Baggio compie 50 anni, elogio della fantasia al potere

Pubblicato il 15 febbraio 2017 da ansa

ROMA. – “Ho avuto la fortuna di veder giocare Meazza e ho pensato a lui quando ho visto Baggio”. Parole che Gianni Brera pronunciò nel 1989, quando il codino ancora non ornava la chioma di Roby, ma il suo talento aveva già conquistato tutti. Il bilancio finale fra estimatori e detrattori è nettamente in attivo per Baggio che, nel corso di una carriera quasi irripetibile, ha acceso la fantasia di tifosi, appassionati di calcio, tecnici e colleghi.

Mentre si avvia a tagliare il traguardo dei suoi primi 50 anni, sabato prossimo, Baggio è ancora un’icona, un monumento al calcio, capace di attivare strani episodi di feticismo: in Giappone come Cina, dove spesso sono stati messi in commercio addirittura le lenzuola dove l’ex fantasista dai piedi educatissimi aveva dormito.

I gol a Italia ’90, il rigore sbagliato a Pasadena, le magie su punizione e non solo, un “questo è matto” sussurrato a Sacchi a Usa ’94, il ‘tradimento’ dalla Fiorentina alla Juve, gli infortuni e le rinascite, la conversione al buddhismo, tutto in un ‘divin codino’: Baggio è stato uno degli ultimi 10 ed è giusto che a ricordarlo, attraverso frasi, aneddoti, ricordi, siano proprio i colleghi di numero.

Brera fu un 10 del giornalismo; a Michel Platini, invece, Baggio non è mai piaciuto. “Più che un 10, mi sembra un nove e mezzo”, disse di lui il francese, dopo averlo visto all’opera con la ‘sua’ ex maglia (quella bianconera), con la quale Roby vinse un Pallone d’Oro (ultimo attaccante italiano della storia a riuscirci) nel 1993, piazzandosi alle spalle di Hristo Stoichkov l’anno dopo.

L’Avvocato lo definì un “coniglio bagnato”, per aggiungere in seguito: “Se Baggio è Raffaello, Del Piero può essere Pinturicchio”. Meno severo lo stesso Alex Del Piero, conterraneo di Baggio e suo successore, nella Juventus come nella Nazionale azzurra. “Era un fuoriclasse, è una persona di grande qualità – le parole del ‘Pinturicchio’ ideato da Gianni Agnelli -. Forse concepiamo il calcio allo stesso modo. E sono felice che, nella memoria di tanti appassionati di calcio, i nostri nomi siano uniti da un ricordo dello stesso tipo”.

Giancarlo Antognoni ha visto nascere calcisticamente Baggio, fra il Ponte Vecchio e la galleria degli Uffizi: lo ‘svezzò’ in un caldo pomeriggio di maggio, nello stadio San Paolo, nel giorno del primo scudetto del Napoli (1987), davanti agli occhi di ‘sua maestà’ Maradona.

“Quel giorno – ricorda l’ex numero 10 della Fiorentina, oggi dirigente del club viola – segnò un gol straordinario, su punizione, beffando Garella. I calci da fermo li tiravo io, quella volta glielo lasciai calciare e segnò un grandissimo gol. Rispetto a me era più offensivo, una seconda punta. Tradì la Fiorentina? Beh, rispetto a quando io dissi no alle squadre che mi volevano ingaggiare, i tempi erano cambiati. Peccato che anche la sua carriera, come la mia, sia stata martoriata dagli infortuni”.

Per Gianni Rivera il paragone fra Totti, Del Piero e Baggio premia il romanista. “E’ un 10 anomalo, per alcuni anni ha fatto anche il 9, una qualità in più. Del Piero è stato più seconda punta. Come Baggio. Baggio? Classe purissima su ginocchia ballerine. Forse è lui quello più simile a me. Chapeau davanti al genio di Roberto. Lui e Alex nel saltare l’uomo e sui calci da fermo non avevano rivali. E anche Mancini, vogliamo parlarne? Inventava colpi straordinari. Però, Totti…”.

Anche il ‘diez’ per eccellenza, Diego Armando Maradona, nutriva una certa ammirazione per il ‘Codino’ di Baggio, arrivando a dire: “E’ un grande, anche se non è mai arrivato a sviluppare del tutto le proprie potenzialità. Mi sarebbe piaciuto molto giocare insieme a Totti, Baggio, Del Piero o Antognoni”.

Le parole più belle per il fuoriclasse di Caldogno, però, sono arrivate dal mondo della musica, attraverso le note di una canzone che Lucio Dalla, uno dei numeri 10 delle note, gli dedicò: “Baggio è una nevicata scesa da una porta aperta nel cielo”. Ecco, appunto.

(di Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

18:51Migranti: don Biancalani apre la pizzeria dal rifugiato

(ANSA) - PISTOIA, 18 OTT - Si chiama ''Pizzeria dal rifugiato''. E il nome non è di fantasia. A lavorare all'interno del locale, infatti, sono i profughi ospiti di don Massimo Biancalani, il parroco di Vicofaro, alle porte di Pistoia, al centro da mesi di attacchi e minacce dopo aver postato su Facebook la foto dei migranti che accoglie, portati a fare il bagno in piscina, in una giornata d'estate. Da allora per lui e i rifugiati che abitano sotto il suo stesso tetto la vita si è complicata: i militanti di estrema destra si sono presentati alla messa di don Massimo per ''vigilare sulla dottrina'' e nei giorni scorsi il prete ha ricevuto anche un volantino firmato ''Quarto Reich'' , con tanto di bandiera italiana e svastica. Nonostante tutto ciò, don Biancalani, per nulla intimorito, ha deciso di andare avanti. ''La pizzeria - spiega il sacerdote - è uno dei tre progetti che abbiamo in corso in questa parrocchia nell'ambito dell'accoglienza dei migranti, gli altri due sono l'orto biologico e la sartoria".

18:48Mondiali: ‘quando si gioca andate in campagna’

(ANSA) - MOSCA, 18 OTT - Quando si giocheranno le partite dei Mondiali di calcio non sarebbe male se gli abitanti di Kaliningrad "prevedessero di lasciare la città e riposarsi in campagna": la proposta quanto meno poco ortodossa arriva dal sindaco della città russa della zona del Baltico, Aleksandr Iaroshuk. "In una delle quattro partite che si disputeranno a Kaliningrad giocherà sicuramente una grande squadra europea. In città ci saranno tra 70 e 100mila turisti", ha spiegato il sindaco, citato dall'agenzia Interfax. "Certamente - ha proseguito Iaroshuk - non tutti potranno andare allo stadio, quindi gli abitanti dovrebbero tenere in ordine i loro giardini. Sarebbe ancora meglio - ha concluso il primo cittadino - se prevedessero di lasciare la città e riposare in campagna".

18:48Scarafaggio in cibo mensa scolastica, controlli Nas e Asl

(ANSA) - CAGLIARI, 18 OTT - Taglia a metà la crocchetta di pesce e trova dentro una blatta. È accaduto ieri alle 13:30 in una mensa della scuola elementare di via Inghilterra a Quartu, nell'hinterland di Cagliari. Lo scolaro ha subito avvertito gli insegnanti. Tutte le crocchette sono state ritirate e sono stati informati la direzione scolastica e i genitori dell'alunno. Il tam tam di quanto accaduto ha fatto velocemente il giro dei genitori che hanno deciso di protestare. Già ieri hanno chiesto spiegazioni al Comune, visto che il servizio mensa è stato dato in appalto a una società con una gara indetta dall' l'Amministrazione comunale, e oggi si sono nuovamente presentati in municipio per parlare col sindaco e chiedere spiegazioni. "Abbiamo immediatamente segnalato il caso alla Asl e ai carabinieri del Nas - ha evidenziato l'assessora comunale all'Istruzione, Elisabetta Cossu - e abbiamo chiamato la ditta che si è aggiudicata l'appalto già dal 2014 e fornisce i pasti a tutte le scuole di Quartu". "Già oggi la Asl si è presentata - ha precisato l'assessora - sia all'istituto di via Inghilterra che nella sede in cui i pasti vengono cucinati - la ditta infatti non è sarda ma di Cinisello Balsamo -, per fare gli accertamenti". La crocchetta di pesce non era stata preparata nella cucina ma era un prodotto surgelato. "Oggi abbiamo incontrato i genitori degli alunni di diverse scuole, è chiaro che siamo solidali con loro, aspettiamo ora gli accertamenti di Asl e Nas e prenderemo i dovuti provvedimenti". La ditta rischia una multa dai mille ai 25mila euro. "Già in passato la società che fornisce i pasti era stata multata - sottolinea Cossu - ma mai per un problema di questo genere. A volte per i pasti freddi, altri per grammature di pane inferiore, ma mai per problemi di igiene. Chiederemo spiegazioni e a breve dovrebbe arrivare anche il responsabile e parleremo con loro". I genitori intanto sono preoccupati. Oggi padri e madri degli alunni della scuola hanno portato il pranzo da casa e chiedono di poterlo fare anche in futuro. Ma dalla direzione scolastica fanno sapere che non è possibile. I genitori ora pretendono di conoscere come e dove vengono prodotti i pasti. (ANSA).

18:41Golf: Andalucia Masters, cinque gli azzurri in gara

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Nino Bertasio, Matteo Manassero, Renato Paratore, Edoardo Molinari e Andrea Maestroni saranno impegnati nell'Andalucia Valderrama Masters (19-22 ottobre), 3/a edizione del torneo dell'European Tour che si svolge sul percorso del Real Club Valderrama, a Sotogrande nella Costa del Sol spagnola. La gara è sostenuta dalla Sergio Garcia Foundation ed è stato proprio il campione spagnolo a imporsi nella precedente occasione, mentre il nordirlandese Graeme McDowell vinse nel 2010. Saranno proprio Garcia e l'altro iberico Jon Rahm le 'stelle' dell'evento che avrà altri ottimi interpreti nei loro connazionali Pablo Larrazabal e Gonzalo Fernandez Castano, nel tedesco Martin Kaymer e negli irlandesi Shane Lowry e Padraig Harrington. Nel field anche gli inglesi Danny Willett, Andy Sullivan e Matt Wallace, lo svedese Robert Karlsson, il gallese Jamie Donaldson l'argentino Andres Romero, il cinese Ashun Wu e gli altri spagnoli Adrian Otaegui e Alvaro Quiros. Montepremi di 2.000.000 di euro con prima moneta di 333.330 euro.

18:38Russia: Ksenia Sobchak si candida a presidenziali 2018

(ANSA) - MOSCA, 18 OTT - La presentatrice Tv Ksenia Sobchak - figlia dell'ex sindaco di San Pietroburgo e padrino politico di Vladimir Putin, Anatoli Sobchak - ha rotto il riserbo e ha annunciato di volersi candidare alle elezioni presidenziali di marzo 2018. Ksenia compirà 36 anni il prossimo 5 novembre e in una lettera inviata al quotidiano economico Vedomosti spiega le ragioni della sua scelta. "La mia partecipazione alle elezioni potrebbe davvero essere un passo avanti verso la trasformazione del nostro paese, di cui c'è tanto bisogno", scrive.

18:38Snai: Europa League, Milan favorito sull’Aek Atene

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Il Milan torna in Europa League contro l'Aek Atene in casa. Le quote Snai sono sbilanciate sulla vittoria rossonera, a 1,43, con il pari a 4,50 e il successo greco a 7,50. Entrambe le squadre, nei due turni iniziali, hanno collezionato Over: un altro match con almeno tre reti in lavagna a 1,73, l'Under è leggermente meno probabile (2,00). Equilibrio ancora più marcato tra Goal (1,90) e No Goal (1,80). Tra i risultati esatti, la quota più bassa è per l'1-0 e il 2-0, entrambi a 6,75. Scontro al vertice nel Gruppo K fra Nizza e Lazio, con le quote Snai che disegnano un pronostico leggermente pro-Nizza: il segno '1' è 2,50, il '2' a 2,85. Alla Lazio non spiacerebbe un pari, a 3,35. Equilibrio tra Under (1,85) e Over (1,87). L'Atalanta ha l'occasione di rafforzare le chance di qualificazione, ospitando l'Apollon Limassol. A guardare le quote le loro chance sono ridotte: la vittoria dei lombardi vale 1,27; alto il pari a 5,50, il '2' schizza a 11. L'Atalanta è abbonata al Goal: sei in fila tra campionato e Coppa.

18:32Migranti picchiati per odio razziale, arrestato giovane

(ANSA) - ROSARNO (REGGIO CALABRIA), 18 OTT - Volontà di discriminazione ed odio razziale: sono gli elementi che avrebbero indotto un giovane di 25 anni, Roman Nasso, a picchiare, in concorso con tre minori, giovani extracomunitari di origine africana ospiti della tendopoli di San Ferdinando. Nasso é stato posto agli arresti domiciliari, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Palmi su richiesta della Procura della Repubblica, con l'accusa di percosse e lesioni personali, con l'aggravante di aver commesso il fatto per finalità di discriminazione ed odio razziale. Gli episodi contestati a Nasso sono decine. La posizione dei tre ragazzi presunti complici di Nasso é al vaglio della Procura della Repubblica per i minorenni di Reggio Calabria. I pestaggi provocarono anche manifestazioni di protesta da parte della comunità di migranti di Rosarno, culminate con la pacifica occupazione di una strada. Roman Nasso, di origini russe, vive con una famiglia italiana residente a Rosarno che lo ha adottato.

Archivio Ultima ora