Calcio venezuelano: Mea Vitali sogna di chiudere la carriera con il Caracas

miguel-mea-vitali-caracas-fc-prensa-caracas-fc

CARACAS – E’ uno di quei pochi giocatori che fanno la differenza, capaci di sfornare assist e segnare reti nelle gare che contano. Durante la sua carriera ha difeso la maglia della nazionale nel periodo d’eccellenza della Vinotinto, passata da squadra materazzo a osso duro da battere. E’ uno di quei calciatori che é capace di battere una punizione come un artista e di battere un rigore come un ragioniere. Stiamo parlando dell’italo-venezuelano Miguel Mea Vitali, uno dei perni del Caracas.

Il centrocampista e capitano dei rojos del Ávila ha un sogno nel cassetto: quello di chiudere la carriera con la maglia del Caracas. Il campione nato 35 anni fa nella capitale venezuelana sta vivendo la sua terza esperienza con il club della ‘cota 905’.

“Sono felice di essere al Caracas, questo é stato il club che mi ha aiutato ad aprire le porte del successo fino ad arrivare alla maglia della Vinotinto e mi ha dato l’opportunitá di giocare all’estero” racconta il calciatore di origine laziale.

Il 19 maggio del 1999, Mea Vitali realizza il sogno di ogni giocatore: debuttare con la maglia della nazionale. Quel giorno la Vinotinto giocò un’amichevole a Salta contro l’Ecuador e vinse 2-0. Da allora, l’italo-venezuelano ha indossato la maglia della nazionale in 85 occasioni segnando anche un gol. Mea Vitali è al quarto posto nella graduatoria dei giocatori che più volte ha rappresentato il Venezuela.

“Ancora rido quando penso a quel giorno. Entrai al posto del mio compagno di squadra fino a poco fa: David McIntosh. Il mister Pastoriza mi fece giocare come terzino sinistro, io ero un centrocampista di creazione. Ma a 19 anni, anche se ti fanno esordire in porta tu lo fai, per la voglia di giocare con la Nazionale. Entrai per coprire il vuoto che si era creato a causa di una espulsione, ma il bello è stato che il mio esordio è stato bagnato con la vittoria. – raccontó in una intervista alla Voce il centrocampista Mea Vitali, aggiungendo – Sono fiero di essere nella lista di questa generazione che ha regalato tante vittorie ed allegrie alla nazionale venezuelana. E’ sempre piacevole indossare la maglia della nazionale”.

Miky è un campìone che sa trattare bene la palla, l’accarezza come se fosse la sua donna, è uno di più disciplinati della squadra e sa mettere ordine in campo. I suoi passaggi sono precisi e le sue punizioni delle vere bombe: grazie a queste doti è riuscito ad approdare in diversi campionati per il mondo: Argentina, Grecia, Italia. Nello stivale ha indossato le maglie di Poggibonsi, Sora e Lazio.

“Il calcio, mi ha dato l’opportunitá di crescere come persona e come atleta. Ho imparato a dare il giusto valore ad ogni instante e momento che ho affrontato durante la mia carriera”.

In una recente intervista, il campione di origine italiana ha confessato che vuole appendere gli scarpini al chiodo con la maglia del Caracas, ma spera di potersi godere ancora la Primera División per altri 3 o 4 anni.

Durante la prossima stagione 2017 lo vedremo difendere la casacca di un Caracas che andrá alla conquista del Torneo Apertura.

(Fioravante De Simone)