentati da Mercal e Pdval. Insomma, è una grande organizzazione globale comunitaria.

I Clap, assai criticati dall’Opposizione, sono considerati dal governo del presidente Maduro uno strumento di ridistribuzione di generi alimentari.

Ultima ora

10:24Afghanistan: arrestati in Kandahar 16 talebani

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - La polizia afghana ha arrestato nelle ultime ore nella provincia meridionale di Kandahar 16 talebani, appartenenti a "tre gruppi terroristici" responsabili di attacchi coordinati e dell'uccisione di membri delle forze di sicurezza afghane. Lo ha reso noto il Dipartimento nazionale per la sicurezza (Nds, servizi). Gli arresti, ha precisato una fonte del Nds, sono avvenuti nell'ambito di specifiche operazioni realizzate nei distretti di Arghandab, Shahwali Kot e Daman. "questi gruppi terroristici - ha aggiunto la fonte - operavano sotto il comando dei Mullah Sayed Muhammad, Raz Muhammad e Mirza, che sono stati arrestati insieme ai loro uomini". Dopo il recente cruento attacco alla guesthouse del governatore di Kandahar in cui sono morte 12 persone, fra cui cinque diplomatici degli Emirati arabi uniti, la polizia ha intensificato le operazioni miranti a localizzare i talebani operanti nella provincia.

10:16India:scontro a fuoco in Arunachal Pradesh, uccisi 2 soldati

(ANSA) - NEW DELHI, 22 GEN - Due soldati del Corpo dei Fucilieri dell'Assam sono morti oggi in uno scontro a fuoco con un commando di militanti del Consiglio nazionale socialista del Nagaland (Nscn-k) nello stato nord-orientale indiano di Arunachal Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. L'incidente, precisa l'agenzia, è avvenuto nell'area di Jairampur del distretto di Changlang, confinante con lo Stato di Assam quando i militanti, che si battono per uno Stato indipendente cristiano per la popolazione di etnìa Naga del nord-est indiano e di Myanmar, hanno attaccato i fucilieri che perlustravano il territorio.

09:56Trump: primo briefing Casa Bianca dura 5 minuti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, tiene il suo primo briefing. E dura poco più di cinque minuti, durante i quali attacca la stampa e non prende domande, dopo essersi fatto attendere per più di un'ora. Il briefing, già inconsueto di sabato, era stato infatti inizialmente convocato per le 16.30 ore locali, le 22.30 italiane, ma Spicer si è presentato con oltre un'ora di ritardo.

09:45Trump: ex direttore Brennan, vergognoso comportamento a Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - L'ex direttore della Cia, John Brennan, ha detto che il presidente Donald Trump ''dovrebbe vergognarsi'' per il suo comportamento al quartier generale della Cia. Lo ha rivelato Nick Shapiro, ex braccio destro di Brennan. Shapiro dice che Brennan ''e' profondamente rattristato e arrabbiato per la deprecabile dimostrazione di autoglorificazione di Trump di fronte al Muro della memoria degli eroi dell'agenzia''. Parlando agli ufficiali della Cia di fronte al memoriale per gli agenti caduti, Trump aveva bacchettato i giornalisti per la copertura riservata alla cerimonia dell'Inaugurazione e aveva contestato che il numero delle persone presenti era piu' grande di quello riferito dai media.

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

Archivio Ultima ora