Pensioni: Ocse, l’Italia al top per percentuale di contributi previdenziali

Pubblicato il 05 dicembre 2016 da ansa

inps

ROMA. – L’Italia resta al top tra i Paesi dell’Ocse per percentuale di contributi previdenziali sulle retribuzioni dei dipendenti privati: la conferma arriva dall’Ocse che con il Pensions Outlook 2016 segnala soprattutto il livello elevato dei contributi a carico delle aziende (23,81%) mentre quelli a carico del lavoratore (9,19%) sono in linea con alcuni grandi paesi come la Francia e la Germania.

L’Ocse sottolinea la necessità di dare maggiori informazioni ai cittadini sul sistema pensionistico e sui rischi di avere redditi da pensione non adeguati a fronte di carriere lavorative brevi e frammentate. In particolare lo studio sottolinea che l’unica soluzione di lungo periodo per avere redditi da pensione più alti è “pagare contributi più consistenti e per periodi più lunghi” e che “il lavoro futuro e la discussione politica si devono contrare su come raggiungere entrambi” gli obiettivi.

L’Ocse nella pubblicazione invita la politica e i Governi a impegnarsi perché le informazioni ai cittadini siano le più vaste e complete possibili, sul pilastro pubblico della previdenza e su quello integrativo. E proprio sulla previdenza integrativa segnala come siano solo sette i Paesi che nel 2015 avevano Fondi integrativi con attività superiori al 100% del Pil (erano quattro all’inizio degli anni Duemila).

L’Italia sul fronte del secondo pilastro, nonostante i passi avanti, resta ancora in fondo alla classifica. I Fondi integrativi italiani hanno attività pari all’8,7% del Pil a fronte del 2,6% degli anni Duemila. In Danimarca le attività dei fondi integrativi superano ormai il 205% del Pil.

Nelle ultime riflessioni sull’Italia l’Ocse aveva segnalato l’importanza delle recenti riforme pensionistiche pur ricordando che la spesa rimaneva elevata. Nel periodo 2010-2015 il nostro Paese – si legge nel Pensions Policy Notes 2015 – l’Italia aveva il secondo più elevato livello di spesa pubblica per pensioni in percentuale del Pil (16% a fronte dell’8,4% della media Ocse).

Inoltre a fronte di una carriera lavorativa stabile e lunga (tra i 20 e i 67 anni) il nostro sistema, grazie all’alto livello dei contributi, permette ai pensionati futuri di ottenere tassi di sostituzione netti dell’81,5% del salario rispetto al 65,8% medio Ocse. Resta invece ancora poco sviluppato il pilastro privato.

Ultima ora

21:47Calcio: Roma, Schick fermo 15 giorni

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La Roma dovrà fare a meno di Patrik Schick fino alla gara con il Napoli in programma il 14 ottobre. L'attaccante, infortunatosi in occasione della gara con il Verona, sarà infatti costretto a star fermo per due settimane e tornerà quindi a disposizione del tecnico Di Francesco dopo la sosta, e dopo aver quindi saltato le gare con Udinese e Milan in campionato e Qarabag in Champions League. La prognosi è arrivata questa sera dopo che l'attaccante ceco è stato sottoposto ad ulteriori controlli clinico-strumentali che, spiega il bollettino medico emesso dal club giallorosso, "hanno confermato l'infortunio muscolare al retto femorale sinistro, mettendo in evidenza una quota di edema post-distrattivo nel terzo prossimale della giunzione mio-tendinea del muscolo".

21:25Calcio: Real Madrid, rinnovo record con Emirates

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Rinnovo di sponsorizzazione record per il Real Madrid, che ha deciso di prolungare fino al termine della stagione 2021-2022 l'accordo con Emirates. Lo anticipa "Palco23", web magazine spagnolo specializzato nello sport business. Il club presieduto da Florentino Perez avrebbe firmato con un anno di anticipo il rinnovo della sponsorizzazione alla cifra di circa 70 milioni all'anno (per un totale quindi di 280 milioni), un record assoluto. I campioni d'Europa in carica, infatti, supereranno i rivali del Barcellona (55 milioni da Rakuten) e il Manchester United (che ne incassa 62 dalla Chevrolet). Oltre allo sponsor sulla maglia, il Real sta anche chiudendo le trattative con la Adidas per il rinnovo della sponsorizzazione tecnica: l'intesa prevedrebbe introiti nell'ordine di 150 milioni a stagione e un accordo pluriennale.

21:05Calcio: De Biasi riparte dalla Liga, ad un passo dall’Alaves

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Gianni De Biasi sarà il nuovo allenatore dell'Alaves, ultima in classifica nella Liga spagnola e che ha appena esonerato Luis Zubeldía. Stando alla stampa locale, la società avrebbe trovato l'accordo con l'ex ct dell'Albania, che vanta già un'esperienza nel campionato spagnolo (ha allenato il Levante nel 2007-2008). Il 61enne tecnico trevigiano risponde al profilo che il club sta cercando: di nazionalità europea, non spagnolo, con esperienza nella Liga e attualmente senza contratto. Dopo aver allenato, tra le altre, Torino, Brescia e Udinese, De Biasi ha vissuto il suo miglior periodo come allenatore sulla panchina dell'Albania, portata ad una storica qualificazione all'Europeo in Francia. Secondo le indiscrezioni che arrivano dalla Spagna, il contratto di De Biasi vale fino alla fine della stagione, con opzione per l'anno successivo. L'Alaves dovrebbe ufficializzare il suo arrivo nelle prossime ore.

20:59Istruzione: in Serbia Forum Cina-16 Paesi est Europa

(ANSAmed) - BELGRADO, 21 SET - La collaborazione e le politiche nel campo dell'istruzione sono al centro di un incontro di due giorni apertosi oggi a Novi Sad, nel nord della Serbia, fra i rappresentanti di Cina e di 16 Paesi dell'Europa centro-orientale e balcanica. Alla conferenza, che si tiene all'Università del capoluogo della Voivodina, sono intervenuti la premier serba, Ana Brnabic, e il ministro dell'istruzione, Mladen Sarcevic, unitamente ai rappresentanti cinese e degli altri Paesi partecipanti. L'iniziativa '16+1' e' stata avviata negli anni scorsi dalla Cina con l'obiettivo di intensificare i rapporti con i Paesi dell'Europa centrorientale e balcanica. Nei giorni scorsi in Montenegro, nell'ambito di tale formato, si è tenuto un Forum tra i sindaci di Pechino e delle capitali dei 16 Paesi interessati. (ANSAmed).

20:38Iraq: autorità curde confermano referendum 25 settembre

(ANSA) - BEIRUT, 21 SET - Le autorità della regione autonoma del Kurdistan, in Iraq, hanno annunciato che il referendum sull'indipendenza, che pure ha valore consultivo, si svolgerà come previsto il 25 settembre, nonostante la Corte suprema di Baghdad abbia disposto la sospensione della consultazione in attesa di stabilirne la costituzionalità. Il presidente della regione autonoma, Massud Barzani, ha detto che le trattative col governo federale continueranno anche dopo il referendum, e che l'indipendenza potrebbe essere dichiarata tra due anni. L'Alto consiglio per il referendum, presieduto da Barzani, ha detto che le operazioni di voto si svolgeranno alla data prevista, dopo che nei negoziati delle ultime settimane con il governo centrale di Baghdad, "nessuna alternativa è stata offerta al posto del referendum e a garanzia dell'indipendenza". "Siamo pronti a cominciare un dialogo serio, cordiale e sincero con Baghdad e la comunità internazionale dopo il referendum", ha detto Barzani in un comizio a migliaia di sostenitori.

20:37Corea Nord: Ue verso nuove sanzioni, bozza d’accordo

(ANSA) - BRUXELLES, 21 SET - L'Ue va verso l'adozione di nuove sanzioni nei confronti della Corea del Nord. E' quanto si apprende da fonti europee. I 28 hanno raggiunto una bozza di accordo anche se manca ancora una formalizzazione che, secondo le previsioni, potrebbe arrivare alla prossima riunione del Consiglio Affari Esteri, in agenda il 16 ottobre.

20:33Decreto Trump per tagliare fondi a Corea del Nord

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - Il presidente americano Donald Trump ha annunciato un decreto per tagliare ulteriormente i fondi alla Corea del Nord, prendendo di mira le società finanziarie e le persone che fanno affari con Pyongayang. Un sostegno finanziario che Trump, parlando al Palazzo di Vetro dell'Onu, ha definito "inaccettabile".

Archivio Ultima ora