Clinton vs Trump, ultimo atto

Pubblicato il 03 novembre 2016 da redazione

clint-trump

di Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

NEW YORK. – Su una sola cosa sembrano essere tutti d’accordo: queste sono le peggiori elezioni della storia americana.

Eppure, alla vigilia di questa corsa a due, nessuno lo avrebbe mai pensato. Per tante ragioni. Prima di tutto perché Obama in 8 anni ha trasformato toni e maniere della Casa Bianca, rendendola la culla del politically correct, di uno stile accomodante, sorridente. Sarebbe stato lecito immaginare la sua ex-Segretario di Stato contrapposta all’ennesimo figlio della dinastia Bush in una sorta di duello di sempre tra democratici e repubblicani.

E invece no. E invece tra le stelle e le strisce è spuntato prepotente un certo Donald Trump.

Hillary la prima della classe contro Donald l’arancione.

Una candidatura, quella del Grand Old Party, capace di stabilire nuovi standard nella definizione della parola “atipica”.

Un uomo nel quale non credeva nessuno.

Non ci credeva il “suo” partito (le virgolette sono d’obbligo, il tycoon in realtà è un outsider) e forse non ci credevano nemmeno loro: il suo entourage, la sua famiglia, lo stesso Trump.

E invece, eccolo lì, nella sua corsa strampalata, con un piede oramai sulla linea del traguardo.

È fatta? Certo che no.

Non è fatta, però, nemmeno sul fronte opposto.

Diciamola tutta: Hillary non ha mai goduto delle simpatie della gente.

La sua aria da maestrina, la sua collezione di bugie, il suo occhio puntualmente strizzato all’alta finanza e ai poteri forti di questo Paese, sono elementi di un certo peso negli indici di gradimento e soprattutto nelle chiacchiere da bar.

Wikileaks e Assange l’hanno danneggiata e lo hanno fatto di proposito, forse addirittura imbeccati dal nemico numero 1, Vladimir Putin.

In questi ultimi giorni di campagna elettorale, ci ha pensato poi l’FBI ad infliggere quello che potrebbe passare alla storia come uno dei più eclatanti colpi di grazia dell’universo politico-mediatico. Riapertura delle indagini sul suo conto (tecnicamente non erano mai state chiuse, ma era da giugno che il dossier giaceva silente su una scrivania qualsiasi), scandalo delle email di nuovo al centro della scena e possibile tracollo con un Trump già dato fortemente in risalita nei sondaggi che contano.

Una sorta di incubo difficile anche soltanto da immaginare fino a qualche settimana fa. Una sorta di incubo che rischia di trasformarsi nella prossima realtà statunitense da qui ad una manciata di giorni.

Sarebbe un macroscopico errore socio-politico, però, classificare il fenomeno Trump come una variabile imprevedibile di un sistema apparentemente impazzito.

E, se milioni e milioni di americani lo ascoltano, se lo invocano come l’unico in grado di proteggere questa nazione, di renderla di nuovo grande (“Make America Great Again” è uno slogan tanto odioso quanto geniale), un motivo deve pur esserci.

E infatti c’è. Anzi, a dire il vero ce n’è più di uno.

Senza voler scendere troppo nel dettaglio di una gestione durata 8 anni, è sufficiente volare basso su profilo ed operato del presidente uscente.

Barack Obama ha ereditato un’America difficile, ha fronteggiato una delle crisi economiche più profonde dell’intera storia contemporanea, ha fatto i conti con uno scacchiere internazionale in fiamme e chi più ne ha più ne metta.
Ha avuto dei collaboratori validi che, leggi proprio alla voce Clinton, hanno di tanto in tanto commesso degli errori. Errori che ha commesso anche lui, errori che commettiamo tutti.

Errori sui quali, però, ha dato la sensazione di insistere, come nel caso della riforma ObamaCare. Nobile negli intenti, ma capace di calamitare su di sé aspre critiche bipartisan e, soprattuto, di far impennare tasse e tariffe assicurative. Un vero dramma per milioni e milioni di cittadini americani.

Questo uno dei cavalli di battaglia utilizzati dai repubblicani in campagna elettorale. Già sufficiente di per sé perché pesante come un macigno sul bilancio di tante famiglie normali.

Ma, evidentemente, non è tutto qui.

Altro tema delicatissimo è quello legato a immigrazione, integrazione e legalità.

Una delle ricchezze più grandi degli Stati Uniti è la diversità. Diversità di persone, idee, prospettive. È un fatto, però, che l’illegalità, intesa non soltanto come micro o macro criminalità ma anche e soprattutto in termini di evasione fiscale, abbia dilagato e stia tutt’ora dilagando.

Si accavallano testimonianze e lamentele di imprenditori che spiegano come i dipendenti regolarmente assunti siano meno felici di coloro che lavorano “a nero”. I primi pagati con assegni su cui gravano trattenute di ogni tipo, i secondi furbi e sorridenti con un bel rotolo di contanti e zero tasse. Gli stessi che, nella malaugurata ipotesi di una malattia o di un incidente, vanno a mungere un sistema ospedaliero (e qui torniamo alla riforma ObamaCare) cui hanno contribuito con uno zero spaccato e tondo tondo.

Insomma, qui sono in tanti ad avere la percezione di uno sgradevole “due pesi e due misure”. E Trump, con le sue promesse, per quanto poco dettagliate o addirittura campate in aria, fa gola a molti nonostante il suo fare inadeguato, imbarazzante, razzista, misogino, incommentabile.

Al di là di questi appunti specifici, infine, bisognerebbe essere in grado di distinguere il carisma di Obama, strepitoso, degno di Hollywood, dalle sue effettive capacità politiche. Senz’altro presenti, ma, come visto, non prive di lacune. Lacune che hanno alimentato ambizioni e desideri diversi da quelli che potrebbero essere coltivati in seno ad un suo eventuale “terzo mandato”, con Hillary Clinton al timone.

Clinton che, nella migliore delle ipotesi, passerà alla storia non soltanto per essere la prima presidente donna degli Stati Uniti, ma anche per il suo incamminarsi verso l’inauguration day del 20 gennaio con una bella inchiesta penale dell’FBI sul groppone.

Non il migliore degli inizi per un Paese che, in ogni caso, tra una settimana si ritroverà di colpo spaccato in due.

Ultima ora

18:05Calcio: ufficiale, la Fiorentina è in vendita

(ANSA) - FIRENZE, 26 GIU - La Fiorentina è in vendita. La decisione, presa direttamente da Diego e Andrea Della Valle, è stata annunciato sul sito ufficiale del club viola: "La proprietà della Acf Fiorentina comunica di essere assolutamente disponibile, vista l'insoddisfazione di parte della tifoseria, a farsi da parte e mettere la società a disposizione di chi voglia acquistarla per poterla poi gestire come ritiene più giusto fare".

18:04Tiro: double trap, quasi impossibile che torni a Giochi

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Voglio essere onesto, è quasi impossibile che il Double Trap dopo il 2020 torni nel programma". Con queste parole, riferite alle Olimpiadi e dette al sito britannico 'Inside the Games' a margine dell'Assemblea straordinaria di Monaco, il presidente della federazione mondiale di tiro (Issf) Olegario Vazquez Rana smorza le speranze di quanti, fra tecnici e tiratori, auspicavano un ritorno al passato dopo i Giochi di Tokyo. "E' una disciplina costosa, il doppio delle altre - ha aggiunto il presidente della Issf - e le donne non la praticano anche per via del peso delle armi sulle loro spalle, che in questo caso è notevole. Negli ultimi 15-20 anni praticamente non ci sono state donne che si sono dedicate al double trap, e noi dobbiamo seguire le indicazioni del Cio: se non c'è' 'equity gender', non ci può essere spazio per certe prove. E tutto questo vale, parzialmente, anche per la gara di pistola da 50 metri".

18:04Appalto rifiuti pilotato: assolto ex sindaco di Sestu

(ANSA) - CAGLIARI, 26 GIU - Sentenza riformata. Nella vicenda dell'appalto milionario sui rifiuti non ci fu corruzione, almeno da parte dell'ex sindaco di Sestu Aldo Pili (Pd). Lo hanno stabilito i giudici della seconda sezione penale della Corte d'appello di Cagliari che hanno assolto l'ex primo cittadino, l'unico dei quattro ex amministratori del comune alle porte del capoluogo ad avere rinunciato alla prescrizione dopo la condanna a due anni inflitta in primo grado. E oggi, il collegio presieduto da Claudio Gatti ha assolto Aldo Pili dalla corruzione, dichiarando invece prescritto il reato per l'ex vicesindaco Sergio Cardia, l'ex assessore ai Servizi Tecnologici, Claudio Lai, e l'ex consigliere comunale Natalino Loi. Erano accusati di aver cercato di pilotare l'appalto per la raccolta e il conferimento dei rifiuti di Sestu in cambio di assunzioni a tempo di operai segnalati dagli amministratori. Durante il processo d'appello, Aldo Pili - difeso dall'avvocato Alberto Filippini - aveva preso la parola rivolgendosi ai giudici con voce visibilmente emozionata, dichiarando la sua intenzione a non avvalersi della prescrizione e chiedendo di essere giudicato nel merito perché riteneva di non aver mai commesso alcun reato. Nel primo pomeriggio, il collegio è uscito dalla camera di consiglio pronunciando la sentenza che chiude definitivamente la vicenda: l'ex sindaco assolto, mentre per tutti gli altri è stata decretata la prescrizione del reato.(ANSA).

17:58Calcio: Baccaglini ‘interregno Zamparini è normale’

(ANSA) - PALERMO, 26 GIU - "Che ci sia un interregno è normale. Il passaggio di proprietà avviene con i suoi tempi e quelli calcistici non corrispondono a quelli finanziari". Lo ha detto il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, durante una diretta Facebook. I tifosi, che vogliono la totale uscita dell'ex presidente e attuale proprietario Maurizio Zamparini, non l'hanno presa bene e nei commenti chiedono all'italo-americano di fare chiarezza sui tempi del closing. Chiarezza che non è arrivata. La sensazione è che si andrà oltre il 30 giugno, data entro la quale il Palermo dovrà formalizzare l'iscrizione al campionato di Serie B. In queste condizioni sarà la proprietà a fare l'iscrizione, così come è stato per le scelte dell'allenatore e del direttore sportivo.

17:56Calcio: Preziosi ‘irrealizzabile azionariato popolare’

(ANSA) - GENOVA, 26 GIU - "In attesa di sviluppi la squadra devo costruirla io". A parlare ai microfoni di Telenord è il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, che ha confermato l'intenzione per il momento di andare avanti da solo. "Il Genoa è in totale sicurezza - ha spiegato Preziosi -. E smentisco che ci sia una cordata genovese pronta a subentrare al sottoscritto. Ho solo incontrato una persona seria che ha presentato un progetto di azionariato popolare, una possibilità che non mi sembra percorribile. Serve invece presentare un conto corrente con i soldi". Preziosi ha poi parlato del mercato. "Sono impegnato a fare una squadra pronta per il ritiro - ha aggiunto -. Stiamo lavorando a fari spenti. Non vogliamo commettere gli stessi errori dello scorso anno. I giocatori costano e bisogna avere le giuste risorse per poterli prendere".

17:50Maltempo: temporali e venti forti al nord

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Il transito di una perturbazione di origine atlantica sul nostro Paese porterà una nuova fase di maltempo sulle regioni settentrionali, specie su Piemonte e Lombardia. Per questo il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L'avviso prevede, dal pomeriggio di oggi, precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere temporalesco, su Piemonte e Lombardia specie sui settori settentrionali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata, per la giornata di domani, allerta gialla su gran parte del Piemonte e della Lombardia.

17:46Calcio: Palermo, ecco Tedino ‘per me è occasione importante’

(ANSA) - PALERMO, 26 GIU - "Sono orgoglioso di essere in una squadra storica. Per me e per il mio staff è un'occasione importante, ma è un'occasione importante anche per il Palermo: siamo molto carichi e molto motivati". Sono queste le prime parole dell'allenatore Bruno Tedino, arrivato a Palermo. "Cercheremo di creare - ha proseguito - un certo tipo di staff, un certo tipo di zoccolo duro e abbiamo bisogno di tutti: città, stampa. Tutti devono portare il proprio mattoncino per costruire questa bellissima casa". E' arrivato in città anche Fabio Lupo, il nuovo direttore sportivo. Il primo colpo di mercato è il giovane difensore Andrea Ingegneri.

Archivio Ultima ora