Bersani: “Fermatevi”. Ultimi appelli, ma scissione in vista

Pubblicato il 16 febbraio 2017 da ansa

Scintille Pd:Bersani,Renzi rottami Italicum e voto sì

ROMA. – Il Pd ormai cammina su una linea di faglia sulla quale domenica, salvo ripensamenti dell’ultima ora, si scatenerà il terremoto: nelle ultime ore si moltiplicano gli appelli ma nessuno si sposta dalla proprie convinzioni e più che appelli sembra partito il gioco del cerino. L’ultimo incontro tra Lorenzo Guerini e Pier Luigi Bersani con la proposta renziana di un confronto programmatico nei tempi del congresso è stata respinta al mittente dall’ex segretario che chiede al leader dem e ai suoi di “fermarsi” e di non “stravolgere il Pd per le velleità di una persona sola”.

Matteo Renzi, al Nazareno, ha incontrato tutti gli esponenti della maggioranza, da Piero Fassino a Maurizio Martina. Ma alla luce del fallito incontro tra Guerini e Bersani, l’impressione al vertice Pd è che la minoranza abbia tratto il dado della scissione con la motivazione giudicata “incomprensibile” sui tempi del congresso da rinviare a dopo le amministrative con l’unico scopo di logorare il leader dem e poi chiedere le dimissioni.

Altro che “questione di date e lana caprina”, ribatte a brutto muso Bersani, che nella minoranza viene descritto come il più rassegnato, rispetto a Michele Emiliano e a Roberto Speranza, sul fatto che ormai non ci sia più nulla da fare. E che, con la road map di un congresso entro aprile, Renzi abbia deciso “di mettere una spada di Damocle sul governo Gentiloni e di trasformare il congresso in un’immediata e rapida conta”.

Domani il segretario lancerà un ultimo appello per cercare di evitare uno strappo che farà male a tutti. Ma, osservano i renziani con toni più o meno dialoganti, il “grido” di Bersani è “paradossale perchè Renzi si è già fermato aprendo il congresso, che ancora Rossi e Emiliano chiedono sui loro siti, mentre la minoranza va verso la scissione”.

Certo Dario Franceschini e Andrea Orlando avrebbero preferito che, pur di evitare la scissione, il leader si spingesse a concedere qualche mese in più per il congresso. “Dalla maggioranza ieri e oggi sono arrivati segnali importanti. È fondamentale che ne arrivino da subito anche dalla minoranza”, osserva il Guardasigilli alludendo alla sua proposta di un confronto programmatico, condiviso anche da Martina e Zingaretti, da fare in avvio di fase congressuale ma respinto come un bluff dalla minoranza.

“Il 4 dicembre è caduto un impero. È finita l’epoca della rottamazione: ora è il momento di costruire. E Renzi è la persona meno adatta per ricostruire il Paese”, sentenzia lapidario Michele Emiliano. Come dice Beppe Fioroni, ormai per tenere unito il Pd “serve l’attack”.

E la scissione viene data a tal punto per scontata che nel Pd ci si interroga se, dopo l’uscita della minoranza, avrà ancora senso fare il congresso. E se ci saranno candidati, non di facciata, pronti a sfidare Renzi.

Non ha intenzione, almeno per ora, di unire la sua strada a quella del Pd Giuliano Pisapia. L’ex sindaco di Milano, che sta costruendo il suo Campo Progressista, ha incontrato ieri il segretario Pd e, a quanto si apprende, avrebbe chiarito di voler tenersi per ora le mani libere.

“Campo Progressista prosegue in piena autonomia il lavoro”, ha spiegato Pisapia oggi su Facebook aggiungendo di auspicare uno sforzo “per ritrovare valori comuni prima delle ragioni di divisione” nei due campi di battaglia del fine settimana: il congresso di Si a Rimini e l’assemblea del Pd a Roma.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

12:07Camorra:donna uccisa a Napoli, era ‘manovale’ clan Formicola

(ANSA) - NAPOLI, 23 GEN - Era considerata una 'manovale' del clan Formicola, Annamaria Palmieri, la donna uccisa ieri sera nel quartiere San Giovanni a Teduccio, alla periferia di Napoli, con tre colpi di arma da fuoco al volto. Le indagini, condotte dagli agenti Squadra Mobile di Napoli, diretti da Luigi Rinella, sono in corso. L'agguato, di chiaro stampo camorristico, potrebbe essere stato messo in atto per uno sgarro che la donna avrebbe potuto fare al clan o anche per un avvertimento 'esterno', di un altro clan quindi, diretto ai Formicola. Palmieri, 54 anni, si occupava degli affari del clan non in un ruolo di primo piano. Qualcuno l'ha attesa nei pressi della casa del figlio, in via dell'Alveo Artificiale, e l'ha uccisa proprio come se fosse un boss.

12:02Ciclismo: Giro Islanda in solitaria, nuova impresa Di Felice

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Archiviato con successo il "giro d'Italia in solitaria" (3.600 km in appena 9 giorni), Omar Di Felice, 37enne fondista romano, si appresta a compiere una nuova straordinaria impresa. Sabato 27 gennaio, infatti, partirà per l'Islanda dove, questa volta completamente da solo e senza auto di supporto al seguito, percorrerà in 9 giorni il periplo dell'isola lungo i 1.400 km della Ring Road, la suggestiva e pittoresca Route 1. Si tratta di una sorta di allenamento invernale, solo con il bagaglio minimo necessario per 'l'esplorazione in solitaria' dell'Islanda, affrontando lo SkeiÐarársandur, una vasta distesa di sabbia e detriti fluviali, soggetta a frequenti inondazioni di origine glaciale e vulcanica. Per evitare poi la temuta galleria di HvalfjörÐur, un tunnel di 6 km ad una profondità di 165 metri sotto il livello del mare, che di recente si è allagato per un'eruzione vulcanica, Omar Di Felice sarà costretto ad allungare il tracciato di 100 km.

12:01Calcio: Costa dedica gol a Dybala che ringrazia,torno presto

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - Una 'dybalamask', il gesto di esultanza di Paulo Dybala, per festeggiare il gol partita della Juventus contro il Genoa. E' la speciale dedica che Douglas Costa ha riservato al compagno di squadra infortunato, che sui social ricambia la gentilezza. "Grazie @douglascosta per il gol e per questa #dybalamask l'originale torna presto", scrive la 'Joya' regalando ai tifosi bianconeri qualche speranza sul suo pronto rientro. "Dopo una settimana di lavoro era importante prendere tre punti", è invece la gioia su Twitter di Benatia. "Siamo tornati con una vittoria", gli fa eco Khedira sempre su Twitter, dove Giorgio Chiellini rafforza il concetto: "vittoria importante dopo la sosta". "Riprendiamo il nostro cammino con una vittoria fondamentale e con la nostra solita ambizione" è il messaggio su Twitter di Marchisio, reduce da un problema muscolare ma che, come annunciato da Allegri, giovedì sarà aggregato nuovamente al gruppo.

11:41Valanghe: elicotteri evacuano turisti in valle Lunga

(ANSA) - BOLZANO, 23 GEN - E' in corso l'evacuazione di un albergo e alcune case in valle Lunga, in alta val Venosta. La scorsa notte una slavina è scesa nei pressi dell'albergo Langtauferer Hof. Le masse nevose hanno anche sfiorato il maso didattico Erlebnisschule a Melago. Davanti all'albergo è stata istituita una piazzola di atterraggio per gli elicotteri. In mattina è prevista l'evacuazione con gli elicotteri di 75 turisti e qualche decina di abitanti della zona. La situazione è comunque tranquilla e i turisti sono sereni, racconta chi è sul posto.

11:17Tennis:Australia,Edmund sorprende Dimitrov, semifinale è sua

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Cominciano con una sorpresa anche i quarti maschili a Melbourne. Con la sconfitta inattesa del numero tre del mondo Grigor Dimitrov. Il bulgaro ha ceduto per 6-4 3-6 6-3 6-4 al britannico Kyle Edmund, numero 49 del ranking mondiale, mai così avanti in uno Slam. Ora il 23enne nato a Johannesburg, che aveva eliminato anche l'azzurro Andreas Seppi, attende il vincente di Nadal-Cilic.

11:15Calcio: Allegri respinge critiche,’contano solo i tre punti’

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "I tre punti sono l'unica cosa che importa": Massimiliano Allegri allontana così dalla sua Juventus le critiche per la vittoria di misura contro il Genoa. "Rientrare dalle soste è sempre complicato", osserva su Twitter il tecnico bianconero, secondo cui "nella maratona della serie A serve un ritmo costante". Proprio quello tenuto dalla Juve, che pur non brillando con i tre punti resta in scia al Napoli.

11:13Tennis: Australia, Svitolina ko, Mertens vola in semifinale

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Sono cominciati col botto i quarti di finale degli Australian Open femminili a Melbourne: Elise Mertens ha infatti rispedito a casa Elina Svitolina concedendole appena quattro game. E' la prima tennista belga a raggiungere una semifinale Slam da Kirsten Flipkens (Wimbledon 2013) e la prima a riuscirci Down Under dopo Kim Clijsters (2012). Giovedì, nella sua prima semifinale Major in carriera, la Mertens troverà dall'altra parte della rete la vincente di Wozniacki-Suarez Navarro. Mercoledì gli altri due quarti con le sfide Halep-Pliskova e Kerber-Keys.

Archivio Ultima ora