Raggi ad Antimafia: “Trovato il Far West, lotta al malaffare”

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da ansa

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse 21-09-2016 Roma Politica Campidoglio. Conferenza stampa sulle Olimpiadi "Roma 2024" Nella foto Virginia Raggi Photo Fabio Cimaglia / LaPresse 21-09-2016 Rome (Italy) Politic Campidoglio. Press Conference on the Olympics "Roma 2024" In the pic Virginia Raggi

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse
21-09-2016 Roma
Politica
Campidoglio. Conferenza stampa sulle Olimpiadi "Roma 2024"
Nella foto Virginia Raggi
Photo Fabio Cimaglia / LaPresse
21-09-2016 Rome (Italy)
Politic
Campidoglio. Press Conference on the Olympics "Roma 2024"
In the pic Virginia Raggi

ROMA. – “Il Far West” trovato nei conti del Campidoglio, con bandi di gara per gli appalti che erano l’eccezione e non certo la regola. Ma anche l’inizio dello “sradicamento” delle infiltrazioni criminali nella macchina del Comune di Roma, dopo lo choc dell’inchiesta Mafia Capitale. La sindaca M5S Virginia Raggi si presenta per la prima volta in Commissione parlamentare Antimafia, rivendicando risultati e buoni propositi di oltre tre mesi di amministrazione, nel fuoco di fila di domande sull’assessore all’Ambiente indagata Paola Muraro e su Ostia.

Il tempo non le basta a rispondere su questi temi e Raggi dovrà tornare. Una relazione “lacunosa” la sua secondo diversi commissari, in particolare quelli del Pd; “esaustiva” invece per la deputata M5S Giulia Sarti.

La prima sindaca di Roma post indagine ‘Mafia Capitale’ parla di “un sistema che dobbiamo sradicare e che abbiamo iniziato a sradicare”. “Bisogna invitare tutti i cittadini a mantenere la guardia molto alta – aggiunge Raggi, accompagnata dagli assessori al Bilancio e alle Politiche sociali -. Mafia Capitale va combattuta tutti i giorni” perché è un fenomeno che “riguarda la cosa pubblica”.

“La nostra parola d’ordine è discontinuità”, scandisce. Ma i membri dell’Antimafia la incalzano su Muraro e le sue consulenze all’Ama e sugli incontri del deputato M5S Stefano Vignaroli con il ras delle discariche Manlio Cerroni, da loro considerati segnali di continuità negativa.

Il senatore Pd Stefano Esposito, ex assessore della giunta Marino, chiede a Raggi cosa intenda fare a Ostia, unico Municipio sciolto per mafia. Tra i due frecciate e tensione, come con altri esponenti dem. “Occorre ancora vigilare su settori come ambiente, rifiuti, servizi sociali e politiche abitative – dice Raggi -, noi lo stiamo facendo e probabilmente a ciò sono legati alcuni atti di intimidazione ricevuti. Vuole dire che abbiamo messo il dito nella piaga”.

“Spesso dietro la gestione dei rifiuti si nascondono le mire della criminalità organizzata – afferma -. A Roma con questa amministrazione non c’è e non ci sarà alcuno spazio per queste attività e questi soggetti”. Gli appalti dovranno tornare a gare regolari dopo anni di proroghe e affidamenti diretti, spiega la sindaca. E poi la prima rotazione dei dirigenti entro la fine di ottobre.

“Sul patrimonio immobiliare – afferma Raggi – abbiamo trovato una situazione disastrosa, Roma non lo conosce. Per anni é stato affidato a società esterne”, come “la Romeo Gestioni che dopo la fine del contratto ha portato via tutti i dati su pc. Dobbiamo recuperarli in qualche modo”.

E ancora la situazione dei conti, “con debiti fuori bilancio per 230 milioni”, che assieme ai bandi di gara fa dire a Raggi “abbiamo trovato un Far West”.

Intanto il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, testimone nel processo Mafia Capitale, oggi si è avvalso della facoltà di non rispondere, in quanto indagato in attesa di archiviazione nello stesso procedimento. L’esponente Pd ha denunciato per calunnia Salvatore Buzzi, presunto numero due dell’ organizzazione, “che ha accusato me e altre decine di persone di aver commesso alcuni reati”.

“Chiederò io stesso – dice Zingaretti – di essere sentito nel processo contro di lui”. Ma Alessandro Di Battista deputato M5S é sarcastico: “Pensate cosa direbbe il TG1 se io, Luigi Di Maio, Roberto Fico o Virginia Raggi, in un processo come Mafia Capitale, o non rispondessimo o ci avvalessimo della facoltà di non rispondere”.

(di Luca Laviola/ANSA)

Ultima ora

12:18Basket: Nba, cadono i Clippers,

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Solo quattro gare nella notte Nba. Un grande protagonista, Russell Westbrook, che con i suoi 28 punti e una lunga serie di triple doppie ha portato gli Oklahoma City Thunder alla vittoria contro i New Orleans Pelicans con il risultato di 101-92. Battuta d'arresto per i Los Angeles Clippers, fermati in casa dagli Indiana Pacers per 111-102. Nelle altre due gare si segnala il successo, l'ottavo stagionale, dei New York Knicks con un grande Carmelo Anthony in campo, sui Sacramento Kings 106-98 e vittoria in trasferta degli Orlando Magic sui Detroit Pistons per 98-92.

12:06Turchia: protestarono a Gezi Park, 26 accusati di terrorismo

(ANSAmed) - ISTANBUL, 5 DIC - La procura di Ankara ha chiesto il rinvio a giudizio per 26 persone, accusate di "far parte di un'organizzazione terroristica armata" per la loro partecipazione alle proteste di Gezi Park del 2013. Nell'atto d'accusa, riferisce Hurriyet, si fa riferimento alle "violenze commesse dai manifestanti" contro persone e cose. Tra le 9 organizzazioni citate, la maggior parte dei sospetti è ritenuta affiliata al gruppo di estrema sinistra Dhkp/c, ritenuto responsabile di diversi attentati in Turchia.

11:57Referendum, Boccia, congresso Pd si tenga a Gennaio

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Renzi "deve seguire l'esempio di Bersani. Non ha più senso mantenere in vita un gruppo dirigente del genere. Bisogna andare al Congresso del Pd già a gennaio 2017 con Renzi dimissionario": lo dice il presidente della commissione Bilancio della Camera Francesco Boccia (Pd) ad Agorà. "Ora - sostiene Boccia - si deve aprire il congresso, e Renzi se si vuole ricandidare lo deve fare da semplice iscritto al Pd. Se si chiude un ciclo si lascia il Partito libero di fare un confronto. Auspico martedì da Renzi un discorso in linea con quello da lui tenuto questa notte".

11:56Referendum: Boschi, ora a lavoro per servire Istituzioni

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Peccato. Avevamo immaginato un altro risveglio: istituzioni più semplici in Italia, paese più forte in Europa. Non è andata cosi. Ha vinto il no, punto. Adesso al lavoro per servire le Istituzioni. Mettiamo al sicuro questa legge di bilancio. Poi pubblicheremo il rendiconto delle tante cose fatte da questo Governo. A tutti i comitati, a tutti gli amici e le amiche che ci hanno dato una mano, grazie. Decideremo insieme come ripartire, smaltita la delusione. Un abbraccio". Lo scrive sul suo profilo di Facebook la ministra per le Riforme, Maria Elena Boschi.

11:54Referendum: a Milano vince il sì, in Lombardia prevale il No

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Il Sì vince a Milano e perde in Lombardia: questo quanto emerge dai dati definitivi del voto sul referendum costituzionale. Milano ha infatti votato in controtendenza rispetto al dato nazionale attribuendo al Sì 343.637 voti pari al 51,1% e 328.440 al No (48,9%). I risultati definitivi in Lombardia hanno invece registrato una prevalenza di No, pari al 55,5%. I Sì sono rimasti fermi al 44,5%.I votanti sono stati 5.552.510, pari al 74,22% degli aventi diritto. Il Sì vince anche a Mantova, Monza, Bergamo ma va sotto negli asltri capoluoghi lombardi.

11:40Usa: vittoria Sioux, bloccato oleodotto

(ANSA) - NEW YORK, 4 DIC - Vittoria per i Sioux. Il genio militare americano ha bocciato l'attuale percorso previsto per l'oleodotto in Nord Dakota, contro cui da mesi i nativi americani si stanno battendo. Proprio in seguito alle proteste il progetto era stato fermato dall'amministrazione Obama per permettere allo Us Army Corps of Engineers di esprimersi. I nativi hanno sempre sostenuto che l'oleodotto e' un enorme rischio per l'ambiente e per le falde acquifere dei loro territori.

11:38Bullismo: 16enne denuncia, aggredito e minacciato di morte

(ANSA) - TORINO, 5 DIC - Atti di bullismo ai danni di un ragazzino di sedici anni all'istituto Olivetti di Ivrea. La segnalazione arriva dalla famiglia del giovane che ha sporto denuncia agli agenti del commissariato eporediese. Secondo quanto ha raccontato il sedicenne, un gruppo di ragazzi della scuola lo avrebbe aggredito e minacciato di morte. Il sedicenne sarebbe stato colpito al collo e al basso ventre in cortile, davanti ad altri compagni: nessuno, però, sarebbe intervenuto in sua difesa. Secondo gli accertamenti della polizia non sarebbe nemmeno il primo episodio di cui il giovane è rimasto vittima. Tra questi anche il furto del portafoglio un mese fa.(ANSA).

Archivio Ultima ora