In Venezuela si muore di denutrizione

Pubblicato il 13 febbraio 2017 da Mauro Bafile

La società venezuelana, oramai non sembra ci siano più dubbi, corre lungo due binari paralleli. In superficie, viaggiano i problemi della politica che in apparenza, e pare solo in apparenza, preoccupano la stragrande maggioranza dei venezuelani; poi ad un livello più profondo si muove la crisi economica, che ormai ha assunto proporzioni e caratteristiche da catastrofe umanitaria con profonde ripercussioni sulla psiche dei venezuelani, un tempo persone affabili e cordiali ed oggi aggressive e irascibili.
Le elezioni amministrative si allontanano sempre più. Non solo è evidente che non si realizzeranno nel corso del primo semestre dell’anno ma è poco probabile che il Consiglio Nazionale Elettorale le indica nel corso del secondo. D’altronde, Tania D’Amico, la Direttrice dell’organismo elettorale, è stata molto chiara: le elezioni, che si sarebbero dovute svolgere a dicembre dello scorso anno, sono state sospese, “ad kalendas graecas”. E non si faranno se non dopo aver permesso a tutti i partiti di regolarizzare la propria posizione nel Cne iscrivendosi in un registro “ad hoc”. Una condizione, “sine qua non”, per partecipare a qualunque futuro processo elettorale. Le regole del gioco imposte dal Cne, considerate draconiane e impossibili da rispettare, hanno fatto insorgere tutti i partiti. Per la prima volta, simpatizzanti del governo e movimenti d’opposizione si sono trovati d’accordo: l’asticella posta dall’organismo elettorale – leggasi, 14 ore per raccogliere lo 0,5 per cento delle firme delle liste elettorali in 12 Stati del Paese – se non impossibile è assai difficile da raggiungere. In particolare, per la stragrande maggioranza dei partiti che costituiscono, oggi, il macondo politico venezuelano. Se il Consiglio Nazionale Elettorale non tornerà sui suoi passi, tanti dei 59 partiti che devono legalizzare la propria posizione scompariranno dalla scena. Ne risentiranno ovviamente la dialettica politica e il sistema democratico. Già lo storico Partito Comunista Venezolano ha reso noto che preferisce restare nel limbo dell’illegalità piuttosto che sottomettersi ad un “tour de force” inaccettabile e non manca chi sostiene che si vogliono riprodurre le condizioni che hanno portato al trionfo del comandante Daniel Ortega in Nicaragua.

Anche il “Tavolo dell’Unità Democratica” che riunisce la maggioranza dei partiti di opposizione, ed avendo partecipato alle elezioni parlamentari non ha alcun bisogno di legittimare la propria posizione, non è del tutto tranquillo. E’ in attesa della sentenza della Corte che, se dovesse ritenerlo responsabile di una presunta frode elettorale nello Stato Amazonas, potrebbe dichiararlo “fuori legge”. Se così fosse, per il Psuv non avrebbe avversari nelle prossime elezioni se non qualche movimento politico minore. Insomma, il minimo indispensabile per dare una parvenza di democrazia.
Il “Tavolo dell’Unità Democratica” attraversa una crisi di credibilità. Come più volte scritto, l’eterogenea coalizione è priva di un programma organico, di obiettivi precisi e di un regolamento accettato da ogni sua componente che ne limiti le pretese e le ambizioni individuali. Per il momento, è in balia dei movimenti meno numerosi, meno importanti ma, purtroppo, anche più chiassosi e radicali che ne condizionano le decisioni. L’errore, se di errore si può parlare, di insistere sul referendum revocatorio invece di puntare alle elezioni amministrative è stato necessario per evitare che aspirazioni personali potessero rompere l’unità dell’Opposizione. Ma ora lo scenario è diverso. Dopo il silenzio del Cne rispetto alle amministrative e dopo la decisione di archiviarle fino a nuovo avviso, obbliga il “Tavolo dell’Unità Democratica”, se non vorrà scomparire, a stabilire regole del gioco ben chiare, strategie a medio e lungo termine ed un programma ben definito. E chi non vorrà accettarle dovrà essere lasciato in condizione di intraprendere il proprio cammino. La ristrutturazione della coalizione non può che avere questo obiettivo.
Nell’ambito sociale, il governo continua a negare l’esistenza di una crisi umanitaria che è sul punto di trasformarsi in vera e propria catastrofe. Non è solo la mancanza di medicine e di generi alimentari. E’ il fenomeno della denutrizione, che sta provocando la morte di adolescenti e bambini. Ad esso, che cresce a macchia d’olio, deve sommarsi il riemergere di malattie endemiche che sembravano oramai scomparse. E’ il caso della malaria, della tubercolosi, della difterite e della poliomielite. Tutte malattie, queste, che erano state sradicate grazie alle politiche dei governi che hanno preceduto i 20 anni di “chavismo”.

Preoccupa le Ong che si dedicano allo studio della qualità di vita del Paese, la denutrizione che ha portato alla morte già oltre 50 bambini nella sola “Goajira” (area indigena nello stato Zulia) e i casi di avvelenamento a causa di alimenti contaminati venduti da “bachaqueros” (venditori ambulanti) a prezzi eccessivi.
Il governo, di fronte alla tragedia quotidiana dei venezuelani, pare incapace di reagire, di assumere le proprie responsabilità, e di disegnare politiche capaci di riportare il paese lungo il sentiero della crescita. In cambio, insiste nell’attribuire ogni male ad una presunta guerra economica condotta dalla “destra capitalista e imperialista”.
Mauro Bafile

Ultima ora

10:36Calcio: Trofeo Bernabeu, l’anno prossimo toccherà al Milan

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Dopo avere affrontato lo Stade Reims l'anno scorso e la Fiorentina, che stasera sarà in campo a Madrid, nel 2018 il Real ha scelto il Milan come sfidante per il Trofeo Santiago Bernabeu. Lo riferisce l'edizione online di As. Il club 'merengue' vuole proseguire il proprio cammino a ritroso, rivivendo le prime finali che gli regalarono le prime tre Coppe dei Campioni delle cinque conquistate di seguito in altrettante edizioni disputate. Era il Real di Puskas, Gento e Di Stefano. La squadra degli invincibili, che dominava il mondo alla fine degli anni '50. Nel 1956, i 'blancos' superarono nella finale del neonato trofeo europeo proprio la squadra francese dello Stade Reims, nel 1957 la Fiorentina campione d'Italia in carica e nel 1958 il Milan, a Bruxelles, per 3-2, dopo che i rossoneri erano stati in vantaggio due volte. Nel 2019, in occasione del 40/o anniversario del Trofeo Santiago Bernabeu, si dovrebbe tornare alla formula originaria, con la disputa di un quadrangolare.

10:25Viaggio su carrozze d’epoca da Napoli a Pompei e Paestum

(ANSA) - NAPOLI, 23 AGO - Un treno storico dal centro di Napoli ai due Parchi Archeologici di Pompei e Paestum, patrimonio dell'UNESCO. Mercoledì 30 agosto nuova occasione per salire a bordo di Archeotreno Campania e delle vetture d'epoca Centoporte e Corbellini. Fischio di partenza alle 9.25 nella stazione di Napoli Centrale, con arrivo a Pompei alle 10.05. Alle 14.05 il treno lascerà Pompei per raggiungere Paestum, da dove ripartirà alle 17.44 per arrivare a Napoli alle 19.22. Il costo del biglietto di andata e ritorno è di 20 euro per gli adulti e 10 euro per i ragazzi. I bambini fino a 4 anni non compiuti, accompagnati da un adulto pagante, viaggiano gratis (senza garanzia di posto a sedere). Prezzo ridotto del 50% per coloro che sceglieranno di utilizzare il treno storico solo all'andata o al ritorno. A bordo del treno i viaggiatori potranno acquistare lo speciale voucher a tariffa ridotta e con ingresso prioritario per la visita dei due Parchi Archeologici. I biglietti per Archeotreno Campania sono acquistabili. (ANSA).

10:24Polvere sospetta non era antrace, ma dolcificante diabetici

(ANSA) - FORLI', 23 AGO - Non era antrace, ma dolcificante per diabetici, la polvere sospetta di colore biancastro uscita da un pacco proveniente dalla Germania che lunedì aveva fatto scattare l'allarme al centro di smistamento di Poste italiane a Forlì. Lo riferiscono media locali, precisando che le analisi non sono ancora ufficiali ma nell'informativa consegnata dagli investigatori alla Procura si parla di 'stevia rebaudiana' destinata ad un nigeriano di 30 anni residente in città e con regolare permesso, che aveva ordinato quel particolare zucchero via internet alcuni giorni prima, proprio a causa della patologia di cui soffre. Gli agenti della Digos hanno eseguito una serie di controlli sull'uomo: il suo profilo non ha destato sospetti. L'allerta era scattata due giorni fa, verso le 10.30, e aveva provocato l'intervento di vigili del fuoco, polizia, carabinieri e artificieri. Era stato avviato il protocollo sicurezza, gli uffici erano stati chiusi e tre impiegati erano stati isolati per timore di contaminazioni. (ANSA).

10:20Terremoto Ischia: Ciro, il mio primo pensiero è stato Dio

(ANSA) - NAPOLI, 23 AGO - "Il mio primo pensiero quando ho rivisto la luce è stato Dio. Allora davvero esiste, ho pensato". Non ha più voce Ciro Marmolo, 11 anni, il "bambino eroe" dagli enormi occhioni neri, l'ultimo dei tre fratellini ad essere estratto vivo dalle macerie della palazzina crollata in seguito al terremoto che ha devastato Casamicciola sull'isola d'Ischia. Ai microfoni di TV Luna, Ciro si lascia andare a cuore aperto: "quando ho saputo che il più piccolo dei miei fratelli stava bene mi sono fatto coraggio e ho detto: ce la devo fare". Ciro è ricoverato all'ospedale Rizzoli di Lacco Ameno. Con lui, nella grande stanza colorata di giallo, arancione e verde ci sono la mamma Alessia, incinta al quinto mese di una bimba e i fratellini Pasquale 7 mesi e Matias 8 anni. Dal canto suo mamma Alessia guarda i suoi figli e dice: "ho capito che quella notte maledetta è intervenuta la mano di Dio a salvarci. Ho imparato ad apprezzare la vita".

10:19Calcio: Draxler interessa al Bayern, pronti 40 milioni

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Julian Draxler presto potrebbe tornare a esibirsi nella Bundesliga. Il fantasista attualmente in forza al PSG, con un contratto in scadenza nel 2021, continua a suscitare l'interesse del Bayern Monaco e del 'suo' allenatore Carlo Ancelotti. Secondo il Sun, il club più titolato di Germania ha già pronta un'offerta di 40 milioni di fronte alla quale difficilmente la dirigenza del club francese però cederà. L'agente di Draxler, al di là delle dichiarazioni di facciata, preme tuttavia per garantire al proprio assistito spazio e considerazione. Sarebbe stato lo stesso giocatore, anche per via dell'enorme concorrenza nel reparto avanzato del PSG, a chiedere di tornare in Germania.

10:16Terremoto Ischia:notte tranquilla,all’alba avvertita scossa

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI) 23 AGO - E' trascorsa tranquilla sull'isola di Ischia la seconda notte dopo il terremoto di lunedì sera. All'alba però una nuova scossa di 1.9 gradi è stata avvertita dagli abitanti dei comuni di Casamicciola e Lacco Ameno colpiti dal sisma. Secondo quanto viene riferito, diverse persone sono scese in strada e sono subito state avviate le verifiche su eventuali nuovi crolli, ma al momento non vengono rilevati ulteriori danni a cose o persone.

10:15Terremoto Ischia: Procura Napoli valuta inchiesta disastro

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - La Procura di Napoli sta valutando l'ipotesi di aprire un'inchiesta contro ignoti per disastro colposo e omicidio colposo plurimo in seguito ai danni provocati dal terremoto avvenuto ieri sera sull'isola di Ischia. "Sono nel quadro ordinario delle valutazioni possibili in questo momento"' ha dichiarato Giovanni Melillo, capo della procura di Napoli, ai microfoni di '6 su Radio 1'. Melillo ha poi specificato che si tratta di un "quadro complesso e bisognoso di approfondimenti". Sul possibile legame tra il fenomeno dell'abusivismo edilizio e il crollo di alcuni edifici sull'isola, il capo della Procura di Napoli ha dichiarato: "Non sfuggono i costi sociali, che anche in queste occasioni si rivelano, di fenomeni gravi come quello dell'edilizia illegale e dell'abusivismo edilizio. All'abusivismo edilizio corrisponde una delle priorità del lavoro della procura della Repubblica di Napoli; un fenomeno che in Campania ha dimensioni straordinariamente gravi e come tale va affrontato".

Archivio Ultima ora