Saga della rivalità tra Inter e Juve: derby d’Italia, derby delle polemiche

Pubblicato il 09 febbraio 2017 da ansa

Il rigore negato a Ronaldo nel 1998

ROMA. – Lo chiamano il Derby d’Italia ma, negli ultimi 50 anni, più che una partita di calcio, si è spesso trasformata in una rivalità senza fine. Tra scudetti vinti o persi all’ultima giornata, sgambetti e le immancabili sviste arbitrali, fino ai veleni di calciopoli, Juventus-Inter non è una partita banale, qualsiasi, nè lo sarà mai.

E’ la storia di una rivalità che parte da lontano, da quando il calcio era ancora in bianco e nero, ma che con gli anni si è trasformata in contesa accesa, antagonismo feroce, scontro violento. Con una deriva: un tempo l’Avvocato e Peppino Prisco si prendevano in giro, giocando di fioretto, fra una battuta ironica e un messaggio in codice, da un po’ di tempo i loro eredi usano la sciabola e spesso sono invettive che trasudano rancore.

Se i rapporti si sono deteriorati, dopo il rigore negato a Ronaldo nel 1998 da Ceccarini, per poi diventare incandescenti con lo scudetto di calciopoli assegnato da Guido Rossi all’Inter, la rivalità nasce negli anni ’30 quando l’Ambrosiana tenta senza riuscirci di opporsi al quinquennio di scudetti juventini.

Il Rubicone tra rivalità e astio si oltrepassa nel 1961: vittoria a tavolino all’Inter per un match sospeso per invasione di campo, ma la Figc è presieduta da Umberto Agnelli e la Caf ordinano la ripetizione. Moratti senior manda allora la squadra Primavera con l’imberbe Mazzola e la Juve vince 9-1, con sei gol di Sivori. La ferita non si risana più, ci sono le sfide tra la grande Inter di Helenio Herrera e la Juve operaria di Heriberto Herrera.

Si sommano anche sgarbi di mercato con Anastasi che va alla Juve dopo avere indossato in amichevole la maglia nerazzurra e, al contrario, Bobo-gol Boninsegna prende la strada di Torino. Il vulcano riposa 30 anni salvo una scossa nel 1983: il pullman dell’Inter viene preso a mattonate vicino al comunale, Marini viene ferito, il 3-3 in campo trasformato in 0-2 a tavolino.

L’esplosione vera arriva il 26 aprile 1998: Inter e Juve si giocano lo scudetto, a Torino gol di Del Piero, poi Iuliano stende Ronaldo e Ceccarini fa proseguire salvo decretare un rigore nell’azione successiva alla Juve che Del Piero sbaglia.

L’incendio divampa e nel 2002 furibondi sono gli juventini per un pari di Vieri al 95′, dopo un fallo su Buffon. E’ la stagione del tracollo del 5 maggio e delle lacrime di Ronaldo per lo scudetto sfumato a beneficio della Juve, che se lo cuce addosso sul filo di lana.

Nel 2005 l’Inter vince a Torino, ma De Santis non vede uno scambio di colpi proibiti tra Cordoba e Ibra, che viene sanzionato con la prova tv. Lo Juve di Capello vince comunque lo scudetto che poi viene assegnato all’Inter che si aggiudica la Supercoppa: a recriminare sono stavolta i bianconeri per un gol regolare annullato a Trezeguet.

L’Inter di Mancini domina un campionato senza la Juve che quando ritorna in A batte i nerazzurri a San Siro, ma il vantaggio di Camoranesi è in fuorigioco. Arriva Mourinho e dedica il primo sfogo arbitrale a Saccani dopo un gol del bianconero Felipe Melo in offside, insulti razzisti a Balotelli e un turno a porte chiuse.

Dopo il triplete, arriva Conte e la Juve rastrella scudetti, ma deve incassare nel 2012 un 3-1 in casa dall’Inter nonostante gli errori di Tagliavento pro-Juve. Il resto è storia recente, con partite spesso finite a calcioni, rigurgiti di veleni e Agnelli che ogni tanto stuzzica i nerazzurri sullo scudetto di Guido Rossi.

Il big match di domenica scorsa allo Stadium, dopo il finale convulso, ha riacceso le polveri, tirando in ballo tecnologia, filmati inediti e le immancabili polemiche: “Sono imbarazzato, in Italia manca la cultura della sconfitta”, la stilettata di Marotta alle parole di Moratti (“L’arbitro non è stato benevolo nei confronti dell’Inter”) e John Elkann che ci ha messo sopra il carico da undici: “Anche se abituata, l’Inter non sa perdere”.

Come dire che i 90′ allo Stadium o a S.Siro non sono altro ormai che il fischio d’inizio di una partita destinata a non finire mai e che il leggendario Prisco avrebbe colorato con una battuta delle sue: “Quando do la mano a un milanista dopo me la lavo, se la do a uno juventino controllo se ce l’ho ancora”.

Ultima ora

21:19Calcio: amichevoli, Sassuolo batte Real Vicenza 9-0

(ANSA) - VIPITENO (BOLZANO), 22 LUG - Nove gol del Sassuolo nell'amichevole disputata a Vipiteno contro il Real Vicenza. Mattatori del test i due attaccanti Iemmello e Falcinelli, con il primo che ha firmato un poker, doppietta invece per l'ex del Crotone. Senza Berardi, arrivato solo da un paio di giorni nel ritiro, l'allenatore Bucchi ha tenuto a riposo il portiere titolare Consigli. Il primo tempo si è chiuso sul 3-0, con la rete in apertura di Sensi e la successiva doppietta di Falcinelli. Nella ripresa sono cambiati tutti gli 11 titolari, compreso il tridente offensivo formato da Politano, Falcinelli e Ragusa. Subito in rete Duncan poi è toccato a Iemmello. Sul 5-0 è stato il turno di Matri e gran finale nel segno di Iemmello, che ha portato il risultato finale sul 9-0.

21:07Pd: Conferenza programmatica, Orlando ed Emiliano nel gruppo

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "Si è formalizzato il gruppo ristretto, che sarà responsabile dei contenuti della Conferenza Programmatica 'Italia 2020' e che si svolgerà a ottobre, gruppo che sarà composto da Andrea Orlando, Michele Emiliano, Graziano Delrio, Sergio Chiamparino, Maria Elena Boschi. Per la segreteria Maurizio Martina e Tommaso Nannicini". Lo annuncia un comunicato dell'ufficio stampa del Pd. Anche nella nuova organizzazione dei dipartimenti del partito figurano, tra le 20 donne e i 20 uomini che li guideranno, esponenti delle minoranze interne.

21:07Migranti: Berlusconi, disponibili ad aiutare governo

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Siete disponibili ad un tavolo nazionale sull'emergenza migranti? "Ovviamente sì", risponde Silvio Berlusconi. "Abbiamo messo a disposizione del governo, come è giusto fare di fronte a una simile tragedia, la nostra esperienza e la nostra competenza. Ci sono stati degli incontri e delle manifestazioni di disponibilità, ma mi pare che non si sia andati oltre", ha detto in una intervista a Tiscalinews. Il leader di Forza Italia ha contemporaneamente sottolineato che "su questo tema negli ultimi giorni sono state dette cose molto gravi. Il PD e i governi da esso sostenuti hanno fortissime responsabilità, che ora cercano di nascondere, dando la colpa una volta all'Europa - che pure non è esente da responsabilità - una volta addirittura, e questo è davvero ridicolo, ai nostri governi".

21:06Pd: Renzi, chi gioca dentro rispetti maggioranza interna

(ANSA) - POGGIBONSI (SIENA), 22 LUG - "Ci sono ragioni ideologiche nella scissione, e ragioni personali che non mi sembrano sufficienti a giustificare la scissione", "ma noi non buttiamo fuori nessuno. Chi decide la leadership nel partito? Gli iscritti. Tutti insieme con le primarie si decide una strategia. Chi gioca nel partito deve rispettare i voleri della maggioranza dentro il partito". Lo ha detto Matteo Renzi alla Festa del Pd a Poggibonsi (Siena), rispondendo a una domanda del pubblico sulla scissione della sinistra interna al Pd. "Non si possono fare sempre le primarie", "qualcuno le vorrebbe spesso, sembra la collezione autunno-inverno...", ha anche ironizzato.

21:05L.elettorale: Renzi, scriverla con Grillo e Berlusconi

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - (ANSA) - POGGIBONSI (SIENA), 22 LUG - "Io le regole del gioco sono per scriverle insieme a Grillo e a Berlusconi, non contro di loro. Dopodichè bisogna che gli altri ci stiano...": così il segretario del Pd Matteo Renzi sulla legge elettorale rispondendo alle domande del pubblico a Poggibonsi (Siena) dove presenta il libro 'Avanti' alla festa del partito.

20:51Berlusconi, visita a sorpresa a Golfo Aranci

(ANSA) - GOLFO ARANCI, 22 LUG - Visita a sorpresa di Silvio Berlusconi, in vacanza a Porto Rotondo, questo pomeriggio alla Festa del Gusto a Golfo Aranci. L'ex premier attorno alle 18 ha fatto una passeggiata tra gli stand allestiti sul lungomare in occasione della manifestazione enogastronomica dedicata ai prodotti sardi e internazionali in programma da giovedì 20 e che si chiude domenica 23 luglio. Accompagnato dalla sua scorta e insieme ai sindaci di Olbia, Settimo Nizzi e di Golfo Aranci, Giuseppe Fasolino (entrambi di Fi), Berlusconi si è fermato per scambiare due battute con i numerosi espositori, una ottantina, si è concesso ai selfie, infine si è complimentato con lo staff organizzatore. "Ci ha fatto i complimenti per la manifestazione - racconta all'ANSA Alessia Littarru, presidente dell'associazione Primavera Sulcitana - è stata una bella sorpresa per noi e per tutti gli espositori".

20:40Trump, Nyt svelò piano contro Baghdadi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - "Il fallimentare New York Times ha vanificato gli sforzi degli Usa per uccidere il terrorista più ricercato, Al-Baghdadi (il capo dell'Isis, ndr). La loro agenda malata sulla Sicurezza Nazionale". Lo scrive il presidente Usa Donald Trump in uno della raffica di tweet pubblicati oggi. Nel suo tweet Trump non entra del dettaglio e non specifica a quale articolo del New York Times faccia riferimento. Il giornale della Grande Mela, dando conto dei commenti del presidente in un più vasto articolo, ipotizza però che il presidente possa aver reagito ad un servizio di Fox News trasmesso proprio prima che Trump intervenisse su Twitter e in cui si citava il generale americano Tony Thomas che ad un forum ha dichiarato che le forze americane erano particolarmente vicine ad al Baghadi dopo che in un'incursione del 2015 erano state recuperate informazioni. "Una pista ottima. Sfortunatamente venne fatta filtrare da un importante quotidiano nazionale una settimana dopo e la pista scomparve".

Archivio Ultima ora