Ma l’impegno continua

Pubblicato il 09 gennaio 2017 da redazione

Boulevard di Sabana Grande negli anni ’50/’60

CARACAS.- C’era una volta, inizierebbe così, la “favola moderna” (utopia del pensiero) che qualcuno di noi potrebbe narrare, un giorno in cui, mentre la nostalgia sposa la fantasia, volesse tracciare il periglioso percorso di molteplici esperienze di vita. Si… c’era una volta un paese che apriva le braccia all’emigrazione europea… un paese dal quale accarezzandone incredulo, i sorrisi e la bontà, nessun emigrante avrebbe mai pensato di allontanarsi per tornare nella “Patria sua”.

Ed eccoci qui, con tanti anni raccontati e da raccontare, tanti avvenimenti, una realtà che non somiglia più a quei sogni di speranze future. Al suo posto frasi che parlano di altri paesi, frasi che non vorremmo “accettare”: “A Miami, a Panamà, in Spagna, in Italia si vive meglio”.

Si. Forse è vero!!!

Ma… la speranza, è ultima a morire. Anche se camminiamo a testa bassa, per “Sabana Grande” con lo sguardo che scivola sulle vetrine vuote e l’ansia di “tornare presto” tra le mura di casa, per non “vedere”, per “non pensare”, per non ripetere aprendo le mani con desolazione a chi ci chiede aiuto: “Mi dispiace, non ho niente!”.

Oggi, da poco è iniziato l’anno 2017. Qualcuno, ha azzardato un “auguri sinceri”… qualche altro, ha pensato: “Ma di che? Ma di “cosa”?

È sempre tanto (seppur esiguo) l’aiuto che ciascuno di noi può apportare in questa difficile situazione. Abbiamo ricevuto la visita del senatore Casini e prima di altri rappresentanti italiani. Li accoglie il Salone Italia del Centro Italiano Venezolano di Caracas che ogni volta si riempie di connazionali: ciascuno enumera problemi difficili da risolvere, problemi di vita, di come arrivare a fine mese, di come poter acquistare le medicine di cui non si può proprio fare a meno.

Lo sguardo di chi ascolta si vela di tristezza, lo abbiamo notato anche nel senatore Casini. Forse anche lui sapeva che la prima pietra del Centro Italiano Venezolano, (orgoglio della nostra comunità), era stata posta dall’allora Presidente della Repubblica dott. Rafael Caldera. All’entrata principale del nostro Club figurano in bella posta, i nominativi dei suoi indimenticabili fondatori.

Quando il terremoto scosse Caracas (tantissimi anni fa), i nostri connazionali trascorsero giorni e notti, dentro le proprie automobili, “al sicuro” tra i viali e nel piazzale del Centro Italiano Venezolano.

Una storia bella, prolifica, generosa, umana: l'”Emigrazione Italiana in Venezuela” raccontata fedelmente dal fondatore del nostro Giornale “La Voce d’Italia”, Gaetano Bafile, attraverso le pagine del suo Libro intitolato “Passaporto Verde”.

Oggi, quel “Passaporto Verde” è solo il ricordo nostalgico di “storie vissute” in prima persona. Favole “vere” incredibilmente avvincenti, di fiducia e buona volontà.

Ora, giunti (quasi inconsapevoli) ai primi giorni dell’anno 2017, cerchiamo di abbracciare ancora i ricordi per “non dimenticare”, sperando che la vita possa riservarci, nonostante tutto, qualche “lieta sorpresa”. Intanto con l’amore di sempre verso questa “Tierra de Gracia”, proseguiamo il cammino intrapreso oltre mezzo secolo fa dal nostro giornale “La Voce d’Italia”.

(Anna Maria Tiziano)

Ultima ora

16:01Calcio: Milan-Genoa, Bonucci espulso con la Var

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La prima volta di un cartellino rosso deciso dalla Var costa l'espulsione a Leonardo Bonucci. Il capitano del Milan è stato sanzionato al 23' pt dall'arbitro Giacomelli per una gomitata, inizialmente non vista, nell'area del Genoa al difensore rossoblu Aleandro Rosi.

15:58Renzi, spero sia scelto migliore, se vogliono Visco facciano

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Nella mozione Pd c'è un giudizio sul passato, ma per il futuro sceglierà Gentiloni. Io non ho nomi. Ho un profilo: vorrei che chiunque fosse scelto sia il migliore o la migliore possibile". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi, ospite di "1/2h in più". "Volete nominare Visco? Fatelo. Volete nominare un altro? Fatelo. Ma il giudizio su quanto accaduto deve essere il più laico possibile", sottolinea.

15:57Bankitalia: Renzi, rivendico sia merito che metodo

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Sia nel merito che nel metodo rivendico quanto fatto" con la mozione Pd su Bankitalia. Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi, ospite di "1/2h in più".

15:52Gb: all’asta l’ultimo quadro dipinto da Winston Churchill

(ANSA) - LONDRA, 22 OTT - Va all'asta l'ultimo dipinto realizzato da Winston Churchill: lo annuncia l'agenzia Pa citando un dirigente della celebre casa d'aste Sotheby's. L'opera, raro esempio d'arte 'astratta' nella produzione di sir Winston, s'intitola 'The Goldfish Pool At Chartwell'. Fu completata nel 1962 e donata poco prima della morte del primo ministro britannico della Vittoria (nel '65) al sergente Edmund Murray, sua storica guardia del corpo. Rievoca il luogo che Churchill definì "il più speciale al mondo" per rilassarsi durante la II guerra mondiale. Stando alle previsioni, dovrebbe essere aggiudicata per una cifra attorno alle 80.000 sterline, circa 90.000 euro. Pittore dilettante quanto prolifico, oltre che statista, storico, giornalista e premio Nobel per la letteratura, Churchill dipinse in un quarantennio - dopo essersi appassionato all'hobby del pennello a partire dagli anni '20, come strumento per uscire dalla depressione in un momento politico e personale buio - 544 fra acquerelli e altre opere.

15:38Catalogna: Dastis,molte immagini violenza polizia sono false

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Finora, molte delle immagini diffuse sono dei fake, se c'è stato uso della forza da parte della polizia è stato limitato e comunque rispettava le disposizioni delle autorità" per il rispetto della legge. Lo ha detto il ministro degli Esteri spagnolo Alfonso Dastis alla Bbc, rispondendo ad una domanda sulla violenza della polizia il primo ottobre in Catalogna, durante le operazioni di voto del referendum indipendentista. "Se c'è stato uso della forza, e alcune immagini in effetti lo testimoniano, non è stato deliberato, ma è stato provocato", ha aggiunto Dastis.

15:36Namibia: rivincita del rinoceronte, azzoppato un bracconiere

(ANSA) - IL CAIRO, 22 OTT - Un cacciatore di frodo ha avuto la peggio in una battuta al rinoceronte in un parco nazionale del nord della Namibia: è stato gravemente ferito ad una gamba dall'animale e poi arrestato. La vittoria del rinoceronte sul suo persecutore consumatasi nell'Etosha National Park è stata descritta dal sito del quotidiano "The Namibian" basandosi su informazioni della polizia di Kunene. L'uomo, Luteni Muharukua, di età imprecisata, era penetrato nel parco assieme ad altri bracconieri per cacciare rinoceronti. Mentre erano sulle tracce di un esemplare, l'altrimenti mansueto mammifero è "sbucato dal nulla e ha caricato" i criminali: nella fuga, Muharukua è caduto e il rinoceronte "lo ha gravemente ferito alla gamba". A minacciare l'esistenza di questi animali imponenti ma "dall'indole pacifica" è il commercio di corni che ha causato la morte della metà dei rinoceronti durante gli anni Settanta.

15:31Russia: liberato Navalny dopo 20 giorni di prigione

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Il leader dell'opposizione russa Aleksey Navalny è stato rilasciato dopo aver scontato i 20 giorni di carcere che gli erano stati inflitti per aver organizzato una manifestazione non autorizzata. Uscito dal carcere, Navalny ha dichiarato sui social che spera di partecipare ad una manifestazione organizzata in serata nella città meridionale di Astrakhan.

Archivio Ultima ora