“Emorragia” di frati e suore, la Santa Sede corre ai ripari

Pubblicato il 01 febbraio 2017 da ansa

Una immagine di scena del film ‘Agnus Dei’ (Innocents).
ANSA/UFFICIO STAMPA

CITTA’ DEL VATICANO. – E’ un vero allarme quello destato nelle gerarchie cattoliche dall'”emorragia” di frati e suore, dal numero crescente di abbandoni della veste religiosa denunciato recentemente anche dal Papa. Un esodo che viaggia nell’ordine di diverse migliaia l’anno, e che impoverisce le fila degli istituti religiosi e la presenza nel mondo di ordini maschili e femminili con alle spalle storie di secoli. Tanto che la Santa Sede, che in questi giorni ha riunito la plenaria del dicastero competente, intende correre ai ripari.

Impressionano le cifre, snocciolate in un’intervista all’Osservatore Romano dall’arcivescovo Josè Rodriguez Carballo, segretario della Congregazione per la Vita consacrata, a pochi giorni dalla messa che papa Bergoglio celebrerà per i religiosi e le religiose in occasione della Giornata mondiale loro dedicata.

“Se il Papa parla di ‘emorragia’ vuol dire che il problema è preoccupante, non soltanto per il numero ma anche per l’età in cui si verificano, la grande parte tra i 30 e 50 anni”, spiega mons. Carballo. “Le cifre degli abbandoni negli ultimi anni – prosegue – restano costanti. Negli anni 2015 e 2016 abbiamo avuto circa 2.300 abbandoni all’anno, compresi i 271 decreti di dimissione dall’istituto, le 518 dispense dal celibato che concede la Congregazione per il clero, i 141 sacerdoti religiosi incardinati ‘pure et simpliciter’ in diverse diocesi e le 332 dispense dai voti tra le contemplative”.

Quindi si parla anche di centinaia di religiosi che lasciano la veste per sposarsi, oppure di numeri analoghi di abbandoni del voto di clausura. Carballo, tra le motivazioni, cita “problemi di tipo affettivo, seguiti dalle difficoltà nel vivere gli altri voti o la stessa vita fraterna in comunità”, rimarcando però come “la prima causa abbia a che fare con la dimensione spirituale o di fede”.

“Durante la plenaria – aggiunge il segretario del dicastero, egli stesso frate francescano – ci siamo soffermati su tre constatazioni: l’elevato numero di chi lascia la vita consacrata per incardinarsi in una diocesi, il numero non indifferente delle contemplative che lasciano la vita consacrata e il numero di quelli che la abbandonano (225 casi) dicendo che mai hanno avuto vocazione. Si deve constatare che il più alto numero di abbandoni si ha tra le religiose, fatto almeno in parte spiegabile in quanto sono la grande maggioranza dei consacrati”.

In effetti nelle statistiche della Chiesa cattolica per il 2016 pubblicate da Fides, i religiosi non sacerdoti sono diminuiti per il secondo anno consecutivo, di 694 unità, arrivando al numero di 54.559. Aumenti si registrano in Africa (+331) e in Asia (+66), mentre diminuiscono in America (-362), Europa (-653) e Oceania (-76).

Si conferma poi la tendenza alla diminuzione globale delle religiose, ancora superiore rispetto all’anno precedente, di 10.846 unità. Sono in tutto 682.729. Gli aumenti sempre in Africa (+725) e Asia (+604), le diminuzioni in America (-4.242), Europa (-7.733) e Oceania (-200).

E sabato scorso, ricevendo la plenaria del dicastero, è stato papa Francesco a lanciare il suo allarme. “In questo momento la fedeltà è messa alla prova”, ha detto. “Siamo di fronte ad una ‘emorragia’ che indebolisce la vita consacrata e la vita stessa della Chiesa. Gli abbandoni ci preoccupano”.

La sensazione è che la fedeltà alla vita consacrata sia messa a durissima prova dalle sfide del mondo d’oggi e che, spiega mons. Carballo, per superarle occorrano solida vocazione e formazione continua. Quindi “puntare prima di tutto sul discernimento”, con occhio attento anche alla “dimensione umana, affettiva e sessuale”, “in modo che chi non è chiamato a questa forma di ‘sequela Christi’ non abbracci questa vita”. Poi “un adeguato accompagnamento umano, spirituale e vocazionale”. Infine “è fondamentale curare la formazione, a partire dalla formazione permanente”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

14:36Ucciso per un pettegolezzo, un arresto nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 16 DIC - Tutto sarebbe nato da un pettegolezzo: aveva detto che sua moglie era molto più bella di lui. Per fargliela pagare hanno escogitato un tranello, portato avanti per otto mesi, per attirarlo nel luogo dove poi lo hanno ucciso a Fabbrico, nel Reggiano, tre anni fa. I carabinieri hanno arrestato un pakistano di 38 anni, accusato di aver ucciso un connazionale di 20. E' l'evoluzione dell'inchiesta che aveva già portato nel maggio scorso, al fermo di un altro pachistano, accusato di aver illuso la vittima con un falso profilo Facebook, di una ragazza benestante con cui fuggire in cerca di una vita più felice e lontano dai vincoli delle proprie tradizioni. Il ventenne era stato seviziato, ucciso e sotterrato la notte di San Valentino di tre anni fa. Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere. (ANSA).

14:15Capotreno aggredito, fermati 4 minorenni

(ANSA) - PISA, 16 DIC - Quattro minorenni lucchesi sono stati fermati stamani dalla polfer alla stazione di Pisa dopo avere aggredito un capotreno che era intervenuto in soccorso di una ragazza infastidita dai quattro ragazzi a bordo di un treno regionale della linea Pisa-Lucca. Secondo quanto si è appreso, una volta giunti in stazione i giovani hanno letteralmente pestato il capotreno e reagito con violenza anche all'intervento della polizia: sia il dipendente di Trenitalia sia due agenti sono rimasti feriti e trasportati al pronto soccorso. I contorni dell'episodio, avvenuti intorno alle 11, sono ancora in fase di ricostruzione: i quattro minorenni si trovano all'interno degli uffici della polizia ferroviaria che sta ancora valutando i provvedimenti da prendere e le contestazioni di reato necessarie. L'aggressione è avvenuta davanti a decine di passeggeri e il 118 ha inviato sul posto almeno tre ambulanze mentre anche la polizia di stato ha inviato pattuglie a supporto degli agenti della polfer preventivamente avvertiti dal capotreno che poi è stato aggredito e che ha riportato ferite piuttosto serie.(ANSA).

14:12Sci: Goggia seconda e felice, “è scattato un click”

(ANSA) - VAL D'ISERE (FRANCIA), 16 DIC - "Sono riuscita finalmente a pensare solo a me stessa, a concentrarmi sulle cose giuste da fare e a sciare bene, senza sentirmi addosso pressioni: è scattato un click": sono state queste le prime parole della numero uno delle sciatrici azzurre, Sofia Goggia, tornata oggi sul podio, il 14/o in carriera, del SuperGigante di Val d'Isere.

14:10Calcio: Pescara, Zeman “l’1 settembre mi ero dimesso”

(ANSA) - PESCARA, 16 DIC - "L'1 settembre scorso mi ero dimesso da allenatore del Pescara perché c'erano troppi giocatori in rosa, 42. Non erano arrivati i calciatori che avevo richiesto. Poi sono stato convinto a restare dalla società". La clamorosa notizia è stata rivelata dallo stesso tecnico biancazzurro Zdenek Zeman questa mattina nel corso della consueta conferenza stampa per la presentazione della gara di domani all'Adriatico (ore 17.30) con il Novara. Il boemo ha poi parlato dei rapporti con il patron Sebastiani: "Con il presidente mi trovo bene a tavola. Calcisticamente abbiamo delle idee diverse. Il rapporto con lo spogliatoio? I giocatori cercano un allenatore amico. Io sono venuto qui a Pescara per lavorare".

14:05Calcio: Serbia,in carcere teppisti croati per violenze derby

(ANSA) - BELGRADO, 16 DIC - Un tribunale di Belgrado ha disposto la detenzione per 30 giorni a carico di 5 teppisti croati responsabili dei violenti scontri di mercoledì scorso allo stadio della capitale serba dove si giocava il derby di calcio fra Partizan e Stella Rossa. Un sesto imputato, anch'egli croato, si trova in ospedale. Nell'interrogatorio davanti ai giudici, i 5 hooligan sono rimasti in silenzio. Secondo la stampa belgradese, a organizzare gli incidenti e a pagare il gruppo di teppisti croati per la 'trasferta' a Belgrado -coprendo tutte le spese logistiche e di soggiorno- sarebbe stato Filip Korac, boss criminale alla guida dell'organizzazione cosidetta 'Skaljaski Klan'. Alcuni giornali hanno parlato di 10 mila euro sborsati da Korac per scatenate il caos durante il derby. Una ventina di persone erano rimaste ferite, una in modo grave, negli scontri di mercoledì sera allo stadio del Partizan la cui dinamica resta ancora poco chiara. La polizia ha effettuato in tutto 26 arresti, compresi i sei croati 'agitatori'.

14:05Sicilia: deputato Udc fa vedere voto a Miccichè, è caos

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Caos in aula. Il deputato dell'Udc, Giovanni Bulla, dopo avere votato ha mostrato la scheda a Gianfranco Miccichè prima di metterla nell'urna e a sala d'Ercole, dove è in corso la votazione per l'elezione del presidente dell'Assemblea regionale siciliana, è esplosa la polemica. Miccichè ieri non è riuscito per due volte a essere eletto: nell'ultima votazione gli è mancato un voto.

14:04Stalking: investe sorella della ex, arrestato nel Potentino

(ANSA) - POTENZA, 16 DIC - Al culmine di diversi episodi persecutori nei confronti dell'ex fidanzata e della sua famiglia, ha investito la sorella, che ha riportato lievi ferite: con l'accusa di tentato omicidio, un giovane di 28 anni, di Rionero in Vulture (Potenza), con precedenti penali, è stato arrestato dalla Polizia. Nei confronti del giovane il Questore di Potenza aveva già emesso un provvedimento di ammonimento orale per stalking.

Archivio Ultima ora