Il ristorante “Il Nuovo Da Vittorio” vi invita a degustare la vera Cotoletta alla Napoletana

Pubblicato il 28 ottobre 2016 da redazione

LOGO DA VITTORIO

La cucina, oltre ad essere il fulcro di tante passioni ed emozioni, è anche il metodo più efficace per far convergere le diverse tradizioni culinarie delle varie nazionalità in un’unico piatto.

Molto spesso infatti abbiamo parlato di come il fondersi di ingredienti di diversa provenienza, desse vita a piatti innovativi che acquisivano automaticamente una storia degna dei più grandi libri di cucina, è successo con i primi piatti, con secondi e anche con i dolci, e quando si pensa a certe ricette, sembra proprio di riuscire a scorgere tutte le diverse particolarità che le compongono. Siamo certi che quella che vogliamo proporvi oggi, riuscirà a stupire molte persone, e non tanto per gli ingredienti che sono ovviamente semplici e facilmente reperibili, ma per la sua storia, che intreccia diverse provenienze, unendole in un unico e meraviglioso sapore: la cotoletta alla napoletana.

Volendo far riferimento al nome, molti sono portati a pensare che questo piatto nasca proprio all’ombra del Vesuvio, nella bella città partenopea, e invece non è così.

Napoli è pizza, spaghetti, mandolino e Pulcinella, calcio e Maradona, ma in tutta sincerità della cotoletta nessuno ne aveva mai parlato, anzi, a dirla tutta la cotoletta è sempre stata di Milano, la diretta e quasi sempre avversaria per antonomasia della bella Napoli. Ma allora cos’è questa cotoletta alla napoletana?

Originariamente, rispondeva al nome di “Milanesa alla Napolitana”, e come potrete intuire non è un nome italiano, bensì argentino. Questo piatto infatti, nacque proprio in Argentina, nel ristorante di Jorge La Grotta, “El napolitano”, si tratta della classica cotoletta impanata e fritta, ricoperta di formaggio, prosciutto, salsa e una spolverata di origano, e che proprio per la sua composizione ricorda appunto la pizza napoletana.

Si narra che una volta, in tarda serata, al ristorante di Jorge La Grotta, si presentò un cliente affezionato del locale, che fece come sempre il suo ordine chiedendo una cotoletta con patatine fritte. Giunto l’ordine in cucina, il cuoco un po’ distratto e forse stanco per l’interminabile giornata, prestò poca attenzione alla cottura della cotoletta, tanto da far bruciare tutta l’impanatura.

Essendo quella l’ultima fetta di carne, il proprietario diede sfogo alla sua fantasia e dopo aver sollevato con cura parte della crosta troppo bruciata, ricoprì la cotoletta con salsa, mozzarella e prosciutto e poi infornò la sua creazione per qualche minuto.

Il cliente, dinanzi alla nuova proposta, non riuscì a resistere e così in un batter d’occhio mangiò tutto, complimentandosi per la nuova ricetta che gli avevano fatto assaggiare. Visto il successo inaspettato per la cotoletta salvata in extremis, il proprietario del ristorante, decise di inserire nel menù questo piatto, dandogli appunto il nome di Milanesa alla Napolitana, per onorare e omaggiare quelli che sono i classici gusti ed accostamenti della cucina partenopea.

La cotoletta alla napoletana, divenne ben presto il fiore all’occhiello del ristorante che a fine anni 40, inizio anni 50 fu praticamente il piatto più amato e richiesto dai pugili dell’epoca che erano soliti frequentare il ristorante argentino.

cotoletta2

I successori di Jorge La Grotta, tuttavia, hanno prontamente smentito quella che è la storia del “cuoco pasticcione”, sostenendo invece che la ricetta fu pensata e ponderata, proprio per essere inserita nel menù e stupire i clienti.

Qualunque sia la realtà dei fatti, il risultato non cambia, la cotoletta alla napoletana, inventata in Argentina, rappresenta oggi uno dei piatti più apprezzati dalla cucina partenopea, indicando e sottolineando forse, la forte intesa tra due popoli così lontani eppure così simili. Voi l’avete mai preparata? Ecco cosa occorre.

– Ingredienti:

4 fette di carne di vitello impanate e fritte (cotolette); passata di pomodoro, 1 cipolla, 4 fette di mozzarella, 4 fette di prosciutto (crudo o cotto non ha importanza), sale q.b., olio q.b,, rigano o basilico (se preferite)

– Procedimento:

Far soffriggere in una padella con due cucchiai di olio, una cipolla tagliata a fette sottili. Attendere qualche minuto e quando la cipolla sarà imbiondita eliminarla dall’olio.

Aggiungere la passata di pomodoro, un po’ d’acqua, aggiustare di sale e poi lasciar cuocere, fino a quando il sugo sarà asciutto e denso.

Quando la salsa sarà pronta, procedere alla preparazione delle cotolette alla napoletana. Prendere le fette di carne impanate e fritte, vanno bene anche se preparate il giorno prima, posizionarle in un tegame leggermente bagnato di sugo e poi ricoprirle ancora con altra salsa.

Chiudere tutto ricoprendo le cotolette con la fetta di prosciutto e quella di mozzarella, spolverare se preferite con origano o basilico (il basilico vi consigliamo di metterlo a cottura ultimata, per fare in modo che mantenga freschezza e profumo), ed infornare a 180 gradi per 10 minuti, giusto il tempo necessario per far sciogliere la mozzarella e insaporire il tutto.

La cotoletta alla napoletana è finalmente pronta per essere portata in tavola, ottima da servire agli ospiti o da preparare per consumare le cotolette fritte avanzate della Domenica.

http://www.vesuviolive.it/cultura-napoletana/cucina/153449-cotoletta-alla-napoletana-bonta-partenopea-nata-un-errore-la-ricetta/

Ultima ora

21:09Calcio: Baccaglini, lavoriamo in silenzio a futuro Palermo

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Ci sono avvocati, banchieri e tecnici che stanno lavorando intensamente per finalizzare l'operazione entro i termini stabiliti. Lo fanno nel modo in cui si svolgono gli affari seri: in silenzio e con discrezione. Nel frattempo stiamo lavorando intensamente alla pianificazione del prossimo anno che deve vederci squadra forte, competitiva e all'altezza dei colori societari". E' quanto dice il presidente del Palermo calcio, Paul Baccaglini.

21:09Il paese raccolse 2 mln euro per cure, morto 14enne malato

(ANSA) - NUORO, 25 APR - E' morto questa mattina, nella sua casa di Gavoi (Nuoro), Roberto Sanna, il ragazzo di 14 anni affetto da leucodistrofia metacromatica, una malattia rara per le cui cure, undici anni fa, si era mobilitato il paese e l'intera Sardegna in una campagna di raccolta di fondi che doveva servire per i viaggi della speranza negli Stati Uniti. In quella campagna di solidarietà, da cui nacque il comitato "pro Roberto", furono raccolti oltre due milioni di euro. Molti di più di quelli che sono serviti per finanziare i due viaggi in America per sottoporre Robertino al trapianto di cellule staminali. Purtroppo, però, la sua malattia era già in stato avanzato e il piccolo che allora aveva tre anni, non è stato sottoposto all'intervento. Quei fondi, però, non sono rimasti inutilizzati. Grazie alla generosità del Comitato, presieduto da Dario Sanna, padre di Robertino, i soldi sono stati donati per la cura di altre malattie rare, per l'inserimento di ragazzi svantaggiati e per l'acquisto di apparecchiature mediche. (ANSA).

21:04Calcio: Baccaglini tagli al Palermo, ‘via molti giocatori’

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Molti dei giocatori nella rosa attuale non faranno parte del futuro del Palermo che deve ai suoi tifosi e alla propria storia un impegno maggiore, migliore e più continuativo". Lo annuncia il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, che critica senza giri di parole i giocatori soprattutto dopo la pessima figura rimediata a Roma, dove i rosanero, a un passo ormai dalla serie B, hanno lasciato l'Olimpico con un pesante 6-2.

21:03Pallavolo: gara-1 finali scudetto, Civitanova-Trentino 3-0

(ANSA) - CIVITANOVA MARCHE, 25 APR - Il primo acuto delle finali scudetto della Superlega di pallavolo è della Cucine Lube Civitanova. La formazione vincitrice della 'regular season' e della Coppa Italia si è assicurata gara 1 della serie, confermando il pronostico della vigilia e il fattore campo. 3-0 ((25-18, 25-20, 25-17) il risultato finale di un match che i padroni di casa hanno condotto fin dall'inizio nel punteggio dei singoli parziali ma anche per il volume di gioco espresso. Con un muro attento (11 block vincenti in tre set, quattro di Stankovic) e un attacco che ha viaggiato sempre su percentuali elevate (60% di squadra), la squadra di Blengini ha preso in mano le redini del gioco fin da primi scambi, non consentendo agli avversari di rispondere colpo su colpo. La Diatec Trentino ha faticato a contenere gli ex Sokolov (14 punti, con 3 muri e il 69%) e Juantorena (11 col 53%) e la potenza del servizio avversario. I cambi in corsa di Lorenzetti non hanno invertito la tendenza. Gara-2 è in programma il 4 maggio al PalaTrento.

20:40Bif&st: Avati, torno al Diavolo della mia infanzia

(ANSA) BARI, 25 APR - Pupi Avati torna ai demoni del passato con 'Il signor Diavolo'. Lo ha annunciato il regista in una master-class stamani al Bif&st divisa tra Amarcord e nostalgia. "Sto ai titoli di coda della mia vita e ho così voglia di tornare alla nostalgia del cinema con cui ho cominciato a misurarmi da bambino, con quel mondo fantastico. Torno alle cose che mi spaventavano, quando credevo ci fosse il male assoluto, in quell'atmosfera pre-conciliare dell'Italia anni Cinquanta dove i bambini erano immersi tra paura e sacralità". Nel film, che si girerà a Grado ed è tratto dal suo omonimo libro in pubblicazione per Guanda, siamo negli anni '50, a ridosso dell'alluvione del Polesine. I protagonisti sono due 14enni che vivono ancora un tipo di religiosità ancestrale. Uno dei due muore di malaria, ma la gente si convince che sia perché ha fatto cadere l'ostia e l'ha pestata. L'altro non si rassegna di aver perso l'amico del cuore e fa di tutto per contattare un essere deforme che si pensa abbia rapporti col demonio.

20:37Sfregiata con acido, posta un selfie su Instagram

(ANSA) - BOLOGNA, 25 APR - Ha aperto un profilo su Instagram ed ha postato un selfie Gessica Notaro, la 28enne riminese sfregiata con l'acido la sera del 10 gennaio dall'ex fidanzato Edson Tavares, ora in carcere a Forlì. "Buongiorno amici - ha scritto Gessica in un post - questo è il mio primo selfie dopo tanto tempo. L'ho fatto per garantirvi che questo è il mio UNICO profilo Instagram e che tutti gli altri sono falsi, creati da persone che si divertono a scrivere frasi e pubblicare vecchie foto rubate da internet spacciandosi per me. Vi chiedo aiuto per segnalare questi individui. Grazie mille". Centinaia i commenti di sostegno. Gessica - che la settimana scorsa ha partecipato al Maurizio Costanzo Show e a Bologna ha incontrato il ministro Andrea Orlando - nel 2007 era stata Miss Romagna e aveva conquistato la finale di Miss Italia. Poi e' decollata una carriera nel mondo dello spettacolo, con partecipazioni a programmi Rai e Mediaset come cantante. È anche addestratrice e speaker al delfinario di Rimini.(ANSA).

20:2725 aprile: ad Aosta corona ai caduti della Rsi

(ANSA) - AOSTA, 25 APR - Una corona d'alloro con il nastro tricolore e la scritta "Ai caduti della Repubblica sociale italiana" è stata deposta oggi nel cimitero di Aosta da Casapound. I militanti hanno infatti "reso omaggio" a "Emilio Piccot, caduto della Rsi" e "a cui è stata intitolata la brigata nera aostana", si legge su Facebook. Proprio a pochi metri dalla sua tomba si trova il Sacrario dei caduti in guerra, dove in mattinata si è svolta la messa ed è stata deposta una corona alla presenza delle massime autorità regionali. Alle celebrazioni ha preso parte anche il vicepresidente nazionale dell'Anpi Alessandro Pollio Salimbeni, che ha ricordato, tra l'altro, come "la pace e la democrazia hanno ancora troppi nemici". (ANSA).

Archivio Ultima ora