Renzi rilancia la segreteria, mentre la minoranza cerca un “giovane Prodi”

Pubblicato il 17 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – Riparte dalla squadra, Matteo Renzi. Dalla segreteria rinnovata e da un legame più stretto con i territori, laddove riparare la ‘macchina’ Pd può fare la differenza. Il leader Dem torna a Roma per compiere i primi passi della fase ‘operativa’ di rilancio del partito, prima che la prossima settimana la sentenza della Consulta sull’Italicum apra la partita più politica della legge elettorale e della durata della legislatura.

A quel passaggio si sta preparando anche la minoranza bersaniana, sempre più ai ferri corti con il segretario. E nell’ipotesi che si vada davvero a votare a giugno, è già partita la ricerca del candidato ‘alternativo’, quello che Pier Luigi Bersani definisce un “giovane Prodi”.

Mercoledì Renzi riunirà i segretari regionali, mentre per sabato è in programma la mobilitazione dei circoli Pd su tutto il territorio nazionale, con iniziative che lo stesso segretario dovrebbe annunciare in settimana, secondo la logica di un partito più aperto a cittadini non iscritti e società civile. E sempre tra mercoledì e giovedì, potrebbe essere annunciata la nuova squadra del Nazareno.

Il segretario, che in vista di una presenza più costante al partito avrebbe cercato casa a Roma, non ha ancora sciolto la riserva, ma si va definendo il profilo del team che lo affiancherà nella fase di rilancio dopo la sconfitta referendaria e preparazione del futuro programma di governo.

E in questo senso, spiegano fonti Dem, saranno importanti non solo le deleghe di segreteria ma anche l’apporto di personalità come Giuliano Da Empoli, che guida la fondazione Volta, su temi specifici al fianco di Tommaso Nannicini che coordina il lavoro sul programma. Per il resto, accanto a conferme come quelle dell’economista Filippo Taddei e del deputato Emanuele Fiano, dovrebbero esserci nuovi innesti ‘di peso’, come l’ex segretario Ds Piero Fassino e il ministro Maurizio Martina. E poi sindaci (continuano a girare i nomi di Ciro Bonajuto, di Ercolano, e Mattia Palazzi, di Mantova) e lo scrittore Gianrico Carofiglio.

Intanto, mentre è costante il dialogo con Gianni Cuperlo, resta alta la tensione della maggioranza Dem con la minoranza ‘del No’, i bersaniani che hanno votato contro la riforma costituzionale. In una dura intervista a Repubblica, Bersani è tornato a criticare l’analisi della sconfitta referendaria fatta da Renzi: “Non ha capito la lezione, si rischia di tornare a sbattere”.

Ma i renziani scelgono di non replicare per non dare ‘spago’ a “chi martella ogni giorno – spiega un deputato – e rischia di farci avvitare in un dibattito autoreferenziale”. Intanto Roberto Speranza riunirà i parlamentari di Sinistra riformista alla Camera e potrebbe annunciare un’iniziativa politica nelle prossime settimane. E, ferma restando – spiegano i bersaniani – la candidatura di Speranza alla segreteria nel congresso Pd del prossimo autunno, è iniziata la ricerca del candidato premier ‘alternativo’ a Renzi.

Bersani ha parlato di un “giovane Prodi”: il discrimine, viene spiegato, non è anagrafico, ma è la ricerca di un “nuovo Prodi”, una figura capace di unire dalla sinistra al centro, magari proveniente da un “campo non sono del tutto sovrapponibile alla politica”.

In concreto, molto dipenderà dalla data del voto: se si tornasse alle urne a giugno, come vorrebbero i renziani, ci sarebbe meno tempo e, nell’ipotesi di convocazione dei gazebo per le primarie, bisognerebbe lanciare una candidatura “entro febbraio”. E allora, spiega più di un parlamentare della sinistra Dem, potrebbe farsi largo un profilo come quello di Enrico Letta.

In ogni caso si cercherà il nome che faccia conquistare “il più largo consenso”, anche in vista della formazione delle liste. Altrimenti, nell’ipotesi più gradita alla minoranza, ci sarà tempo fino a fine legislatura per costruire una proposta.

(di Serenella Mattera/ANSA)

  • Alberto Notaro

    Bersani e la sinistra stalinista cercano un novello Prodi? Ma non l’avevano trovato in Roberto Speranza, che avrebbe dovuto sfidare alle primarie Renzi! La verità è che ormai la politica è caratterizzata da una forte contrapposizione fra i moderati di centro, europeisti e riformisti, aperti al dialogo per le relazioni democratiche, locali, nazionali, europee e mondiali e gli estremisti, di destra e di sinistra, che vogliono disattendere le regole democratiche all’insegna delle riforme istituzionali, che combattono tutto e tutti e sono solidali, solo per opportunismo con tutti coloro che creano il caos e la destabilizzazione. Il povero Renzi dovrà pagare un prezzo per recuperare la parte ostica della sinistra stalinista, concedendo una poltrona, magari come futuro capo dello Stato a Prodi, che, quando divenne premier, fu fregato da D’alema, il capo dell’opposizione verso Renzi, sempre per motivi di poltrone e di interessi di basso profilo. Spero che prevalga il buon senso della moderazione e che Renzi cambi il partito democratico in meglio, aprendolo agli interessi di tutti gli Italiani, sottraendolo in tal modo alla ghettizzazione massimalista, radicale e populista, come vorrebbe la sinistra stalinista. Non sono lontani i tempi di Bertinotti, espressione della sinistra settaria, che al tempo delle brigate rosse, dopo l’attentato a D’antona, commentava il volantino delle brigate rosse, rinvenuto in un cassonetto, quasi a prendere in considerazione qualche brandello del pensiero delirante di quei delinquenti. Sto parlando dello stesso Bertinotti che quando qualcuno esprimeva una idea, chiedeva, non se era valida quella idea, ma chi l’aveva detta: se l’aveva detta uno di destra o uno di sinistra. La concezione manichea della sinistra settaria ed antidemocratica, che vuole dividere il nostro popolo in buoni e cattivi (i buoni a sinistra ed i cattivi a destra) non porta da nessuna parte. Ecco perché sono convinto che Renzi, al di là degli errori commessi per inesperienza, sia giustamente animato da buoni propositi e voglia cambiare in meglio l’Italia, per farne un paese moderno e democratico, dove ci sia posto per tutti gli Italiani onesti e laboriosi, che vanno premiati per i loro meriti, per le loro idee vincenti, a prescindere dal fatto che siano di destra o di sinistra. L’Italia vera è quella del popolo onesto che collabora per il bene del paese e non quella di chi alimenta odio, zizzania e settarismo di basso profilo.

Ultima ora

13:42Berlino: pm Milano, Amri non aveva rete in Lombardia

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Anis Amri, il soldato dell'Isis che un anno fa fece strage in un mercatino a Berlino e venne poi ucciso da due agenti a Sesto San Giovanni, nel milanese, non aveva una rete di contatti di terroristi in Lombardia, dove passò in pratica per caso, in quanto la sua intenzione era di andare a sud, in Sicilia. E' emerso dall'inchiesta per terrorismo internazionale e di cui il pm Alberto Nobili, capo del pool antiterrorismo, ha chiesto l'archiviazione. In particolare, i pm hanno chiesto al giudice di archiviare il fascicolo per terrorismo internazionale a carico di ignoti che era stato aperto dopo che Amri, che aveva compiuto la strage il 19 dicembre 2016 uccidendo 12 persone, era stato ucciso nella notte tra il 22 e il 23 dicembre da due agenti, dopo essere stato fermato a Sesto San Giovanni (Milano) mentre vagava in un piazzale in attesa di un bus. Anche il tir che Amri rubò in Germania, uccidendo un autista polacco, era partito da un'altra città del Milanese, Cinisello Balsamo.

13:40Di Maio, se sotto 40% faremo appello, governo con chi ci sta

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Se alle elezioni dovessimo ottenere il 40% potremmo governare da soli, se non dovessimo farcela la sera delle elezioni faremo un appello pubblico alle altre forze politiche che sono entrate in Parlamento presentando il nostro programma e la nostra squadra. E governeremo con chi ci sta". Lo afferma Luigi Di Maio, candidato premier M5S, ai microfoni di Circo Massimo, Radio Capital.

13:40‘Ndrangheta: Minniti,firma per cittadinanza attiva è impegno

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 18 DIC - Il ministro dell'Interno Marco Minniti ha apposto stamani, in Prefettura a Reggio Calabria, la firma sul Registro della cittadinanza attiva una firma contro la 'ndrangheta". "La firma su questo 'Registro' - ha detto Minniti non è questione che si assume a cuor leggero, ma un obbligo di impegno. Voglio qui ringraziare il prefetto Miche Di Bari e con lui, coloro che hanno avuto l'idea di questa iniziativa che è uno spartiacque di valori e di impegno contro le mafie, non solo qui a Reggio e in Calabria, ma in tutto il resto del Paese. Qui oggi si sta dando forza ad una alleanza strategica tra tutte le istituzioni e i cittadini, un orientamento chiaro su quale parte della sponda stare". Minniti ha poi sottolineato il "duro lavoro - ha detto - della magistratura e delle forze dell'ordine che qui hanno assestato colpi durissimi alla mafia perché essa rappresenta comunque una costante minaccia per il libero esercizio del voto che è il cuore della democrazia".(ANSA).

13:39Calcio: serie B, domani assemblea Lega

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Si terrà domani a Milano nella sede di Via Rosellini con inizio alle ore 13 l'Assemblea di Lega B. All'ordine del giorno - informa un comunicato della stessa Lega - dopo le comunicazioni del presidente Mauro Balata e le informative del direttore generale Paolo Bedin, l'approvazione del Bilancio di esercizio 2016/2017 dell'associazione, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Si provvederà quindi ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea- conclude il comunicato - verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

13:37Basket: Nba, LeBron James ‘no ordini da Trump’

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Una scarpa bianca e una nera indossate per un tempo, entrambe con la scritta 'Equality', uguaglianza. E' il nuovo messaggio che LeBron James ha voluto mandare alla Nba, dove continua a regnare con prestazioni da record, come quella che ha portato al successo a Washington contro i Wizards, ma soprattutto fuori dal campo. Dalla stella dei Cleveland Cavs arriva infatti un attacco anche al presidente Trump, già nel suo mirino negli scorsi mesi. "So benissimo dove siamo - ha detto, riferendosi alla Capitale che ha ospitato la sua partita e ospita la Casa Bianca - e chi è al timone qui". "Noi americani, non importa il colore della pelle o la razza, dobbiamo capire che abbiamo tutti uguali diritti e siamo tutti in grado di sostenere una causa e di parlarne. Ho già fatto sentire altre volte la mia voce. Non voglio lasciare che sia una sola persona a darci ordini su quanto meravigliosi e potenti siamo", ha aggiunto James.

13:11Austria: il nuovo governo giura tra le proteste

(ANSA) - TRIESTE, 18 DIC - Centinaia di persone si sono radunate a Vienna per protestare contro l'insediamento del nuovo governo di destra. Antifascisti, femministe e gruppi di studenti di sinistra hanno manifestato contro la coalizione tra il Partito popolare austriaco conservatore e il Partito nazionalista Fpoe che si sono impegnati a irrigidire le norme sull'asilo nel Paese e sull'immigrazione, mantenendo nel contempo un fermo impegno a favore dell'Unione Europea. Il leader del Partito popolare Sebastian Kurz, 31 anni, diventerà il più giovane capo di governo in Europa. Gli oppositori politici hanno espresso particolare preoccupazione per il fatto che l'Fpoe, che ha legami con gli estremisti di estrema destra, avrà il controllo degli importanti ministeri dell'Interno, della Difesa e degli Esteri. Il suo leader, Heinz-Christian Strache, diventerà vice cancelliere.

13:11Falsi: oltre 6 mln prodotti sequestrati da gdf Prato

(ANSA) - PRATO, 18 DIC - Sono circa sei milioni i prodotti contraffatti e potenzialmente dannosi, per un valore di 30 milioni di euro, sequestrati dalla guardia di finanza del comando di Prato nel corso dell'operazione "Passo passo" in cui 12 persone sono state denunciate. I finanzieri hanno avviato una complessa attività investigativa che ha portato ad operare nelle regioni della Toscana e del Lazio, sotto la costante direzione del sostituto procuratore della Repubblica di Prato, dottoressa Valentina Cosci. Le perquisizioni operate sul territorio nazionale, su delega dell'autorità giudiziaria, hanno consentito di sottoporre a sequestro circa sei milioni di capi di abbigliamento ed articoli di bigiotteria potenzialmente dannosi per la salute del consumatore finale e più di 1.000 bracciali contraffatti, per un valore stimato di mercato di circa 30 milioni di euro identificando e denunciando 12 imprenditori, tutti di nazionalità cinese, titolari e/o amministratori di altrettante ditte ubicate tra Prato, Roma e Viterbo. L'operazione, si legge in una nota della gdf, ha portato gli operatori delle fiamme gialle a seguire la filiera dei prodotti potenzialmente dannosi, e in molti casi contraffatti, partendo da alcune perquisizioni operate all'interno del centro espositivo "Euroingro" di Prato dove alcuni imprenditori commercializzavano tali prodotti, fino ad arrivare a individuare i vari fornitori/importatori, tutti dislocati principalmente nella capitale.(ANSA).

Archivio Ultima ora