Clinton vs Trump, ultimo atto

Pubblicato il 03 novembre 2016 da redazione

clint-trump

di Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

NEW YORK. – Su una sola cosa sembrano essere tutti d’accordo: queste sono le peggiori elezioni della storia americana.

Eppure, alla vigilia di questa corsa a due, nessuno lo avrebbe mai pensato. Per tante ragioni. Prima di tutto perché Obama in 8 anni ha trasformato toni e maniere della Casa Bianca, rendendola la culla del politically correct, di uno stile accomodante, sorridente. Sarebbe stato lecito immaginare la sua ex-Segretario di Stato contrapposta all’ennesimo figlio della dinastia Bush in una sorta di duello di sempre tra democratici e repubblicani.

E invece no. E invece tra le stelle e le strisce è spuntato prepotente un certo Donald Trump.

Hillary la prima della classe contro Donald l’arancione.

Una candidatura, quella del Grand Old Party, capace di stabilire nuovi standard nella definizione della parola “atipica”.

Un uomo nel quale non credeva nessuno.

Non ci credeva il “suo” partito (le virgolette sono d’obbligo, il tycoon in realtà è un outsider) e forse non ci credevano nemmeno loro: il suo entourage, la sua famiglia, lo stesso Trump.

E invece, eccolo lì, nella sua corsa strampalata, con un piede oramai sulla linea del traguardo.

È fatta? Certo che no.

Non è fatta, però, nemmeno sul fronte opposto.

Diciamola tutta: Hillary non ha mai goduto delle simpatie della gente.

La sua aria da maestrina, la sua collezione di bugie, il suo occhio puntualmente strizzato all’alta finanza e ai poteri forti di questo Paese, sono elementi di un certo peso negli indici di gradimento e soprattutto nelle chiacchiere da bar.

Wikileaks e Assange l’hanno danneggiata e lo hanno fatto di proposito, forse addirittura imbeccati dal nemico numero 1, Vladimir Putin.

In questi ultimi giorni di campagna elettorale, ci ha pensato poi l’FBI ad infliggere quello che potrebbe passare alla storia come uno dei più eclatanti colpi di grazia dell’universo politico-mediatico. Riapertura delle indagini sul suo conto (tecnicamente non erano mai state chiuse, ma era da giugno che il dossier giaceva silente su una scrivania qualsiasi), scandalo delle email di nuovo al centro della scena e possibile tracollo con un Trump già dato fortemente in risalita nei sondaggi che contano.

Una sorta di incubo difficile anche soltanto da immaginare fino a qualche settimana fa. Una sorta di incubo che rischia di trasformarsi nella prossima realtà statunitense da qui ad una manciata di giorni.

Sarebbe un macroscopico errore socio-politico, però, classificare il fenomeno Trump come una variabile imprevedibile di un sistema apparentemente impazzito.

E, se milioni e milioni di americani lo ascoltano, se lo invocano come l’unico in grado di proteggere questa nazione, di renderla di nuovo grande (“Make America Great Again” è uno slogan tanto odioso quanto geniale), un motivo deve pur esserci.

E infatti c’è. Anzi, a dire il vero ce n’è più di uno.

Senza voler scendere troppo nel dettaglio di una gestione durata 8 anni, è sufficiente volare basso su profilo ed operato del presidente uscente.

Barack Obama ha ereditato un’America difficile, ha fronteggiato una delle crisi economiche più profonde dell’intera storia contemporanea, ha fatto i conti con uno scacchiere internazionale in fiamme e chi più ne ha più ne metta.
Ha avuto dei collaboratori validi che, leggi proprio alla voce Clinton, hanno di tanto in tanto commesso degli errori. Errori che ha commesso anche lui, errori che commettiamo tutti.

Errori sui quali, però, ha dato la sensazione di insistere, come nel caso della riforma ObamaCare. Nobile negli intenti, ma capace di calamitare su di sé aspre critiche bipartisan e, soprattuto, di far impennare tasse e tariffe assicurative. Un vero dramma per milioni e milioni di cittadini americani.

Questo uno dei cavalli di battaglia utilizzati dai repubblicani in campagna elettorale. Già sufficiente di per sé perché pesante come un macigno sul bilancio di tante famiglie normali.

Ma, evidentemente, non è tutto qui.

Altro tema delicatissimo è quello legato a immigrazione, integrazione e legalità.

Una delle ricchezze più grandi degli Stati Uniti è la diversità. Diversità di persone, idee, prospettive. È un fatto, però, che l’illegalità, intesa non soltanto come micro o macro criminalità ma anche e soprattutto in termini di evasione fiscale, abbia dilagato e stia tutt’ora dilagando.

Si accavallano testimonianze e lamentele di imprenditori che spiegano come i dipendenti regolarmente assunti siano meno felici di coloro che lavorano “a nero”. I primi pagati con assegni su cui gravano trattenute di ogni tipo, i secondi furbi e sorridenti con un bel rotolo di contanti e zero tasse. Gli stessi che, nella malaugurata ipotesi di una malattia o di un incidente, vanno a mungere un sistema ospedaliero (e qui torniamo alla riforma ObamaCare) cui hanno contribuito con uno zero spaccato e tondo tondo.

Insomma, qui sono in tanti ad avere la percezione di uno sgradevole “due pesi e due misure”. E Trump, con le sue promesse, per quanto poco dettagliate o addirittura campate in aria, fa gola a molti nonostante il suo fare inadeguato, imbarazzante, razzista, misogino, incommentabile.

Al di là di questi appunti specifici, infine, bisognerebbe essere in grado di distinguere il carisma di Obama, strepitoso, degno di Hollywood, dalle sue effettive capacità politiche. Senz’altro presenti, ma, come visto, non prive di lacune. Lacune che hanno alimentato ambizioni e desideri diversi da quelli che potrebbero essere coltivati in seno ad un suo eventuale “terzo mandato”, con Hillary Clinton al timone.

Clinton che, nella migliore delle ipotesi, passerà alla storia non soltanto per essere la prima presidente donna degli Stati Uniti, ma anche per il suo incamminarsi verso l’inauguration day del 20 gennaio con una bella inchiesta penale dell’FBI sul groppone.

Non il migliore degli inizi per un Paese che, in ogni caso, tra una settimana si ritroverà di colpo spaccato in due.

Ultima ora

11:32Renzi, mai pensato di fare come Macron, vergogna chi va via

(ANSA) - ROMA, 27 APR - "Quando vedi che persone come Macron fanno certi risultati...io lo sconsigliai Macron, invece ha funzionato ma con il 23 per cento. Non sono mai tentato di fare un mio partito, sono convinto che se dai la parola agli elettori stai in una comunità, chi sputa nel piatto in cui mangia si deve vergognare. Dopo di che il sistema francese con il ballottaggio funziona eccome ed infatti io con il referendum volevo la semplificazione totale". Così Matteo Renzi, a Rtl, alla domanda sulla tentazione di fare un suo partito.

11:26Tennis: Bouchard su Sharapova, “non dovrebbe più giocare”

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Maria Sharapova nel mirino. La campionessa russa torna e vince, ma non tutti sono con lei. Sulla tennista, ex numero uno del mondo, rientrata ieri in campo a Stoccarda in una competizione ufficiale, battendo Roberta Vinci, dopo 15 mesi di squalifica per doping, giungono soprattutto le critiche durissime dalla collega canadese Eugenie Bouchard, numero 59 del mondo e finalista a Wimbledon nel 2014. "Non doveva tornare" dichiara al sito dell'Independent, la campionessa russa è una "imbrogliona"' e la federazione "non doveva riammetterla" in campo. E sulla BBC sport la tennista canadese rincara la dose: "con la sua decisione, la Wta ha lanciato un messaggio sbagliato ai giovani: imbrogliate tanto poi vi daremo il bentornato a braccia aperte. Non credo tutto ciò sia giusto'. Secondo Bouchard, citata anche dal Daily Mail, la Sharapova "non dovrebbe più giocare".

11:10Incidenti stradali: due ragazzi morti nel Mantovano

(ANSA) - MILANO, 27 APR - Due giovani, entrambi ventenni, sono morti la scorsa notte in un grave incidente stradale che si è verificato a Poggio Rusco (Mantova). Lo ha comunicato il 118. E' accaduto sulla Strada provinciale Ex SS496 poco prima delle 23 di ieri. Secondo quanto si è saputo si sarebbe trattato di un'uscita di strada di un autovettura, finita contro un albero senza il coinvolgimento di altri mezzi. Un giovane di 20 anni è morto sul colpo, un coetaneo, trasportato con 'elisoccorso agli Spedali Civili di Brescia per un grave politrauma, è deceduto una volta giunto al pronto soccorso. Un 21enne è stato trasportato in codice giallo all'ospedale di Mantova.

10:53Corea Nord: esperto Usa, armi in parate militari sono finte

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Le armi sfoggiate dai soldati nordcoreani durante le imponenti parate militari organizzate da Pyongyang sono per gran parte finte: ne e' convinto l'ex funzionario dell'intelligence americana Michael Pregent. L'esperto ha analizzato le immagini della parata militare del 15 aprile scorso ed ha concluso che neanche gli occhiali da sole indossati dai soldati in tuta mimetica avrebbero i requisiti necessari per essere utilizzati in combattimento. Molti dei fucili erano finti, ha proseguito Pregent alla Fox News, ipotizzando che molti soldati imbracciavano anche semplici armi giocattolo. Stessa cosa dicasi per i proiettili fuori misura montati alle estremità di alcuni fucili.

10:44Tap: terminate operazioni messa a dimora ulivi eradicati

(ANSA) - MELENDUGNO (LECCE), 27 APR - Sono terminate senza incidenti le operazioni di travaso degli 11 ulivi eradicati dai lotti 2 e 3 e riposti in grandi vasi nel lotto 4 del cantiere del gasdotto Tap in località San Basilio, a San Foca di Melendugno. Le operazioni di eradicazione e messa a dimora degli alberi sono state 'scortate' da più di 100 agenti di polizia arrivati sul posto sin dalle 3 della notte per garantire ai tecnici del consorzio Tap di ultimare le attività previste nel primo step dei lavori e più volte interrotte nelle scorse settimane dalla protesta degli attivisti che si oppongono al progetto del gasdotto. Non si sono registrati scontri o disordini. I manifestanti sono rimasti 'confinati' a ridosso del loro presidio manifestando con slogan e cori la loro contrarietà al progetto della multinazionale svizzera. L'uscita dei cinque camion di Tap dal cantiere al termine delle operazioni é stata accompagnata da un tentativo dei manifestanti di aprirsi un varco nel cordone si sicurezza eretto dagli agenti.

10:44Armati e pronti a sparare, tre arresti a Bari

(ANSA) - BARI, 27 APR - Avevano armi - tre pistole e una mitraglietta - con il colpo in canna e molto probabilmente erano in procinto di compiere un nuovo agguato le tre persone, tutte con precedenti penali, arrestate ieri dagli agenti della squadra Mobile della Polizia di Bari. I tre sono stati bloccati dalla polizia nel quartiere Japigia, nell'ambito di controlli di prevenzione del crimine, nella flagranza dei reati di detenzione e porto abusivo di armi da fuoco clandestine e ricettazione aggravata in concorso. Uno dei tre pregiudicati è anche sottoposto alla misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.

10:29Merkel, Gb non avrà diritti come stato Ue,no illusioni

(ANSA) - BERLINO, 27 APR - "Un terzo Stato, quale sarà la Gran Bretagna, non potrà avere gli stessi diritti di uno stato europeo". Lo ha detto Angela Merkel al Bundestag, in vista del consiglio europeo sulla Brexit. La cancelliera ha specificato di "dovere esprimere anche concetti che sembrano scontati". "Ho infatti la sensazione che qualcuno in Gran Bretagna si faccia delle illusioni, e deve essere detto chiaramente che questo è tempo sprecato", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora