Polemiche su Obama, D’Alema attacca Renzi al Pse

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da ansa

Polemiche su Obama, D'Alema attacca Renzi al Pse

Polemiche su Obama, D’Alema attacca Renzi al Pse

ROMA. – L’endorsement di Barack Obama alla riforma costituzionale e alla persona di Matteo Renzi, ha suscitato la reazione negativa delle opposizioni e della minoranza del Pd, con in testa Massimo D’Alema. L’ex premier si è anche lanciato in una “controinformazione” all’interno del Pse, che nei giorni scorsi aveva espresso l’auspicio di una vittoria del Sì.

E mentre la riforma incassa l’appoggio delle Acli, un vertice Berlusconi-Salvini-Meloni ha sancito in ricompattamento del centrodestra dietro le insegne del “no”. Il tutto in una giornata in cui è nuovamente slittata la sentenza del Tar sul ricorso di M5s e Sinistra italiana sul quesito del referendum. Slittamento che sta creando non pochi sospetti nel Pd e molta tensione per l’attesa.

Il giorno dopo le dichiarazioni di Obama pro-riforma, le opposizioni hanno fatto tutte sentire la loro voce contrariata. Per Matteo Salvini, con questo atto “abbiamo raggiunto il ridicolo”, mentre per Luigi de Magistris si è trattato di una “grave interferenza” del presidente Usa. “Renzi svende l’Italia alle grandi multinazionali” ha tuonato Beppe Grillo. Per Renato Brunetta, ricordando l’appoggio di Obama a Cameron, il suo endorsement “porta sfiga”.

E anche Gianni Cuperlo, alla luce del precedente, invita Renzi “a maggiore cautela”. Infastidito dall’evento alla Casa Bianca anche Pier Luigi Bersani: “Siamo a basta un yes…”, ha ironizzato. “Gli americani hanno diritto di esprimere una loro opinione – ha aggiunto – ma ci vuole misura, ci vuole garbo quando si parla di Costituzione”.

Sferzante invece D’Alema: “non credo che il presidente degli Stati Uniti abbia studiato i 47 articoli della Costituzione italiana. Il referendum non riguarda la stabilità del nostro paese, ma alcune delicate regole della nostra Costituzione, che non possono che riguardare in modo esclusivo la sovranità degli italiani”.

Renzi ha replicato pan per focaccia: “Non commento i commenti italiani, si commentano da soli”. Ma l’attacco di D’Alema ha riguardato anche il fronte europeo e in particolare il Partito Socialista Europeo, che la scorsa settimana aveva dato il proprio appoggio al sì.

Come dimostrano recenti articoli di quotidiani tedeschi come la Welt o la Zeit, in Germania e in altri Paesi c’è preoccupazione che il “no” apra le porte alla vittoria di M5s: “sciocchezze totali”, le ha definite D’Alema, il quale ha riferito di aver parlato con il presidente del Pse Stanichev, per convincerlo a una retromarcia.

Il che ha provocato la reazione di Gianni Pittella, Capogruppo dei Socialisti e Democratici a Strasburgo: “il ‘No’ danneggia il governo e giova agli antieuropeisti”, anzi, ha aggiunto Patrizia Toia “lascerebbe il campo libero a populisti, euroscettici e forze di estrema destra”.

E tra gli euroscettici Matteo Salvini e Giorgia Meloni hanno ottenuto un ricompattamento del centrodestra proprio sul “no” al referendum. Un vertice con Berlusconi ha portato a questa conclusione, con il rilancio di una controproposta di riforma da portare avanti dopo la vittoria del “no”: elezione diretta del presidente della Repubblica, un federalismo più accentuato e il “dimezzamento” del numero dei parlamentari. Proposte su cui oggi non ci sono numeri in Parlamento e che difficilmente ci sarebbero in una futura legislatura se si dovesse tornare ad un sistema elettorale proporzionale, come chiede lo stesso centrodestra.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

15:59Coppa Italia, Juve-Napoli, resta divieto tifosi ospiti

(ANSA) - TORINO, 25 FEB - Confermata la chiusura del settore ospiti in vista della partita di Coppa Italia Juventus-Napoli di martedì prossimo. La questura di Torino rende noto che il Gos (Gruppo operativo sicurezza) ha preso atto del provvedimento prefettizio di chiusura del settore ospiti allo Juventus Stadium, pertanto ha adottato tutte le misure organizzative "per assicurare il rispetto rigoroso del provvedimento inibitorio". Nessun possessore di titolo di accesso potrà pertanto accedere a settore diverso da quello previsto sul biglietto. Il provvedimento era stato adottato dalla Prefettura di Torino su indicazione del Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive (Casms) presso il ministero dell'Interno allo "scopo di tutelare la sicurezza pubblica e l'incolumità delle persone dai rischi connessi all'accesa rivalità tra le due tifoserie, sfociata in passato anche in scontri".

15:56Milan: Galliani, 31 anni non si cancellano in un minuto

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - A meno di una settimana dal closing con cui il Milan dovrebbe passare in mani cinesi Adriano Galliani non nasconde che c'è un po' di emozione per la fine di un'era. C'è, certo, 31 anni non è che si possono cancellare in un minuto, è evidente", ha detto ieri in tarda serata dopo la cena con la squadra l'ad rossonero, al fianco del presidente Silvio Berlusconi ancor prima che acquistasse il club nel 1986. C'è ancora la speranza che resti tutto così? "Ma no, ma no, che speranza..." ha tagliato corto Galliani, spiegando di aver sentito Berlusconi sereno e ribadendo la propria soddisfazione per Vincenzo Montella: "Può essere l'allenatore del futuro? Sta facendo bene, assolutamente. Ogni decisione la prende chi gestisce la società: in questo momento la gestiamo noi e siamo soddisfatti di Montella, poi chi la gestirà deciderà. Ma mi sembra di capire assolutamente di sì".

15:55Calcio: Mancini, Suning mi offrì triennale ma dissi di no

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - "Suning mi aveva proposto un nuovo contratto triennale. Era tutto pronto ma l'ho rifiutato. Semplicemente non c'erano le condizioni per andare avanti, c'erano situazioni che non andavano bene": lo dice l'ex tecnico dell'Inter, Roberto Mancini. "L'allenatore, una volta che inizia la stagione, deve metterci la faccia - continua Mancini - e mancava ancora qualcosa perché le cose andassero bene".

15:42Droga: docente arrestata, viaggio regalato da un amico

(ANSA) - BARI, 25 FEB - "Il viaggio a Melbourne è stato il regalo di un mio amico": lo ha detto telefonicamente, ad Oronzo De Leonardis, l'avvocato dei suoi genitori, Elisa Salatino, la docente di sostegno, originaria di Fasano (Brindisi), arrestata nell'aeroporto internazionale di Melbourne il 12 febbraio scorso con 5 chili di cocaina nascosti nella valigia. La docente, che insegna nell'istituto Marconi di Bari, sarà sottoposta lunedì prossimo, 27 febbraio, per la prima volta, a interrogatorio dall'autorità giudiziaria australiana. "In quella sede, alla presenza del difensore d'ufficio, - afferma De Leonardis - potrà esporre a sua discolpa la propria versione dei fatti". "Elisa - racconta De Leonardis - ha spiegato che il viaggio in Australia è stato 'un regalo di un amico di Bari che sta molto bene economicamente', il quale ha insistito molto perché accettasse, desiderando che prendesse un periodo di relax dopo le difficili vicende personali e la separazione dal marito".

15:30Si è costituito ad Andria pirata strada

(ANSA) - ANDRIA, 25 FEB - Si è costituito, presentandosi ai carabinieri, il giovane che questa mattina era alla guida dell'automobile che ha investito nei pressi del cimitero di Andria, uccidendolo sul colpo, Eligio Muraglia, di 78 anni. Il giovane, di 26 anni, incensurato, definito un bravo ragazzo dagli stessi investigatori, stava andando a lavorare nell'azienda del padre e un attimo di distrazione alla guida si sarebbe rivelato fatale. Già sottoposto all'alcol test è risultato negativo. Si attende ora l'esame della sangue per escludere guidasse sotto effetto di sostanze stupefacenti. A indurlo a scappare, con la sua Polo grigia, e a non prestare soccorso sarebbe stato - secondo quanto raccontato dal 26enne agli investigatori - il panico che l'aveva colto in seguito a ciò che era accaduto

15:20Torino: Appendino, a lavoro per risolvere problemi passato

(ANSA) - TORINO, 25 FEB - "Abbiamo sempre sostenuto che negli anni passati si fosse dipinta una città che non esisteva". Lo afferma la sindaca di Torino, Chiara Appendino, a margine della visita all'ospedale Regina Margherita. "Il primo passo che Torino deve compiere ora è lavorare tutti assieme per cambiare", aggiunge la prima cittadina in merito alla istruttoria della Corte dei conti sui bilanci della giunta Fassino. "Come Giunta abbiamo affrontato già da luglio dello scorso anno la ricognizione della situazione identificando puntualmente i problemi - osserva la sindaca -. Torino ha le energie per risolvere i problemi accumulati negli anni e sono certa che comprenderà anche i sacrifici che ciascuno potrà essere chiamato a fare".

15:09Sci: Fill secondo in discesa Kvitfjell

(ANSA) - KVITFJELL (NORVEGIA), 25 FEB - Vittoria sfiorata per Peter Fill nella seconda discesa libera di Coppa del mondo di sci disputata a Kvitfjell, in Norvegia. L'azzurro è infatti giunto secondo alle spalle del norvegese Kjetil Andre Jansrud dal quale è stato distanziato di soli 8 centesimi, 1'47"63 contro 1'47"71. Con questo successo Jansrud consolida il primato nella coppa di specialità proprio davanti a Fill. Sul podio anche lo svizzero Beat Feuz, terzo in 1'47"77. Il vincitore della discesa di ieri, lo sloveno Bastjan Kline, è settimo con un ritardo di 56 centesimi dal vincitore. Per l'Italia c'è anche il nono posto di Dominik Paris in 1'48"35. Domani è in programma un superG.

Archivio Ultima ora