Il ristorante “Il Nuovo Da Vittorio” vi invita a degustare la vera Cotoletta alla Napoletana

Pubblicato il 28 ottobre 2016 da redazione

LOGO DA VITTORIO

La cucina, oltre ad essere il fulcro di tante passioni ed emozioni, è anche il metodo più efficace per far convergere le diverse tradizioni culinarie delle varie nazionalità in un’unico piatto.

Molto spesso infatti abbiamo parlato di come il fondersi di ingredienti di diversa provenienza, desse vita a piatti innovativi che acquisivano automaticamente una storia degna dei più grandi libri di cucina, è successo con i primi piatti, con secondi e anche con i dolci, e quando si pensa a certe ricette, sembra proprio di riuscire a scorgere tutte le diverse particolarità che le compongono. Siamo certi che quella che vogliamo proporvi oggi, riuscirà a stupire molte persone, e non tanto per gli ingredienti che sono ovviamente semplici e facilmente reperibili, ma per la sua storia, che intreccia diverse provenienze, unendole in un unico e meraviglioso sapore: la cotoletta alla napoletana.

Volendo far riferimento al nome, molti sono portati a pensare che questo piatto nasca proprio all’ombra del Vesuvio, nella bella città partenopea, e invece non è così.

Napoli è pizza, spaghetti, mandolino e Pulcinella, calcio e Maradona, ma in tutta sincerità della cotoletta nessuno ne aveva mai parlato, anzi, a dirla tutta la cotoletta è sempre stata di Milano, la diretta e quasi sempre avversaria per antonomasia della bella Napoli. Ma allora cos’è questa cotoletta alla napoletana?

Originariamente, rispondeva al nome di “Milanesa alla Napolitana”, e come potrete intuire non è un nome italiano, bensì argentino. Questo piatto infatti, nacque proprio in Argentina, nel ristorante di Jorge La Grotta, “El napolitano”, si tratta della classica cotoletta impanata e fritta, ricoperta di formaggio, prosciutto, salsa e una spolverata di origano, e che proprio per la sua composizione ricorda appunto la pizza napoletana.

Si narra che una volta, in tarda serata, al ristorante di Jorge La Grotta, si presentò un cliente affezionato del locale, che fece come sempre il suo ordine chiedendo una cotoletta con patatine fritte. Giunto l’ordine in cucina, il cuoco un po’ distratto e forse stanco per l’interminabile giornata, prestò poca attenzione alla cottura della cotoletta, tanto da far bruciare tutta l’impanatura.

Essendo quella l’ultima fetta di carne, il proprietario diede sfogo alla sua fantasia e dopo aver sollevato con cura parte della crosta troppo bruciata, ricoprì la cotoletta con salsa, mozzarella e prosciutto e poi infornò la sua creazione per qualche minuto.

Il cliente, dinanzi alla nuova proposta, non riuscì a resistere e così in un batter d’occhio mangiò tutto, complimentandosi per la nuova ricetta che gli avevano fatto assaggiare. Visto il successo inaspettato per la cotoletta salvata in extremis, il proprietario del ristorante, decise di inserire nel menù questo piatto, dandogli appunto il nome di Milanesa alla Napolitana, per onorare e omaggiare quelli che sono i classici gusti ed accostamenti della cucina partenopea.

La cotoletta alla napoletana, divenne ben presto il fiore all’occhiello del ristorante che a fine anni 40, inizio anni 50 fu praticamente il piatto più amato e richiesto dai pugili dell’epoca che erano soliti frequentare il ristorante argentino.

cotoletta2

I successori di Jorge La Grotta, tuttavia, hanno prontamente smentito quella che è la storia del “cuoco pasticcione”, sostenendo invece che la ricetta fu pensata e ponderata, proprio per essere inserita nel menù e stupire i clienti.

Qualunque sia la realtà dei fatti, il risultato non cambia, la cotoletta alla napoletana, inventata in Argentina, rappresenta oggi uno dei piatti più apprezzati dalla cucina partenopea, indicando e sottolineando forse, la forte intesa tra due popoli così lontani eppure così simili. Voi l’avete mai preparata? Ecco cosa occorre.

– Ingredienti:

4 fette di carne di vitello impanate e fritte (cotolette); passata di pomodoro, 1 cipolla, 4 fette di mozzarella, 4 fette di prosciutto (crudo o cotto non ha importanza), sale q.b., olio q.b,, rigano o basilico (se preferite)

– Procedimento:

Far soffriggere in una padella con due cucchiai di olio, una cipolla tagliata a fette sottili. Attendere qualche minuto e quando la cipolla sarà imbiondita eliminarla dall’olio.

Aggiungere la passata di pomodoro, un po’ d’acqua, aggiustare di sale e poi lasciar cuocere, fino a quando il sugo sarà asciutto e denso.

Quando la salsa sarà pronta, procedere alla preparazione delle cotolette alla napoletana. Prendere le fette di carne impanate e fritte, vanno bene anche se preparate il giorno prima, posizionarle in un tegame leggermente bagnato di sugo e poi ricoprirle ancora con altra salsa.

Chiudere tutto ricoprendo le cotolette con la fetta di prosciutto e quella di mozzarella, spolverare se preferite con origano o basilico (il basilico vi consigliamo di metterlo a cottura ultimata, per fare in modo che mantenga freschezza e profumo), ed infornare a 180 gradi per 10 minuti, giusto il tempo necessario per far sciogliere la mozzarella e insaporire il tutto.

La cotoletta alla napoletana è finalmente pronta per essere portata in tavola, ottima da servire agli ospiti o da preparare per consumare le cotolette fritte avanzate della Domenica.

http://www.vesuviolive.it/cultura-napoletana/cucina/153449-cotoletta-alla-napoletana-bonta-partenopea-nata-un-errore-la-ricetta/

Ultima ora

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

Archivio Ultima ora