In Venezuela si muore di denutrizione

Pubblicato il 13 febbraio 2017 da Mauro Bafile

La società venezuelana, oramai non sembra ci siano più dubbi, corre lungo due binari paralleli. In superficie, viaggiano i problemi della politica che in apparenza, e pare solo in apparenza, preoccupano la stragrande maggioranza dei venezuelani; poi ad un livello più profondo si muove la crisi economica, che ormai ha assunto proporzioni e caratteristiche da catastrofe umanitaria con profonde ripercussioni sulla psiche dei venezuelani, un tempo persone affabili e cordiali ed oggi aggressive e irascibili.
Le elezioni amministrative si allontanano sempre più. Non solo è evidente che non si realizzeranno nel corso del primo semestre dell’anno ma è poco probabile che il Consiglio Nazionale Elettorale le indica nel corso del secondo. D’altronde, Tania D’Amico, la Direttrice dell’organismo elettorale, è stata molto chiara: le elezioni, che si sarebbero dovute svolgere a dicembre dello scorso anno, sono state sospese, “ad kalendas graecas”. E non si faranno se non dopo aver permesso a tutti i partiti di regolarizzare la propria posizione nel Cne iscrivendosi in un registro “ad hoc”. Una condizione, “sine qua non”, per partecipare a qualunque futuro processo elettorale. Le regole del gioco imposte dal Cne, considerate draconiane e impossibili da rispettare, hanno fatto insorgere tutti i partiti. Per la prima volta, simpatizzanti del governo e movimenti d’opposizione si sono trovati d’accordo: l’asticella posta dall’organismo elettorale – leggasi, 14 ore per raccogliere lo 0,5 per cento delle firme delle liste elettorali in 12 Stati del Paese – se non impossibile è assai difficile da raggiungere. In particolare, per la stragrande maggioranza dei partiti che costituiscono, oggi, il macondo politico venezuelano. Se il Consiglio Nazionale Elettorale non tornerà sui suoi passi, tanti dei 59 partiti che devono legalizzare la propria posizione scompariranno dalla scena. Ne risentiranno ovviamente la dialettica politica e il sistema democratico. Già lo storico Partito Comunista Venezolano ha reso noto che preferisce restare nel limbo dell’illegalità piuttosto che sottomettersi ad un “tour de force” inaccettabile e non manca chi sostiene che si vogliono riprodurre le condizioni che hanno portato al trionfo del comandante Daniel Ortega in Nicaragua.

Anche il “Tavolo dell’Unità Democratica” che riunisce la maggioranza dei partiti di opposizione, ed avendo partecipato alle elezioni parlamentari non ha alcun bisogno di legittimare la propria posizione, non è del tutto tranquillo. E’ in attesa della sentenza della Corte che, se dovesse ritenerlo responsabile di una presunta frode elettorale nello Stato Amazonas, potrebbe dichiararlo “fuori legge”. Se così fosse, per il Psuv non avrebbe avversari nelle prossime elezioni se non qualche movimento politico minore. Insomma, il minimo indispensabile per dare una parvenza di democrazia.
Il “Tavolo dell’Unità Democratica” attraversa una crisi di credibilità. Come più volte scritto, l’eterogenea coalizione è priva di un programma organico, di obiettivi precisi e di un regolamento accettato da ogni sua componente che ne limiti le pretese e le ambizioni individuali. Per il momento, è in balia dei movimenti meno numerosi, meno importanti ma, purtroppo, anche più chiassosi e radicali che ne condizionano le decisioni. L’errore, se di errore si può parlare, di insistere sul referendum revocatorio invece di puntare alle elezioni amministrative è stato necessario per evitare che aspirazioni personali potessero rompere l’unità dell’Opposizione. Ma ora lo scenario è diverso. Dopo il silenzio del Cne rispetto alle amministrative e dopo la decisione di archiviarle fino a nuovo avviso, obbliga il “Tavolo dell’Unità Democratica”, se non vorrà scomparire, a stabilire regole del gioco ben chiare, strategie a medio e lungo termine ed un programma ben definito. E chi non vorrà accettarle dovrà essere lasciato in condizione di intraprendere il proprio cammino. La ristrutturazione della coalizione non può che avere questo obiettivo.
Nell’ambito sociale, il governo continua a negare l’esistenza di una crisi umanitaria che è sul punto di trasformarsi in vera e propria catastrofe. Non è solo la mancanza di medicine e di generi alimentari. E’ il fenomeno della denutrizione, che sta provocando la morte di adolescenti e bambini. Ad esso, che cresce a macchia d’olio, deve sommarsi il riemergere di malattie endemiche che sembravano oramai scomparse. E’ il caso della malaria, della tubercolosi, della difterite e della poliomielite. Tutte malattie, queste, che erano state sradicate grazie alle politiche dei governi che hanno preceduto i 20 anni di “chavismo”.

Preoccupa le Ong che si dedicano allo studio della qualità di vita del Paese, la denutrizione che ha portato alla morte già oltre 50 bambini nella sola “Goajira” (area indigena nello stato Zulia) e i casi di avvelenamento a causa di alimenti contaminati venduti da “bachaqueros” (venditori ambulanti) a prezzi eccessivi.
Il governo, di fronte alla tragedia quotidiana dei venezuelani, pare incapace di reagire, di assumere le proprie responsabilità, e di disegnare politiche capaci di riportare il paese lungo il sentiero della crescita. In cambio, insiste nell’attribuire ogni male ad una presunta guerra economica condotta dalla “destra capitalista e imperialista”.
Mauro Bafile

Ultima ora

11:48Canoa: slalom, da giovedì gli Europei

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Dopo l'esaltante weekend per la canoa italiana, con le 5 medaglie di bronzo della paracanoa e l'argento conquistato da Susanna Cicali e Francesca Genzo nella finale del K2 200 in coppa del mondo a Szeged, in Ungheria, è tempo nuovamente di tornare in acqua. A farlo saranno in questo weekend gli specialisti della canoa slalom impegnati nei campionati europei assoluti in programma a Tacen, in Slovenia, tra le acque del fiume Sava. Dieci i canoisti italiani in gara, guidati dai direttori tecnici Daniele Molmenti e Ettore Ivaldi: nel K1 maschile spazio a Giovanni De Gennaro - che ha gareggiato alle Olimpiadi di Rio 2016 - Zeno Ivaldi e Jakob Weger. Nel C1 toccherà a Raffaello Ivaldi, Roberto Colazingari e Stefano Cipressi. Nel C2 in azione Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari mentre nel kayak femminile saranno due le italiane al via: Stefanie Horn e Clara Giai Pron.

11:29Fondi rappresentanza Durnwalder, attesa sentenza appello

(ANSA) - BOLZANO, 30 MAG - E' attesa in giornata in tribunale a Bolzano la sentenza del processo d'appello sui fondi di rappresentanza dell'ex governatore altoatesino Luis Durnwalder. In prima istanza era stato assolto dall'accusa di peculato, ieri il pm ha chiesto una condanna a due anni e mezzo. "Ho amministrato questa provincia sempre rispettando le leggi e sempre con il buonsenso", ha detto questa mattina l'ex presidente durante una dichiarazione spontanea in tribunale. "E' incomprensibile per me che ora, che sono andato via, tutto sarebbe stato sbagliato. Casomai lo potevano dire prima", ha aggiunto. Durnwalder ha difeso i contributi dati da lui "a qualche associazione di volontariato, a qualche vedova e a qualche bambino in difficoltà". "Ci sono - ha aggiunto - casi singoli dove la legge non arriva, dove uno deve dare un segnale di solidarietà. L'ho fatto perché la mia amministrazione non si è mai basata esclusivamente sulle parole, ma ha sempre agito anche con il cuore", ha concluso l'ex governatore.

11:21Calcio: Berlusconi, contro Real Madrid ‘forza Juventus’

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - "Io per antica educazione voluta da mio padre ho sempre tifato Inter quando era impegnata con altre squadre o in match internazionali. E la stessa cosa farò, sapendo di suscitare dispiacere a qualcuno, con la Juventus che incontrerà il Real Madrid. Forza Juventus". Così Silvio Berlusconi prima di ricevere il premio Rosa Camuna insieme a Massimo Moratti da parte del presidente della Lombardia, Roberto Maroni.

11:18L.elettorale: Berlusconi, fosse per me sbarramento 8%

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Alcuni giornali "hanno sostenuto che Berlusconi è in disaccordo con la soglia di sbarramento del 5 per cento: è esattamente il contrario, fosse per me la porterei all'8 per cento": lo ha detto stamani Silvio Berlusconi alla cerimonia per la consegna della Rosa camuna in Regione Lombardia.

11:18Alfano, impazienza Pd costerà miliardi all’Italia

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "In questo momento così delicato non si vota per la legge elettorale, ma si vota lo scioglimento delle Camere e io non capisco l'impazienza del Pd di portare l'Italia al voto tre o quattro mesi prima in piena legge di stabilità. Rivolgo un appello al Pd prima della loro Direzione: pensino all'Italia e al danno che questa impazienza di rientrare a Palazzo può fare all'economia". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano, a margine di una conferenza alla Farnesina.

11:11Quindicenne uccide coetaneo e si costituisce a carabinieri

(ANSA) - MILETO (VIBO VALENTIA), 30 MAG - Un quindicenne è stato arrestato la notte scorsa dai carabinieri di Mileto per l'omicidio di un suo coetaneo, F.P.L., avvenuto nella tarda serata di ieri in località Calabrò. La vittima sarebbe stata uccisa con un colpo di pistola al culmine di una lite. Dopo il delitto il ragazzino si è costituito in caserma indicando il luogo del ritrovamento del cadavere. Al momento non è stato ancora chiarito il movente del delitto. Il giovane, assistito dai suoi legali, è attualmente sotto interrogatorio. Il padre ed i fratelli dell'autore del delitto sono stati arrestati nell'operazione Stammer condotta nel gennaio scorso dalla Guardia di finanza di Catanzaro, coordinata dalla Dda, contro un narcotraffico gestito dalle cosche di 'ndrangheta del vibonese. Al momento, secondo quel poco che è trapelato, il delitto non sarebbe comunque legato a vicende criminali.

11:08Calcio: Milan, visite mediche per Kessie

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Giornata di visite mediche per Franck Kessie, il centrocampista ivoriano in procinto di trasferirsi dall'Atalanta al Milan. Verso le 9 Kessie si è presentato alla clinica La Madonnina, nel centro di Milano, per sostenere i consueti controlli medici, poi domani sono previsti i test atletici a Milanello, ultimo step prima della firma del contratto con il club rossonero.

Archivio Ultima ora