In Venezuela si muore di denutrizione

Pubblicato il 13 febbraio 2017 da Mauro Bafile

La società venezuelana, oramai non sembra ci siano più dubbi, corre lungo due binari paralleli. In superficie, viaggiano i problemi della politica che in apparenza, e pare solo in apparenza, preoccupano la stragrande maggioranza dei venezuelani; poi ad un livello più profondo si muove la crisi economica, che ormai ha assunto proporzioni e caratteristiche da catastrofe umanitaria con profonde ripercussioni sulla psiche dei venezuelani, un tempo persone affabili e cordiali ed oggi aggressive e irascibili.
Le elezioni amministrative si allontanano sempre più. Non solo è evidente che non si realizzeranno nel corso del primo semestre dell’anno ma è poco probabile che il Consiglio Nazionale Elettorale le indica nel corso del secondo. D’altronde, Tania D’Amico, la Direttrice dell’organismo elettorale, è stata molto chiara: le elezioni, che si sarebbero dovute svolgere a dicembre dello scorso anno, sono state sospese, “ad kalendas graecas”. E non si faranno se non dopo aver permesso a tutti i partiti di regolarizzare la propria posizione nel Cne iscrivendosi in un registro “ad hoc”. Una condizione, “sine qua non”, per partecipare a qualunque futuro processo elettorale. Le regole del gioco imposte dal Cne, considerate draconiane e impossibili da rispettare, hanno fatto insorgere tutti i partiti. Per la prima volta, simpatizzanti del governo e movimenti d’opposizione si sono trovati d’accordo: l’asticella posta dall’organismo elettorale – leggasi, 14 ore per raccogliere lo 0,5 per cento delle firme delle liste elettorali in 12 Stati del Paese – se non impossibile è assai difficile da raggiungere. In particolare, per la stragrande maggioranza dei partiti che costituiscono, oggi, il macondo politico venezuelano. Se il Consiglio Nazionale Elettorale non tornerà sui suoi passi, tanti dei 59 partiti che devono legalizzare la propria posizione scompariranno dalla scena. Ne risentiranno ovviamente la dialettica politica e il sistema democratico. Già lo storico Partito Comunista Venezolano ha reso noto che preferisce restare nel limbo dell’illegalità piuttosto che sottomettersi ad un “tour de force” inaccettabile e non manca chi sostiene che si vogliono riprodurre le condizioni che hanno portato al trionfo del comandante Daniel Ortega in Nicaragua.

Anche il “Tavolo dell’Unità Democratica” che riunisce la maggioranza dei partiti di opposizione, ed avendo partecipato alle elezioni parlamentari non ha alcun bisogno di legittimare la propria posizione, non è del tutto tranquillo. E’ in attesa della sentenza della Corte che, se dovesse ritenerlo responsabile di una presunta frode elettorale nello Stato Amazonas, potrebbe dichiararlo “fuori legge”. Se così fosse, per il Psuv non avrebbe avversari nelle prossime elezioni se non qualche movimento politico minore. Insomma, il minimo indispensabile per dare una parvenza di democrazia.
Il “Tavolo dell’Unità Democratica” attraversa una crisi di credibilità. Come più volte scritto, l’eterogenea coalizione è priva di un programma organico, di obiettivi precisi e di un regolamento accettato da ogni sua componente che ne limiti le pretese e le ambizioni individuali. Per il momento, è in balia dei movimenti meno numerosi, meno importanti ma, purtroppo, anche più chiassosi e radicali che ne condizionano le decisioni. L’errore, se di errore si può parlare, di insistere sul referendum revocatorio invece di puntare alle elezioni amministrative è stato necessario per evitare che aspirazioni personali potessero rompere l’unità dell’Opposizione. Ma ora lo scenario è diverso. Dopo il silenzio del Cne rispetto alle amministrative e dopo la decisione di archiviarle fino a nuovo avviso, obbliga il “Tavolo dell’Unità Democratica”, se non vorrà scomparire, a stabilire regole del gioco ben chiare, strategie a medio e lungo termine ed un programma ben definito. E chi non vorrà accettarle dovrà essere lasciato in condizione di intraprendere il proprio cammino. La ristrutturazione della coalizione non può che avere questo obiettivo.
Nell’ambito sociale, il governo continua a negare l’esistenza di una crisi umanitaria che è sul punto di trasformarsi in vera e propria catastrofe. Non è solo la mancanza di medicine e di generi alimentari. E’ il fenomeno della denutrizione, che sta provocando la morte di adolescenti e bambini. Ad esso, che cresce a macchia d’olio, deve sommarsi il riemergere di malattie endemiche che sembravano oramai scomparse. E’ il caso della malaria, della tubercolosi, della difterite e della poliomielite. Tutte malattie, queste, che erano state sradicate grazie alle politiche dei governi che hanno preceduto i 20 anni di “chavismo”.

Preoccupa le Ong che si dedicano allo studio della qualità di vita del Paese, la denutrizione che ha portato alla morte già oltre 50 bambini nella sola “Goajira” (area indigena nello stato Zulia) e i casi di avvelenamento a causa di alimenti contaminati venduti da “bachaqueros” (venditori ambulanti) a prezzi eccessivi.
Il governo, di fronte alla tragedia quotidiana dei venezuelani, pare incapace di reagire, di assumere le proprie responsabilità, e di disegnare politiche capaci di riportare il paese lungo il sentiero della crescita. In cambio, insiste nell’attribuire ogni male ad una presunta guerra economica condotta dalla “destra capitalista e imperialista”.
Mauro Bafile

Ultima ora

14:24Mattarella, grati a Brigata Ebraica, nostri fratelli

(ANSA) - CARPI (MO), 25 APR - "Vi furono uomini liberi che sbarcarono nell'Italia occupata e versarono il loro sangue anche per la nostra libertà. A questi caduti rivolgiamo un pensiero riconoscente. Il loro sangue è quello dei nostri fratelli. Tra questi non possiamo dimenticare i 5000 volontari della Brigata Ebraica, italiani e non, giunti dalla Palestina per combattere con il loro vessillo in Toscana e in Emilia-Romagna". Lo afferma, tra gli applausi, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo al Teatro Comunale di Carpi.

14:22>ANSA-BOX/ 25 aprile: a 96 anni con paracadute reduce El Alamein

(ANSA) - CREMONA, 25 APR - "Avrei voluto aspettare i 100 anni, ma poi ho pensato che era meglio anticipare. Non è che non stia bene, ma dopo l'intervento all'anca di qualche anno fa, sa com'è...": così si racconta Giuseppe De Grada, paracadutista cremonese, 96 anni. De Grada, reduce della battaglia di El Alamein, si è lanciato oggi in tandem all'aeroporto turistico di Cremona, alla frazione Migliaro. "E' stata un'emozione fortissima - ha detto appena toccata terra -. Il mio compleanno è stato sabato santo. E' qualche anno che ci penso e ora era venuto il momento", ha aggiunto. Il paracadutismo è la sua più grande passione, maturata fin da giovanissimo, e realizzatasi sotto l'esercito. De Grada fu ad El Alamein. "Al momento del servizio militare, nel 1940, non avendo il consenso dei miei genitori per entrare nei paracadutisti, sono stato assegnato alla Compagnia Cannoni a Cuneo. Raggiunti i 21 anni, ho preso il brevetto da paracadutista a Tarquinia". Negli anni della guerra, ciò che gli premeva era diventare paracadutista della Folgore: "In quegli anni conobbi Gianni Brera, mi chiese se gli facevo da attendente, aiutandolo in mansioni di ufficio. Ma io non volevo fare lavoro di ufficio, mi interessava lanciarmi col paracadute, non stare seduto ad una scrivania". Una passione dura a morire, al punto che riemerge con frequenza. Oggi, nel giorno della Liberazione, a 96 anni ha voluto riprovare l'ebbrezza di lasciarsi cadere da un aeroplano. Si è lanciato con un altro paracadutista di Parma. De Grada ha combattuto a El Alamein fin dall'inizio, dal 23 ottobre 1942, in qualità di effettivo della compagnia cannoni anticarro 47/52. Ha resistito, insieme ai commilitoni, fino al 6 novembre 1942, quando è stato catturato dagli inglesi durante il ripiegamento, a piedi, nel deserto, e ha vissuto quattro anni di prigionia: due in Egitto, uno in Palestina e l'ultimo ancora in Egitto.

14:19Ivanka, papà sa che le donne fanno un buon lavoro

(ANSA) - BERLINO, 25 APR - "Dalla mia esperienza privata so quanto sia positivo l'atteggiamento di mio padre con le donne. Lui sa che le donne possono fare un lavoro buono quanto gli uomini". Lo ha detto Ivanka Trump, al W20, il vertice sulla donne del G20 in corso a Berlino, rispondendo a una domanda sulle critiche rivolte al padre Donald Trump per il suo atteggiamento nei confronti delle donne. "Mio padre mi ha permesso di raggiungere tutto quello che volevo. Ce lo ha reso possibile. Non c'erano differenze fra me e mio fratello. E questo lo vedremo anche da lui come presidente", ha aggiunto.

14:18Kuki Gallmann: figlia, ‘mamma è una forza della natura’

(ANSA) - VENEZIA, 25 APR - "La mamma sta bene. E' una forza della natura ed è forte. Sta facendo passi lenti, ma costanti di recupero". Così Sveva Gallmann in un messaggio via Facebook parla delle condizioni di salute della madre Kuki, ferita allo stomaco in un agguato nella sua riserva in Kenya. "Ora dobbiamo solo pregare - aggiunge - che non ci siano complicazioni e che una vita sana ripaghi in termini di forza e di immunità". La figlia di Kuki conclude dicendo che "la forza della vita di tutti gli animali e la biodiversità per la quale ha passato tutta la sua vita stanno dentro di lei e la proteggeranno".

14:12Tenta uccidere senegalese in centro accoglienza, arrestato

(ANSA) - (SALERNO), 25 APR - In carcere migrante 18enne con l'accusa di tentato omicidio. Il giovane, originario del Mali, lo scorso 26 gennaio, a seguito di una violenta lite, tentò di uccidere un giovane senegalese all'interno di un centro di accoglienza di Sanza (Salerno) impugnando una bottiglia di vetro infranta. I carabinieri della compagnia di Sala Consilina (Salerno), in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il tribunale di Lagonegro (Potenza), hanno arrestato il diciottenne, richiedente asilo politico, che dallo scorso 26 gennaio si trovava agli arresti domiciliari presso un centro di accoglienza di Teggiano (Salerno). I militari dell'Arma hanno accertato che l'extracomunitario si era reso protagonista di diversi episodi di violenza verificatisi sempre nei confronti di altri migranti del centro di accoglienza ove egli stesso era ospitato. Il giovane malese è stato condotto nel carcere di Potenza.

14:11Roma città divisa, per 25 aprile ebrei e partigiani separati

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Roma città divisa per il 25 aprile, anniversario della Liberazione. La Comunità ebraica ha manifestato davanti a quella che era la sede della Brigata Ebraica, l'Anpi con un lungo corteo fino a porta San Paolo. "Chi esclude al Brigata ebraica nega la storia", il monito del sottosegretario Maria Elena Boschi nel corso della manifestazione della Comunità ebraica. "E' una bellissima giornata con un grandissimo spirito unitario per chi c'è e per chi non c'è", ha detto il presidente dell'Anpi Roma, Fabrizio De Santis partecipando al corteo dove si trova una rappresentanza dei movimenti pro Palestina. Regione e Campidoglio sono presenti alle due manifestazioni, il Pd solo a quella della Comunità ebraica. Il presidente del Pd Orfini: "spero questo sia ultimo annoi separati, riunire l'antifascismo".

14:10Renzi, Ue non mantiene impegno migranti? Noi su soldi

(ANSA) - AREZZO, 25 APR - "Siccome diamo 20 miliardi all'Europa e ne prendiamo indietro 12, io per tre anni gliel'ho detto con le buone; adesso, e devo dire che il governo Gentiloni ha adottato questa linea, è molto semplice risolvere il problema: voi non mantenete l'impegno sui migranti? Benissimo, e noi non manteniamo l'impegno sui soldi". Lo ha detto Matteo Renzi, parlando ad una manifestazione pubblica a Cavriglia.

Archivio Ultima ora