Lacrime d’addio per Obama: “Ma non mi fermerò qui”

Pubblicato il 11 gennaio 2017 da ansa

WASHINGTON. – Anche per lui, il ‘presidente cool’, o forse soprattutto per lui, Barack Obama, primo presidente nero degli Stati Uniti, l’ultimo saluto all’America prima di lasciare la Casa Bianca è un’emozione che non gli consente di trattenere le lacrime. Ed è un appello, a non tradire i valori americani, e una promessa: “Non mi fermerò qui”. “Yes we can! Yes we did! Yes we can!”, ha scandito il suo ‘arrivederci’ dal palco di Chicago, dove è tornato per chiudere il cerchio davanti a 20mila persone accorse per ascoltarlo, ancora, commosse.

Nella città adottiva, là dove è cominciata la sua straordinaria avventura, dove nel 2008 il giovane senatore dell’Illinois neoeletto presidente lanciò il suo messaggio di speranza e cambiamento ad una folla in delirio che “sì, possiamo farlo”, la sua America ha chiesto ancora la sua guida e urlato “four more years” (altri quattro anni).

Nonostante una presidenza criticata, osteggiata, divisiva secondo alcuni, impresa incompiuta agli occhi di altri. Obama ha difeso il suo lavoro: “Oggi l’America è migliore”, ha rivendicato con forza. La legalizzazione delle nozze gay e il salvataggio dell’industria dell’auto sull’orlo della bancarotta dopo la grande crisi, un nuovo capitolo nei rapporti con Cuba, l’accordo con l’Iran sul nucleare, l’eliminazione di Osama bin Laden, l’Obamacare.

“Se ve lo avessero detto otto anni fa… Ma l’abbiamo fatto. Lo avete fatto voi. Voi siete stato il cambiamento”. L’elenco dei risultati raggiunti nel corso dei quasi tremila giorni dei suoi due mandati presidenziali non è stato però il cuore dell’ultimo discorso da presidente. Il cuore del messaggio è stato piuttosto sui valori che rendono l’America ‘eccezionale’, e che non vanno traditi in nessun modo. E per i quali lui continuerà a combattere anche fuori dalla Casa Bianca: “E’ stato un onore servire gli americani, non mi fermerò. Continuerò a farlo per il resto dei miei giorni”.

Non ha citato mai Donald Trump, se non per dire che farà di tutto per agevolare la transizione con il suo successore. Ma ha affermato chiaro e forte come il futuro del Paese dipenda proprio dalla salvaguardia di quei principi di libertà, uguaglianza, democrazia che furono dei padri fondatori. E ha messo in guardia da un ritorno indietro sul fronte delle discriminazioni razziali nei confronti di tutte le minoranze, a partire da quella afroamericana: “Servono le leggi, anche se queste non bastano. Devono cambiare i cuori”.

Quindi il monito a non trasformare l’America facendola diventare come altre potenze “rivali”: la Russia e la Cina. Paesi che “non possono eguagliare la nostra influenza nel mondo, a meno che non siamo noi a mollare quello in cui crediamo e ci trasformiamo in un altro grande Paese che fa il prepotente con i vicini più piccoli”.

Così Obama ha spiegato che la sua vera eredità è la traccia lasciata, un solco lungo il quale continuare a lavorare. “Qui (a Chicago) ho imparato che il cambiamento accade soltanto quando la gente comune è coinvolta e impegnata, e insieme lo pretende. E dopo otto anni da presidente lo credo ancora”.

E la folla, in una notte magica, ha già nostalgia di Obama. Di quella first family ‘perfetta’ e discreta, della first lady Michelle alla quale ha dedicato una standing ovation. Sedeva tra la folla con la figlia maggiore Malia. E al momento dei ringraziamenti Barack ha cominciato proprio da Michelle: “Non solo mia moglie, la madre dei miei figli, ma la mia migliore amica. Mi hai reso orgoglioso, hai reso orgogliosa l’America”, ha detto con la voce rotta, fino alle lacrime quando ha ringraziato anche le figlie Malia e Sasha: “Di tutto ciò che ho fatto, essere vostro padre è ciò che mi rende più orgoglioso”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

09:42Violenza sessuale: indagini su stupro a turista a Milano

(ANSA) - MILANO, 23 SET - I carabinieri della Compagnia Porta Monforte di Milano stanno indagando su una violenza sessuale subita domenica sera da una turista canadese nel capoluogo lombardo ad opera di un uomo che si è spacciato come dipendente di una ditta di noleggio auto con conducente. Il tutto è cominciato in viale Monza, a poca distanza dal centro, dove la donna è salita a bordo dell'auto per andare a Lampugnano e da qui prendere un pullman per andare a Venezia. Il finto conducente l'ha portata invece a Crescenzago, in periferia, e, in una zona isolata, l'ha violentata. La turista, dopo che l'aggressore se n'era andato, ha dato l'allarme con il suo telefono e, in ambulanza, è stata portata alla Clinica Mangiagalli dove gli accertamenti hanno confermato la violenza sessuale. I carabinieri stanno passando al setaccio le telecamere di sorveglianza e stanno cercando di dare un nome all'aggressore che non si esclude sia stato protagonista in passato di altri episodi.

09:32Iran sfida Trump, ‘testato nuovo missile balistico’

(ANSA) - ROMA, 23 SET - L'Iran ha "testato con successo" il suo nuovo missile balistico, 'Khorramshahr', che ha un raggio di azione di 2.000 chilometri. Lo riferisce Press Tv, pubblicando il video del lancio della tv di Stato Irib. La nuova arma iraniana era stata presentata ieri a Teheran durante la parata per il 37/o anniversario della guerra Iran-Iraq, alla presenza del presidente Hassan Rohani. Il nuovo lancio appare come una sfida al presidente americano Donald Trump che ha duramente attaccato l'Iran nel suo intervento all'Assemblea generale dell'Onu.

06:54Corea Nord: Cina taglia export petrolio, stop tessile

(ANSA) - PECHINO, 23 SET - La Cina taglia l'export di greggio verso la Corea del Nord, seguendo le sanzioni dell'Onu decise a causa dei test nucleari e di missili balistici. Le esportazioni di prodotti raffinati - ha reso noto il ministero del Commercio cinese - saranno limitate a 2 milioni di barili annui, mentre la vendita di gas liquefatto sarà bandita. Azzerato, inoltre, l'import di tessile, tra le voci principali dell'interscambio con Pechino, che vale circa il 90% dei flussi complessivi di Pyongyang.

03:52Corea del Nord, Trump: Kim è solo un piccolo pazzo

(ANSA) - NEW YORK, 23 SET - "Vogliamo un mondo in cui ci siano Paesi che cooperano tra loro. Non possiamo avere un piccolo pazzo che spara missili sugli altri": così Trump torna a parlare di Kim Jong-un. "Stiamo parlando di armi di distruzione di massa e non possiamo permettere che qualcuno metta il nostro popolo in pericolo", ha aggiunto Trump. "L'uomo missile doveva essere gestito molto tempo fa", ha detto il presidente Usa chiamando di nuovo Kim 'rocket man' e accusando Obama e la Clinton. Molti dei piu' stretti consiglieri di Trump lo avevano messo in guardia dall'attaccare personalmente il dittatore nordcoreano nel discorso davanti all'Onu, avvertendo che un affondo diretto contro Kim avrebbe portato inevitabilmente ad una ulteriore escalation della tensione. Lo riportano alcuni media Usa citando fonti della Casa Bianca, secondo cui l'espressione "uomo missile in missione suicida" e la minaccia di "distruggere totalmente" la Corea del Nord non erano contenute nel testo originale del discorso.

03:26Grillo: se vuole Fico parla, è un romantico

(ANSA) - RIMINI, 23 SET - Oggi "se vuole, Fico parla. Lui e' un romantico. Ma va bene cosi'". Lo afferma Beppe Grillo, rispondendo ai cronisti a margine di una festa di compleanno di quattro parlamentari M5s organizzata a Rimini dopo la prima serata di 'Italia 5 Stelle'. Fico nel primo giorno della kermesse in extremis e' rimasto fuori dalla scaletta degli interventi sul palco principale. Ma Grillo sembra tendergli la mano: "E' un romantico ed e' bene che ci siano. Anche io lo sono", afferma il garante M5s.

23:21Attico Bertone: torna ‘giallo’ doppie fatture

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 22 SET - Torna il 'giallo' del doppio pagamento per la ristrutturazione dell'appartamento dell'ex Segretario di Stato vaticano, il cardinale Tarcisio Bertone. Nel processo in corso in Vaticano, l'ex presidente della Fondazione Bambino Gesù, Giuseppe Profiti (accusato di peculato) aveva definito 'falsa' questa ipotesi, perché la Fondazione aveva cofinanziato i lavori dell'appartamento mentre il Governatorato aveva pagato i lavori per le parti comuni di Palazzo San Carlo. Oggi, invece, l'ombra del doppio pagamento a vantaggio delle imprese di Gianantonio Bandera, di cui si è parlato nei mesi scorsi, di fatto è rispuntata. Marco Bargellini, alla guida della sezione 'edilizia' della Direzione dei Servizi Tecnici del Governatorato, ha detto che l'ente ha pagato tutto, non sapendo che i lavori erano stati pagati anche dalla Fondazione. Durante un'udienza di sei ore, è anche emerso che nell'appartamento non sono mai stati effettuati i collaudi.

23:12Calcio: Bayern raggiunto dal Wolfsburg sul 2-2

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Non sono bastate due reti di vantaggio al Bayern Monaco per condurre in porto la partita contro il Wolfsburg, conclusasi 2-2. Sul campo della Allianz Arena, nell'anticipo della sesta giornata di Bundesliga, le reti di Lewandowski (33', su rigore che lo stesso attaccante polacco si era procurato) e Robben (42') sembravano aver messo in discesa l'incontro per la formazione allenata da Carlo Ancelotti. Ma nella ripresa la reazione del Wolfsburg ha sorpreso i bavaresi, che hanno incassato all'11' il gol su punizione di Arnold ed a 7' dalla fine quello di Didavi. Il Bayern ha così fallito il momentaneo sorpasso sul Borussia Dortmund capolista, raggiunto a 13 punti, che domani affronta il Moenchengladbach.

Archivio Ultima ora