Renzi rilancia la segreteria, mentre la minoranza cerca un “giovane Prodi”

Pubblicato il 17 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – Riparte dalla squadra, Matteo Renzi. Dalla segreteria rinnovata e da un legame più stretto con i territori, laddove riparare la ‘macchina’ Pd può fare la differenza. Il leader Dem torna a Roma per compiere i primi passi della fase ‘operativa’ di rilancio del partito, prima che la prossima settimana la sentenza della Consulta sull’Italicum apra la partita più politica della legge elettorale e della durata della legislatura.

A quel passaggio si sta preparando anche la minoranza bersaniana, sempre più ai ferri corti con il segretario. E nell’ipotesi che si vada davvero a votare a giugno, è già partita la ricerca del candidato ‘alternativo’, quello che Pier Luigi Bersani definisce un “giovane Prodi”.

Mercoledì Renzi riunirà i segretari regionali, mentre per sabato è in programma la mobilitazione dei circoli Pd su tutto il territorio nazionale, con iniziative che lo stesso segretario dovrebbe annunciare in settimana, secondo la logica di un partito più aperto a cittadini non iscritti e società civile. E sempre tra mercoledì e giovedì, potrebbe essere annunciata la nuova squadra del Nazareno.

Il segretario, che in vista di una presenza più costante al partito avrebbe cercato casa a Roma, non ha ancora sciolto la riserva, ma si va definendo il profilo del team che lo affiancherà nella fase di rilancio dopo la sconfitta referendaria e preparazione del futuro programma di governo.

E in questo senso, spiegano fonti Dem, saranno importanti non solo le deleghe di segreteria ma anche l’apporto di personalità come Giuliano Da Empoli, che guida la fondazione Volta, su temi specifici al fianco di Tommaso Nannicini che coordina il lavoro sul programma. Per il resto, accanto a conferme come quelle dell’economista Filippo Taddei e del deputato Emanuele Fiano, dovrebbero esserci nuovi innesti ‘di peso’, come l’ex segretario Ds Piero Fassino e il ministro Maurizio Martina. E poi sindaci (continuano a girare i nomi di Ciro Bonajuto, di Ercolano, e Mattia Palazzi, di Mantova) e lo scrittore Gianrico Carofiglio.

Intanto, mentre è costante il dialogo con Gianni Cuperlo, resta alta la tensione della maggioranza Dem con la minoranza ‘del No’, i bersaniani che hanno votato contro la riforma costituzionale. In una dura intervista a Repubblica, Bersani è tornato a criticare l’analisi della sconfitta referendaria fatta da Renzi: “Non ha capito la lezione, si rischia di tornare a sbattere”.

Ma i renziani scelgono di non replicare per non dare ‘spago’ a “chi martella ogni giorno – spiega un deputato – e rischia di farci avvitare in un dibattito autoreferenziale”. Intanto Roberto Speranza riunirà i parlamentari di Sinistra riformista alla Camera e potrebbe annunciare un’iniziativa politica nelle prossime settimane. E, ferma restando – spiegano i bersaniani – la candidatura di Speranza alla segreteria nel congresso Pd del prossimo autunno, è iniziata la ricerca del candidato premier ‘alternativo’ a Renzi.

Bersani ha parlato di un “giovane Prodi”: il discrimine, viene spiegato, non è anagrafico, ma è la ricerca di un “nuovo Prodi”, una figura capace di unire dalla sinistra al centro, magari proveniente da un “campo non sono del tutto sovrapponibile alla politica”.

In concreto, molto dipenderà dalla data del voto: se si tornasse alle urne a giugno, come vorrebbero i renziani, ci sarebbe meno tempo e, nell’ipotesi di convocazione dei gazebo per le primarie, bisognerebbe lanciare una candidatura “entro febbraio”. E allora, spiega più di un parlamentare della sinistra Dem, potrebbe farsi largo un profilo come quello di Enrico Letta.

In ogni caso si cercherà il nome che faccia conquistare “il più largo consenso”, anche in vista della formazione delle liste. Altrimenti, nell’ipotesi più gradita alla minoranza, ci sarà tempo fino a fine legislatura per costruire una proposta.

(di Serenella Mattera/ANSA)

  • Alberto Notaro

    Bersani e la sinistra stalinista cercano un novello Prodi? Ma non l’avevano trovato in Roberto Speranza, che avrebbe dovuto sfidare alle primarie Renzi! La verità è che ormai la politica è caratterizzata da una forte contrapposizione fra i moderati di centro, europeisti e riformisti, aperti al dialogo per le relazioni democratiche, locali, nazionali, europee e mondiali e gli estremisti, di destra e di sinistra, che vogliono disattendere le regole democratiche all’insegna delle riforme istituzionali, che combattono tutto e tutti e sono solidali, solo per opportunismo con tutti coloro che creano il caos e la destabilizzazione. Il povero Renzi dovrà pagare un prezzo per recuperare la parte ostica della sinistra stalinista, concedendo una poltrona, magari come futuro capo dello Stato a Prodi, che, quando divenne premier, fu fregato da D’alema, il capo dell’opposizione verso Renzi, sempre per motivi di poltrone e di interessi di basso profilo. Spero che prevalga il buon senso della moderazione e che Renzi cambi il partito democratico in meglio, aprendolo agli interessi di tutti gli Italiani, sottraendolo in tal modo alla ghettizzazione massimalista, radicale e populista, come vorrebbe la sinistra stalinista. Non sono lontani i tempi di Bertinotti, espressione della sinistra settaria, che al tempo delle brigate rosse, dopo l’attentato a D’antona, commentava il volantino delle brigate rosse, rinvenuto in un cassonetto, quasi a prendere in considerazione qualche brandello del pensiero delirante di quei delinquenti. Sto parlando dello stesso Bertinotti che quando qualcuno esprimeva una idea, chiedeva, non se era valida quella idea, ma chi l’aveva detta: se l’aveva detta uno di destra o uno di sinistra. La concezione manichea della sinistra settaria ed antidemocratica, che vuole dividere il nostro popolo in buoni e cattivi (i buoni a sinistra ed i cattivi a destra) non porta da nessuna parte. Ecco perché sono convinto che Renzi, al di là degli errori commessi per inesperienza, sia giustamente animato da buoni propositi e voglia cambiare in meglio l’Italia, per farne un paese moderno e democratico, dove ci sia posto per tutti gli Italiani onesti e laboriosi, che vanno premiati per i loro meriti, per le loro idee vincenti, a prescindere dal fatto che siano di destra o di sinistra. L’Italia vera è quella del popolo onesto che collabora per il bene del paese e non quella di chi alimenta odio, zizzania e settarismo di basso profilo.

Ultima ora

11:28Netanyahu, attacco è frutto sobillazione Anp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 SET - "L'attacco terroristico di questa mattina è frutto della sobillazione dell'Autorità nazionale palestinese" (Anp). Lo detto il premier Benyamin Netanyahu che ha aggiunto: "mi aspetto che Abu Mazen condanni l'attentato e non cerchi di giustificarlo". Netanyahu ha preannunciato che la casa del palestinese autore dell'attacco mortale, identificato in Nimer Jamal (37 anni), sarà demolita.

10:54Big Ue rilanciano web tax, cambiare attuale fisco

(ANSA) - BRUXELLES, 26 SET - L'economia digitale cambia "profondamente" il modo di fare business e quindi "il modo in cui deve essere tassato". Per questo serve "una profonda revisione dell'attuale sistema di tassazione, per assicurare un fisco efficiente, equo e trasparente": lo scrivono Italia, Francia, Germania e Spagna in un documento congiunto circolato a tre giorni dal vertice di Tallin sul digitale, dove i capi di Stato e di Governo Ue discuteranno della web tax e delle sfide ed opportunità del digitale.

10:48Iraq: primi dati referendum, verso plebiscito per sì

(ANSA) - BEIRUT, 26 SET - Lo spoglio delle schede del referendum nel Kurdistan iracheno è cominciato nella notte e sono già emersi i primi risultati sulla base delle prime schede scrutinate, secondo i dati diffusi dalle autorità di Erbil e pubblicati sul sito Rudaw, vicino al presidente curdo Massud Barzani: circa il 93% ha votato a favore dell'indipendenza mentre circa il 7% si è detto contrario. L'affluenza alle urne è stata del 78% per cento, su un totale di cinque milioni di aventi diritto al voto. I risultati finali sono attesi entro domani sera.

10:45Violenza sessuale su minore, arresto nell’Oristanese

(ANSA) - ORISTANO, 26 SET - Per violenza e abusi sessuali ai danni di un minore i carabinieri in un paese dell'Oristanese hanno arrestato in flagranza di reato un uomo. A far scattare il blitz dei militari - come ha anticipato il quotidiano La Nuova Sardegna - sarebbe stata proprio la giovanissima vittima degli abusi che ha trovato la forza di raccontare quello che gli stava accadendo. Una vicenda per la quale vi sarebbero anche dei riscontri. Il minore ora sarebbe ospite di una struttura protetta. Sul fatto la magistratura ed i carabinieri mantengono per il momento il massimo riserbo. L'accusa per la persona fermata ieri dai militari è quella di violenza sessuale, ma le indagini proseguono per fare piena luce su quanto accaduto. (ANSA).

10:18Promoter uccisa: esperti al lavoro nell’orto del killer

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Gli esperti del Labanof, laboratorio forense di antropologia di Milano, a Garbagnate Milanese (Milano) eseguono nuovi accertamenti nei terreni di proprietà di Vito Clericò, il 65 enne di Garbagnate Milanesec che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Insieme ai carabinieri dei comando provinciale di Varese e coordinati dal Pm Rosaria Stagnaro della Procura di Busto Arsizio (Varese) titolare del fascicolo, gli esperti analizzano tutta l'area di proprietà di Clericó, anche con l'ausilio di un escavatore. Gli accertamenti sono iniziati il giorno dopo il ritrovamento delle ossa del cranio della donna in un'area campestre di Garbagnate.

10:11Migranti: sbarcati in Sardegna oltre 100 algerini

(ANSA) - CAGLIARI, 26 SET - Sbarco di migranti sulle coste del sud Sardegna durante la notte. Sono oltre cento gli algerini arrivati e il numero potrebbe ancora salire, visto che già in queste ore altri stranieri sono stati rintracciati mentre si incamminavano a piedi, dopo essere arrivati a bordo di piccoli natanti, verso i centri cittadini. Dalle 23 in poi il Reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza, carabinieri, polizia e Capitaneria di porto sono stati impegnati per rintracciare i nordafricani. Il primo imponente arrivo è avvenuto dopo le 23 a Porto Pino, nel territorio di Sant'Anna Arresi. Tre barchini con a bordo complessivamente 62 algerini sono stati rintracciati dalle Fiamme gialle. Altri 14 su un altro barchino sono stati soccorsi in mare e trasportati direttamente in porto a Cagliari. Durante la notte altri arrivi, complessivamente 26 algerini, sono avvenuti sempre lungo la spiaggia di Porto Pino. I migranti sono stati bloccati dai carabinieri di Carbonia. Una imbarcazione con otto stranieri, sempre algerini, è anche arrivata sulla spiaggia di Domus de Maria. Infine cinque sono stati rintracciati questa mattina mentre camminavano sulla strada a Sant'Antioco e altri due a Porto Pino. Tutti dopo le visite mediche e le operazioni di identificazione sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir. (ANSA).

09:53Bomba a casa imprenditore imputato di corruzione

(ANSA) - BRINDISI, 26 SETT - Un ordigno, molto probabilmente di fattura artigianale e di basso potenziale, è stato fatto esplodere nella serata di ieri, attorno alle 23, davanti all'abitazione dell'imprenditore del settore rifiuti, Luca Screti, a San Pietro Vernotico (Brindisi). Danni lievi al muro esterno della villetta, nei pressi del cancello di ingresso. Screti è l'ex amministratore della società 'Nubile' e affronta oggi al tribunale di Brindisi l'udienza preliminare in cui si valuterà la richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla procura per lui e per l'ex sindaco Pd di Brindisi, Mimmo Consales e altre tre persone. Le accuse per entrambi sono di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio in relazione alla presunta tangente da 30mila euro versata a Consales (che ritiene sia stata invece un finanziamento elettorale incassato in ritardo) per consentire allo stesso di pagare in contanti un debito con Equitalia, e reati ambientali.

Archivio Ultima ora