Trump, sì al muro con il Messico e no alla sanità per tutti

Pubblicato il 06 gennaio 2017 da ansa

WASHINGTON. – “Il Messico ci risarcirà”. E’ con i consueti tweet della mattina che Donald Trump, il presidente eletto degli Stati Uniti, replica e attacca, ma di fatto conferma, le indiscrezioni di stampa secondo cui per mantenere la sua promessa di massima sicurezza alla frontiera tra gli Stati Uniti e il Messico alla fine probabilmente saranno soltanto i contribuenti americani a pagare.

E intanto The Donald ‘non molla’ e mantiene la linea dura anche sul ‘braccio di ferro’ con l’intelligence circa la presunta attività di hacker russi sul voto americano ”è una caccia alle streghe politica ordita dai miei avversari contro di me”, dice al New York Times e nemmeno il briefing degli 007 lo convince: “nessun effetto sul voto!”, scrive in una dichiarazione, riconoscendo però che Mosca e anche Pechino hanno forse tentato di attaccare, ma senza riuscirci, il sito del partito repubblicano.

E’ in questo clima che il Congresso, riunito in seduta comune, ha certificato che Donald Trump sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti, e che il suo vice sarà Mike Pence. Trump e Pence si insedieranno il 20 gennaio nella tradizionale cerimonia ufficiale a Washington per il giuramento che metterà fine alla transizione cominciata con le migliori intenzioni ma sfociata in una ‘battaglia’ tra due visioni del mondo, la sua e quella del suo predecessore Barack Obama.

E allora Trump, fino alla fine, punta il dito contro gli avversari che vogliono a suo avviso screditare la sua vittoria. Lo fa rifiutando di dare credito all’inchiesta che Obama ha voluto conclusa e con i risultai sul suo tavolo prima che lasciasse la Casa Bianca per fare chiarezza sulla presunta interferenza di Mosca nel processo elettorale.

I vertici dell’intelligence si dicono certi della ‘mano russa’ e le prove dovrebbero essere nero su bianco nel rapporto classificato su cui sono andati ad informare il presidente eletto alla Trump Tower. Un incontro “costruttivo” dice Trump ma insiste: “nessuna influenza sul voto”, perchè le macchine elettroniche per votare non sono state colpite. Come a dire “ho vinto io. E adesso si cambia”.

Allora la promessa di rompere con il passato passa anche per usi consolidati, come le nomine degli ambasciatori: il presidente eletto avrebbe chiesto agli ambasciatori ‘politici’ nominati da Obama di lasciare l’incarico entro il 20 gennaio, senza eccezioni. Le precedenti amministrazioni avevano invece garantito, caso per caso, estensioni degli incarichi per settimane o anche mesi, un passaggio in alcune circostanze ritenuto utile per non creare vuoti inopportuni.

E dato che si deve voltare pagina così brutalmente, si attrezza anche l’amministrazione uscente che, in vista dell’ingresso di Donald Trump alla Casa Bianca mette la sua legacy nero su bianco. Su incarico di Obama, i responsabili di ministeri e agenzie hanno affidato a inconsueti ‘Cabinet Exit Memos’ sfide e conquiste degli otto anni a Washington.

Il segretario di Stato John Kerry, l’ambasciatrice all’Onu Samantha Power, i responsabili dei ministeri economici, dell’ambiente e della giustizia, hanno rovesciato sulla squadra di Trump e sul pubblico americano valanghe di carta sottolineando i punti di forza dell’era Obama, dall’accordo sul nucleare iraniano alla ripresa dei rapporti con Cuba, dall’intesa sul clima alla ‘bestia nera’ della futura amministrazione repubblicana: la copertura sanitaria per tutti.

La pubblicazione degli ‘Exit Memos’, è inconsueta per un cambio di Amministrazione e conferma la distanza ideologica tra quel che è stato e quello che verrà. Non manca però chi nell’entourage di Obama teme che possano in realtà offrire a Trump e al Congresso a guida repubblicana una ‘road map’ per come smantellarle in quattro e quattr’otto.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

13:19Boldrini, la politica vada oltre i sondaggi, Moro un esempio

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Oggi più che mai serve una politica che sia animata da principi e valori, che sia capace di alzare lo sguardo e di proporre un progetto che vada oltre il sondaggio delle ultime ore. Aldo Moro, in tutta la sua vita, propose questa idea alta della politica". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini nel corso del suo intervento alla presentazione "Immagini di una vita. Una mostra per Aldo Moro". "Politica come vocazione, come sobrietà. Oggi - ha proseguito la presidente - abbiamo visto su un quotidiano nazionale delle belle foto di Aldo Moro: rigoroso e formale nel porsi, anche tra i bambini. Ripercorrerne la vicenda umana e politica, come si propone di fare questa mostra, rappresenta dunque un grande contributo di qualità al dibattito politico e alla vita delle istituzioni."

13:19M5S: domani voto primarie online, confermati i candidati

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Domani, giovedì 21 settembre, sarai chiamato a votare su Rousseau per scegliere il Candidato Premier del MoVimento 5 Stelle e designando Capo della forza politica che depositerà il programma elettorale sotto il simbolo del M5S alle prossime elezioni". Lo annuncia il blog di Beppe Grillo confermando la lista dei candidati in corsa e sottolineando come i risultati del voto saranno depositati presso due notai e resi pubblici solo nella serata della proclamazione del vincitore, sabato a Rimini.

13:18Violenza sessuale: Boldrini, nuove misure, più tutele

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Un appello alle forze politiche perché si approvi un provvedimento che aumenti la protezione e le tutele per le donne e rafforzi le misure di interdizione contro gli uomini violenti". A lanciarlo è la presidente della Camera Laura Boldrini in riferimento agli episodi di violenza contro le donne che si sono registrati ultimamente.

13:06Confindustria: maxi ammanco edili Vda, ex presidente ammette

(ANSA) - AOSTA, 20 SET - Un maxi ammanco di oltre 400 mila euro dalle casse della sezione edile di Confindustria Valle d'Aosta: è quanto è emerso dalla contabilità dopo l'elezione del nuovo presidente Gian Luca Berger, che subentra dopo 24 anni di guida interrotta del collega Federico Jacquin. E' stato lo stesso ex presidente a risolvere il mistero del buco finanziario, ammettendo, in una intervista pubblicata oggi dal quotidiano La Stampa, di aver preso i soldi dopo un momento di difficoltà della propria azienda: "Sono pronto a restituire tutto", assicura Jacquin. "E' in corso una scrupolosa attività di verifica contabile per i periodi antecedenti all'elezione del nuovo presidente", precisa una nota di Confindustria. "Si tratta di una vicenda molto delicata - commentano dall'associazione degli industriali valdostani - che non coinvolge Confindustria Valle d'Aosta in quanto la stessa non gestisce in alcun modo i fondi a disposizione della Sezione edile". (ANSA).

13:03Calcio: Real, Benzema firmerà domani rinnovo fino al 2021

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Karim Benzema resterà al Real Madrid due anni di più, fino al 2021, quando avrà 33 anni. L'attaccante francese, anticipa oggi 'AS', firmerà domani a mezzogiorno allo Stadio Bernabeu il prolungamento del suo contratto col club merengue (che sarebbe scaduto nel 2019) fino al 2021, ritoccando l'ingaggio che oggi è di 7,5 milioni netti l'anno e con una clausola monstre di un miliardo. Arrivato a Madrid nel 2009, quando in panchina sedeva il cileno Manuel Pellegrini, venne acquistato per 35 milioni da Lione.

13:01Catalogna: 14 arresti e 22 perquisizioni in blitz

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Sono ora 14 le persone arrestate e 22 le perquisizioni in corso nel blitz della Guardia Civil spagnola contro il governo catalano. Secondo la Efe, che cita fonti dell'operazione, i detenuti al termine dell'operazione potrebbero essere 17. Fra gli ultimi arrestati, il direttore del dipartimento di attenzione ai cittadini del governo Jordi Graell e il presidente del Centro delle telecomunicazioni Jordi Puignero.

13:00Terremoto: il romanista Moreno sconvolto “Fuerza Mexico”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "In questo momento sono molto scosso, non ci sono parole per descrivere il dolore che provo per la tragedia che ha colpito la mia popolazione". Hector Moreno, difensore della nazionale messicana e della Roma, vive ore di angoscia nel ritiro della squadra giallorossa impegnata oggi a Benevento, per il terremoto che ha provocato centinaia di vittime nel Paese latino-americano. Continuamente in contatto con il Messico, segue l'evolversi della situazione e ci tiene a mandare attraverso l'Ansa un messaggio di sostegno: "Voglio inviare un abbraccio forte a tutte le famiglie colpite dal terremoto - conclude - e un pensiero all'eccezionale lavoro dei soccorritori. Fuerza Mexico".

Archivio Ultima ora