Corsa alla FVF, Tony Carrasco: “Nelle prossime elezioni vogliamo più fair play”

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da redazione

Corsa alla FVF: Tony Carrasco: “Nelle prossime elezioni vogliamo più fair play”

Corsa alla FVF: Tony Carrasco: “Nelle prossime elezioni vogliamo più fair play”

CARACAS – Durante una conferenza stampa, l’ex giocatore e presentatore tv Tony Carrasco ha presentato la sua proposta Gran Federación Venezolana de Fútbol (GFVF) con cui aspira vincere le elezioni per diventare presidente della Federación Venezolana de Fútbol.

Il cammino dell’ex giocatore del Deportivo Italia al momento è in salita. Carrasco, durante l’incontro coi giornalisti ha denunciato che dall’interno della FVF stanno interponendo ostacoli per far si che il suo progetto non avanzi. Il presentatore televisivo ha dichiarato che sta ancora aspettando i requisiti richiesti dalla Federcalcio per postularsi alla poltrona di Sabana Grande. Nella corsa alla Federcalcio ci sono altri due aspiranti: Laureano González in rappresentanza della FVF e Richard Páez con il suo progetto Somos Vinotinto.

“Noi continueremo la nostra lotta dal punto di vista elettorale. Sappiamo che ci sono tanti ostacoli che rendono sempre più difficoltoso il nostro cammino. Però noi continueremo a lavorare per far cambiare gli attuali statuti”.

L’ex portiere del Deportivo Italia, ha detto che arriverà fino in fondo per far si che il suo progetto avanzi. “Se sarà necessario impugnerò le elezioni”.

Tra le proposte che offre il progetto Gran Federación Venezolana de Fútbol ci sono: la creazione di un’università del calcio, capacitazione permanente per arbitri ed allenatori, centro medico del calcio e della salute per il benessere dei calciatori. Inoltre, che le Liga de Fútbol Profesional sia indipendente ed autonoma, la costruzione di una sede per ogni associazione regionale, la costruzione di un museo del calcio e lo sviluppo del marchio vinotinto.

Le elezioni della Federación Venezolana de Fútbol sono in programma per il mese di marzo dell’anno venturo.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

13:12Migranti: sabato a Milano il contro-corteo, ‘no invasion’

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - Si chiama "No invasion" la manifestazione organizzata per il 27 maggio da Milano Sicura, comitato che si definisce apartitico e che ha deciso di scendere in piazza a una settimana dall'iniziativa "Insieme senza muri" a favore dei migranti. Sulla pagina Facebook che conta poco meno di duemila iscritti si legge: "L'evento, ideato e organizzato dal nostro comitato dichiaratamente apartitico di liberi cittadini, si propone di portare in piazza tutti coloro i quali si oppongono alla politica di dissennata accoglienza degli immigrati posta in essere dall'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Beppe Sala. I cittadini milanesi, esasperati da degrado, abusivismo e violenza che si verificano quotidianamente da parte dei clandestini che popolano ormai senza controllo la città, sfileranno lungo via Vittor Pisani per giungere al piazzale della stazione Centrale, simbolo dell'assoluta mancanza di sicurezza che domina oggi il capoluogo meneghino".

13:07Marra: Raggi, se chiamata andrò a testimoniare

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Se e quando mi chiameranno andrò perché è un dovere previsto dal codice e quindi si rispetta". Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, risponde a chi le chiede se andrà a testimoniare, come richiesto dalla difesa, nel processo cominciato oggi a carico dell'ex capo del personale in Campidoglio, Raffaele Marra, e dell'imprenditore Sergio Scarpellini, accusati di concorso in corruzione.

13:01Migranti: “dateci cibo migliore”,200 protestano nel padovano

(ANSA) - PADOVA, 25 MAG - Nuova protesta, che è durata poco più di un'ora, dei profughi ospiti al centro di accoglienza di Bagnoli di Sopra (Padova). Intorno alle 8 di oggi circa 200 migranti di origine africana ospitati nel centro di accoglienza allestito nell'ex caserma di San Siro sono scesi nella piazza principale del paese, davanti al Municipio per chiedere una qualità maggiore del cibo e un incremento delle attività del centro di accoglienza. La protesta si è conclusa intorno alle 9,30. L'ultima manifestazione a Bagnoli risale alla fine dello scorso gennaio quanto un cinquantina di richiedenti asilo bengalesi aveva manifestato stamane, davanti al centro di accoglienza bloccando l'ingresso e l'uscita dal campo per una trentina di minuti.

13:00Manchester: May, livello allerta resta critico

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Il livello dell'allerta anti-terrorismo resta "critico". Lo ha detto la premier britannica Theresa May parlando a Downing Street. Il primo ministro ha invitato i britannici a rimanere "vigili" contro la minaccia di nuovi attacchi.

12:56Nave Usa in mar Cinese meridionale, Pechino protesta

(ANSA) - PECHINO, 25 MAG - Il cacciatorpediniere Uss Dewey ha navigato entro le 12 miglia di una delle isole artificiali realizzate dalla Cina nelle Spratly, nelle acque contese del mar Cinese meridionale, nella prima operazione sulla "libertà di navigazione" della presidenza Trump. La Cina ha inviato due fregate che hanno "messo in guardia e allontanato" la Dewey dopo l'ingresso nelle acque territoriali "senza permesso", ha affermato il portavoce del ministero della Difesa. "Abbiamo presentato un grave reclamo alla parte americana", ha aggiunto.

12:55Renzi, noi fatto bene su musei, sbagliato non cambiare i Tar

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Il fatto che il Tar del Lazio annulli la nostra decisione merita il rispetto istituzionale che si deve alla giustizia amministrativa ma conferma - una volta di più - che non possiamo più essere una repubblica fondata sul cavillo e sul ricorso". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi. "Non abbiamo sbagliato perché abbiamo provato a cambiare i musei: abbiamo sbagliato perché non abbiamo provato a cambiare i TAR". Lo dice Matteo Renzi su facebook.

12:54Manchester: minuto silenzio in Gb

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Un minuto di silenzio per le vittime della strage di Manchester è stato rispettato in tutto il Regno Unito alle 11 locali (le 12 in Italia). Nel centro della città inglese colpita dall'attacco terroristico centinaia di persone si sono riunite ad Albert Square, diventato uno dei luoghi simbolo della risposta della comunità alla tragedia.

Archivio Ultima ora