Borges: “El gobierno requiere de la AN”

Pubblicato il 06 febbraio 2017 da redazione

CARACAS-El presidente de la Asamblea Nacional, Julio Borges, considera que el gobierno necesita del Parlamento para poder obtener créditos de organismos internacionales y financiamiento de países como China.
Las declaraciones fueron ofrecidas en una entrevista con César Miguel Rondón, luego del anuncio realizado el domingo por el presidente de la República, Nicolás Maduro de querer regularizar la situación con la AN.
– Maduro – señaló Borges – ha pedido crédito por alrededor de 500 millones de dólares a la Corporación Andina de Fomento y al gobierno chino. Ambos le han contestado que si no hay reconocimiento de la AN no hay trato. Quieren otorgar concesiones en petróleo y les dicen que sin Parlamento no es posible.
El parlamentario fue muy claro en afirmar “no es Maduro quien legaliza la Asamblea”.
– El Gobierno – dijo – debe respetar al Legislativo. Se topó con lo que significa la democracia. Hemos venido diciendo desde el 5 de enero que Nicolás está gobernando fuera de la Constitución. Eso tiene repercusión fuera de Venezuela. Necesita de la Asamblea Nacional para préstamos y para el desarrollo de cualquier contrato de interés nacional.
Y precisó:
– El gobierno debe reconocer al Parlamento y a los votantes que lo eligieron. Nadie ha tenido reuniones, mucho menos la Asamblea. Son solo excusas.

Ultima ora

11:02Arresto De Luca: stop domiciliari, ora misura interdittiva

(ANSA) - PALERMO, 20 NOV - Il gip di Messina ha disposto la revoca degli arresti domiciliari per il neo deputato regionale Cateno de Luca, accusato di evasione fiscale sostituendo la misura con quella interdittiva del divieto di esercizio di posizioni apicali negli enti coinvolti nell'inchiesta. Per il giudice sussistono i gravi indizi di colpevolezza di De Luca ma si sarebbero affievolite le esigenze cautelari. La settimana scorsa, dopo le continue esternazioni sui social del deputato il gip aveva disposto il divieto di comunicazione con l'esterno. (ANSA).

11:01Migranti: ex Moi Torino, trasferiti i primi profughi

(ANSA) - TORINO, 20 NOV - Ha preso il via questa mattina, a Torino, il trasferimento dei primi migranti dall'ex Moi, il villaggio olimpico da tempo occupato da famiglie di profughi e migranti. Le operazioni prendono il via dalle cantine. I primi migranti verranno collocati in posti letto messi a disposizione dalla Diocesi di Torino. "Per ora sta andando tutto bene - afferma Davide Ricca, presidente della Circoscrizione 8 -. È stato portato avanti un progetto condiviso con gli occupanti, che già da ieri sono stati informati del trasferimento. Questo è un primo passo per la liberazione delle palazzine e la loro restituzione al quartiere". Nelle palazzine dell'ex villaggio olimpico di Torino 2006 vivono in tutto circa 750 stranieri, 50 dei quali nei sotterranei. Il progetto Moi - acronimo di Migranti Opportunità Integrazione - è stato messo in campo con Prefettura, Comune di Torino, Regione Piemonte, Città Metropolitana, Diocesi e Compagnia di San Paolo.(ANSA).

10:57Figc: Sibilia, non ho notizie di spaccature Lnd su Tavecchio

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Faremo adesso una riflessione nel Consiglio direttivo della Lega e dopo prenderemo delle decisioni. Al momento è prematuro anticipare qualsiasi cosa visto che ancora non abbiamo parlato". Così il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia, all'ingresso della sede della Lnd per discutere della situazione in Figc, dove il presidente Carlo Tavecchio oggi chiederà la fiducia per restare al proprio posto in via Allegri. "Se la Lega Dilettanti si presenta compatta? Io non ho notizie di spaccature al nostro interno, vedremo al momento opportuno e decideremo, spero nella maniera più largamente condivisa". Sibilia infine non si è voluto pronunciare sulla scelta di Tavecchio di non presentarsi dimissionario al Consiglio federale programmato per mezzogiorno in Federcalcio: "Non posso dare un giudizio prima del consiglio direttivo della Lnd".

10:45Camorra: blitz contro clan Lo Russo, 43 arresti

(ANSA) - NAPOLI, 20 NOV - Carabinieri e Polizia di Stato stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Napoli a carico di 43 persone accusate, a vario titolo di associazione di tipo mafioso e di reati aggravati dall'art. 7. Contestati associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, alla detenzione e spaccio di droga e alla detenzione e porto di armi. Nel corso delle indagini operate su due filoni investigativi, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, sono state messe in luce - secondo quanto riferiscono le forze dell'ordine - le attività del clan camorristico dei "Lo Russo" operante nell'area Nord del capoluogo campano e sono state accertate le responsabilità degli affiliati in ordine al traffico e spaccio di stupefacenti e individuati narcotrafficanti che operavano sfruttando canali di fornitura esteri. Sequestrato l'arsenale del clan, con il rinvenimento di un fucile mitragliatore 5 fucili e 6 pistole, 3 giubbotti antiproiettile e centinaia di munizioni.

10:36Pd: fumata nera primarie Valle d’Aosta, deciderà assemblea

(ANSA) - AOSTA, 20 NOV - Fumata nera per le primarie del Pd della Valle d'Aosta convocate ieri per l'elezione del segretario regionale. Siccome nessuno dei tre candidati (tutti renziani) ha raggiunto il quorum della metà più uno dei 44 seggi assegnati il regolamento prevede che l'elezione avvenga in assemblea regionale a maggioranza assoluta. Sara Timpano ha ottenuto 292 voti e 15 seggi (33,11%), Giovanni Sandri 205 voti (23,24%, 10 seggi) e Raimondo Donzel 385 voti (43,65%, 19 seggi). L'assemblea sarà convocata entro dieci giorni dalla data del voto. Alle primarie hanno votato 886 persone. Il dato registra un netto calo di partecipazione rispetto alle ultime consultazioni nazionali indette dal partito: alle primarie dello scorso aprile avevano partecipato 1.889 elettori, nel dicembre del 2013 si erano presentati ai seggi in 3.563. (ANSA).

10:30Kenya: Corte Suprema respinge ricorsi, Kenyatta eletto

(ANSA) - NAIROBI, 20 NOV - La Corte Suprema del Kenya ha respinto i ricorsi sulle elezioni presidenziali-bis di ottobre e ha quindi convalidato l'elezione di Uhuru Kenyatta a presidente. A settembre la corte suprema aveva annullato le presidenziali di agosto e indetto nuove elezioni in ottobre. E' stata la prima volta che un tribunale in Africa rovesciasse un risultato elettorale. Il leader dell'opposizione Raila Odinga, il cui ricorso ha portato alla decisione della corte, ha poi deciso di boicottare le elezioni bis perché, ha accusato, "illegali". La corte suprema ha però respinto il suo secondo ricorso e confermato la vittoria di Kenyatta.

09:21‘Immigrazione illegale diffonde terrorismo’

(ANSA) - NAYPYITAW (BIRMANIA), 20 NOV - "Conflitti e instabilità nel mondo sono in parte dovuti all'immigrazione illegale che diffonde il terrorismo". Lo ha detto la leader della Birmania Aung San Suu Kyi accogliendo nella capitale ministri degli esteri asiatici ed europei, tra i quali l'alto rappresentante della politica estera europea Federica Mogherini.

Archivio Ultima ora