La crescita dell’Eurozona scavalca gli Usa, ma ora è rebus Bce

Pubblicato il 31 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – Come in una rivincita che spazza via mesi di ‘fake news’ che la vorrebbero eterna Cenerentola dell’economia, l’Eurozona chiude il 2016 con una crescita superiore a quella degli Usa: è la la prima volta dal 2008, e l’inflazione prossima al 2% fa dimenticare i timori di deflazione.

Ma i numeri pubblicati da Eurostat, oltre alla benzina per l’amministrazione Trump che ha dato il via alla sua offensiva contro l’export europeo, forniscono un bel dilemma a Mario Draghi. Perché rischiano di avvicinare la normalizzazione della politica monetaria cogliendo alcuni Paesi decisamente impreparati: se Germania, Francia e Spagna corrono sia sul versante della crescita che dell’inflazione, l’Italia è il caso più eclatante di un Sud d’Europa ancora molto debole: preoccupa, anche per l’impatto sui conti pubblici, la prospettiva di una stretta al quantitative easing.

Secondo l’ufficio statistico l’economia dei Paesi dell’euro ha chiuso il 2016 in gran forma, con una crescita dell’intero anno dell’1,7% – sui massimi di un decennio – dopo un quarto trimestre balzato dello 0,5%. Una crescita che per la prima volta in nove anni, da quel 2008 segnato dall’implosione di Lehman Brothers che aprì a una recessione dolorosissima, supera gli Stati Uniti, fermi nel 2016 a +1,6%: di fatto la smentita della narrazione che vuole un’Eurozona la cui crescita è prigioniera dell’austerity tedesca.

Crescono infatti non solo la Germania, che va verso un +1,9% nel 2016 fatto anche di investimenti e consumi e spesa pubblica, a dispetto di tante critiche per la sua vocazione all’export. Ma anche la Francia nonostante la crisi politica, il terrorismo, i problemi strutturali, con un Pil in accelerazione dello 0,4% nel trimestre al traino di consumi e investimenti. E la Spagna, +0,7% nel trimestre. Tassi di crescita che appaiono distanti visti dall’Italia, che stima un +0,2% per il quarto trimestre e secondo Bankitalia va verso un +0,9% nell’intero 2016.

La disoccupazione, poi, sembra quasi segnare platealmente un bivio, con strade opposte prese dai Paesi più forti e quelli ancora in difficoltà: in Italia risale al 12%, in Germania scende più del previsto al 5,9%, sui minimi record. Nell’Eurozona scende al 9,6%, ai minimi, appunto, dal 2009, archiviando il decennio post-Lehman.

Un divario ancora più preoccupante se si guarda all’inflazione, la cui assenza in Europa (fino a far parlare del rischio di deflazione) ha finora giustificato il quantitative easing, l’acquisto massiccio di titoli di Stato da parte della Bce. In Spagna i prezzi volano del 3% a gennaio, ai massimi di oltre quattro anni. La Germania viaggia ormai all’1,9%, l’Eurozona presa complessivamente sale all’1,8%. Siamo a un passo dalla soglia per la stabilità dei prezzi che è nel mandato della Bce, “vicina ma inferiore al 2%”. Se non fosse che Italia, il più grande di un nucleo di Paesi ancora in difficoltà sulle banche, sul debito, sulle ragioni strutturali, il 2016 si è chiuso in deflazione ‘tecnica’ (-0,1% medio) e dicembre è fermo allo 0,4%.

La Germania è già in pressing sul quantitative easing di Draghi, gli analisti parlano ormai del ‘tapering’, il ridimensionamento progressivo degli acquisti di debito che Draghi è attentissimo a non nominare perché evoca la sfortunata operazione che costrinse la Fed a una marcia indietro. La Bce da aprile rallenterà gli acquisti di titoli a 60 miliardi di euro al mese dagli 80 attuali, ma mantiene l’impegno a restare attiva almeno per tutto l’anno.

Draghi ha detto di voler vedere un “sostenuto aggiustamento dell’inflazione” prima di imboccare l’exit strategy. A ragion veduta: l’aumento dell’inflazione risente di fatto di un importante effetto-denominatore (risente di una comparazione dei prezzi con quelli, particolarmente deboli, di un anno fa) e l’inflazione ‘core’ è ancora ferma allo 0,9%. ma la discussione è cominciata, e da giugno in poi tutto potrebbe essere rimesso in discussione.

Non è una buona notizia per l’Italia, che non solo ha una crescita debole e un’inflazione debolissima, ma soprattutto è al limite sul fronte dei conti pubblici e da anni non riesce a tagliare il debito. Gli interventi della Bce hanno fatto via via crollare il tasso medio sui titoli di Stato italiani da oltre il 3% allo 0,8% in tre anni. E ogni punto percentuale che verrà riguadagnato con il ‘tapering’ costa all’Italia qualcosa come 23 miliardi sul bilancio: una situazione che in molti considerano insidiosa, con uno spread in rialzo da settimane e oggi a 185 (la Spagna è a 115) e i timori per la tenuta dell’Eurozona rinfocolati dalle elezioni in arrivo: soprattutto in Francia, ma nessuno esclude del tutto anche in Italia.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

11:28Netanyahu, attacco è frutto sobillazione Anp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 SET - "L'attacco terroristico di questa mattina è frutto della sobillazione dell'Autorità nazionale palestinese" (Anp). Lo detto il premier Benyamin Netanyahu che ha aggiunto: "mi aspetto che Abu Mazen condanni l'attentato e non cerchi di giustificarlo". Netanyahu ha preannunciato che la casa del palestinese autore dell'attacco mortale, identificato in Nimer Jamal (37 anni), sarà demolita.

10:54Big Ue rilanciano web tax, cambiare attuale fisco

(ANSA) - BRUXELLES, 26 SET - L'economia digitale cambia "profondamente" il modo di fare business e quindi "il modo in cui deve essere tassato". Per questo serve "una profonda revisione dell'attuale sistema di tassazione, per assicurare un fisco efficiente, equo e trasparente": lo scrivono Italia, Francia, Germania e Spagna in un documento congiunto circolato a tre giorni dal vertice di Tallin sul digitale, dove i capi di Stato e di Governo Ue discuteranno della web tax e delle sfide ed opportunità del digitale.

10:48Iraq: primi dati referendum, verso plebiscito per sì

(ANSA) - BEIRUT, 26 SET - Lo spoglio delle schede del referendum nel Kurdistan iracheno è cominciato nella notte e sono già emersi i primi risultati sulla base delle prime schede scrutinate, secondo i dati diffusi dalle autorità di Erbil e pubblicati sul sito Rudaw, vicino al presidente curdo Massud Barzani: circa il 93% ha votato a favore dell'indipendenza mentre circa il 7% si è detto contrario. L'affluenza alle urne è stata del 78% per cento, su un totale di cinque milioni di aventi diritto al voto. I risultati finali sono attesi entro domani sera.

10:45Violenza sessuale su minore, arresto nell’Oristanese

(ANSA) - ORISTANO, 26 SET - Per violenza e abusi sessuali ai danni di un minore i carabinieri in un paese dell'Oristanese hanno arrestato in flagranza di reato un uomo. A far scattare il blitz dei militari - come ha anticipato il quotidiano La Nuova Sardegna - sarebbe stata proprio la giovanissima vittima degli abusi che ha trovato la forza di raccontare quello che gli stava accadendo. Una vicenda per la quale vi sarebbero anche dei riscontri. Il minore ora sarebbe ospite di una struttura protetta. Sul fatto la magistratura ed i carabinieri mantengono per il momento il massimo riserbo. L'accusa per la persona fermata ieri dai militari è quella di violenza sessuale, ma le indagini proseguono per fare piena luce su quanto accaduto. (ANSA).

10:18Promoter uccisa: esperti al lavoro nell’orto del killer

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Gli esperti del Labanof, laboratorio forense di antropologia di Milano, a Garbagnate Milanese (Milano) eseguono nuovi accertamenti nei terreni di proprietà di Vito Clericò, il 65 enne di Garbagnate Milanesec che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Insieme ai carabinieri dei comando provinciale di Varese e coordinati dal Pm Rosaria Stagnaro della Procura di Busto Arsizio (Varese) titolare del fascicolo, gli esperti analizzano tutta l'area di proprietà di Clericó, anche con l'ausilio di un escavatore. Gli accertamenti sono iniziati il giorno dopo il ritrovamento delle ossa del cranio della donna in un'area campestre di Garbagnate.

10:11Migranti: sbarcati in Sardegna oltre 100 algerini

(ANSA) - CAGLIARI, 26 SET - Sbarco di migranti sulle coste del sud Sardegna durante la notte. Sono oltre cento gli algerini arrivati e il numero potrebbe ancora salire, visto che già in queste ore altri stranieri sono stati rintracciati mentre si incamminavano a piedi, dopo essere arrivati a bordo di piccoli natanti, verso i centri cittadini. Dalle 23 in poi il Reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza, carabinieri, polizia e Capitaneria di porto sono stati impegnati per rintracciare i nordafricani. Il primo imponente arrivo è avvenuto dopo le 23 a Porto Pino, nel territorio di Sant'Anna Arresi. Tre barchini con a bordo complessivamente 62 algerini sono stati rintracciati dalle Fiamme gialle. Altri 14 su un altro barchino sono stati soccorsi in mare e trasportati direttamente in porto a Cagliari. Durante la notte altri arrivi, complessivamente 26 algerini, sono avvenuti sempre lungo la spiaggia di Porto Pino. I migranti sono stati bloccati dai carabinieri di Carbonia. Una imbarcazione con otto stranieri, sempre algerini, è anche arrivata sulla spiaggia di Domus de Maria. Infine cinque sono stati rintracciati questa mattina mentre camminavano sulla strada a Sant'Antioco e altri due a Porto Pino. Tutti dopo le visite mediche e le operazioni di identificazione sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir. (ANSA).

09:53Bomba a casa imprenditore imputato di corruzione

(ANSA) - BRINDISI, 26 SETT - Un ordigno, molto probabilmente di fattura artigianale e di basso potenziale, è stato fatto esplodere nella serata di ieri, attorno alle 23, davanti all'abitazione dell'imprenditore del settore rifiuti, Luca Screti, a San Pietro Vernotico (Brindisi). Danni lievi al muro esterno della villetta, nei pressi del cancello di ingresso. Screti è l'ex amministratore della società 'Nubile' e affronta oggi al tribunale di Brindisi l'udienza preliminare in cui si valuterà la richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla procura per lui e per l'ex sindaco Pd di Brindisi, Mimmo Consales e altre tre persone. Le accuse per entrambi sono di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio in relazione alla presunta tangente da 30mila euro versata a Consales (che ritiene sia stata invece un finanziamento elettorale incassato in ritardo) per consentire allo stesso di pagare in contanti un debito con Equitalia, e reati ambientali.

Archivio Ultima ora