Baggio compie 50 anni, elogio della fantasia al potere

Pubblicato il 15 febbraio 2017 da ansa

ROMA. – “Ho avuto la fortuna di veder giocare Meazza e ho pensato a lui quando ho visto Baggio”. Parole che Gianni Brera pronunciò nel 1989, quando il codino ancora non ornava la chioma di Roby, ma il suo talento aveva già conquistato tutti. Il bilancio finale fra estimatori e detrattori è nettamente in attivo per Baggio che, nel corso di una carriera quasi irripetibile, ha acceso la fantasia di tifosi, appassionati di calcio, tecnici e colleghi.

Mentre si avvia a tagliare il traguardo dei suoi primi 50 anni, sabato prossimo, Baggio è ancora un’icona, un monumento al calcio, capace di attivare strani episodi di feticismo: in Giappone come Cina, dove spesso sono stati messi in commercio addirittura le lenzuola dove l’ex fantasista dai piedi educatissimi aveva dormito.

I gol a Italia ’90, il rigore sbagliato a Pasadena, le magie su punizione e non solo, un “questo è matto” sussurrato a Sacchi a Usa ’94, il ‘tradimento’ dalla Fiorentina alla Juve, gli infortuni e le rinascite, la conversione al buddhismo, tutto in un ‘divin codino’: Baggio è stato uno degli ultimi 10 ed è giusto che a ricordarlo, attraverso frasi, aneddoti, ricordi, siano proprio i colleghi di numero.

Brera fu un 10 del giornalismo; a Michel Platini, invece, Baggio non è mai piaciuto. “Più che un 10, mi sembra un nove e mezzo”, disse di lui il francese, dopo averlo visto all’opera con la ‘sua’ ex maglia (quella bianconera), con la quale Roby vinse un Pallone d’Oro (ultimo attaccante italiano della storia a riuscirci) nel 1993, piazzandosi alle spalle di Hristo Stoichkov l’anno dopo.

L’Avvocato lo definì un “coniglio bagnato”, per aggiungere in seguito: “Se Baggio è Raffaello, Del Piero può essere Pinturicchio”. Meno severo lo stesso Alex Del Piero, conterraneo di Baggio e suo successore, nella Juventus come nella Nazionale azzurra. “Era un fuoriclasse, è una persona di grande qualità – le parole del ‘Pinturicchio’ ideato da Gianni Agnelli -. Forse concepiamo il calcio allo stesso modo. E sono felice che, nella memoria di tanti appassionati di calcio, i nostri nomi siano uniti da un ricordo dello stesso tipo”.

Giancarlo Antognoni ha visto nascere calcisticamente Baggio, fra il Ponte Vecchio e la galleria degli Uffizi: lo ‘svezzò’ in un caldo pomeriggio di maggio, nello stadio San Paolo, nel giorno del primo scudetto del Napoli (1987), davanti agli occhi di ‘sua maestà’ Maradona.

“Quel giorno – ricorda l’ex numero 10 della Fiorentina, oggi dirigente del club viola – segnò un gol straordinario, su punizione, beffando Garella. I calci da fermo li tiravo io, quella volta glielo lasciai calciare e segnò un grandissimo gol. Rispetto a me era più offensivo, una seconda punta. Tradì la Fiorentina? Beh, rispetto a quando io dissi no alle squadre che mi volevano ingaggiare, i tempi erano cambiati. Peccato che anche la sua carriera, come la mia, sia stata martoriata dagli infortuni”.

Per Gianni Rivera il paragone fra Totti, Del Piero e Baggio premia il romanista. “E’ un 10 anomalo, per alcuni anni ha fatto anche il 9, una qualità in più. Del Piero è stato più seconda punta. Come Baggio. Baggio? Classe purissima su ginocchia ballerine. Forse è lui quello più simile a me. Chapeau davanti al genio di Roberto. Lui e Alex nel saltare l’uomo e sui calci da fermo non avevano rivali. E anche Mancini, vogliamo parlarne? Inventava colpi straordinari. Però, Totti…”.

Anche il ‘diez’ per eccellenza, Diego Armando Maradona, nutriva una certa ammirazione per il ‘Codino’ di Baggio, arrivando a dire: “E’ un grande, anche se non è mai arrivato a sviluppare del tutto le proprie potenzialità. Mi sarebbe piaciuto molto giocare insieme a Totti, Baggio, Del Piero o Antognoni”.

Le parole più belle per il fuoriclasse di Caldogno, però, sono arrivate dal mondo della musica, attraverso le note di una canzone che Lucio Dalla, uno dei numeri 10 delle note, gli dedicò: “Baggio è una nevicata scesa da una porta aperta nel cielo”. Ecco, appunto.

(di Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

17:27Calcio: Montella, Crotone insidioso ma Milan pronto

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - ''Il Crotone è una squadra aggressiva, che sa sta stare in campo e sa cosa fare. È una trasferta insidiosa ma il Milan è pronto. Senza voler togliere nulla alle partite di Europa League, ora si fa sul serio''. Così Vincenzo Montella alla vigilia della trasferta a Crotone.Il tecnico rossonero evita le domande sull'imminente arrivo di Kalinic (''Sono concentrato solo sul presente e il presente si chiama Crotone'') ma ammette che ''qualcosa sul mercato potrebbe ancora accadere'', con l'arrivo a Milano di David Han Li, braccio destro del presidente Yonghong Li e membro del Cda del Milan, che seguirà la squadra in trasferta: ''C'è grande sinergia con Fassone e Mirabelli che non hanno dormito sessanta giorni per rivoluzionare la rosa. Loro sanno cosa fare per migliorare la rosa ma sarei ingeneroso se pubblicamente chiedessi ancora di più. L'intera società ci supporta''.

17:16Ucciso in lite stradale: presunto omicida resta in carcere

(ANSA) - BARI, 19 AGO - Resta in carcere per il reato di omicidio volontario aggravato dai futili motivi il 68enne di Bitonto (Bari) Gaetano Sesto, accusato di aver ucciso con una coltellata al torace il 25enne Giuseppe Muscatelli durante un diverbio per questioni stradali. All'esito dell'interrogatorio, nel quale l'anziano - difeso dall'avvocato Angela Maralfa - ha risposto a tutte le domande spiegando di aver "reagito ad un pugno senza alcuna intenzione di ammazzare quel ragazzo", il gip del Tribunale di Bari Giovanni Anglana non ha convalidato il fermo, ma ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il giudice, condividendo la ricostruzione fatta dal pm Larissa Catella e sulla base dell'autopsia, ha ritenuto che quell'unico colpo di coltello sia stato inferto con una violenza tale che dimostrerebbe la volontà di uccidere e la pericolosità sociale dell'uomo.

17:15Calcio: Juric, molto curioso di vedere effetti della Var

(ANSA) - GENOVA, 19 AGO - "Sono molto interessato e curioso di vedere all'atto pratico quali effetti produrrà l'introduzione di questa novità. E' un passo avanti a vantaggio della trasparenza, non solo per il contributo fornito agli arbitri per ridurre i margini di errore che hanno sempre fatto parte del gioco". Lo ha detto l'allenatore del Genoa, Ivan Juric, commentando l'introduzione della moviola in campo. "L'uso della tecnologia è entrata prepotentemente nella vita di ognuno di noi. Trovo corretto che gli organismi istituzionali sovraintendenti alle regole si siano mossi in questa direzione. Ci vorrà tempo per abituarsi", ha aggiunto Juric.

17:11Calcio: Samp, Giampaolo “partiamo a fari spenti e umili”

(ANSA) - GENOVA, 19 AGO - "Partiamo a fari spenti e con grande umiltà. Ho detto una cosa alla squadra, abbiamo un valore che non possiamo disperdere: è il nostro tifo. Divertiamolo!". Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria, vuole subito partire col piede giusto in questa prima giornata di campionato al cospetto di un Benevento che si presenterà domani sera nel Ferraris di Genova per mettere in difficoltà Puggioni e compagni. "Il debutto è sempre una sfida particolare, diversa dalle altre, ma oggi ripartiamo con un anno di lavoro insieme", ha aggiunto Giampaolo, che ritrova Fabio Quagliarella leggermente acciaccato in settimana. Sarà disponibile anche l'esterno sinistro Nicola Murru. Sulla trequarti Alvarez in vantaggio su Ramirez e sul primo Giampaolo è chiarissimo: "Nei suoi confronti c'è sempre l'occhio della critica, lui deve venire fuori da solo, perché rende il 30-40% di quello che è il suo valore: so benissimo quali sono le sue qualità, ha la mia fiducia".

17:08Barcellona:media,volevano distruggere Sagrada Familia

(ANSA) - MADRID, 19 AGO - Il piano iniziale della cellula jihadista che ha colpito giovedì sulla Rambla prevedeva un attacco con tre furgoni carichi di esplosivo Tatp e bombole di gas per distruggere la Sagrada Familia, il celeberrimo tempio di Antoni Gaudì simbolo di Barcellona, scrive El Confidencial citando fonti delle indagini.

17:06Calcio: Inzaghi, “Var? Favorevole, spero decisioni veloci”

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Var? Sono favorevole. Spero che ci si metta poco comunque a decidere". E' l'opinione di Simone Inzaghi, sull'esordio ufficiale della Video asssistant referee, meglio noto come 'moviola in campo'. "Nella passata stagione siamo stati un po' danneggiati - ha precisato il tecnico della Lazio, nella conferenza stampa della vigilia del match di domani contro la Spal - dovremmo abituarci, è qualcosa di innovativo che il calcio non ha mai visto".

17:02Calcio: Montella, Milan da scudetto? Non poniamoci limiti

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - "Le avversarie ritengono il Milan da scudetto? Non dobbiamo porci limiti, ma il nostro obiettivo è far parte delle prime quattro. Siamo una delle poche squadre ad avere acquistato più di 10 giocatori, dobbiamo prima diventare squadra e poi una squadra vincente". Così Vincenzo Montella, alla vigilia della sfida contro il Crotone, parla degli obiettivi stagionali del Milan. "Ci sono squadre più attrezzate di noi. Il Napoli ha cambiato pochissimo, la Juventus ha speso quanto il Milan, con i vari Bernardeschi e Douglas Costa. Abbiamo fatto un mercato sontuoso, ma dobbiamo tornare grandi nel tempo e alimentare l'entusiasmo dei tifosi".

Archivio Ultima ora