Polemiche su Obama, D’Alema attacca Renzi al Pse

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da ansa

Polemiche su Obama, D'Alema attacca Renzi al Pse

Polemiche su Obama, D’Alema attacca Renzi al Pse

ROMA. – L’endorsement di Barack Obama alla riforma costituzionale e alla persona di Matteo Renzi, ha suscitato la reazione negativa delle opposizioni e della minoranza del Pd, con in testa Massimo D’Alema. L’ex premier si è anche lanciato in una “controinformazione” all’interno del Pse, che nei giorni scorsi aveva espresso l’auspicio di una vittoria del Sì.

E mentre la riforma incassa l’appoggio delle Acli, un vertice Berlusconi-Salvini-Meloni ha sancito in ricompattamento del centrodestra dietro le insegne del “no”. Il tutto in una giornata in cui è nuovamente slittata la sentenza del Tar sul ricorso di M5s e Sinistra italiana sul quesito del referendum. Slittamento che sta creando non pochi sospetti nel Pd e molta tensione per l’attesa.

Il giorno dopo le dichiarazioni di Obama pro-riforma, le opposizioni hanno fatto tutte sentire la loro voce contrariata. Per Matteo Salvini, con questo atto “abbiamo raggiunto il ridicolo”, mentre per Luigi de Magistris si è trattato di una “grave interferenza” del presidente Usa. “Renzi svende l’Italia alle grandi multinazionali” ha tuonato Beppe Grillo. Per Renato Brunetta, ricordando l’appoggio di Obama a Cameron, il suo endorsement “porta sfiga”.

E anche Gianni Cuperlo, alla luce del precedente, invita Renzi “a maggiore cautela”. Infastidito dall’evento alla Casa Bianca anche Pier Luigi Bersani: “Siamo a basta un yes…”, ha ironizzato. “Gli americani hanno diritto di esprimere una loro opinione – ha aggiunto – ma ci vuole misura, ci vuole garbo quando si parla di Costituzione”.

Sferzante invece D’Alema: “non credo che il presidente degli Stati Uniti abbia studiato i 47 articoli della Costituzione italiana. Il referendum non riguarda la stabilità del nostro paese, ma alcune delicate regole della nostra Costituzione, che non possono che riguardare in modo esclusivo la sovranità degli italiani”.

Renzi ha replicato pan per focaccia: “Non commento i commenti italiani, si commentano da soli”. Ma l’attacco di D’Alema ha riguardato anche il fronte europeo e in particolare il Partito Socialista Europeo, che la scorsa settimana aveva dato il proprio appoggio al sì.

Come dimostrano recenti articoli di quotidiani tedeschi come la Welt o la Zeit, in Germania e in altri Paesi c’è preoccupazione che il “no” apra le porte alla vittoria di M5s: “sciocchezze totali”, le ha definite D’Alema, il quale ha riferito di aver parlato con il presidente del Pse Stanichev, per convincerlo a una retromarcia.

Il che ha provocato la reazione di Gianni Pittella, Capogruppo dei Socialisti e Democratici a Strasburgo: “il ‘No’ danneggia il governo e giova agli antieuropeisti”, anzi, ha aggiunto Patrizia Toia “lascerebbe il campo libero a populisti, euroscettici e forze di estrema destra”.

E tra gli euroscettici Matteo Salvini e Giorgia Meloni hanno ottenuto un ricompattamento del centrodestra proprio sul “no” al referendum. Un vertice con Berlusconi ha portato a questa conclusione, con il rilancio di una controproposta di riforma da portare avanti dopo la vittoria del “no”: elezione diretta del presidente della Repubblica, un federalismo più accentuato e il “dimezzamento” del numero dei parlamentari. Proposte su cui oggi non ci sono numeri in Parlamento e che difficilmente ci sarebbero in una futura legislatura se si dovesse tornare ad un sistema elettorale proporzionale, come chiede lo stesso centrodestra.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

07:36Romania: aperti i seggi per elezioni politiche

(ANSA) - BUCAREST, 11 DIC - I romeni votano oggi per le elezioni politiche al termine di una campagna elettorale segnata dai temi dominanti della lotta alla corruzione dilagante, delle promesse di migliori condizioni di vita e di una ulteriore integrazione europea con l'auspicata adesione all'area Schengen di libera circolazione. Aperte alle 7 (le 6 italiane) le urne chiuderanno alle 21 (le 20 in Italia). Favorito della consultazione resta il partito socialdemocratico (Psd) di Liviu Dragnea, nonostante l'uscita di scena un anno fa dell'ex premier socialdemocratico Victor Ponta, costretto alle dimissioni nel novembre 2015 dopo una lunga serie di manifestazioni di protesta contro i politici corrotti. Lo stesso Ponta era oggetto di un procedimento giudiziario per accuse di corruzione e le proteste denunciarono anche i mancati controlli di sicurezza dopo la tragedia di fine ottobre 2015 quando per un incendio in una discoteca di Bucarest morirono 64 giovani (tra essi la studentessa napoletana Tullia Ciotola).

06:22Ministro dell’ Interno turco, vittime attacco salgono a 29

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Sono aumentate a 29 le persone morte negli attentati che hanno insanguinato ieri sera Istanbul a breve distanza l'uno dall'altro, nei pressi dello stadio. Lo ha detto il ministro dell'Interno turco Süleyman Soylu. Il vicepremier Numan Kurtulmus ha precisato, in una conferenza stampa, la dinamica delle esplosioni: la prima è stata provocata da un'autobomba lanciata contro un bus antisommossa della polizia, poco lontano. la seconda, 45 secondi dopo, da un kamikaze al vicino parco Macka.

04:35Kenya: esplode camion infiammabili, almeno 40 morti

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Almeno 40 persone sono morte in Kenya, a Karai, per l'esplosione di un camion che trasportava materiali infiammabili. Testimoni oculari citati dal quotidiano Daily Nation hanno riferito che l'autista del camion avrebbe perso il controllo e colpito un altro veicolo causando una serie di tamponamenti a catena. Tra i veicoli in fiamme anche una camionetta della polizia diretta a Nairobi. Decine i feriti in un bilancio che potrebbe ancora aumentare. Medici e infermiere, in sciopero da cinque giorni, stanno tornando al lavoro.

04:31Attacco Istanbul: autorità, 15 morti e 69 feriti

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - L'attacco di ieri sera contro la polizia turca nei pressi dello stadio del Besiktas, nel centro di Istanbul, ha provocato almeno 15 morti e 69 feriti. Ad aggiornare ufficialmente il bilancio è il ministero della Salute.

01:26Calcio a 5: Kaos batte Lazio ed è 3/o. Acqua&Sapone super

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il sabato della decima giornata del campionato di Serie A di calcio a 5 favorisce Kaos Futsal e Acqua&Sapone Unigross: la squadra emiliana vince 5-3 sul campo della Lazio e, sfruttando il pari (4-4) tra Luparense e Ma Group Imola, è al terzo posto a 40' dalla fine del girone di andata. Gli abruzzesi di Ricci, invece, infilano la quarta vittoria consecutiva e, grazie al 9-3 su un Real Rieti sempre più in crisi, salgono a -2 dal podio del Kaos, con la possibilità di scavalcarlo all'ultima giornata prima del giro di boa proprio nello scontro diretto di Ferrara. In coda, punti d'oro per la Came Dosson, che passa 9-3 sulla Futsal Isola lasciando l'ultima posizione ai romani di Angelini. Ad inaugurare la giornata erano state le prime due della classe: pari in trasferta per la capolista Pescara, rimontata nel finale dall'Axed Group Latina e avvicinata dalla Lollo Caffè Napoli, a -2 (e con una partita in meno, Napoli-Rieti si recupera martedì 13) grazie all'8-4 sulla Cioli Cogianco.

01:12Calcio: Giampaolo, abbiamo perso con una Lazio davvero forte

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo giocato contro una squadra forte e questo bisogna ammetterlo: la Lazio è una squadra forte, con grandi valori. Volevamo restare nell'equilibrio per poi provarla a vincere. L'equilibrio l'hanno rotto loro in quei cinque minuti finali del primo tempo". Nel dopo partita di Sampdoria-Lazio l'allenatore doriano Marco Giampaolo ammette la superiorità dei rivali. "Ma la reazione della Sampdoria è stata ottima - precisa -. Siamo sempre rimasti in partita e abbiamo perfino sfiorato il sogno di pareggiarla nel finale. Abbiamo tentato di giocare, ma non siamo stati rapidi: la Lazio ha fatto densità chiudendo gli spazi e per noi non è stato facile arrivare in zona gol. Dovevamo essere più veloci nelle verticalizzazioni, ma gli avversari sono stati sempre compatti e sono veramente forti, anche sul piano fisico. Cassano al Genoa? L'incontro con Juric? Hanno già chiarito loro, si sono trovati lì per caso. Penso che Cassano non vada a giocare al Genoa, non mi aspetto sorprese".

01:03Calcio: Inzaghi, ottima prova, la Lazio ha voltato pagina

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Mi aspettavo una reazione e i ragazzi me l'hanno data: abbiamo fatto un primo tempo splendido, anche se forse avremmo dovuto fare un altro gol per chiudere la gara. I ragazzi sono stati comunque bravissimi, questo è un campo difficile dove gioca una Sampdoria in ottima forma. Sarà difficile per tutti vincere qui". E' un Simone Inzaghi visibilmente soddisfatto quello che commenta il successo della Lazio a Marassi. "Sappiamo cosa voglia dire per i nostri tifosi il derby - dice l'allenatore della Lazio -, ma dovevamo voltare pagina e l'abbiamo fatto con un'ottima prestazione. Le polemiche sono dimenticate: sappiamo di aver perso per errori nostri, ma nel calcio bisogna accettare comunque le sconfitte. Non abbiamo concesso nulla ad attaccanti come Muriel, Quagliarella e Fernandes". "Se devo fare un primo bilancio, è positivo - conclude -: a inizio stagione c'era scetticismo e invece si è creato un ottimo gruppo. Ma questo non deve farci abbassare la testa. Il mercato? Ora vedremo con la società".

Archivio Ultima ora