Ma l’impegno continua

Pubblicato il 09 gennaio 2017 da redazione

Boulevard di Sabana Grande negli anni ’50/’60

CARACAS.- C’era una volta, inizierebbe così, la “favola moderna” (utopia del pensiero) che qualcuno di noi potrebbe narrare, un giorno in cui, mentre la nostalgia sposa la fantasia, volesse tracciare il periglioso percorso di molteplici esperienze di vita. Si… c’era una volta un paese che apriva le braccia all’emigrazione europea… un paese dal quale accarezzandone incredulo, i sorrisi e la bontà, nessun emigrante avrebbe mai pensato di allontanarsi per tornare nella “Patria sua”.

Ed eccoci qui, con tanti anni raccontati e da raccontare, tanti avvenimenti, una realtà che non somiglia più a quei sogni di speranze future. Al suo posto frasi che parlano di altri paesi, frasi che non vorremmo “accettare”: “A Miami, a Panamà, in Spagna, in Italia si vive meglio”.

Si. Forse è vero!!!

Ma… la speranza, è ultima a morire. Anche se camminiamo a testa bassa, per “Sabana Grande” con lo sguardo che scivola sulle vetrine vuote e l’ansia di “tornare presto” tra le mura di casa, per non “vedere”, per “non pensare”, per non ripetere aprendo le mani con desolazione a chi ci chiede aiuto: “Mi dispiace, non ho niente!”.

Oggi, da poco è iniziato l’anno 2017. Qualcuno, ha azzardato un “auguri sinceri”… qualche altro, ha pensato: “Ma di che? Ma di “cosa”?

È sempre tanto (seppur esiguo) l’aiuto che ciascuno di noi può apportare in questa difficile situazione. Abbiamo ricevuto la visita del senatore Casini e prima di altri rappresentanti italiani. Li accoglie il Salone Italia del Centro Italiano Venezolano di Caracas che ogni volta si riempie di connazionali: ciascuno enumera problemi difficili da risolvere, problemi di vita, di come arrivare a fine mese, di come poter acquistare le medicine di cui non si può proprio fare a meno.

Lo sguardo di chi ascolta si vela di tristezza, lo abbiamo notato anche nel senatore Casini. Forse anche lui sapeva che la prima pietra del Centro Italiano Venezolano, (orgoglio della nostra comunità), era stata posta dall’allora Presidente della Repubblica dott. Rafael Caldera. All’entrata principale del nostro Club figurano in bella posta, i nominativi dei suoi indimenticabili fondatori.

Quando il terremoto scosse Caracas (tantissimi anni fa), i nostri connazionali trascorsero giorni e notti, dentro le proprie automobili, “al sicuro” tra i viali e nel piazzale del Centro Italiano Venezolano.

Una storia bella, prolifica, generosa, umana: l'”Emigrazione Italiana in Venezuela” raccontata fedelmente dal fondatore del nostro Giornale “La Voce d’Italia”, Gaetano Bafile, attraverso le pagine del suo Libro intitolato “Passaporto Verde”.

Oggi, quel “Passaporto Verde” è solo il ricordo nostalgico di “storie vissute” in prima persona. Favole “vere” incredibilmente avvincenti, di fiducia e buona volontà.

Ora, giunti (quasi inconsapevoli) ai primi giorni dell’anno 2017, cerchiamo di abbracciare ancora i ricordi per “non dimenticare”, sperando che la vita possa riservarci, nonostante tutto, qualche “lieta sorpresa”. Intanto con l’amore di sempre verso questa “Tierra de Gracia”, proseguiamo il cammino intrapreso oltre mezzo secolo fa dal nostro giornale “La Voce d’Italia”.

(Anna Maria Tiziano)

Ultima ora

20:10Gentiloni,non perdere spirito maggioritario Ulivo e Pd

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Il progetto del Pd non era dare uno sbocco ad ex democristiani di sinistra e ex comunisti, ma dare uno sbocco alla sinistra del nuovo secolo. Ora che i fatti ci danno ragione, guai a perdere lo spirito maggioritario che aveva animato l'Ulivo e ha animato fin dalla sua fondazione il Pd. E non sto parlando di leggi elettorali. Oggi dobbiamo restare fedeli all'idea maggioritaria che l'Ulivo aveva e che il Pd ha rilanciato poi la dobbiamo calare nella realtà di oggi, senza perdere l'ambizione riformista". Lo dice Paolo Gentiloni.

20:01Madre e figlia uccise: pena ridotta a conducente minicar

(ANSA) - AREZZO, 28 APR - Alla guida di una minicar investi' mamma e figlia uccidendole, in appello la sua pena è stata ridotta di 4 anni. "E' come se me le avessero uccise una seconda volta", ha detto il padre e marito delle vittime. Alexe Danute, romeno di 40 anni residente ad Arezzo, il 31 gennaio 2016 uccise Barbara Marzena Stiepen 50 anni e la figlia Letizia di 10 anni che stavano camminando sul marciapiede di ritorno a casa a San Leo frazione alle porte di Arezzo. In primo grado Alexe Danut era stato condannato per duplice omicidio colposo aggravato a nove anni e due mesi di reclusione. In appello ha ottenuto la riduzione di quattro anni per un totale di pena di 5 anni e 2 mesi.

19:49Russia: emergenza incendi in Siberia

(ANSA) - MOSCA, 28 APR - In Siberia è stato introdotto lo stato di emergenza per gli incendi che stanno devastando le foreste: lo ha annunciato il ministro russo delle Situazioni di emergenza, Vladimir Puchkov. Secondo il Servizio aereo di protezione delle foreste, "quasi 1.500 ettari di boschi sono stati ingoiati dagli incendi in Siberia", di cui oltre 650 nella regione di Irkutsk. Secondo il ministero delle Emergenze, le fiamme hanno anche devastato un piccolo villaggio di 435 abitanti: Bubnovka, nel distretto Kirenski della regione di Irkutsk, dove sono andate in fiamme almeno 59 case e gli abitanti sono stati evacuati. In totale circa 100 abitazioni avrebbero preso fuoco in Siberia. Non si registrano morti.

19:44Carrozza d’epoca in via Fori, multato vetturino senza targa

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Appena sposati volevano fare un romantico giro nel centro di Roma, passando per il Colosseo, a bordo di un carrozza di fine '700 trainata da sei cavalli e condotta da due uomini in abiti storici. Ma il sogno di una coppia russa, evidentemente studiato nei minimi particolari da tempo, si è infranto contro il muro della burocrazia e soprattutto contro l'inefficienza del noleggiatore con sede in un quartiere periferico della Capitale. Fatto sta che mentre la carrozza tentava di entrare nell'area pedonale del Colosseo per andare a prendere la sposa russa, è stata fermata da una pattuglia del Gruppo Sicurezza Sociale Urbana (Gssu) della Polizia Locale in servizio di vigilanza in largo Corrado Ricci, all'angolo con via dei Fori Imperiali. Fatti tutti gli accertamenti, gli agenti hanno sanzionato con 40 euro il vetturino per mancanza della targa identificativa e lo hanno diffidato a proseguire verso l'Anfiteatro Flavio. Eliminato il Colosseo, la coppia ha fatto lo stesso il giro in carrozza verso Villa Borghese.

19:44Trump: Congresso proroga legge spesa per una settimana

(ANSA) - WASHINGTON, 28 APR - Il Congresso ha approvato a larga maggioranza (382 a 30) una legge provvisoria per proroga sino al 5 maggio il finanziamento delle attività dello stato federale evitando così lo shutdown che sarebbe scattato a mezzanotte. Il provvedimento passa ora alla Casa Bianca per la firma di Donald Trump. In questo modo i parlamentari avranno ancora una settimana di tempo per negoziare la legge di spesa e finanziare l'attività statale sino alla fine dell'anno fiscale, il 30 settembre.

19:41Macron in città martire 1944, non ripetiamo errori storia

(ANSA) - PARIGI, 28 APR - In visita nel villaggio di Oradour-sur-Glane, simbolo fra i più tragici della Seconda guerra mondiale in Francia, il candidato alle presidenziali Emmanuel Macron ha insistito sul dovere di memoria. "Dimenticare - ha detto Macron - può comportare il rischio di ripetere la storia". Nel giorno in cui il presidente ad interim del Front National, designato dalla sua avversaria Marine Le Pen, si è dovuto dimettere perché investito dalle polemiche per presunte frasi negazioniste, Macron ha detto che la volontà di rispettare questo dovere di memoria "è l'impegno di non dimenticare mai". (ANSA).

19:32Calcio: Juve vince anche nel design, riconoscimenti a Londra

(ANSA) - TORINO, 28 APR - Doppio riconoscimento per la Juventus al Festival del Design di Londra. La società bianconera ha ricevuto due D&AD Professional Awards 2017: il Graphite Pencil nella categoria Branding Schemes Large Organisation, grazie al nuovo logo realizzato da Interbrand, mentre il nuovo font ha ricevuto il Wood Pencil per il Crafts for Design, Typefaces. Una grande soddisfazione per la Juventus: fin dal 1962, D&AD rappresenta l'eccellenza nell'ambito della creatività e del design e i suoi premi sono universalmente riconosciuti tra i più prestigiosi a livello internazionale.

Archivio Ultima ora