Baggio compie 50 anni, elogio della fantasia al potere

Pubblicato il 15 febbraio 2017 da ansa

ROMA. – “Ho avuto la fortuna di veder giocare Meazza e ho pensato a lui quando ho visto Baggio”. Parole che Gianni Brera pronunciò nel 1989, quando il codino ancora non ornava la chioma di Roby, ma il suo talento aveva già conquistato tutti. Il bilancio finale fra estimatori e detrattori è nettamente in attivo per Baggio che, nel corso di una carriera quasi irripetibile, ha acceso la fantasia di tifosi, appassionati di calcio, tecnici e colleghi.

Mentre si avvia a tagliare il traguardo dei suoi primi 50 anni, sabato prossimo, Baggio è ancora un’icona, un monumento al calcio, capace di attivare strani episodi di feticismo: in Giappone come Cina, dove spesso sono stati messi in commercio addirittura le lenzuola dove l’ex fantasista dai piedi educatissimi aveva dormito.

I gol a Italia ’90, il rigore sbagliato a Pasadena, le magie su punizione e non solo, un “questo è matto” sussurrato a Sacchi a Usa ’94, il ‘tradimento’ dalla Fiorentina alla Juve, gli infortuni e le rinascite, la conversione al buddhismo, tutto in un ‘divin codino’: Baggio è stato uno degli ultimi 10 ed è giusto che a ricordarlo, attraverso frasi, aneddoti, ricordi, siano proprio i colleghi di numero.

Brera fu un 10 del giornalismo; a Michel Platini, invece, Baggio non è mai piaciuto. “Più che un 10, mi sembra un nove e mezzo”, disse di lui il francese, dopo averlo visto all’opera con la ‘sua’ ex maglia (quella bianconera), con la quale Roby vinse un Pallone d’Oro (ultimo attaccante italiano della storia a riuscirci) nel 1993, piazzandosi alle spalle di Hristo Stoichkov l’anno dopo.

L’Avvocato lo definì un “coniglio bagnato”, per aggiungere in seguito: “Se Baggio è Raffaello, Del Piero può essere Pinturicchio”. Meno severo lo stesso Alex Del Piero, conterraneo di Baggio e suo successore, nella Juventus come nella Nazionale azzurra. “Era un fuoriclasse, è una persona di grande qualità – le parole del ‘Pinturicchio’ ideato da Gianni Agnelli -. Forse concepiamo il calcio allo stesso modo. E sono felice che, nella memoria di tanti appassionati di calcio, i nostri nomi siano uniti da un ricordo dello stesso tipo”.

Giancarlo Antognoni ha visto nascere calcisticamente Baggio, fra il Ponte Vecchio e la galleria degli Uffizi: lo ‘svezzò’ in un caldo pomeriggio di maggio, nello stadio San Paolo, nel giorno del primo scudetto del Napoli (1987), davanti agli occhi di ‘sua maestà’ Maradona.

“Quel giorno – ricorda l’ex numero 10 della Fiorentina, oggi dirigente del club viola – segnò un gol straordinario, su punizione, beffando Garella. I calci da fermo li tiravo io, quella volta glielo lasciai calciare e segnò un grandissimo gol. Rispetto a me era più offensivo, una seconda punta. Tradì la Fiorentina? Beh, rispetto a quando io dissi no alle squadre che mi volevano ingaggiare, i tempi erano cambiati. Peccato che anche la sua carriera, come la mia, sia stata martoriata dagli infortuni”.

Per Gianni Rivera il paragone fra Totti, Del Piero e Baggio premia il romanista. “E’ un 10 anomalo, per alcuni anni ha fatto anche il 9, una qualità in più. Del Piero è stato più seconda punta. Come Baggio. Baggio? Classe purissima su ginocchia ballerine. Forse è lui quello più simile a me. Chapeau davanti al genio di Roberto. Lui e Alex nel saltare l’uomo e sui calci da fermo non avevano rivali. E anche Mancini, vogliamo parlarne? Inventava colpi straordinari. Però, Totti…”.

Anche il ‘diez’ per eccellenza, Diego Armando Maradona, nutriva una certa ammirazione per il ‘Codino’ di Baggio, arrivando a dire: “E’ un grande, anche se non è mai arrivato a sviluppare del tutto le proprie potenzialità. Mi sarebbe piaciuto molto giocare insieme a Totti, Baggio, Del Piero o Antognoni”.

Le parole più belle per il fuoriclasse di Caldogno, però, sono arrivate dal mondo della musica, attraverso le note di una canzone che Lucio Dalla, uno dei numeri 10 delle note, gli dedicò: “Baggio è una nevicata scesa da una porta aperta nel cielo”. Ecco, appunto.

(di Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

22:55Juve: Dani Alves ai saluti “grande anno, grazie”

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Vorrei ringraziare tutti i tifosi della Juventus per l'anno vissuto, i miei compagni per l'accoglienza e per i professionisti che sono, per aver vinto e per aver fatto arrivare la Juventus in fondo a tutte le competizioni. Penso al mio rispetto, alla mia dedizione, al mio lavoro, alla mia passione e a tutti i miei sforzi per rendere questo club un club più grande ogni giorno". Così Dani Alves saluta il clan bianconero, preannunciando di fatto la risoluzione contrattuale. In un posto su Istagram, il brasiliano chiede scusa ai "tifosi della Juve se un certo punto hanno pensato che ho fatto qualcosa che potesse offenderli, ma non era mia intenzione". Poi aggiunge: "E' che ho una maniera tutta mia di vivere le cose in modo spontaneo". "Oggi - sottolinea - termina il nostro rapporto professionale, porterò con me tutti coloro i quali lavorano con il cuore per fare della Juventus un grande club. Io non gioco al calcio per soldi, gioco al calcio perché amo questa professione".

21:54Europei U21: Inghilterra ko ai rigori, la Germania in finale

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Germania è la prima finalista dell'Europeo Under 21, in corso in Polonia. I tedeschi allenati dall'ex centravanti Horst Hrubesch hanno battuto ai rigori per 6-5 (tempi regolamentari e supplementari si erano conclusi sul 2-2) l'Inghilterra e adesso aspettano la vincente fra Italia e Spagna. A Tychy, la Germania era passata in vantaggio dopo 35', con Selke, ma gli inglesi hanno pareggiato quasi subito, al 41', con Gray, quindi sono passati in vantaggio al 5' della ripresa con Abraham, prima di essere raggiunti al 25' da Platte. Dal dischetto ha sbagliato Gerhardt per i tedeschi, imitato da Abraham e Redmond, che all'ultimo rigore si è fatto ipnotizzare dal portiere avversario Pollersbeck, che difende i pali del Kaiserslautern. La finale è in programma a Cracovia venerdì 30 giugno, con inizio alle 20,45.

21:16Malattia da uso cellulare, giudice Firenze riconosce danno

(ANSA) - FIRENZE, 27 GIU - L'uso intenso del telefono cellulare può causare l'insorgenza di malattie professionali, provocando invalidità permanente. E' quanto sottolinea il giudice del lavoro di Firenze, Vincenzo Nuvoli, nel motivare la sentenza con cui ha condannato l'Inail a corrispondere un indennizzo economico, per inabilità permanente del 16%, a un addetto alle vendite che per lavoro ha trascorso al cellulare molte ore al giorno dal 1994 al 2007 al punto da subire una patologia tumorale benigna (un neurinoma all'ottavo nervo cranico). Il giudice, anche appoggiandosi alle conclusioni di una consulenza medico-legale da lui incaricata, ritiene plausibile "la sussistenza del nesso causale tra l'uso del cellulare per motivi di lavoro e la patologia lamentata dal ricorrente". (ANSA).

21:07Sicurezza: Khezraji, Veneto fa tutto per rendersi antipatico

(ANSA) - TREVISO, 27 GIU - "Anziché cercare un'armonia con quanto accade nel resto d'Italia la Regione Veneto pare stia facendo sempre il possibile per distinguersi, spostando l'attenzione da questioni molto più serie come la Pedemontana o la disoccupazione giovanile". E' il commento di Abdallah Khezraji, storico portavoce delle comunità marocchine di Treviso e già vicepresidente della Consulta regionale per l'immigrazione, al nuovo regolamento in materia di sicurezza approvato dal Consiglio Regionale e che vieta, in particolare, di indossare burqa e niqab in uffici e sedi della sanità pubbliche. "Capisco che per convivere con l'arroganza del segretario della Lega, Matteo Salvini, il presidente veneto, Luca Zaia, abbia scarsi margini di autonomia di pensiero - riflette Khezraji - ma se il Veneto spesso appare una parte d'Italia 'antipatica' al resto del Paese, lo si deve anche a scelte di questo genere".

20:47Corea Nord attacca, ‘Trump è come Hitler’

(ANSA) - NEW YORK, 27 GIU - Donald Trump come Adolf Hitler, e la filosofia dell'America First "come il nazismo del ventunesimo secolo". A fare un paragone tra l'attuale amministrazione Usa e uno dei periodi più bui della storia - riporta il Wall Street Journal - è l'agenzia di stampa nordocoreana Korean Central. "La politica di Trump - afferma l'organo di informazione di Pyongyang - è la versione americana del nazismo per ferocia, brutalità e cultura sciovinista". Nelle ultime ore il presidente americano insieme al leader indiano Narendra Modi è tornato a sollecitare un intervento della comunità internazionale sulla Corea del Nord prima che possa dotarsi di un arma nucleare.

Archivio Ultima ora