Renzi rilancia la segreteria, mentre la minoranza cerca un “giovane Prodi”

Pubblicato il 17 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – Riparte dalla squadra, Matteo Renzi. Dalla segreteria rinnovata e da un legame più stretto con i territori, laddove riparare la ‘macchina’ Pd può fare la differenza. Il leader Dem torna a Roma per compiere i primi passi della fase ‘operativa’ di rilancio del partito, prima che la prossima settimana la sentenza della Consulta sull’Italicum apra la partita più politica della legge elettorale e della durata della legislatura.

A quel passaggio si sta preparando anche la minoranza bersaniana, sempre più ai ferri corti con il segretario. E nell’ipotesi che si vada davvero a votare a giugno, è già partita la ricerca del candidato ‘alternativo’, quello che Pier Luigi Bersani definisce un “giovane Prodi”.

Mercoledì Renzi riunirà i segretari regionali, mentre per sabato è in programma la mobilitazione dei circoli Pd su tutto il territorio nazionale, con iniziative che lo stesso segretario dovrebbe annunciare in settimana, secondo la logica di un partito più aperto a cittadini non iscritti e società civile. E sempre tra mercoledì e giovedì, potrebbe essere annunciata la nuova squadra del Nazareno.

Il segretario, che in vista di una presenza più costante al partito avrebbe cercato casa a Roma, non ha ancora sciolto la riserva, ma si va definendo il profilo del team che lo affiancherà nella fase di rilancio dopo la sconfitta referendaria e preparazione del futuro programma di governo.

E in questo senso, spiegano fonti Dem, saranno importanti non solo le deleghe di segreteria ma anche l’apporto di personalità come Giuliano Da Empoli, che guida la fondazione Volta, su temi specifici al fianco di Tommaso Nannicini che coordina il lavoro sul programma. Per il resto, accanto a conferme come quelle dell’economista Filippo Taddei e del deputato Emanuele Fiano, dovrebbero esserci nuovi innesti ‘di peso’, come l’ex segretario Ds Piero Fassino e il ministro Maurizio Martina. E poi sindaci (continuano a girare i nomi di Ciro Bonajuto, di Ercolano, e Mattia Palazzi, di Mantova) e lo scrittore Gianrico Carofiglio.

Intanto, mentre è costante il dialogo con Gianni Cuperlo, resta alta la tensione della maggioranza Dem con la minoranza ‘del No’, i bersaniani che hanno votato contro la riforma costituzionale. In una dura intervista a Repubblica, Bersani è tornato a criticare l’analisi della sconfitta referendaria fatta da Renzi: “Non ha capito la lezione, si rischia di tornare a sbattere”.

Ma i renziani scelgono di non replicare per non dare ‘spago’ a “chi martella ogni giorno – spiega un deputato – e rischia di farci avvitare in un dibattito autoreferenziale”. Intanto Roberto Speranza riunirà i parlamentari di Sinistra riformista alla Camera e potrebbe annunciare un’iniziativa politica nelle prossime settimane. E, ferma restando – spiegano i bersaniani – la candidatura di Speranza alla segreteria nel congresso Pd del prossimo autunno, è iniziata la ricerca del candidato premier ‘alternativo’ a Renzi.

Bersani ha parlato di un “giovane Prodi”: il discrimine, viene spiegato, non è anagrafico, ma è la ricerca di un “nuovo Prodi”, una figura capace di unire dalla sinistra al centro, magari proveniente da un “campo non sono del tutto sovrapponibile alla politica”.

In concreto, molto dipenderà dalla data del voto: se si tornasse alle urne a giugno, come vorrebbero i renziani, ci sarebbe meno tempo e, nell’ipotesi di convocazione dei gazebo per le primarie, bisognerebbe lanciare una candidatura “entro febbraio”. E allora, spiega più di un parlamentare della sinistra Dem, potrebbe farsi largo un profilo come quello di Enrico Letta.

In ogni caso si cercherà il nome che faccia conquistare “il più largo consenso”, anche in vista della formazione delle liste. Altrimenti, nell’ipotesi più gradita alla minoranza, ci sarà tempo fino a fine legislatura per costruire una proposta.

(di Serenella Mattera/ANSA)

  • Alberto Notaro

    Bersani e la sinistra stalinista cercano un novello Prodi? Ma non l’avevano trovato in Roberto Speranza, che avrebbe dovuto sfidare alle primarie Renzi! La verità è che ormai la politica è caratterizzata da una forte contrapposizione fra i moderati di centro, europeisti e riformisti, aperti al dialogo per le relazioni democratiche, locali, nazionali, europee e mondiali e gli estremisti, di destra e di sinistra, che vogliono disattendere le regole democratiche all’insegna delle riforme istituzionali, che combattono tutto e tutti e sono solidali, solo per opportunismo con tutti coloro che creano il caos e la destabilizzazione. Il povero Renzi dovrà pagare un prezzo per recuperare la parte ostica della sinistra stalinista, concedendo una poltrona, magari come futuro capo dello Stato a Prodi, che, quando divenne premier, fu fregato da D’alema, il capo dell’opposizione verso Renzi, sempre per motivi di poltrone e di interessi di basso profilo. Spero che prevalga il buon senso della moderazione e che Renzi cambi il partito democratico in meglio, aprendolo agli interessi di tutti gli Italiani, sottraendolo in tal modo alla ghettizzazione massimalista, radicale e populista, come vorrebbe la sinistra stalinista. Non sono lontani i tempi di Bertinotti, espressione della sinistra settaria, che al tempo delle brigate rosse, dopo l’attentato a D’antona, commentava il volantino delle brigate rosse, rinvenuto in un cassonetto, quasi a prendere in considerazione qualche brandello del pensiero delirante di quei delinquenti. Sto parlando dello stesso Bertinotti che quando qualcuno esprimeva una idea, chiedeva, non se era valida quella idea, ma chi l’aveva detta: se l’aveva detta uno di destra o uno di sinistra. La concezione manichea della sinistra settaria ed antidemocratica, che vuole dividere il nostro popolo in buoni e cattivi (i buoni a sinistra ed i cattivi a destra) non porta da nessuna parte. Ecco perché sono convinto che Renzi, al di là degli errori commessi per inesperienza, sia giustamente animato da buoni propositi e voglia cambiare in meglio l’Italia, per farne un paese moderno e democratico, dove ci sia posto per tutti gli Italiani onesti e laboriosi, che vanno premiati per i loro meriti, per le loro idee vincenti, a prescindere dal fatto che siano di destra o di sinistra. L’Italia vera è quella del popolo onesto che collabora per il bene del paese e non quella di chi alimenta odio, zizzania e settarismo di basso profilo.

Ultima ora

20:43Confederations: Camerun-Australia 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - Camerun e Australia hanno pareggiato 1-1 (1-0) in una partita del gruppo B della Confederations Cup giocata a San Pietroburgo. Reti di Anguissa al 46' pt e Milligan su rigore al 15' st.

20:35Calcio: Spalletti, Borja Valero? Giocatore forte ed esperto

(ANSA) - MILANO, 22 GIU - "Borja Valero è forte ed esperto. A centrocampo siamo a posto, se le cose restano così non andiamo a prendere nessuno. Se va via qualcuno gli metteremo gli occhi addosso. E’ un giocatore di sicuro affidamento": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti, intervistato da Premium Sport, a Catanzaro dove sarà premiato con il 'Premio Ceravolo'. "Rudiger? In difesa faremo sicuramente qualcosa -aggiunge l'allenatore - lui è un grandissimo come Manolas, ha fatto vedere quanto vale ma dire il nome di chi andremo a prendere mi sembra prematuro e scorretto". Spalletti conferma che l'Inter dovrà prima cedere qualche giocatore "perchè c'è un regolamento", solo in seguito il club nerazzurro interverrà per "migliorare la rosa e sostituire chi partirà".

20:35Delitto Noventa: 30 anni carcere a fratelli Sorgato

(ANSA) - PADOVA, 22 GIU - Condanna a 30 anni di carcere per Freddy Sorgato e per la sorella Debora, 16 anni e 10 mesi per la loro amica Manuela Cacco. Sono le pene inflitte poco fa dal Tribunale di Padova, con rito abbreviato, nei confronti dei tre imputati - l'uomo era l'ex fidanzato della vittima - dell'omicidio premeditato e l'occultamento di cadavere di Isabella Noventa, l'impiegata 55enne padovana scomparsa la notte tra il 15 e il 16 gennaio 2016, il cui corpo non è mai stato trovato.

20:15Boldrini, dico sì ad Europa, ma a condizione che cambi

(ANSA) - VENEZIA, 22 GIU - "All'Europa dico sì, ma a una condizione: che ci sia un reale cambiamento". Lo ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini, in occasione della presentazione del suo libro a Venezia. "Credo - ha spiegato - che ci sia oggi bisogno che l'Europa sia percepita come un'istituzione benigna, che protegge i cittadini e dà loro delle chance. Bisogna quindi lavorare sull'aspetto sociale dell'Europa, che deve essere più capace di mettere i cittadini al centro della propria azione". "Penso infatti - ha proseguito la presidente della Camera - che debba fare qualcosa che vada a vantaggio dei più bisognosi: ad esempio, immagino come un sussidio di disoccupazione europeo cambierebbe la percezione dell'Europa e porterebbe a dire che l'Europa dei diritti, affermando i principi che sono alla base del progetto europeo, non lascia indietro nessuno. Credo che ci siano buone speranze per portare avanti questo progetto europeo".

20:07Classifica ribaltata all’Audi sailing week-52 super series

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - La 52 Super Series questa mattina si è ritrovata sulla linea di partenza alle 12.00 per disputare due regate a bastone - con un vento che ha oscillato tra i 10 - 12 nodi dai quadranti sud-orientali - previste per la seconda giornata dell'Audi Sailing Week - 52 Super Series, organizzata dello Yacht Club Costa Smeralda in collaborazione con il Title Sponsor Audi. Si porta al comando della classifica provvisoria Rán Racing, seguito a tre punti di distacco dal secondo classificato Bronenosec e Sled dietro di un solo punto. Con alle spalle una giornata difficile conclusa ai piani bassi, Quantum Racing, alla tattica il velista di America's Cup Terry Hutchinson, ha scalato oggi la classifica e, con un primo ed un terzo posto di giornata, si è posizionato sesto. Nella prima prova è partito lanciatissimo sul pin e ha dominato tutta la gara allungando costantemente le distanze sugli avversari mentre nella seconda prova ha avuto la meglio Rán Racing, con il tattico Adrian Sted, che ha così conquistato il vertice

20:04Terrorismo: espulso tunisino, apologia Isis su Facebook

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, è stata eseguita oggi l'espulsione di un 25enne tunisino, per motivi di sicurezza dello Stato. Il giovane, residente a Scicli (Rg), fa sapere il Viminale, è emerso all'attenzione delle forze di polizia nell'ambito dell'attività di ricerca informativa in relazione a due suoi connazionali, già espulsi il 14 aprile scorso, entrambi con decreto del ministro. Il tunisino frequentava la moschea di Donnalucata (Rg) e sul suo profilo Facebook presentava la sua immagine con la frase "io sto andando, è sicuro che non torno, quindi addio". Aveva, inoltre ripetutamente postato contenuti di propaganda jihadista ed immagini con riferimenti apologetici dello Stato Islamico. Con il rimpatrio di oggi, il 55/o del 2017, sono 187 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal 2015.

19:58Calcio: da giocatore a imprenditore,ecco convenzione Ics-Aic

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - Una partnership consolidata quella tra l'Istituto per il Credito Sportivo e l'Associazione Italiana Calciatori che si rafforza maggiormente grazie a due importanti iniziative. Siglata infatti oggi da Damiano Tommasi, Presidente di Aic e Paolo D'Alessio, Commissario Straordinario dell'Istituto per il Credito Sportivo, la nuova convenzione triennale che consentirà ai calciatori che vogliono investire nell'impiantistica sportiva di usufruire di vantaggi e agevolazioni grazie ai Fondi Speciali gestiti dall'ICS: 5 milioni a tasso zero per mutui fino a 200.000 euro in 10 anni, su un plafond complessivo di 25 milioni di euro stanziato dal Credito Sportivo per dare un impulso importante all'imprenditorialità di settore. L'agevolazione è volta a favorire soprattutto gli ex atleti o atleti a fine carriera con massimo 45 anni di età, che abbiano disputato le principali competizioni internazionali o giocato nei maggiori campionati nazionali organizzati dalle rispettive Leghe

Archivio Ultima ora