Il ristorante “Il Nuovo Da Vittorio” vi invita a degustare la vera Cotoletta alla Napoletana

Pubblicato il 28 ottobre 2016 da redazione

LOGO DA VITTORIO

La cucina, oltre ad essere il fulcro di tante passioni ed emozioni, è anche il metodo più efficace per far convergere le diverse tradizioni culinarie delle varie nazionalità in un’unico piatto.

Molto spesso infatti abbiamo parlato di come il fondersi di ingredienti di diversa provenienza, desse vita a piatti innovativi che acquisivano automaticamente una storia degna dei più grandi libri di cucina, è successo con i primi piatti, con secondi e anche con i dolci, e quando si pensa a certe ricette, sembra proprio di riuscire a scorgere tutte le diverse particolarità che le compongono. Siamo certi che quella che vogliamo proporvi oggi, riuscirà a stupire molte persone, e non tanto per gli ingredienti che sono ovviamente semplici e facilmente reperibili, ma per la sua storia, che intreccia diverse provenienze, unendole in un unico e meraviglioso sapore: la cotoletta alla napoletana.

Volendo far riferimento al nome, molti sono portati a pensare che questo piatto nasca proprio all’ombra del Vesuvio, nella bella città partenopea, e invece non è così.

Napoli è pizza, spaghetti, mandolino e Pulcinella, calcio e Maradona, ma in tutta sincerità della cotoletta nessuno ne aveva mai parlato, anzi, a dirla tutta la cotoletta è sempre stata di Milano, la diretta e quasi sempre avversaria per antonomasia della bella Napoli. Ma allora cos’è questa cotoletta alla napoletana?

Originariamente, rispondeva al nome di “Milanesa alla Napolitana”, e come potrete intuire non è un nome italiano, bensì argentino. Questo piatto infatti, nacque proprio in Argentina, nel ristorante di Jorge La Grotta, “El napolitano”, si tratta della classica cotoletta impanata e fritta, ricoperta di formaggio, prosciutto, salsa e una spolverata di origano, e che proprio per la sua composizione ricorda appunto la pizza napoletana.

Si narra che una volta, in tarda serata, al ristorante di Jorge La Grotta, si presentò un cliente affezionato del locale, che fece come sempre il suo ordine chiedendo una cotoletta con patatine fritte. Giunto l’ordine in cucina, il cuoco un po’ distratto e forse stanco per l’interminabile giornata, prestò poca attenzione alla cottura della cotoletta, tanto da far bruciare tutta l’impanatura.

Essendo quella l’ultima fetta di carne, il proprietario diede sfogo alla sua fantasia e dopo aver sollevato con cura parte della crosta troppo bruciata, ricoprì la cotoletta con salsa, mozzarella e prosciutto e poi infornò la sua creazione per qualche minuto.

Il cliente, dinanzi alla nuova proposta, non riuscì a resistere e così in un batter d’occhio mangiò tutto, complimentandosi per la nuova ricetta che gli avevano fatto assaggiare. Visto il successo inaspettato per la cotoletta salvata in extremis, il proprietario del ristorante, decise di inserire nel menù questo piatto, dandogli appunto il nome di Milanesa alla Napolitana, per onorare e omaggiare quelli che sono i classici gusti ed accostamenti della cucina partenopea.

La cotoletta alla napoletana, divenne ben presto il fiore all’occhiello del ristorante che a fine anni 40, inizio anni 50 fu praticamente il piatto più amato e richiesto dai pugili dell’epoca che erano soliti frequentare il ristorante argentino.

cotoletta2

I successori di Jorge La Grotta, tuttavia, hanno prontamente smentito quella che è la storia del “cuoco pasticcione”, sostenendo invece che la ricetta fu pensata e ponderata, proprio per essere inserita nel menù e stupire i clienti.

Qualunque sia la realtà dei fatti, il risultato non cambia, la cotoletta alla napoletana, inventata in Argentina, rappresenta oggi uno dei piatti più apprezzati dalla cucina partenopea, indicando e sottolineando forse, la forte intesa tra due popoli così lontani eppure così simili. Voi l’avete mai preparata? Ecco cosa occorre.

– Ingredienti:

4 fette di carne di vitello impanate e fritte (cotolette); passata di pomodoro, 1 cipolla, 4 fette di mozzarella, 4 fette di prosciutto (crudo o cotto non ha importanza), sale q.b., olio q.b,, rigano o basilico (se preferite)

– Procedimento:

Far soffriggere in una padella con due cucchiai di olio, una cipolla tagliata a fette sottili. Attendere qualche minuto e quando la cipolla sarà imbiondita eliminarla dall’olio.

Aggiungere la passata di pomodoro, un po’ d’acqua, aggiustare di sale e poi lasciar cuocere, fino a quando il sugo sarà asciutto e denso.

Quando la salsa sarà pronta, procedere alla preparazione delle cotolette alla napoletana. Prendere le fette di carne impanate e fritte, vanno bene anche se preparate il giorno prima, posizionarle in un tegame leggermente bagnato di sugo e poi ricoprirle ancora con altra salsa.

Chiudere tutto ricoprendo le cotolette con la fetta di prosciutto e quella di mozzarella, spolverare se preferite con origano o basilico (il basilico vi consigliamo di metterlo a cottura ultimata, per fare in modo che mantenga freschezza e profumo), ed infornare a 180 gradi per 10 minuti, giusto il tempo necessario per far sciogliere la mozzarella e insaporire il tutto.

La cotoletta alla napoletana è finalmente pronta per essere portata in tavola, ottima da servire agli ospiti o da preparare per consumare le cotolette fritte avanzate della Domenica.

http://www.vesuviolive.it/cultura-napoletana/cucina/153449-cotoletta-alla-napoletana-bonta-partenopea-nata-un-errore-la-ricetta/

Ultima ora

18:05Calcio: ufficiale, la Fiorentina è in vendita

(ANSA) - FIRENZE, 26 GIU - La Fiorentina è in vendita. La decisione, presa direttamente da Diego e Andrea Della Valle, è stata annunciato sul sito ufficiale del club viola: "La proprietà della Acf Fiorentina comunica di essere assolutamente disponibile, vista l'insoddisfazione di parte della tifoseria, a farsi da parte e mettere la società a disposizione di chi voglia acquistarla per poterla poi gestire come ritiene più giusto fare".

18:04Tiro: double trap, quasi impossibile che torni a Giochi

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Voglio essere onesto, è quasi impossibile che il Double Trap dopo il 2020 torni nel programma". Con queste parole, riferite alle Olimpiadi e dette al sito britannico 'Inside the Games' a margine dell'Assemblea straordinaria di Monaco, il presidente della federazione mondiale di tiro (Issf) Olegario Vazquez Rana smorza le speranze di quanti, fra tecnici e tiratori, auspicavano un ritorno al passato dopo i Giochi di Tokyo. "E' una disciplina costosa, il doppio delle altre - ha aggiunto il presidente della Issf - e le donne non la praticano anche per via del peso delle armi sulle loro spalle, che in questo caso è notevole. Negli ultimi 15-20 anni praticamente non ci sono state donne che si sono dedicate al double trap, e noi dobbiamo seguire le indicazioni del Cio: se non c'è' 'equity gender', non ci può essere spazio per certe prove. E tutto questo vale, parzialmente, anche per la gara di pistola da 50 metri".

18:04Appalto rifiuti pilotato: assolto ex sindaco di Sestu

(ANSA) - CAGLIARI, 26 GIU - Sentenza riformata. Nella vicenda dell'appalto milionario sui rifiuti non ci fu corruzione, almeno da parte dell'ex sindaco di Sestu Aldo Pili (Pd). Lo hanno stabilito i giudici della seconda sezione penale della Corte d'appello di Cagliari che hanno assolto l'ex primo cittadino, l'unico dei quattro ex amministratori del comune alle porte del capoluogo ad avere rinunciato alla prescrizione dopo la condanna a due anni inflitta in primo grado. E oggi, il collegio presieduto da Claudio Gatti ha assolto Aldo Pili dalla corruzione, dichiarando invece prescritto il reato per l'ex vicesindaco Sergio Cardia, l'ex assessore ai Servizi Tecnologici, Claudio Lai, e l'ex consigliere comunale Natalino Loi. Erano accusati di aver cercato di pilotare l'appalto per la raccolta e il conferimento dei rifiuti di Sestu in cambio di assunzioni a tempo di operai segnalati dagli amministratori. Durante il processo d'appello, Aldo Pili - difeso dall'avvocato Alberto Filippini - aveva preso la parola rivolgendosi ai giudici con voce visibilmente emozionata, dichiarando la sua intenzione a non avvalersi della prescrizione e chiedendo di essere giudicato nel merito perché riteneva di non aver mai commesso alcun reato. Nel primo pomeriggio, il collegio è uscito dalla camera di consiglio pronunciando la sentenza che chiude definitivamente la vicenda: l'ex sindaco assolto, mentre per tutti gli altri è stata decretata la prescrizione del reato.(ANSA).

17:58Calcio: Baccaglini ‘interregno Zamparini è normale’

(ANSA) - PALERMO, 26 GIU - "Che ci sia un interregno è normale. Il passaggio di proprietà avviene con i suoi tempi e quelli calcistici non corrispondono a quelli finanziari". Lo ha detto il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, durante una diretta Facebook. I tifosi, che vogliono la totale uscita dell'ex presidente e attuale proprietario Maurizio Zamparini, non l'hanno presa bene e nei commenti chiedono all'italo-americano di fare chiarezza sui tempi del closing. Chiarezza che non è arrivata. La sensazione è che si andrà oltre il 30 giugno, data entro la quale il Palermo dovrà formalizzare l'iscrizione al campionato di Serie B. In queste condizioni sarà la proprietà a fare l'iscrizione, così come è stato per le scelte dell'allenatore e del direttore sportivo.

17:56Calcio: Preziosi ‘irrealizzabile azionariato popolare’

(ANSA) - GENOVA, 26 GIU - "In attesa di sviluppi la squadra devo costruirla io". A parlare ai microfoni di Telenord è il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, che ha confermato l'intenzione per il momento di andare avanti da solo. "Il Genoa è in totale sicurezza - ha spiegato Preziosi -. E smentisco che ci sia una cordata genovese pronta a subentrare al sottoscritto. Ho solo incontrato una persona seria che ha presentato un progetto di azionariato popolare, una possibilità che non mi sembra percorribile. Serve invece presentare un conto corrente con i soldi". Preziosi ha poi parlato del mercato. "Sono impegnato a fare una squadra pronta per il ritiro - ha aggiunto -. Stiamo lavorando a fari spenti. Non vogliamo commettere gli stessi errori dello scorso anno. I giocatori costano e bisogna avere le giuste risorse per poterli prendere".

17:50Maltempo: temporali e venti forti al nord

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Il transito di una perturbazione di origine atlantica sul nostro Paese porterà una nuova fase di maltempo sulle regioni settentrionali, specie su Piemonte e Lombardia. Per questo il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L'avviso prevede, dal pomeriggio di oggi, precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere temporalesco, su Piemonte e Lombardia specie sui settori settentrionali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata, per la giornata di domani, allerta gialla su gran parte del Piemonte e della Lombardia.

17:46Calcio: Palermo, ecco Tedino ‘per me è occasione importante’

(ANSA) - PALERMO, 26 GIU - "Sono orgoglioso di essere in una squadra storica. Per me e per il mio staff è un'occasione importante, ma è un'occasione importante anche per il Palermo: siamo molto carichi e molto motivati". Sono queste le prime parole dell'allenatore Bruno Tedino, arrivato a Palermo. "Cercheremo di creare - ha proseguito - un certo tipo di staff, un certo tipo di zoccolo duro e abbiamo bisogno di tutti: città, stampa. Tutti devono portare il proprio mattoncino per costruire questa bellissima casa". E' arrivato in città anche Fabio Lupo, il nuovo direttore sportivo. Il primo colpo di mercato è il giovane difensore Andrea Ingegneri.

Archivio Ultima ora