La crescita dell’Eurozona scavalca gli Usa, ma ora è rebus Bce

Pubblicato il 31 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – Come in una rivincita che spazza via mesi di ‘fake news’ che la vorrebbero eterna Cenerentola dell’economia, l’Eurozona chiude il 2016 con una crescita superiore a quella degli Usa: è la la prima volta dal 2008, e l’inflazione prossima al 2% fa dimenticare i timori di deflazione.

Ma i numeri pubblicati da Eurostat, oltre alla benzina per l’amministrazione Trump che ha dato il via alla sua offensiva contro l’export europeo, forniscono un bel dilemma a Mario Draghi. Perché rischiano di avvicinare la normalizzazione della politica monetaria cogliendo alcuni Paesi decisamente impreparati: se Germania, Francia e Spagna corrono sia sul versante della crescita che dell’inflazione, l’Italia è il caso più eclatante di un Sud d’Europa ancora molto debole: preoccupa, anche per l’impatto sui conti pubblici, la prospettiva di una stretta al quantitative easing.

Secondo l’ufficio statistico l’economia dei Paesi dell’euro ha chiuso il 2016 in gran forma, con una crescita dell’intero anno dell’1,7% – sui massimi di un decennio – dopo un quarto trimestre balzato dello 0,5%. Una crescita che per la prima volta in nove anni, da quel 2008 segnato dall’implosione di Lehman Brothers che aprì a una recessione dolorosissima, supera gli Stati Uniti, fermi nel 2016 a +1,6%: di fatto la smentita della narrazione che vuole un’Eurozona la cui crescita è prigioniera dell’austerity tedesca.

Crescono infatti non solo la Germania, che va verso un +1,9% nel 2016 fatto anche di investimenti e consumi e spesa pubblica, a dispetto di tante critiche per la sua vocazione all’export. Ma anche la Francia nonostante la crisi politica, il terrorismo, i problemi strutturali, con un Pil in accelerazione dello 0,4% nel trimestre al traino di consumi e investimenti. E la Spagna, +0,7% nel trimestre. Tassi di crescita che appaiono distanti visti dall’Italia, che stima un +0,2% per il quarto trimestre e secondo Bankitalia va verso un +0,9% nell’intero 2016.

La disoccupazione, poi, sembra quasi segnare platealmente un bivio, con strade opposte prese dai Paesi più forti e quelli ancora in difficoltà: in Italia risale al 12%, in Germania scende più del previsto al 5,9%, sui minimi record. Nell’Eurozona scende al 9,6%, ai minimi, appunto, dal 2009, archiviando il decennio post-Lehman.

Un divario ancora più preoccupante se si guarda all’inflazione, la cui assenza in Europa (fino a far parlare del rischio di deflazione) ha finora giustificato il quantitative easing, l’acquisto massiccio di titoli di Stato da parte della Bce. In Spagna i prezzi volano del 3% a gennaio, ai massimi di oltre quattro anni. La Germania viaggia ormai all’1,9%, l’Eurozona presa complessivamente sale all’1,8%. Siamo a un passo dalla soglia per la stabilità dei prezzi che è nel mandato della Bce, “vicina ma inferiore al 2%”. Se non fosse che Italia, il più grande di un nucleo di Paesi ancora in difficoltà sulle banche, sul debito, sulle ragioni strutturali, il 2016 si è chiuso in deflazione ‘tecnica’ (-0,1% medio) e dicembre è fermo allo 0,4%.

La Germania è già in pressing sul quantitative easing di Draghi, gli analisti parlano ormai del ‘tapering’, il ridimensionamento progressivo degli acquisti di debito che Draghi è attentissimo a non nominare perché evoca la sfortunata operazione che costrinse la Fed a una marcia indietro. La Bce da aprile rallenterà gli acquisti di titoli a 60 miliardi di euro al mese dagli 80 attuali, ma mantiene l’impegno a restare attiva almeno per tutto l’anno.

Draghi ha detto di voler vedere un “sostenuto aggiustamento dell’inflazione” prima di imboccare l’exit strategy. A ragion veduta: l’aumento dell’inflazione risente di fatto di un importante effetto-denominatore (risente di una comparazione dei prezzi con quelli, particolarmente deboli, di un anno fa) e l’inflazione ‘core’ è ancora ferma allo 0,9%. ma la discussione è cominciata, e da giugno in poi tutto potrebbe essere rimesso in discussione.

Non è una buona notizia per l’Italia, che non solo ha una crescita debole e un’inflazione debolissima, ma soprattutto è al limite sul fronte dei conti pubblici e da anni non riesce a tagliare il debito. Gli interventi della Bce hanno fatto via via crollare il tasso medio sui titoli di Stato italiani da oltre il 3% allo 0,8% in tre anni. E ogni punto percentuale che verrà riguadagnato con il ‘tapering’ costa all’Italia qualcosa come 23 miliardi sul bilancio: una situazione che in molti considerano insidiosa, con uno spread in rialzo da settimane e oggi a 185 (la Spagna è a 115) e i timori per la tenuta dell’Eurozona rinfocolati dalle elezioni in arrivo: soprattutto in Francia, ma nessuno esclude del tutto anche in Italia.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

Archivio Ultima ora