Baggio compie 50 anni, elogio della fantasia al potere

Pubblicato il 15 febbraio 2017 da ansa

ROMA. – “Ho avuto la fortuna di veder giocare Meazza e ho pensato a lui quando ho visto Baggio”. Parole che Gianni Brera pronunciò nel 1989, quando il codino ancora non ornava la chioma di Roby, ma il suo talento aveva già conquistato tutti. Il bilancio finale fra estimatori e detrattori è nettamente in attivo per Baggio che, nel corso di una carriera quasi irripetibile, ha acceso la fantasia di tifosi, appassionati di calcio, tecnici e colleghi.

Mentre si avvia a tagliare il traguardo dei suoi primi 50 anni, sabato prossimo, Baggio è ancora un’icona, un monumento al calcio, capace di attivare strani episodi di feticismo: in Giappone come Cina, dove spesso sono stati messi in commercio addirittura le lenzuola dove l’ex fantasista dai piedi educatissimi aveva dormito.

I gol a Italia ’90, il rigore sbagliato a Pasadena, le magie su punizione e non solo, un “questo è matto” sussurrato a Sacchi a Usa ’94, il ‘tradimento’ dalla Fiorentina alla Juve, gli infortuni e le rinascite, la conversione al buddhismo, tutto in un ‘divin codino’: Baggio è stato uno degli ultimi 10 ed è giusto che a ricordarlo, attraverso frasi, aneddoti, ricordi, siano proprio i colleghi di numero.

Brera fu un 10 del giornalismo; a Michel Platini, invece, Baggio non è mai piaciuto. “Più che un 10, mi sembra un nove e mezzo”, disse di lui il francese, dopo averlo visto all’opera con la ‘sua’ ex maglia (quella bianconera), con la quale Roby vinse un Pallone d’Oro (ultimo attaccante italiano della storia a riuscirci) nel 1993, piazzandosi alle spalle di Hristo Stoichkov l’anno dopo.

L’Avvocato lo definì un “coniglio bagnato”, per aggiungere in seguito: “Se Baggio è Raffaello, Del Piero può essere Pinturicchio”. Meno severo lo stesso Alex Del Piero, conterraneo di Baggio e suo successore, nella Juventus come nella Nazionale azzurra. “Era un fuoriclasse, è una persona di grande qualità – le parole del ‘Pinturicchio’ ideato da Gianni Agnelli -. Forse concepiamo il calcio allo stesso modo. E sono felice che, nella memoria di tanti appassionati di calcio, i nostri nomi siano uniti da un ricordo dello stesso tipo”.

Giancarlo Antognoni ha visto nascere calcisticamente Baggio, fra il Ponte Vecchio e la galleria degli Uffizi: lo ‘svezzò’ in un caldo pomeriggio di maggio, nello stadio San Paolo, nel giorno del primo scudetto del Napoli (1987), davanti agli occhi di ‘sua maestà’ Maradona.

“Quel giorno – ricorda l’ex numero 10 della Fiorentina, oggi dirigente del club viola – segnò un gol straordinario, su punizione, beffando Garella. I calci da fermo li tiravo io, quella volta glielo lasciai calciare e segnò un grandissimo gol. Rispetto a me era più offensivo, una seconda punta. Tradì la Fiorentina? Beh, rispetto a quando io dissi no alle squadre che mi volevano ingaggiare, i tempi erano cambiati. Peccato che anche la sua carriera, come la mia, sia stata martoriata dagli infortuni”.

Per Gianni Rivera il paragone fra Totti, Del Piero e Baggio premia il romanista. “E’ un 10 anomalo, per alcuni anni ha fatto anche il 9, una qualità in più. Del Piero è stato più seconda punta. Come Baggio. Baggio? Classe purissima su ginocchia ballerine. Forse è lui quello più simile a me. Chapeau davanti al genio di Roberto. Lui e Alex nel saltare l’uomo e sui calci da fermo non avevano rivali. E anche Mancini, vogliamo parlarne? Inventava colpi straordinari. Però, Totti…”.

Anche il ‘diez’ per eccellenza, Diego Armando Maradona, nutriva una certa ammirazione per il ‘Codino’ di Baggio, arrivando a dire: “E’ un grande, anche se non è mai arrivato a sviluppare del tutto le proprie potenzialità. Mi sarebbe piaciuto molto giocare insieme a Totti, Baggio, Del Piero o Antognoni”.

Le parole più belle per il fuoriclasse di Caldogno, però, sono arrivate dal mondo della musica, attraverso le note di una canzone che Lucio Dalla, uno dei numeri 10 delle note, gli dedicò: “Baggio è una nevicata scesa da una porta aperta nel cielo”. Ecco, appunto.

(di Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

18:33Corona, teste al processo: ‘Dà speranza ai giovani’

(ANSA) - MILANO, 27 APR - "Nel mio quartiere, vicino a Scampia, tanti miei amici sono diventati criminali, ma io voglio che il signor Fabrizio Corona dà speranza a tante persone, a tanti giovani e ai piccoli imprenditori". Lo ha detto in aula uno dei testimoni citati dalla difesa dell'ex 're dei paparazzi', nel processo di Milano a carico dell'ex agente fotografico. "Va bene, abbiamo capito che era un'attività sociale" ha commentato ironico il pm. Il clima si è 'surriscaldato' quando è entrato in aula il testimone Luigi Favoloso, compagno di Nina Moric (ex moglie di Fabrizio), e accusato dallo stesso Corona di aver messo la bomba carta sotto casa sua lo scorso agosto. L'ex 'fotografo dei vip', mentre i giudici rimandavano la testimonianza, si è messo ad urlare, rivendicando il suo "diritto" di sentire Favoloso come teste 'puro', e non con l'assistenza di un legale. Nella prossima udienza, fissata per l'11 maggio, ci sarà Belen Rodriguez tra i testi.

18:31Palermo: Baccaglini, closing? Tifosi siano tranquilli

(ANSA) - PALERMO, 27 APR - Dopo avere rispettato la data del 19 aprile, giorno di presentazione della società YW&F Global limited, che acquisirà il 100% delle azioni rosanero, Paul Baccaglini si prepara al closing del 30 aprile. Il presidente ha parlato dell'amara coincidenza tra closing e retrocessione, quasi inevitabile la prossima giornata contro la Fiorentina e ha tranquillizzato la tifoseria rosanero. "Finché non è tutto vidimato, non mi espongo, però possiamo tranquillizzare i tifosi", ha detto. Tutto pronto, quindi, per il piano B che prevede "un direttore sportivo e un allenatore che sappiano vincere la Serie B - ha concluso -. Non ci sono mezzi termini: l'anno prossimo dobbiamo vincere la Serie B. La A e la B sono campionati diversi. Ci sarà una rivoluzione, ci sarà da costruire una squadra competitiva e capace di vincere il campionato con qualche giornata d'anticipo, così potremo pensare alla A".

18:30F1:Russia,Vettel,importante essere concentrati su ogni passo

(ANSA) - ROMA, 27 APR - "Abbiamo una buona macchina e la sfida, quest'anno, sarà assicurarsi che continui a esserlo''. Parola di Sebastian Vettel nel giorno delle interviste a Sochi dove domenica di correrà la prima gara europea della stagione 2017 di Formula 1. ''Tutti miglioreranno, e anche noi dovremo fare del nostro meglio. Non vedo l'ora di iniziare il weekend perché sembra che siamo più vicini ai nostri avversari rispetto all'anno scorso. Sappiamo - aggiunge il pilota tedesco come riporta il sito media della Ferrari - di avere iniziato bene la stagione, ma la Mercedes è sempre molto forte. Dovrebbe venirne fuori una gara interessante. Mi piace la pista, anche se non è facile: è difficile tirar fuori tutto il potenziale da un solo giro e c'è sempre un paio di cose a cui bisogna stare attenti. Domani sarà un giorno importante. Siamo contenti di come sono andate le cose fino a questo momento, ma soprattutto quest'anno sarà importante essere concentrati su ogni singolo passo".

18:26Russia: Navalni aggredito di nuovo con disinfettante verde

(ANSA) - MOSCA, 27 APR - L'oppositore russo Alexiei Navalni è stato nuovamente aggredito. Uno sconosciuto gli ha gettato in faccia del disinfettante verde ed è fuggito. Questa volta però il disinfettante è finito nell'occhio destro del blogger anti-Putin che è stato costretto a farsi medicare in ospedale. "Mi hanno gettato in faccia del disinfettante verde mentre uscivo dall'ufficio", ha scritto Navalni su Twitter, dove ha postato alcune foto di lui con il viso verde dopo l'aggressione. "La cosa più schifosa - ha proseguito - è che il disinfettante è stato gettato proprio nell'occhio destro, che ora è tutto verde. Sia la pupilla sia la cornea". Poi, sempre su Twitter, il dissidente ha aggiornato sulla situazione: "L'ambulanza è arrivata, hanno guardato il mio occhio e hanno detto che mi portano in ospedale. Mi hanno bendato come se fossi un ferito grave".

18:20Crac clinica Quartu: condannato ex presidente Bologna calcio

(ANSA) - CAGLIARI, 27 APR - L'ex presidente del Bologna Calcio, l'imprenditore Sergio Porcedda, è stato condannato a 4 anni di reclusione per bancarotta fraudolenta nell'ambito dell'inchiesta sul fallimento della clinica Città di Quartu. Assolto, invece, per non aver commesso il fatto, il numero uno di Confindustria Sardegna, Alberto Scanu. La sentenza è stata pronunciata oggi dal Gup del Tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintori, a conclusione di un lungo processo celebrato con rito abbreviato. Ritenuto colpevole di bancarotta anche l'imprenditore sulcitano Carlo Uda, condannato a 3 anni e 4 mesi. Per lui e Porcedda il giudice ha anche deciso l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Entrambi, però, sono stati assolti dai reati di tentata estorsione, estorsione e usura con la formula "perché il fatto non sussiste". A due anni di carcere sono stati poi condannati Andrea Buschettu (all'epoca vicedirettore del Banco di Sardegna), Paolo Zapparoli, Paolo Moro, Pierdomenico Gallo e Caterina Della Mora, tutti legati alle società che gestì la clinica e ad un fondo di investimenti che partecipò all'operazione. Accuse cadute, infine, per Matteo Colombo, assolto per non aver commesso il fatto dall'accusa di bancarotta. Il processo è nato dall'inchiesta seguita al crac da 13 milioni di euro dell'ospedale privato quartese. Il pm Giangiacomo Pilia - che un anno fa, al termine della sua requisitoria, ha chiesto nove condanne - aveva così indagato Pierdomenico Gallo, già presidente del Cda di Kinetika Holding, Caterina Della Mora, amministratrice di un fondo d'investimento, Paolo Zapparoli, Paolo Moro e Matteo Colombo, tutti della Synergo Sgr (socia di Kinetika) e, con loro, anche agli imprenditori Carlo Uda e Sergio Porcella. (ANSA).

18:19Siria, 19 morti in raid aerei su provincia Idlib

(ANSAmed) - BEIRUT, 27 APR - Gruppi di attivisti siriani riferiscono che almeno 19 persone sono morte in vari bombardamenti sulla provincia nord-occidentale di Idlib, addossando la responsabilità dei raid alle aviazioni governativa siriana o russa. Fonti della Difesa civile attiva in regioni fuori dal controllo governativo affermano che nei bombardamenti sono stati colpiti un ospedale nella località di Deir Sharqi e un centro che coordina i servizi di ambulanze a Maarzita. Tra le località sottoposte a bombardamenti, anche Khan Sheikhun, dove il 4 aprile è avvenuto un attacco chimico che provocato oltre 90 morti. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) fornisce un bilancio di 19 uccisi in tutta la provincia di Idlib, controllata da una congerie di gruppi ribelli, da organizzazioni fondamentaliste e da qaedisti.

18:17Papa in Egitto per rilancio dialogo con Islam moderato

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 27 APR - A neanche tre settimane dai sanguinosi attentati della Domenica delle Palme, e ad ancora meno dall'attacco armato al monastero di Santa Caterina, sul Sinai, dove una cellula Isis semina terrore tra la comunità cristiana, papa Francesco arriva domani in Egitto con la sua 'scommessa' di rilanciare il dialogo con l'Islam moderato e cercare di isolare le derive estremistiche. "Mi recherò domani pellegrino di pace nell'Egitto di pace" ha twittato oggi parafrasando il motto di questo suo 18/o viaggio all'estero ("Pope of peace in Egypt of peace"), uno dei più attesi, e anche difficili, del pontificato. I motivi del viaggio, in cui con i copti ricorderà l'"ecumenismo del sangue" che unisce i cristiani, li ha sintetizzati lui stesso nel video in cui si dice "messaggero di pace" e auspica di portare "un abbraccio di consolazione e di incoraggiamento a tutti i cristiani del Medio Oriente", un messaggio "di fraternità e di riconciliazione a tutti i figli di Abramo", "particolarmente al mondo islamico".

Archivio Ultima ora