Clinton vs Trump, ultimo atto

Pubblicato il 03 novembre 2016 da redazione

clint-trump

di Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

NEW YORK. – Su una sola cosa sembrano essere tutti d’accordo: queste sono le peggiori elezioni della storia americana.

Eppure, alla vigilia di questa corsa a due, nessuno lo avrebbe mai pensato. Per tante ragioni. Prima di tutto perché Obama in 8 anni ha trasformato toni e maniere della Casa Bianca, rendendola la culla del politically correct, di uno stile accomodante, sorridente. Sarebbe stato lecito immaginare la sua ex-Segretario di Stato contrapposta all’ennesimo figlio della dinastia Bush in una sorta di duello di sempre tra democratici e repubblicani.

E invece no. E invece tra le stelle e le strisce è spuntato prepotente un certo Donald Trump.

Hillary la prima della classe contro Donald l’arancione.

Una candidatura, quella del Grand Old Party, capace di stabilire nuovi standard nella definizione della parola “atipica”.

Un uomo nel quale non credeva nessuno.

Non ci credeva il “suo” partito (le virgolette sono d’obbligo, il tycoon in realtà è un outsider) e forse non ci credevano nemmeno loro: il suo entourage, la sua famiglia, lo stesso Trump.

E invece, eccolo lì, nella sua corsa strampalata, con un piede oramai sulla linea del traguardo.

È fatta? Certo che no.

Non è fatta, però, nemmeno sul fronte opposto.

Diciamola tutta: Hillary non ha mai goduto delle simpatie della gente.

La sua aria da maestrina, la sua collezione di bugie, il suo occhio puntualmente strizzato all’alta finanza e ai poteri forti di questo Paese, sono elementi di un certo peso negli indici di gradimento e soprattutto nelle chiacchiere da bar.

Wikileaks e Assange l’hanno danneggiata e lo hanno fatto di proposito, forse addirittura imbeccati dal nemico numero 1, Vladimir Putin.

In questi ultimi giorni di campagna elettorale, ci ha pensato poi l’FBI ad infliggere quello che potrebbe passare alla storia come uno dei più eclatanti colpi di grazia dell’universo politico-mediatico. Riapertura delle indagini sul suo conto (tecnicamente non erano mai state chiuse, ma era da giugno che il dossier giaceva silente su una scrivania qualsiasi), scandalo delle email di nuovo al centro della scena e possibile tracollo con un Trump già dato fortemente in risalita nei sondaggi che contano.

Una sorta di incubo difficile anche soltanto da immaginare fino a qualche settimana fa. Una sorta di incubo che rischia di trasformarsi nella prossima realtà statunitense da qui ad una manciata di giorni.

Sarebbe un macroscopico errore socio-politico, però, classificare il fenomeno Trump come una variabile imprevedibile di un sistema apparentemente impazzito.

E, se milioni e milioni di americani lo ascoltano, se lo invocano come l’unico in grado di proteggere questa nazione, di renderla di nuovo grande (“Make America Great Again” è uno slogan tanto odioso quanto geniale), un motivo deve pur esserci.

E infatti c’è. Anzi, a dire il vero ce n’è più di uno.

Senza voler scendere troppo nel dettaglio di una gestione durata 8 anni, è sufficiente volare basso su profilo ed operato del presidente uscente.

Barack Obama ha ereditato un’America difficile, ha fronteggiato una delle crisi economiche più profonde dell’intera storia contemporanea, ha fatto i conti con uno scacchiere internazionale in fiamme e chi più ne ha più ne metta.
Ha avuto dei collaboratori validi che, leggi proprio alla voce Clinton, hanno di tanto in tanto commesso degli errori. Errori che ha commesso anche lui, errori che commettiamo tutti.

Errori sui quali, però, ha dato la sensazione di insistere, come nel caso della riforma ObamaCare. Nobile negli intenti, ma capace di calamitare su di sé aspre critiche bipartisan e, soprattuto, di far impennare tasse e tariffe assicurative. Un vero dramma per milioni e milioni di cittadini americani.

Questo uno dei cavalli di battaglia utilizzati dai repubblicani in campagna elettorale. Già sufficiente di per sé perché pesante come un macigno sul bilancio di tante famiglie normali.

Ma, evidentemente, non è tutto qui.

Altro tema delicatissimo è quello legato a immigrazione, integrazione e legalità.

Una delle ricchezze più grandi degli Stati Uniti è la diversità. Diversità di persone, idee, prospettive. È un fatto, però, che l’illegalità, intesa non soltanto come micro o macro criminalità ma anche e soprattutto in termini di evasione fiscale, abbia dilagato e stia tutt’ora dilagando.

Si accavallano testimonianze e lamentele di imprenditori che spiegano come i dipendenti regolarmente assunti siano meno felici di coloro che lavorano “a nero”. I primi pagati con assegni su cui gravano trattenute di ogni tipo, i secondi furbi e sorridenti con un bel rotolo di contanti e zero tasse. Gli stessi che, nella malaugurata ipotesi di una malattia o di un incidente, vanno a mungere un sistema ospedaliero (e qui torniamo alla riforma ObamaCare) cui hanno contribuito con uno zero spaccato e tondo tondo.

Insomma, qui sono in tanti ad avere la percezione di uno sgradevole “due pesi e due misure”. E Trump, con le sue promesse, per quanto poco dettagliate o addirittura campate in aria, fa gola a molti nonostante il suo fare inadeguato, imbarazzante, razzista, misogino, incommentabile.

Al di là di questi appunti specifici, infine, bisognerebbe essere in grado di distinguere il carisma di Obama, strepitoso, degno di Hollywood, dalle sue effettive capacità politiche. Senz’altro presenti, ma, come visto, non prive di lacune. Lacune che hanno alimentato ambizioni e desideri diversi da quelli che potrebbero essere coltivati in seno ad un suo eventuale “terzo mandato”, con Hillary Clinton al timone.

Clinton che, nella migliore delle ipotesi, passerà alla storia non soltanto per essere la prima presidente donna degli Stati Uniti, ma anche per il suo incamminarsi verso l’inauguration day del 20 gennaio con una bella inchiesta penale dell’FBI sul groppone.

Non il migliore degli inizi per un Paese che, in ogni caso, tra una settimana si ritroverà di colpo spaccato in due.

Ultima ora

22:12Calcio: Mirabelli, Montella? Ognuno ha un suo tempo

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Ognuno di noi ha un tempo nella vita e nel mestiere che fa, non solo Montella. Questo Milan è stato costruito con tutti i rischi del caso: abbiamo voluto dare al mister un gruppo di giocatori giovani, con un buon futuro. La proprietà non è affatto lontana, è vicina e ci sta facendo lavorare tutti al meglio, ma il tempo è un orologio per tutti". Così il ds rossonero Massimiliano Mirabelli su Vincenzo Montella, parlando a Sky poco prima della sfida di Europa League contro l'Aek Atene. "Il futuro dell'allenatore è legato ai risultati? È il rischio del nostro lavoro - ha risposto il dirigente - A volte capita anche a grandi allenatori e grandi dirigenti di non ottenere risultati in un anno. Finora abbiamo fatto vedere buone cose in alcuni momenti, mentre in altri no: non ce lo possiamo permettere. Ma stiamo lavorando affinché la squadra sia consapevole della propria forza. Non dimentichiamo che il Milan è la squadra che dà più giocatori alle Nazionali: è un gruppo forte, deve diventare presto squadra".

22:10Morte Magherini: appello conferma condanne di 3 carabinieri

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - La corte d'appello di Firenze ha confermato nella sostanza la sentenza di primo grado con cui furono condannati tre carabinieri per omicidio colposo nella vicenda della morte di Riccardo Magherini, il 40enne deceduto in strada a Firenze durante un controllo la notte del 3 marzo 2014. Condannati quindi i carabinieri Vincenzo Corni a 8 mesi, Stefano Castellano e Agostino Della Porta a 7 mesi ciascuno. Restano assolte le due volontarie della Croce Rossa, Claudia Matta e Jannetta Mitrea.

22:04‘Marcia su Roma’ di Fn non si farà il 28, ipotesi 4 novembre

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Forza Nuova (Fn) ha rinunciato a tenere qualsiasi iniziativa il 28 ottobre, anniversario della Marcia su Roma fascista del 1922, dopo il divieto notificato dalla Questura della Capitale per la manifestazione annunciata. "Nel pomeriggio odierno i promotori si sono presentati in Questura comunicando nuove modalità di svolgimento dell'iniziativa, che sono oggetto di adeguate valutazioni - si legge in una nota della Questura -. Il 28 ottobre, quindi, non si terrà nessun evento". Forza Nuova ha presentato preavviso per un'altra data. Si lavora all'ipotesi del 4 novembre, giornata dell'Unità della nazione delle forze armate, con un corteo all'Eur sul percorso previsto per il 28. "Non abbiamo ancora sciolto la riserva sul 28 - dice il leader di Forza Nuova Roberto Fiore -, stiamo cercando un modo di risolvere l'impasse". Fn non avrebbe ancora ritirato la comunicazione per quel giorno e lancia un appello online al ministro dell'Interno Marco Minniti, che da settimane ha detto che la Marcia non sarà autorizzata.

21:55‘Ndrangheta: Riesame scarcera imprenditore Lugarà

(ANSA) - MILANO, 19 OTT - E' stato scarcerato per mancanza dei gravi indizi di colpevolezza dal Tribunale del Riesame di Milano Antonino Lugarà, l'imprenditore arrestato per corruzione quasi un mese fa nel maxi blitz delle Procure di Monza e Milano contro 'ndrangheta e corruzione. Lugarà, difeso dai legali Luca Ricci e Bruno Brucoli, era finito in carcere con l'accusa di aver procurato voti per l'elezione del sindaco di Seregno (Monza e Brianza) Edoardo Mazza di FI, anche lui arrestato, in cambio del via libera alla realizzazione di un centro commerciale. Lugarà è uscito in serata dal carcere di Opera, dove era detenuto dal 26 settembre scorso, su decisione del collegio del Riesame presieduto da Luisa Savoia che ha accolto il ricorso per l'annullamento dell'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Monza, presentato dal legale Luca Ricci (le motivazioni della decisione saranno depositate tra 45 giorni).

21:44Calcio: Europa League, Nizza-Lazio 1-3

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Dura meno di un minuto l'illusione del Nizza contro la Lazio che, a sua volta, vede proseguire anche in Europa League il momento magico: all'Allianz Riviera, i biancocelesti s'impongono in rimonta per 3-1. Padroni di casa avanti al 4': Jallet in area serve all'indietro Sneijder; cross dell'olandese per la testa di Balotelli che batte Strakosha. Meno di 60 secondi e la Lazio pareggia: palla al centro e lancio di Luis Felipe per Milinkovic-Savic che spizza di testa; Caicedo sfrutta l'indecisione tra Cardinale e Dante e batte il portiere da due passi. Non succede granché fino alla nuova fiammata laziale, che arriva al 65': cross di Caicedo dalla linea di fondo che serve centralmente Milinkovic-Savic; il numero 21 anticipa l'intervento di Le Marchand e batte Cardinale di destro. L'1-3 giunge all'89' sugli sviluppi di un angolo: Milinkovic-Savic di testa batte ancora il n. 1 del Nizza. Nell'altra gara della 3/a giornata: Zulte Waregem-Vitesse Arnhem 1-1. Classifica: Lazio 9; Nizza 6; Vitesse e Waregem 1.

21:28Lega: motivazioni, Bossi consapevole truffa rimborsi

(ANSA) - GENOVA, 19 OTT - Umberto Bossi e Francesco Belsito "erano consapevoli delle irregolarità dei rendiconti da loro sottoscritti". Lo scrivono i giudici del tribunale di Genova nelle motivazioni della sentenza con cui hanno condannato il Senatur a 2 anni e 2 mesi e l'ex tesoriere della Lega Nord a 4 anni e 10 mesi per la maxi truffa per i rimborsi elettorali. Consapevole era Belsito "autore materiale delle appropriazioni" ma anche Bossi "considerato che la irregolare gestione contabile si protraeva da anni", che il Senatur "i suoi familiari e persone del suo entourage erano i beneficiari delle spese, anche ingenti, a fini privati, e che i rimborsi mensili forfettari e in nero, anche per attività inesistenti e comunque non documentate erano erogati anche a favore dei suoi stretti congiunti e collaboratori; che per ragioni di carica aveva certamente contatti continui con Belsito che non vi era nessuna logica ragione di effettuare spese ed erogazioni a favore di Umberto Bossi e dei suoi familiari a sua insaputa".

21:05Morto a Santa Croce: procura sequestra area decesso

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - La procura di Firenze ha deciso di porre sotto sequestro l'area della basilica di Santa Croce dove oggi si è verificato l'incidente mortale a un turista spagnolo per il distacco di un frammento che lo ha colpito. La decisione è stata presa nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo aperta sul fatto. Sul caso è stata aperta un'inchiesta per omicidio colposo. L'Opera di santa Croce ha spiegato, attraverso il segretario generale Giuseppe De Micheli, che controlli erano stati effettuati una settimana fa in occasione della pulitura delle vetrate.

Archivio Ultima ora