L’Ue apre alla Cina, ma affila le armi per la difesa commerciale

Pubblicato il 19 ottobre 2016 da ansa

People walk past an entrance gate of Ditan Park decorated with red lanterns ahead of the Chinese Lunar New Year in Beijing, Tuesday, Feb. 2, 2016. Chinese will celebrate the Lunar New Year on Feb. 8 this year which marks the Year of Monkey on the Chinese zodiac. (ANSA/AP Photo/Andy Wong)

People walk past an entrance gate of Ditan Park decorated with red lanterns ahead of the Chinese Lunar New Year in Beijing, Tuesday, Feb. 2, 2016. Chinese will celebrate the Lunar New Year on Feb. 8 this year which marks the Year of Monkey on the Chinese zodiac. (ANSA/AP Photo/Andy Wong)

BRUXELLES. – Eliminare la ‘lista nera’ dei Paesi senza lo status di economia di mercato, aggirando così il problema della Cina, e legarla al rafforzamento degli strumenti di difesa commerciale per poter continuare a tutelare le imprese europee con dazi più elevati in stile Usa, in caso di dumping in settori come l’acciaio. E’ la nuova strategia proposta dalla Commissione Ue, per cui è un modo per continuare a tutelare il mercato europeo dall’invasione dei prodotti cinesi ma senza infrangere le regole del Wto. Per altri, invece, è un effetto boomerang che di fatto equivale, come denuncia Confindustria, a concedere lo status di economia di mercato alla Cina.

“La sovraccapacità produttiva è il cancro del commercio mondiale”, ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Ue alla crescita Jyrki Katainen, che ha incontrato il vicepremier cinese Ma Kai per illustrargli le nuove misure Ue e definire i dettagli della piattaforma congiunta sull’acciaio che verrà lanciata “presto”.

Rafforzare gli strumenti di difesa Ue e “la questione del protocollo di accesso al Wto della Cina” sono “legati l’uno all’altra”, ha messo in chiaro. La partita è però ancora del tutto aperta, e si giocherà venerdì mattina al vertice Ue dove, oltre all’accordo di libero scambio con il Canada tenuto in ostaggio dalla Vallonia, atterrerà sul tavolo dei 28 anche il dossier che affila i dazi e che da tre anni è bloccato al Consiglio da diversi Paesi ‘liberisti’, in primis Gran Bretagna, Olanda e Svezia.

La scommessa della Commissione Ue, legando i due dossier, è mettere pressione sui 28 per avere l’ok entro l’11 novembre, alla prossima riunione dei ministri del commercio, al pacchetto sui dazi in tempo per dicembre, quando giungono a scadenza le disposizioni sul calcolo del dumping nei protocolli di adesione della Cina (ma anche di Vietnam e Tagikistan) al Wto.

Il rafforzamento delle difese commerciali Ue, tra l’altro, prevede l’esenzione dalla regola del cosiddetto ‘dazio inferiore’ per i settori vittime di dumping e sovrapproduzione che potrebbe quindi andare a beneficio dell’industria siderurgica. E, con le chiusure degli impianti britannici vittime dalla concorrenza sleale cinese e la Brexit alle porte, anche Londra potrebbe adottare una posizione meno intransigente rispetto al passato sulla questione, su cui finora si è arenato il pacchetto.

Una mossa, però, che per la vicepresidente di Confindustria per l’Europa Lisa Ferrarini è “profondamente sbagliata” e nient’altro che un “maquillage” della concessione dello status di economia di mercato alla Cina. “I due temi non andrebbero mischiati”, ha avvertito, e “il mix fatto non ha senso e va solo a discapito delle imprese” che tra l’altro dovranno sostenere a loro carico l’onere della prova del dumping.

In ogni caso i dazi già applicati e le indagini aperte non verranno toccati da queste proposte e, in caso di stallo, resterà comunque in vigore lo status quo, senza invasioni ‘cinesi’ sul mercato Ue.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

20:41Tusk, con Trump non abbiamo visione comune su Russia

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Con Donald Trump "abbiamo fatto progressi soprattutto sull'antiterrorismo ma altre questioni restano aperte, come il clima ed il commercio. E non sono al 100% sicuro che abbiamo una posizione comune sulla Russia, anche se sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea". Lo ha detto Donald Tusk in una breve dichiarazione fatta al termine dell'incontro con Donald Trump.

20:35Maestre d’asilo arrestate per maltrattamenti a Piacenza

(ANSA) - PIACENZA, 25 MAG - Due educatrici di un asilo nido di Piacenza sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dei bambini della struttura. I carabinieri della stazione di Piacenza Levante si sono presentati con due pattuglie prelevando le due donne piacentine e portandole in caserma. Riserbo assoluto sull'indagine, ma pare che i carabinieri abbiano eseguito un arresto in flagranza di reato, probabilmente grazie a telecamere nascoste nell'asilo, e che avrebbero filmato settimane di presunti maltrattamenti. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: "il Comune di Piacenza è parte lesa in questa vicenda e per questo confidiamo in un'azione degli organi inquirenti quanto più rapida e approfondita possibile. È un vero fulmine a ciel sereno, privo del benché minimo campanello di allarme, sia in termini di segnalazioni delle famiglie, che di risultanza dei costanti monitoraggi". (ANSA).

20:15Catalogna: ministro difesa Madrid, impediremo referendum

(ANSA) - MADRID, 25 MAG - Il ministro della difesa spagnolo Maria Dolores de Cospedal ha affermato che il governo di Madrid impedirà lo svolgimento di un referendum sull'indipendenza della Catalogna. "Faremo quello che dovremo fare" ha detto alla radio Cadena Cope. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha promesso che convocherà un referendum sull'indipendenza entro fine settembre nonostante il veto di Madrid. El Pais scrive oggi, citando fonti autorevoli del governo di Madrid, che il premier conservatore Mariano Rajoy "userà tutti i mezzi a sua disposizione" per evitare lo svolgimento del referendum catalano. Secondo il quotidiano l'esecutivo spagnolo ha pronto già da mesi "un memorandum segreto". Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha indicato di recente che "tutto è pronto" per la tenuta del referendum, e ai primi di maggio il governo di Barcellona ha avviato le procedure per l'acquisto delle urne. La data in cui potrebbe svolgersi ancora non è stata resa nota.

Archivio Ultima ora