Saga della rivalità tra Inter e Juve: derby d’Italia, derby delle polemiche

Pubblicato il 09 febbraio 2017 da ansa

Il rigore negato a Ronaldo nel 1998

ROMA. – Lo chiamano il Derby d’Italia ma, negli ultimi 50 anni, più che una partita di calcio, si è spesso trasformata in una rivalità senza fine. Tra scudetti vinti o persi all’ultima giornata, sgambetti e le immancabili sviste arbitrali, fino ai veleni di calciopoli, Juventus-Inter non è una partita banale, qualsiasi, nè lo sarà mai.

E’ la storia di una rivalità che parte da lontano, da quando il calcio era ancora in bianco e nero, ma che con gli anni si è trasformata in contesa accesa, antagonismo feroce, scontro violento. Con una deriva: un tempo l’Avvocato e Peppino Prisco si prendevano in giro, giocando di fioretto, fra una battuta ironica e un messaggio in codice, da un po’ di tempo i loro eredi usano la sciabola e spesso sono invettive che trasudano rancore.

Se i rapporti si sono deteriorati, dopo il rigore negato a Ronaldo nel 1998 da Ceccarini, per poi diventare incandescenti con lo scudetto di calciopoli assegnato da Guido Rossi all’Inter, la rivalità nasce negli anni ’30 quando l’Ambrosiana tenta senza riuscirci di opporsi al quinquennio di scudetti juventini.

Il Rubicone tra rivalità e astio si oltrepassa nel 1961: vittoria a tavolino all’Inter per un match sospeso per invasione di campo, ma la Figc è presieduta da Umberto Agnelli e la Caf ordinano la ripetizione. Moratti senior manda allora la squadra Primavera con l’imberbe Mazzola e la Juve vince 9-1, con sei gol di Sivori. La ferita non si risana più, ci sono le sfide tra la grande Inter di Helenio Herrera e la Juve operaria di Heriberto Herrera.

Si sommano anche sgarbi di mercato con Anastasi che va alla Juve dopo avere indossato in amichevole la maglia nerazzurra e, al contrario, Bobo-gol Boninsegna prende la strada di Torino. Il vulcano riposa 30 anni salvo una scossa nel 1983: il pullman dell’Inter viene preso a mattonate vicino al comunale, Marini viene ferito, il 3-3 in campo trasformato in 0-2 a tavolino.

L’esplosione vera arriva il 26 aprile 1998: Inter e Juve si giocano lo scudetto, a Torino gol di Del Piero, poi Iuliano stende Ronaldo e Ceccarini fa proseguire salvo decretare un rigore nell’azione successiva alla Juve che Del Piero sbaglia.

L’incendio divampa e nel 2002 furibondi sono gli juventini per un pari di Vieri al 95′, dopo un fallo su Buffon. E’ la stagione del tracollo del 5 maggio e delle lacrime di Ronaldo per lo scudetto sfumato a beneficio della Juve, che se lo cuce addosso sul filo di lana.

Nel 2005 l’Inter vince a Torino, ma De Santis non vede uno scambio di colpi proibiti tra Cordoba e Ibra, che viene sanzionato con la prova tv. Lo Juve di Capello vince comunque lo scudetto che poi viene assegnato all’Inter che si aggiudica la Supercoppa: a recriminare sono stavolta i bianconeri per un gol regolare annullato a Trezeguet.

L’Inter di Mancini domina un campionato senza la Juve che quando ritorna in A batte i nerazzurri a San Siro, ma il vantaggio di Camoranesi è in fuorigioco. Arriva Mourinho e dedica il primo sfogo arbitrale a Saccani dopo un gol del bianconero Felipe Melo in offside, insulti razzisti a Balotelli e un turno a porte chiuse.

Dopo il triplete, arriva Conte e la Juve rastrella scudetti, ma deve incassare nel 2012 un 3-1 in casa dall’Inter nonostante gli errori di Tagliavento pro-Juve. Il resto è storia recente, con partite spesso finite a calcioni, rigurgiti di veleni e Agnelli che ogni tanto stuzzica i nerazzurri sullo scudetto di Guido Rossi.

Il big match di domenica scorsa allo Stadium, dopo il finale convulso, ha riacceso le polveri, tirando in ballo tecnologia, filmati inediti e le immancabili polemiche: “Sono imbarazzato, in Italia manca la cultura della sconfitta”, la stilettata di Marotta alle parole di Moratti (“L’arbitro non è stato benevolo nei confronti dell’Inter”) e John Elkann che ci ha messo sopra il carico da undici: “Anche se abituata, l’Inter non sa perdere”.

Come dire che i 90′ allo Stadium o a S.Siro non sono altro ormai che il fischio d’inizio di una partita destinata a non finire mai e che il leggendario Prisco avrebbe colorato con una battuta delle sue: “Quando do la mano a un milanista dopo me la lavo, se la do a uno juventino controllo se ce l’ho ancora”.

Ultima ora

11:28India: delitto d’onore, 6 condanne morte

(ANSA) - NEW DELHI, 20 GEN - Un tribunale indiano ha condannato oggi a morte sei persone a Nashik, nello Stato di Maharashtra, riconoscendole colpevoli di aver brutalmente ucciso nel 2013 nel villaggio di Sonai tre giovani 'dalit' (senza casta) nell'ambito di una vicenda presentata come 'delitto d'onore'. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Le indagini avevano provato che uno dei tre giovani 'dalit' uccisi aveva stretto una relazione con una delle studentesse appartenente ad una casta superiore. I famigliari della ragazza, assolutamente contrari alla continuazione del rapporto, attirarono l'1 gennaio 2013 in casa loro il giovane insieme a due amici con il pretesto di un lavoro di pulitura di una fossa settica. Ma il giorno dopo la polizia, allertata dai parenti dei tre giovani di cui non avevano più notizie, ne ha rivenuto i cadaveri orrendamente martoriati vicino alla casa. Dei sette imputati, uno è stato assolto mentre gli altri, fra cui il padre e il fratello sono stati condannati alla pena capitale.

11:12Thailandia: arrestato trafficante avorio

(ANSA) - BANGKOK, 20 GEN - La polizia thailandese ha arrestato uno dei più grossi trafficanti di animali selvatici, sospettato di aver gestito la maggior parte del contrabbando in Asia negli ultimi dieci anni. Boonchai Bach, 40enne thailandese di origini vietnamite, è stato preso in custodia ieri nel nord-est del paese, in relazione al contrabbando di zanne di rinoceronti provenienti dall'Africa, per un valore di oltre un milione di dollari, con il coinvolgimento di un funzionario locale e di un cittadino cinese. L'uomo - che ha respinto le accuse - avrebbe giocato un ruolo chiave insieme con la sua famiglia nel traffico di avorio, tigri, leoni ed altre specie a rischio di estinzione. La Thailandia è un paese di transito per il traffico di animali esotici, soprattutto verso la Cina, ed era considerata il più grande mercato illegale di avorio del mondo, prima dell'introduzione nel 2015 di un legge che punisce questi traffici.

11:09Ciclismo: Tour down under, Porte vince la penultima tappa

(ANSA) - ADELAIDE (AUSTRALIA), 20 GEN - Richie Porte ha vinto la 5/a e penultima tappa del Tour down under, gara d'apertura della stagione ciclistica internazionale, che si concluderà domani. L'australiano, vero e proprio beniamino di casa, con il tempo di 3h42'22", si è aggiudicato la McLaren Vale-Willunga Hill, lunga 151,5 chilometri, precedendo nell'ordine il sudafricano Daryl Impey di 8" e l'olandese Tom-Jelte Slagter di 10". Quest'ultimo guidava un gruppetto di corridori giunti sul traguardo con lo stesso tempo e del quale faceva parte anche l'italiano Diego Ulissi, che si è piazzato al settimo posto. In classifica generale al comando c'è sempre Impey, in 18h02'15", davanti a Porte (stesso tempo) e Slagter (a 16"), mentre Ulissi è quarto, con 20" di ritardo. Domani gran finale con la Adelaide-Adelaide (king William street) lunga 90 chilometri. (ANSA).

10:46Tennis: Australia, Fognini vola negli ottavi dopo cinque set

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Fabio Fognini segue l'esempio dell'altro azzurro Andreas Seppi e si qualifica per gli ottavi degli Australian open, in corso sui campi di Melbourne. Il tennista nato a Sanremo, 25/a testa di serie del torneo, ha battuto il 36enne francese Julien Benneteau, numero 59 del ranking Atp, dopo cinque set: di 3-6, 6-2, 6-1, 4-6, 6-3, il punteggio maturato in tre ore di gioco. Dal 1976, anno del successo in Coppa Davis in Cile, l'Italia non riusciva a presentare due atleti negli ottavi del tabellone maschile di un torneo valido per lo Slam: l'ultima volta accadde al Roland Garros, con Adriano Panatta - che poi avrebbe vinto - e Corrado Barazzutti.

10:22Usa: Pence partito per Medio oriente

(ANSA) - WASHINGTON, 20 GEN - Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, e' appena partito per il suo annunciato tour in Medio Oriente, che lo vedrà in Egitto, Giordania e Israele. Il volo effettuerà una tappa di rifornimento in Irlanda in nottata, per poi proseguire verso il Cairo.

09:51Usa: Twitter, 700mila utenti incappati in propaganda Mosca

(ANSA) - WASHINGTON, 20 GEN - Twitter notificherà a quasi 700.000 utenti che hanno interagito con profili identificati quali potenziali veicoli di propaganda ad opera del governo russo durante le elezioni presidenziali americane del 2016. Lo ha reso noto il servizio di microblogging, che ha inoltre indicato migliaia di profili associati alla cosiddetta 'fabbrica dei troll', la societa' tecnologica russa 'Internet Research Agency' (Ira) di San Pietroburgo, che e' accusata di aver usato i social media per diffondere fake news nelle elezioni americane, profili che vanno ad aggiungersi a quelli gia' riportati al Congresso lo scorso ottobre. In particolare Twitter ha riferito di aver identificato 3.814 profili legati ad Ira, che hanno postato circa 176mila tweet nelle dieci settimane prima del voto, e altri 50.258 profili automatizzati considerati legati al governo russo che hanno twittato oltre un milione di volte.

09:17Pakistan: terrorismo,capo esercito conferma condanne a morte

(ANSA) - ISLAMABAD, 20 GEN - Il comandante dell'esercito pachistano, generale Qamar Javed Bajwa, ha confermato la condanna a morte sentenziata per dieci "terroristi irriducibili" da speciali tribunali militari. Lo ha reso noto l'Ufficio stampa dell'esercito (Ispr). In un comunicato l'Ispr ha precisato che i condannati sono stati coinvolti in "attività terroristiche, uccisione di civili innocenti, attacchi a istituzioni educative, brutale uccisione di soldati e in attacchi alle forze dell'ordine e alle forze armate del Pakistan". Secondo la Commissione per i diritti umani del Pakistan (Hrcp), dopo la revoca nel 2014 della moratoria sulle esecuzioni delle condanne a morte, ne sono state eseguite 471 mediante impiccagione.

Archivio Ultima ora