Clinton vs Trump, ultimo atto

Pubblicato il 03 novembre 2016 da redazione

clint-trump

di Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

NEW YORK. – Su una sola cosa sembrano essere tutti d’accordo: queste sono le peggiori elezioni della storia americana.

Eppure, alla vigilia di questa corsa a due, nessuno lo avrebbe mai pensato. Per tante ragioni. Prima di tutto perché Obama in 8 anni ha trasformato toni e maniere della Casa Bianca, rendendola la culla del politically correct, di uno stile accomodante, sorridente. Sarebbe stato lecito immaginare la sua ex-Segretario di Stato contrapposta all’ennesimo figlio della dinastia Bush in una sorta di duello di sempre tra democratici e repubblicani.

E invece no. E invece tra le stelle e le strisce è spuntato prepotente un certo Donald Trump.

Hillary la prima della classe contro Donald l’arancione.

Una candidatura, quella del Grand Old Party, capace di stabilire nuovi standard nella definizione della parola “atipica”.

Un uomo nel quale non credeva nessuno.

Non ci credeva il “suo” partito (le virgolette sono d’obbligo, il tycoon in realtà è un outsider) e forse non ci credevano nemmeno loro: il suo entourage, la sua famiglia, lo stesso Trump.

E invece, eccolo lì, nella sua corsa strampalata, con un piede oramai sulla linea del traguardo.

È fatta? Certo che no.

Non è fatta, però, nemmeno sul fronte opposto.

Diciamola tutta: Hillary non ha mai goduto delle simpatie della gente.

La sua aria da maestrina, la sua collezione di bugie, il suo occhio puntualmente strizzato all’alta finanza e ai poteri forti di questo Paese, sono elementi di un certo peso negli indici di gradimento e soprattutto nelle chiacchiere da bar.

Wikileaks e Assange l’hanno danneggiata e lo hanno fatto di proposito, forse addirittura imbeccati dal nemico numero 1, Vladimir Putin.

In questi ultimi giorni di campagna elettorale, ci ha pensato poi l’FBI ad infliggere quello che potrebbe passare alla storia come uno dei più eclatanti colpi di grazia dell’universo politico-mediatico. Riapertura delle indagini sul suo conto (tecnicamente non erano mai state chiuse, ma era da giugno che il dossier giaceva silente su una scrivania qualsiasi), scandalo delle email di nuovo al centro della scena e possibile tracollo con un Trump già dato fortemente in risalita nei sondaggi che contano.

Una sorta di incubo difficile anche soltanto da immaginare fino a qualche settimana fa. Una sorta di incubo che rischia di trasformarsi nella prossima realtà statunitense da qui ad una manciata di giorni.

Sarebbe un macroscopico errore socio-politico, però, classificare il fenomeno Trump come una variabile imprevedibile di un sistema apparentemente impazzito.

E, se milioni e milioni di americani lo ascoltano, se lo invocano come l’unico in grado di proteggere questa nazione, di renderla di nuovo grande (“Make America Great Again” è uno slogan tanto odioso quanto geniale), un motivo deve pur esserci.

E infatti c’è. Anzi, a dire il vero ce n’è più di uno.

Senza voler scendere troppo nel dettaglio di una gestione durata 8 anni, è sufficiente volare basso su profilo ed operato del presidente uscente.

Barack Obama ha ereditato un’America difficile, ha fronteggiato una delle crisi economiche più profonde dell’intera storia contemporanea, ha fatto i conti con uno scacchiere internazionale in fiamme e chi più ne ha più ne metta.
Ha avuto dei collaboratori validi che, leggi proprio alla voce Clinton, hanno di tanto in tanto commesso degli errori. Errori che ha commesso anche lui, errori che commettiamo tutti.

Errori sui quali, però, ha dato la sensazione di insistere, come nel caso della riforma ObamaCare. Nobile negli intenti, ma capace di calamitare su di sé aspre critiche bipartisan e, soprattuto, di far impennare tasse e tariffe assicurative. Un vero dramma per milioni e milioni di cittadini americani.

Questo uno dei cavalli di battaglia utilizzati dai repubblicani in campagna elettorale. Già sufficiente di per sé perché pesante come un macigno sul bilancio di tante famiglie normali.

Ma, evidentemente, non è tutto qui.

Altro tema delicatissimo è quello legato a immigrazione, integrazione e legalità.

Una delle ricchezze più grandi degli Stati Uniti è la diversità. Diversità di persone, idee, prospettive. È un fatto, però, che l’illegalità, intesa non soltanto come micro o macro criminalità ma anche e soprattutto in termini di evasione fiscale, abbia dilagato e stia tutt’ora dilagando.

Si accavallano testimonianze e lamentele di imprenditori che spiegano come i dipendenti regolarmente assunti siano meno felici di coloro che lavorano “a nero”. I primi pagati con assegni su cui gravano trattenute di ogni tipo, i secondi furbi e sorridenti con un bel rotolo di contanti e zero tasse. Gli stessi che, nella malaugurata ipotesi di una malattia o di un incidente, vanno a mungere un sistema ospedaliero (e qui torniamo alla riforma ObamaCare) cui hanno contribuito con uno zero spaccato e tondo tondo.

Insomma, qui sono in tanti ad avere la percezione di uno sgradevole “due pesi e due misure”. E Trump, con le sue promesse, per quanto poco dettagliate o addirittura campate in aria, fa gola a molti nonostante il suo fare inadeguato, imbarazzante, razzista, misogino, incommentabile.

Al di là di questi appunti specifici, infine, bisognerebbe essere in grado di distinguere il carisma di Obama, strepitoso, degno di Hollywood, dalle sue effettive capacità politiche. Senz’altro presenti, ma, come visto, non prive di lacune. Lacune che hanno alimentato ambizioni e desideri diversi da quelli che potrebbero essere coltivati in seno ad un suo eventuale “terzo mandato”, con Hillary Clinton al timone.

Clinton che, nella migliore delle ipotesi, passerà alla storia non soltanto per essere la prima presidente donna degli Stati Uniti, ma anche per il suo incamminarsi verso l’inauguration day del 20 gennaio con una bella inchiesta penale dell’FBI sul groppone.

Non il migliore degli inizi per un Paese che, in ogni caso, tra una settimana si ritroverà di colpo spaccato in due.

Ultima ora

11:44Gerusalemme: Erdogan,riconosciamola capitale Palestina

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "Dobbiamo riconoscere lo Stato di Palestina con i confini del 1967, liberandoci dall'idea che questo sia un ostacolo alla pace", e "Gerusalemme come capitale dello stato occupato di Palestina". È l'appello lanciato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan in apertura del vertice straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. "Almeno 196 Paesi Onu sono fermamente contrari" alla decisione di Donald Trump, ha aggiunto Erdogan, ribadendo che "Gerusalemme è la nostra linea rossa".

11:41Doping: Froome, Team “farmaco usato in dosi consentite” (3)

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Team Sky in una nota ricorda che il salbutamolo "è consentito dalle regole WADA (senza necessità di TUE, esenzione per uso terapeutico) se inalato fino a un massimo di 1.600 microgrammi (mcg) per un periodo di 24 ore e non più di 800 mcg per 12 ore. Froome era stato avvisato dall'Uci che dal controllo sulle urine del 7 settembre era emersa una concentrazione di Salbutamolo a un livello che gli impone di fornire informazioni per confermare di aver inalato non più della dose ammissibile. L'analisi indicava la concentrazione di 2.000 nanogrammi per millilitro (ng / ml), rispetto alla soglia WADA di 1.000 ng / ml. Nessuno degli altri 20 test delle urine effettuati da Chris ha richiesto ulteriori spiegazioni". La squadra di Froome sottolinea poi che "esistono variazioni significative e imprevedibili nel modo in cui il salbutamolo viene metabolizzato ed escreto. Di conseguenza, l'uso di dosaggi consentiti di Salbutamol può talvolta portare a elevate concentrazioni urinarie, che richiedono una spiegazione".

11:39Maltempo: altra frana nel Lecchese, è la terza in due giorni

(ANSA) - LECCO, 13 DIC - Altra frana sulle strade del Lecchese, la terza in meno di due giorni. Nella notte si è verificata la caduta di massi e detriti sulla strada provinciale 65, che unisce Perledo a Esino Lario, interrotta al traffico. Sul posto i vigili del fuoco e i tecnici della Provincia di Lecco. In mattinata la rimozione del materiale caduto sulla sede stradale, quindi il sopralluogo per verificare il rischio di altri smottamenti. Dopo le precipitazioni dei giorni scorsi la zona dell'Alto Lario e della Valsassina è monitorata per il rischio di nuovi smottamenti. (ANSA).

11:34Bangladesh: Unicef, vaccinazioni per 255.000 bambini

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il governo del Bangladesh - supportato da Unicef, Oms e dall'Alleanza Globale per le Vaccinazioni (Gavi) - ha lanciato una campagna di vaccinazione contro la difterite e altre malattie prevenibili per i circa 255.000 bambini Rohingya di età compresa fra le 6 settimane e i 6 anni che vivono in 12 campi per rifugiati e insediamenti temporanei vicino al confine col Myanmar. In particolare, si tratta dei sotto-distretti di Ukhiya e Teknaf a Cox's Bazar, rende noto un comunicato dell'Unicef.

11:33Ciclismo: Tour Down under, Porte guiderà l’assalto della Bmc

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - La Bmc schiererà un vero e proprio squadrone, per tentare l'assalto al Tour Down under di ciclismo: al via della prima gara del World tour ci saranno, infatti, i vincitori delle quattro ultime edizioni, vale a dire Richie Porte, Simon Gerrans e Rohan Dennis. A completare la formazione, il campione australiano Miles Scotson, il neozelandese Patrick Bevin, il duo svizzero Tom Bohli e Danilo Wyss. Richie Porte sarà il capitano del team. Dennis ha vinto il Down Under nel 2015 e punta al bis dell'anno prossimo. Il Tour Down under si disputerà dal 14 al 21 gennaio dell'anno prossimo, con partenza da Adelaide. Nel 2018 la gara australiana celebrerà le 20 edizioni, essendo nata nel 1999.

11:31Doping: Uci chiede spiegazioni a Froome (2)

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ha sconvolto il mondo del ciclismo la notizia della positività di Froome nelle analisi effettuate il 7 settembre, in occasione della 18ma tappa della Vuelta, il Giro di Spagna che poi il corridore britannico ha vinto. La federazione internazionale (Uci) ha già sollecitato ulteriori approfondimenti ed ha chiesto alla squadre del corridore britannico di fornire spiegazioni sull'accaduto. In ogni caso per il momento non verrà preso alcun provvedimento sanzionatorio, vista la natura della sostanza, l'antiasmatico appunto, trovato nel sangue del corridore. Il Team Sky in una nota ha ricordato che Froome "nel corso dell'ultima settimana della Vuelta ha sofferto di attacchi acuti di asma e in accordo con i medici della squadra ha aumentato il dosaggio" del farmaco nelle dosi consentite.

11:25Torino: blitz della Digos, sgomberato centro sociale Fenix

(ANSA) - TORINO, 13 DIC - Blitz della Digos di Torino al Fenix, edificio occupato dagli squatter dall'estate scorsa nel centro del capoluogo. All'alba di questa mattina, gli agenti hanno fatto irruzione nello stabile. Il Fenix, di proprietà del comune di Torino, era stato adibito a biblioteca e a punto informativo del gruppo di anarchici. Domani sera, come tutti i giovedì, era prevista un'assemblea aperta. Lo sgombero del Fenix, in corso San Maurizio angolo via Rossini, è stato espletato senza ripercussioni per l'ordine e la sicurezza pubblica. Sono in corso le operazioni di messa in sicurezza dello stabile a cura dell'amministrazione comunale proprietaria dell'edificio.(ANSA).

Archivio Ultima ora