Offensiva di Grillo in vista del voto, fuori i traditori

Pubblicato il 30 gennaio 2017 da redazione

Di Maio, Grillo e DI Battista

ROMA. – “Fuori i traditori dal Movimento 5 Stelle”. Beppe Grillo in un post mattutino ribadisce la linea dura entrando nel vivo nella battaglia, anche mediatica, in atto tra i pentastellati e gli ex M5S che, da Parma a Genova, rischiano di dare non poco filo da torcere alle prossime amministrative. Ma il leader M5S, assieme a Davide Casaleggio, guarda ormai anche alle elezioni politiche.

L’accelerazione al voto che emerge in queste ore anche dal Nazareno induce, infatti, i vertici del Movimento a stringere sui criteri per le future liste pentastellate. E non è un caso che Grillo faccia riferimento a quell’introduzione di quel “vincolo di mandato” assente in Costituzione ma che, ha determinato l’inserimento delle contestate sanzioni nei regolamenti M5S per amministratori e eurodeputati.

La codificazione dei criteri per le liste sarà, però, tutt’altro che facile: non tutti, è il tam tam che gira negli ambienti pentastellati, saranno ricandidati anche perché c’è da tener presente che confermando gli attuali parlamentari il M5S – a causa del tetto dei due mandati – si ritroverebbe praticamente senza dirigenti politici alla successiva legislatura.

Su un principio, anche alla luce degli ultimi addii i vertici non faranno sconti: mettere in campo un’azione rigorosissima contro quei “poltronisti” che, come ammette Carlo Sibilia, sono passati anche nel Movimento. E un Grillo, forse mai così perentorio come in questi giorni, lo ribadisce dal blog. Chi ha deciso di andar via dal Movimento lo ha fatto per “l’effetto ‘cadrega’. Ognuno si è ancorato alla sua poltrona e al suo stipendio fregandosene di essere stato eletto con un simbolo che hanno tradito. Senza queste zavorre faremo meglio”, è lo strale lanciato dall’ex comico nel giorno in cui annuncia tra l’altro il deferimento del consigliere regionale ligure Francesco Battistini al collegio dei probiviri.

Battistini, violando l’ultimo post di Grillo, ha usato infatti a mezzo stampa parole dure con i vertici mostrando vicinanza ai fuorusciti liguri che hanno dato vita a “Effetto Genova”, formazione parallela a all”Effetto Parma’ guidato da Federico Pizzarotti. E proprio il sindaco emiliano è protagonista di un duro scontro con il braccio destro di Davide Casaleggio, Massimo Bugani. Pizzarotti “sta con il potere”, attacca parlando con l’Huffington Post il consigliere bolognese.

“E’ un ipocrita pieno di rancore”, replica Pizzarotti che in un tweet incalza: “Ai vertici M5S la libertà fa paura”. “La pianti di dire fregnacce”, controreplica Bugani. E ‘caldissimo’ si preannuncia anche il raduno dei Meetup romani annunciato per il 5 febbraio. L’assemblea non avrà il logo del M5S e non coinvolgerà necessariamente i parlamentari eletti pentastellati a Roma ma registrerà, inevitabilmente, lo scontro in atto sulla gestione capitolina di Virginia Raggi tra le varie correnti ‘romane’ del Movimento. E, con tutta probabilità, la riunione avrà luogo ad una manciata d’ore dall’interrogatorio della sindaca previsto, secondo i rumors degli ambienti M5S, per la seconda metà di questa settimana.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

17:48Argentina:sottomarino aveva comunicato avaria batterie

(ANSA) - BUENOS AIRES, 20 NOV - Mercoledì scorso, prima dell'interruzione delle sue comunicazioni con il comando militare, il sottomarino argentino Ara San Juan aveva informato che esisteva una avaria nelle sue batterie. "Mercoledì scorso siamo stati informati di questa avaria, ed è per questo che si è cambiata la rotta della nave, dirigendola verso Mar del Plata", ha detto alla stampa Gabriel Galeazzi, portavoce della Marina militare a Mar del Plata, base operativa del sottomarino.

17:37Tennis: ranking Nadal saldo al n.1, Fognini 27/o

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Con la conclusione delle Atp Finals diventa praticamente definitiva la classifica del tennis mondiale dove lo spagnolo Rafa Nadal è saldamente al comando, per la quattordicesima settimana, e chiude l'anno con 1.040 punti di vantaggio sullo svizzero Roger Federer. Sul gradino più basso del podio mondiale irrompe il bulgaro Grigor Dimitrov, vincitore a Londra che si regala il best ranking superando in un colpo il tedesco Alexander Zverev, l'austriaco Dominic Thiem e il croato Marin Cilic. Best ranking anche per il finalista del Masters, il belga David Goffin, che sale in settima posizione, e per lo statunitense Jack Sock, che grazie alla semifinale londinese si va ad accomodare sulla poltrona numero otto. Fabio Fognini si conferma numero uno azzurro: il 30enne ligure è stabile al numero 27, così come Paolo Lorenzi in 43/a posizione e Thomas Fabbiano al 73/o posto. Risale di un paio di gradini invece Andreas Seppi, ora al n. 87. Fa un passo avanti anche Marco Cecchinato, numero 110.

17:37Ex generale suicida: don Maurizio, eri esempio rettitudine

(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 20 NOV - "Siamo in tanti perché eri un esempio di rettitudine e amore per la natura: qui c'è tutta Sulmona che vuole manifestarti affetto e riconoscenza". E' un passaggio dell'omelia di don Maurizio Nannarone, che nella chiesa di Santa Maria della Tomba a Sulmona, ha celebrato i funerali di Guido Conti, l'ex generale dei carabinieri forestali che si è tolto la vita venerdì scorso nelle campagne di Pacentro (L'Aquila). Tra i banchi della chiesa i vertici dei carabinieri con in testa il comandante della Ogaden, Giovanni Nistri, l'ex procuratore capo dell'Aquila, Fausto Cardella, il capo della Procura di Sulmona, Giuseppe Bellelli, il suo collega di Vasto, Giampiero Di Florio, il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, il presidente del Tribunale di Sulmona, Giorgio Di Benedetto, la senatrice Paola Pelino, l'ex presidente del Consiglio regionale, Nazario Pagano, l'attuale questore di Pescara, Francesco Misiti, e il suo predecessore, Paolo Passamonti. Alle esequie anche l'ex comandante provinciale dei Cc di Pescara, Paolo Piccinelli, che con Conti ha condiviso un periodo in Umbria. (ANSA).

17:33Afghanistan: 18 miliziani Isis uccisi in provincia Nangarhar

(ANSA) - NEW DELHI, 20 NOV - Almeno 20 militanti dell'Isis sono stati uccisi durante due operazioni aeree e terrestri in due distretti della provincia orientale afghana di Nangarhar. Lo hanno reso noto funzionari locali. Il portavoce del governo provinciale, Attaullah Khogyani, ha precisato che le operazioni militari sono state condotte la scorsa notte nei distretti di Achin, dove 14 militanti sono stati uccisi fra cui un comandante locale di nome Saqib, e di Khogyani (quattro guerriglieri morti). Soprattutto il distretto di Achin è considerato una roccaforte dei seguaci del 'Califfo' Abu Bakr al Baghdadi, ed in esso gli incidenti armati sono pressoché quotidiani.

17:33Migranti: la Libia apre un’indagine sugli abusi

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il governo libico di unità nazionale ha aperto "un'indagine" sullo "sfruttamento degli immigrati clandestini e lavori forzati in Libia da parte di organizzazioni criminali", resi noti "dai media nei giorni scorsi". Lo riferisce una nota del ministero degli Esteri libico, sottolineando il proprio "disappunto e rifiuto verso queste pratiche disumane, contrarie alla cultura e alla tradizione del popolo libico". "Se tali accuse verranno provate - aggiunge la nota - tutti i soggetti coinvolti saranno puniti e indagati".

17:31Figc: Veltroni, uscire da logica voti

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Ci sono riforme radicali da affrontare per il calcio, bisogna uscire dalla logica dei voti che accomuna tante federazioni alla politica". Così Walter Veltroni a Sky dopo le dimissioni del presidente della Figc Carlo Tavecchio. "Io in Figc? Il calcio non è il Parlamento, piuttosto che una logica di voti maggioranza-minoranza, servono persone interne al mondo del calcio o una combinazione tra una figura manageriale e persone che hanno giocato e hanno competenze ed esperienza".

17:30Truffa Ssn: sequestrati 7,3 milioni euro a 3 cliniche romane

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Rimborsi per prestazioni di assistenza domiciliare sanitaria e parasanitaria superiori a quelle effettivamente eseguite. E' la truffa ai danni del Ssn che il pm di Roma Alberto Pioletti contesta a quattro amministratori di tre cliniche "Hospice" in carica tra il 2011 ed il 2015. Oggi i carabinieri del Nas hanno sequestrato sette milioni e 300 mila euro, per il pm rimborsati indebitamente, dai conti delle case di cura Villa speranza, Fondazione Roma e Sant'Antonio da Padova. Il servizio "Hospice" è offerto dalle cliniche private a malati terminali. Quando non ci sono posti a disposizione l'assistenza sanitaria e parasanitaria si svolge nelle abitazioni dei pazienti. L'inchiesta ha preso le mosse dall'esposto di un medico di una delle tre cliniche.

Archivio Ultima ora