Conindustria, l’industria produce al 35 per cento delle proprie capacità

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da redazione

Conindustria, l’industria produce al 35 per cento delle proprie capacità

Conindustria, l’industria produce al 35 per cento delle proprie capacità

CARACAS – L’industria venezuelana occupa attualmente solo il 35 per cento della propria capacità di produzione. Una realtà, stando al presidente di Conindustria, Juan Pablo Olalquiaga, che non ha precedenti.

– E’ una cifra storica – sostiene il rappresentante degli industriali nel commentare l’ultima “Encuesta de Coyuntura” che l’organismo realizza periodicamente -. Riflette le difficoltà del settore nel soddisfare la domanda. Oggi, specialmente nel settore agroindustriale, vi è una minor possibilità di produzione.

In opinione del rappresentante degli imprenditori, il governo, attraverso i Clap (Comitès Locales de Abastecimiento y Distribuciòn), ha trasferito le responsabilità della produzione alla distribuzione. E ciò ha peggiorato la situazione poiché, sostiene Olalquiaga, “si prende ciò che si può distribuire tra molti per darlo a pochi”.

Olalquiaga ha anche reso noto che la disoccupazione nell’industria è aumentata raggiungendo il 46,9 per cento e ha assicurato che oggi si assiste all’esodo di mano d’opera all’estero.

– Nella misura in cui diminuisce il ritmo di produzione – ha spiegato Olalquiaga -, nella stessa misura si riduce l’impiego. Si contratta meno gente. Così i consumatori hanno meno possibilità di acquistare i beni di cui hanno bisogno. L’economia s’impoverisce.

Dal versante opposto, Freddy Bernal, responsabile del controllo dei Clap ha reiterato l’invito ai venezuelani a far fronte comune considerando l’iniziativa “un elemento fondamentale per affrontare guerra economica”.

– Il Clap – ha spiegato Bernal – è un meccanismo che riunisce i Comitati di Salute, il Comitati di Terra, i Consigli Comunali e fa circolo attorno agli ambulatori di “Barrio Adentro”, i Centri di Diagnostico Intergrale, e la rete dei mercati di alimento rappresentati da Mercal e Pdval. Insomma, è una grande organizzazione globale comunitaria.

I Clap, assai criticati dall’Opposizione, sono considerati dal governo del presidente Maduro uno strumento di ridistribuzione di generi alimentari.

Ultima ora

02:32Referendum: Salvini, pronti a voto con ogni legge

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - "Attendiamo rispettosamente la sentenza della Consulta, che speriamo arrivi presto. Ma al di là di qualunque scelta della Consulta siamo pronti a votare il prima possibile con qualunque legge elettorale". Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, commenta le dimissioni di Matteo Renzi. Sulla richiesta di Renzi al fronte del No di formulare una proposta di legge elettorale, Salvini aggiunge: "Non pensiamo che l'Italia possa permettersi mesi di dibattito sulla nuova legge elettorale", ha aggiunto. Salvini ha aggiunto che quella del 4 dicembre deve essere considerata una "giornata eccezionale, una giornata di liberazione nazionale". (ANSA).

02:28Referendum: de Magistris, respinto stalker autoritario

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Da Napoli già liberata: la Costituzione è salva. Grande vittoria della democrazia. Renzi, stalker autoritario, è stato respinto. Ora lotta popolare per liberare l'Italia e per la sovranità al popolo - dice il sindaco de Magistris - Lavoreremo, con i movimenti popolari, per attuare la più bella Costituzione nata dalla Resistenza. Nessun politicante, vecchio e nuovo, si permetta di mettere il cappello sulla vittoria. Il vincitore è solo uno:il Popolo,viva la libertà e la Rivoluzione".

02:20Renzi, mia esperienza al governo finisce qui

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Questa riforma è stata quella che abbiamo portato al voto, non siamo stati convincenti, mi dispiace, ma andiamo via senza rimorsi. Come era chiaro sin dall'inizio l'esperienza del mio governo finisce qui". Lo afferma Matteo Renzi in conferenza stampa da Palazzo Chigi.

01:32Quinto exit poll Ipr-Piepoli Rai, Sì 40,9%, No 59,1%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base al quinto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40,9% ed il No al 59,1%. Il dato si basa su una copertura del 40% del campione.

01:22Quarto exit poll Ipr-Piepoli Rai, Sì 40-42%, No 58-60%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base al quarto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40-42% ed il No al 58-60%.

01:20Prima proiezione Emg per La7, Sì 40,8%, No 59,2%

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - In base alla prima proiezione Emg per La7 sul referendum, con una copertura del 10%, il Sì si attesta al 40,8%, il no al 59,2%.

01:17Referendum: Salvini, se finisce così Renzi dimissioni subito

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - "Se fossero confermati questi dati, dico se, Renzi dovrebbe dimettersi nei prossimi minuti. E si dovrebbe andare a votare subito, senza governicchi". Così il commento del segretario della Lega, Matteo Salvini, nella sede della Lega in via Bellerio a Milano ha commentato i primi exit poll che danno in netto vantaggio il No. "Sfidiamo la scaramanzia. Se vittoria sarà, sarà vittoria di popolo contro tre quarti del mondo. Grazie ai cittadini italiani che hanno votato in tanti. Numero uno sono stati sconfitti i gufi. Numero due, se saranno confermati gli exit poll sarebbe grande vittoria italiana. Renzi dunque dovrebbe dimettersi". "Siamo pronti da subito a dare un'alternativa perché l'opzione Renzi gli italiani l'hanno rottamata - ha aggiunto - per il centrodestra si apre una stagione di responsabilità e di possibile vittoria".

Archivio Ultima ora