Ilaria Costa: “Negli Stati Uniti c’è oggi la mitizzazione dell’Italia”

Pubblicato il 14 febbraio 2017 da redazione

La direttrice dello Iace, Ilaria Costa

NEW YORK – “L’immagine dell’Italia, oggi, è idealizzata. Nessuno si sofferma sui problemi della politica. Non importano più di tanto. Sì, è vero, a volte c’è chi fa una battuta ironica. Ma, tutto là. C’è una mitizzazione dell’Italia come terra del buon gusto e della ‘Dolce vita’. Insomma, del Paese dove lo stile di vita è unico”. Ilaria Costa non riesce a contenere la passione e l’orgoglio per le proprie origini. E’ responsabile dell’Italian American Community Education, e, come tale, è impegnata nella diffusione della lingua e della cultura italiana. Un incarico che svolge con serietà, competenza e autorevolezza.

Lo Iace, istituto fondato nel 1977, nacque per insegnare l’inglese agli emigranti italiani che numerosi s’insediavano negli States. L’inglese, come lingua, è affascinante ma anche ostica e difficile. Si afferma che la complessità risiede soprattutto nella pronuncia perché la sua grammatica è semplice in comparazione con quella delle lingue latine. Ma, è veramente così? La missione dello Iace, allora, era favorire l’integrazione dei connazionali nel tessuto sociale del Paese attraverso l’insegnamento dell’inglese. Ma, come le società, anche le nostre comunità cambiano. E la collettività italiana degli Stati Uniti non è l’eccezione. Lo Iace non poteva restare indifferente ai venti di rinnovamento.

– Ora – spiega Costa mostrando un sorriso solare -, il nostro scopo è insegnare l’italiano ai discendenti dei nostri emigrati e anche a chi non ha un rapporto etnico con l’Italia ma solo ammirazione per la nostra storia, la nostra cultura, il nostro modo di vita.

– Spesso si afferma che la prima generazione di italo-americani cercò in qualche modo di mimetizzarsi, di nascondere le proprie origini. Alcuni cambiarono nome, altri americanizzarono il proprio cognome. Oggi nei giovani pare ci sia una rivalutazione delle proprie origini. Cosa c’è di certo?

– Sì, l’ho sentito dire anch’io – ammette senza indugi. – Ed è vero. Lo facevano per integrarsi meglio. Non dimentichiamo che allora c’era una sorta di razzismo; una discriminazione verso gli italiani. Ora è evidente il contrario, c’è una rivalutazione. E questo, mi sia consentito dire, anche grazie alla nuova emigrazione, quella più recente.

Spiega che in passato l’emigrazione italiana era costituita essenzialmente da contadini e operai; giovani pieni di energia, con un bagaglio carico di sogni ma con una formazione culturale assai limitata. Erano braccianti, manovali che si sono costruiti una strada col lavoro e sono riusciti a far studiare i figli nelle migliori scuole e nelle migliori università.

– La nuova emigrazione – spiega Costa – è costituita da professionisti, da ricercatori, da scienziati. Non è più quella “manovale” di una volta. E’ il laureato che viene per frequentare un Phd; è l’intellettuale che si integra soprattutto nell’ambiente universitario.
Non senza un pizzico d’orgoglio, peraltro giustificato, sottolinea che “i più prestigiosi ricercatori sono italiani”.

In effetti, non è l’eccezione ma la regola incontrare cognomi italiani tra chi ha lasciato una traccia nell’ambito della medicina, della fisica, dell’ingegneria ed anche in quello umanistico. Non sono, poi, rari gli imprenditori di successo che oggi ricordano le proprie origini con vanto.

– Sono tante le giovani promesse, i ricercatori che in Italia non trovano sbocco e decidono d’intraprendere la via dell’America– aggiunge. – Quindi, quella dei nostri giorni, è un’emigrazione diversa; è un’emigrazione che contribuisce a rivalutare l’immagine dell’Italia. E’ questa la ragione per cui, come dicevo all’inizio, si tende a mitizzare, a idealizzare l’immagine dell’Italia.

Il Belpaese, quindi, come modello, uno stereotipo da invidiare e imitare. In particolare, in una nazione in cui la vita scorre tanto velocemente che è sempre più difficile godersela.

– Per l’americano lo stile di vita italiano rappresenta un qualcosa che vorrebbe avere, acquisire – precisa Costa. – Noi, ad esempio, facciamo corsi di cucina per bambini e adulti. Vanno alla grande, sono un successo. Sono lezioni di cucina in italiano che, alla fine, si riducono a come fare “due spaghetti” col pomodoro e un’insalatina. Ma c’è tanta gente che li frequenta. Il “made in Italy”, in particolare nella cucina, è un marchio di qualità.
Ma non è tutto, naturalmente. Lo Iace, ad esempio, organizza per i più piccini visite ai musei e alla Ferrari e per gli adulti l’Opera.

– Opera, food, fashion… sono questi gli aspetti che caratterizzano lo stile di vita italiano…

– Sì – ci dice con un pizzico d’ironia -. Noi le chiamiamo le “tre effe”: Food, Fashion, Ferrari. Lo Iace, per i bambini, organizza visite presso la Ferrari. E qui, con l’aiuto di un particolare “software”, si dilettano a disegnare al computer l’auto dei loro sogni.

Moda, cibo, Ferrari sono tutte esche, strumenti per avvicinare bambini e adulti alla lingua. Si crea un rapporto affettivo, commerciale e, si spera, culturale.

– I nostri, in realtà – precisa la responsabile dello Iace -, sono corsi veicolari. Si insegna la lingua attraverso un contenuto culturale.

– La nuova emigrazione, si avvicina? Collabora?

– Si, abbastanza – afferma per poi entrare nel tema scuole. Sostiene che la nostra scuola italiana, la Guglielmo Marconi, è stupenda e ha un programma meraviglioso.

– Ma, come tutte le scuole americane, è costosa – asserisce per poi immediatamente precisare:

– A dir la verità, se la si paragona con le scuole americane, non lo è tanto…

– Ci è stato detto che la scuola pubblica locale è abbastanza buona…

Non è convinta. Esprime i suoi dubbi con molta onestà.

– Nell’area di New York… dipende … Negli Stati Uniti ci sono scuole per “gift talent students”. A New York ve ne sono solo tre o quattro. Sono scuole pubbliche nelle quali, per essere accettati, bisogna essere studenti particolarmente applicati. In generale, i giovani bilingue non hanno grossi problemi. Loro hanno una marcia in più. Ma, secondo me, il sistema è selettivo. Non tutti i giovani sono bilingue. Queste sono scuole abbastanza buone. Le altre…

– Quindi bisogna orientarsi verso la scuola privata…

– Ma quelle private, e questa è una mia opinione personale – precisa, – costano troppo… sui 40mila dollari l’anno…

– Quasi come frequentare una università…

– In effetti – ammette. – La scuola privata ti garantisce l’accesso a ottime università. Quindi i genitori sono orientati a fare un sacrificio…
Si sofferma sulla Scuola d’Italia Guglielmo Marconi il cui livello d’insegnamento considera ottimo e il costo relativamente moderato a paragone di altre.

– E’ assolutamente su un altro livello – ci dice. – L’impegno economico richiesto è inferiore alla media ma la qualità è senz’altro superiore.

Ilaria Costa e Lucia Pasqualini, per quattro anni vice-console a New York

E torniamo alla missione dello Iace. Sostiene che si sta facendo un tentativo di riprodurre il modello vincente della “Scuola d’Italia Guglielmo Marconi” nelle scuole pubbliche americane.

– Stiamo cercando di imporre un programma di bilinguismo – commenta -. Ci sono i “duo program language” che seguono anche i francesi, gli spagnoli e i cinesi. La maggiore difficoltà, nel nostro caso, è che la comunità italiana è molto dispersa geograficamente. La nuova emigrazione, poi, non è così numerosa come quella cinese o francese.
Afferma che i francesi sono “senz’altro più uniti e sono riusciti a dare una struttura particolare ai programmi che si svolgono in alcune scuole pubbliche, riqualificando tutto il curriculum.

– Sono riusciti a realizzare una integrazione graduale – spiega. – E’ quello che cerchiamo di fare anche noi. Se integriamo il programma americano, che magari non è dei migliori, con un buon programma italiano, se riusciamo ad arricchirlo, permetteremo ai figli d’italiani di avere una marcia in più.

Per il momento lo Iace ha iniziato due corsi del “Duo Language Program” che prevede un bilinguismo “fifty/fifty”

– E’ un programma metà americano e metà italiano – chiarisce. – Quindi non facile da fare accettare nelle scuole pubbliche. Noi ne vorremmo iniziare altri ma per farlo abbiamo bisogno di un nucleo di genitori che vada dal preside della scuola e dica: “noi vogliamo che si applichi questo programma”.

Si rammarica perché, a differenza di altre etnie che si sono organizzate, la comunità italiana è frammentata.

– I genitori, per far richiesta del programma – aggiunge – devono vivere nella stessa zona. E dovrebbero comunque fare “massa critica”. Insomma, andare dal Direttore della scuola pubblica e dirgli: “vogliamo assolutamente l’inserimento nella tua scuola pubblica di questo programma e di questa lingua”. La richiesta deve essere fatta in maniera anche aggressiva, energica. E’ un lavoro che deve essere realizzato in raccordo con le famiglie. Il Consolato si è mostrato molto disponibile e ci aiuta nell’aggregazione delle famiglie. Siamo riusciti a far partire alcune iniziative ma non siamo soddisfatti. Vorremmo farne partire altre.

Ilaria sostiene che il ministero è stato lungimirante e realizza, sostenendo lo Iace, un piccolo investimento per ottenere un ritorno in termini di turismo.

– Se investisse un po’ di più certamente il ritorno sarebbe maggiore– ci dice. – Non ci lamentiamo perché non ci trattano male. Consideriamo, comunque, che alla Scuola Italiana dovrebbero dare di più. Sicuramente favorirebbe le famiglie italiane italo-americane, quelle generazioni che vogliono mantenere un legame con noi.

– Quali sono i rapporti con le altre istituzioni italo-americane che si dedicano alla diffusione della lingua e della cultura italiana?

– Collaboriamo con tutti – ci dice immediatamente. – Per legge, comunque, possiamo solo finanziare i corsi dal pre-grado al liceo. Per cui, ci limitiamo a realizzare alcuni eventi in collaborazione. Spesso con Casa Italiana Zerilli Marimò e con Stefano Albertini che ne è il direttore. Noi abbiamo i numeri…. gli studenti, ma non lo spazio. Quello di cui abbiamo bisogno è di spazio fisico. Loro ci aprono sempre le porte come d’altronde anche il nostro Istituto Italiano di Cultura. Abbiamo collaborato con Cuny, il college di New York e con “Casa Italiana” della Columbus University. In seno alla nostra Collettività ci sono varie associazioni italo-americane. Con alcune cooperiamo di più, con altre meno; ma non c’è concorrenza tra noi.

In particolare si sofferma sulla collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura al quale, per legge, non è permesso impartire lezioni di lingua. I corsi d’italiano, quindi, sono responsabilità dello Iace che è una associazione no-profit americana.

– Realizziamo corsi d’italiano per adulti e bambini – spiega -. E questo ci permette di avere degli introiti. Comunque almeno il 50 per cento del nostro budget viene dal Ministero degli Affari Esteri ed è impiegato nei corsi d’italiano in sedi americane, presso le scuole. La scuola americana non ha spese. Siamo noi ad integrare il salario degli insegnanti o a garantire l’acquisto del materiale didattico. Il finanziamento che riceviamo dal Ministero, quindi, è investito solo per la formazione della fascia della scuola dell’obbligo: dall’asilo al liceo.

Aggiunge che gli adulti che frequentano i corsi dello Iace per passione e i bambini che assistono a quelli extracurricolari invece pagano.

La sede dello Iace è vicinissima a quella del nostro Istituto Italiano di Cultura nell’elegante palazzina in stile neo-georgiano nella Park Avenue. Per accedere all’ufficio del Direttore dell’Iic, Giorgio Van Stratten, è necessario salire le scale; al contrario, bisogna scenderle per accedere a quello della Direttrice dello Iace, Ilaria Costa. La ragione è semplicissima: lo Iace funziona in alcune stanze messe a disposizione dallo stesso Iic.

– Abbiamo firmato una convenzione con l’Iic – spiega – che ci permette di avere i nostri uffici qui. Per noi va benissimo.

Nuova emigrazione. Giovani che lasciano la Madrepatria per inseguire anch’essi il sogno americano, studenti e ricercatori con ambizioni o, nel caso dei nostri figli, ragazzi che dopo aver terminato il percorso accademico desidererebbero un futuro migliore di quello che purtroppo oggi offre il Venezuela. Cosa fare per inserirsi nella società americana? Lo chiediamo a Costa.

Non ha dubbi. Con estrema franchezza, ci parla dei visti di lavoro e delle difficoltà per ottenerli.

– E’ molto difficile – afferma. – Forse la cosa migliore, se uno se lo può permettere, è frequentare l’università. Certo, lo sappiamo, costa tantissimo. Richiede uno sforzo economico non indifferente; ma permette la creazione di una rete di conoscenze, e di fare “stage” di lavoro. Sono poi queste aziende quelle che sponsorizzano il visto.
Costa sottolinea che il giovane che viene dall’Italia senza avere un contratto di lavoro si trova subito in difficoltà. Gli ostacoli, comunque, possono aggirarsi.

– Cosa si può fare se si è già laureati? Il discorso vale anche per loro?

Muove affermativamente la testa. Spiega:

– Sì, salvo che non abbia una competenza specifica per cui può essere relativamente semplice trovare un’azienda che lo sponsorizzi, e lo preferisca ad un americano. Gli Stati Uniti sono un Paese molto protezionista in questo ambito.
Se c’è un americano capace di svolgere un lavoro, perché contrattare uno straniero?

Sostiene convinta che i nostri giovani, la nuova emigrazione, sono molto preparati e assai qualificati.

– Molti stagisti – ci dice – vengono allo Iace attraverso un programma che abbiamo col Ministero. E devo riconoscere che la loro preparazione è ottima. Provengono dall’Università per Stranieri di Perugia e da quella di Siena. Sono esperti nell’insegnamento dell’italiano come seconda lingua, esperti in “auto-didattica”. Hanno un profilo professionale perfetto per noi. E devo dire che attraverso loro molte volte avviene l’aggiornamento nella metodologia didattica per i docenti locali. A volte, si perde il contatto con l’italiano. E lo capisco. Nel mio caso è diverso perché ho un rapporto costante con l’ambiente italiano ma per un insegnante il cui contatto con l’italiano è solo nella scuola è più difficile.

– Questi giovani, questi neo-laureati sono bravissimi – insiste -. Sono delle risorse che siamo contentissimi di ricevere, di accogliere. Sono vettori di diversità, di innovazione, di aggiornamento.

Harvard University, il campus col suo viavai di studenti

E, a questo punto, si riallaccia alla nostra domanda precedente.

– Io consiglierei, ai giovani già laureati, un percorso post-universitario. Il percorso universitario di base è preferibile svolgerlo in Italia o in Venezuela, qui i costi sono proibitivi e la qualità non è poi altissima. Al contrario, i corsi di specializzazione sono ottimi.

– Ci parli della nostra Comunità, ne faccia una radiografia per i nostri lettori che non vivono negli States …

Sorride e, dopo una breve pausa, ci dice:

– Ci sono tante comunità, tanti “tipi” di comunità. C’è quella che io definisco italo-italiana, ci riferiamo a quella recente; c’è poi quella italo-americana, che si esprime ancora nel dialetto del paesetto italiano; c’è quella dei diplomatici, sempre molto fluida e c’è quella dei ricercatori. Devo dire che comunque il loro tenore di vita è medio alto.

– Sono comunità integrate tra loro?

Costa ha i suoi dubbi e li manifesta apertamente, con la franchezza che l’ha caratterizzata in questo incontro con la Voce.

– Non direi; secondo me no – commenta. – Penso siano tante isole. Non c’è comunicazione, specialmente tra quella italo-italiana e quella italo-americana. Il nostro Consolato fa sforzi per creare vasi comunicanti ma… E’ probabile che sia colpa degli italo-italiani… C’è una specie di snobismo culturale. Forse l’italo-italiano si trova a disagio con chi parla in dialetto. Anche nel mio caso, all’inizio c’era una diversità con la quale non riuscivo a relazionarmi. Poi, però ho cominciato ad apprezzare il grande valore di questa comunità che ha fatto da battistrada.
E gliene sono molto grata. Ma all’inizio, ripeto, anch’io ero un po’ “snob”, come tutti quelli che vengono oggi. Non sanno, non conoscono le loro storie. Gli italo-americani sono diversi. Sono più radicati di noi perché vivono nel paese da tanto tempo. Conoscono le situazioni locali e sono riusciti a fare lobby. Hanno un potere che noi non abbiamo. D’altronde il programma bilingue è partito grazie a loro.

Spiega che è stata la comunità di Brooklyn a muovere i primi passi grazie a un preside italo-americano che “si è rimboccato le maniche”.

– E’ stato lui che ha detto questo si fa – commenta per concludere. – Conosceva il “superintendent” e il governatore. Ha messo su il programma e ha fatto quello che noi non eravamo riusciti a fare. Queste due nostre realtà, non so come, dovrebbero trovare il modo di integrarsi, di conoscersi e di collaborare. Dopotutto, non sono poi così diverse.

Mauro Bafile

Ultima ora

14:24Mattarella, grati a Brigata Ebraica, nostri fratelli

(ANSA) - CARPI (MO), 25 APR - "Vi furono uomini liberi che sbarcarono nell'Italia occupata e versarono il loro sangue anche per la nostra libertà. A questi caduti rivolgiamo un pensiero riconoscente. Il loro sangue è quello dei nostri fratelli. Tra questi non possiamo dimenticare i 5000 volontari della Brigata Ebraica, italiani e non, giunti dalla Palestina per combattere con il loro vessillo in Toscana e in Emilia-Romagna". Lo afferma, tra gli applausi, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo al Teatro Comunale di Carpi.

14:22>ANSA-BOX/ 25 aprile: a 96 anni con paracadute reduce El Alamein

(ANSA) - CREMONA, 25 APR - "Avrei voluto aspettare i 100 anni, ma poi ho pensato che era meglio anticipare. Non è che non stia bene, ma dopo l'intervento all'anca di qualche anno fa, sa com'è...": così si racconta Giuseppe De Grada, paracadutista cremonese, 96 anni. De Grada, reduce della battaglia di El Alamein, si è lanciato oggi in tandem all'aeroporto turistico di Cremona, alla frazione Migliaro. "E' stata un'emozione fortissima - ha detto appena toccata terra -. Il mio compleanno è stato sabato santo. E' qualche anno che ci penso e ora era venuto il momento", ha aggiunto. Il paracadutismo è la sua più grande passione, maturata fin da giovanissimo, e realizzatasi sotto l'esercito. De Grada fu ad El Alamein. "Al momento del servizio militare, nel 1940, non avendo il consenso dei miei genitori per entrare nei paracadutisti, sono stato assegnato alla Compagnia Cannoni a Cuneo. Raggiunti i 21 anni, ho preso il brevetto da paracadutista a Tarquinia". Negli anni della guerra, ciò che gli premeva era diventare paracadutista della Folgore: "In quegli anni conobbi Gianni Brera, mi chiese se gli facevo da attendente, aiutandolo in mansioni di ufficio. Ma io non volevo fare lavoro di ufficio, mi interessava lanciarmi col paracadute, non stare seduto ad una scrivania". Una passione dura a morire, al punto che riemerge con frequenza. Oggi, nel giorno della Liberazione, a 96 anni ha voluto riprovare l'ebbrezza di lasciarsi cadere da un aeroplano. Si è lanciato con un altro paracadutista di Parma. De Grada ha combattuto a El Alamein fin dall'inizio, dal 23 ottobre 1942, in qualità di effettivo della compagnia cannoni anticarro 47/52. Ha resistito, insieme ai commilitoni, fino al 6 novembre 1942, quando è stato catturato dagli inglesi durante il ripiegamento, a piedi, nel deserto, e ha vissuto quattro anni di prigionia: due in Egitto, uno in Palestina e l'ultimo ancora in Egitto.

14:19Ivanka, papà sa che le donne fanno un buon lavoro

(ANSA) - BERLINO, 25 APR - "Dalla mia esperienza privata so quanto sia positivo l'atteggiamento di mio padre con le donne. Lui sa che le donne possono fare un lavoro buono quanto gli uomini". Lo ha detto Ivanka Trump, al W20, il vertice sulla donne del G20 in corso a Berlino, rispondendo a una domanda sulle critiche rivolte al padre Donald Trump per il suo atteggiamento nei confronti delle donne. "Mio padre mi ha permesso di raggiungere tutto quello che volevo. Ce lo ha reso possibile. Non c'erano differenze fra me e mio fratello. E questo lo vedremo anche da lui come presidente", ha aggiunto.

14:18Kuki Gallmann: figlia, ‘mamma è una forza della natura’

(ANSA) - VENEZIA, 25 APR - "La mamma sta bene. E' una forza della natura ed è forte. Sta facendo passi lenti, ma costanti di recupero". Così Sveva Gallmann in un messaggio via Facebook parla delle condizioni di salute della madre Kuki, ferita allo stomaco in un agguato nella sua riserva in Kenya. "Ora dobbiamo solo pregare - aggiunge - che non ci siano complicazioni e che una vita sana ripaghi in termini di forza e di immunità". La figlia di Kuki conclude dicendo che "la forza della vita di tutti gli animali e la biodiversità per la quale ha passato tutta la sua vita stanno dentro di lei e la proteggeranno".

14:12Tenta uccidere senegalese in centro accoglienza, arrestato

(ANSA) - (SALERNO), 25 APR - In carcere migrante 18enne con l'accusa di tentato omicidio. Il giovane, originario del Mali, lo scorso 26 gennaio, a seguito di una violenta lite, tentò di uccidere un giovane senegalese all'interno di un centro di accoglienza di Sanza (Salerno) impugnando una bottiglia di vetro infranta. I carabinieri della compagnia di Sala Consilina (Salerno), in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il tribunale di Lagonegro (Potenza), hanno arrestato il diciottenne, richiedente asilo politico, che dallo scorso 26 gennaio si trovava agli arresti domiciliari presso un centro di accoglienza di Teggiano (Salerno). I militari dell'Arma hanno accertato che l'extracomunitario si era reso protagonista di diversi episodi di violenza verificatisi sempre nei confronti di altri migranti del centro di accoglienza ove egli stesso era ospitato. Il giovane malese è stato condotto nel carcere di Potenza.

14:11Roma città divisa, per 25 aprile ebrei e partigiani separati

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Roma città divisa per il 25 aprile, anniversario della Liberazione. La Comunità ebraica ha manifestato davanti a quella che era la sede della Brigata Ebraica, l'Anpi con un lungo corteo fino a porta San Paolo. "Chi esclude al Brigata ebraica nega la storia", il monito del sottosegretario Maria Elena Boschi nel corso della manifestazione della Comunità ebraica. "E' una bellissima giornata con un grandissimo spirito unitario per chi c'è e per chi non c'è", ha detto il presidente dell'Anpi Roma, Fabrizio De Santis partecipando al corteo dove si trova una rappresentanza dei movimenti pro Palestina. Regione e Campidoglio sono presenti alle due manifestazioni, il Pd solo a quella della Comunità ebraica. Il presidente del Pd Orfini: "spero questo sia ultimo annoi separati, riunire l'antifascismo".

14:10Renzi, Ue non mantiene impegno migranti? Noi su soldi

(ANSA) - AREZZO, 25 APR - "Siccome diamo 20 miliardi all'Europa e ne prendiamo indietro 12, io per tre anni gliel'ho detto con le buone; adesso, e devo dire che il governo Gentiloni ha adottato questa linea, è molto semplice risolvere il problema: voi non mantenete l'impegno sui migranti? Benissimo, e noi non manteniamo l'impegno sui soldi". Lo ha detto Matteo Renzi, parlando ad una manifestazione pubblica a Cavriglia.

Archivio Ultima ora