La povertà sconfigge il “chavismo”

Pubblicato il 21 febbraio 2017 da Mauro Bafile

CARACAS – Una dietro l’altra, cancellate con un colpo di spugna dalla realtà. Le illusioni create dal “chavismo” e vendute con tante belle parole sono risultate non molto diverse dai fragili castelli di carta. Miraggi, chimere lontane dalla quotidianità che s’infrangono di fronte a numeri e statistiche dietro le quali si celano famiglie, persone, essere umani in carne e ossa.
La lotta contro la povertà e la conquista dell’uguaglianza sono state le principali scommesse del “chavismo”. La prima è stata persa; la seconda, ironicamente vinta. Infatti, secondo la “Encuesta de Condición de Vida (Encovi 2016)”, realizzata da tre delle più prestigiose università del Paese – leggasi, “Universidad Central de Venezuela”, “Universidad Católica Andrés Bello” e “Universidad Simón Bolívar” -, la povertà nel Paese colpisce l’82 per cento delle famiglie venezuelane. Siamo più poveri, quindi, ma lo siamo tutti. Ecco beffardamente in cosa è consistita, dopo vent’anni, la conquista dell’uguaglianza.
Stando allo psicologo Angel Oropeza, docente dell’Università Católica Andrés Bello e uno dei ricercatori che ha partecipato alla elaborazione dei dati di Encovi 2016, “è la prima volta che l’82 per cento delle famiglie venezuelane vive in povertà”.

Bambini, adulti, che cercano tra i bidoni della spazzatura e si contendono un tozzo di pane con il quale appagare la fame o che rovistano nelle borse di plastico con resti di cibo, dimenticate volutamente aperte di fronte alle porte di servizio dei ristoranti, sono la soluzione a cui devono ricorrere famiglie intere per placare la fame. Non sono immagini di qualche paese particolarmente povero dell’Africa, non riflettono la realtà che appena due decadi fa caratterizzava alcune regioni della vicina Colombia. Non sono fotografie della povera Haiti. Purtroppo, è il Venezuela dei nostri giorni.
E’ quella che emerge dal sondaggio realizzato dall’Ucv, dall’Ucab e dall’Usb: il deterioramento della qualità di vita del venezuelano è stato “brutale” e accelerato a tal punto che il tasso di povertà è passato dal 48 per cento nel 2014 all’82 per cento a fine del 2016. In altre parole, le famiglie che hanno difficoltà per fare almeno tre pasti al giorno si sono quasi duplicate in poco più di due anni. Purtroppo, non è tutto. Il 52 per cento delle famiglie venezuelane ha ormai superato la soglia della povertà assoluta. Cioè, riesce a fare appena due pasti al giorno, a volte solo uno. Il 75 per cento dei venezuelani che ha risposto al sondaggio, poi, ha confessato di aver perso tra gli 8 e 9 chili.
Non deve sorprendere, quindi, l’incremento dei casi di morte per denutrizione nella popolazione infantile, che si sono registrati nelle ultime settimane. E neanche la recrudescenza delle malattie endemiche che i governi precedenti al “chavismo” erano riusciti a debellare. Ad esempio, la malaria, la tubercolosi e la difterite, solo per nominare alcune di quelle che hanno occupato nelle ultime settimane i titoli dei quotidiani.
Mentre il Paese si dibatte in una crisi economica e sociale senza precedenti, l’Opposizione cerca di sopravvivere al proprio calvario. La ristrutturazione dell’alleanza, senza dubbio, ha cercato di armonizzare le differenti anime che vi convivono; anime diverse sia per orientamento ideologico sia per consistenza numerica. In altre parole, che spaziano dalla destra alla sinistra e che possono avere un numero di militanti assai importante come “Acción Democrática” e “Primero Justicia” o insignificante come “Vente Venezuela” o “Visión Emergente”.
Con la ristrutturazione, il “Tavolo dell’Unità Democrática” ha voluto dare un tetto a tutti i movimenti che si oppongono al governo del presidente Maduro ma anche, attraverso il sistema ponderato di voto, rispettare il peso specifico di ogni partito. E’ una maniera abbastanza razionale di superare alcune differenze interne. Ma molte restano. E rappresentano la debolezza di una coalizione che non è né di centro né di destra né di sinistra e i cui membri, per il momento, sono uniti solo da un proposito: sconfiggere il “chavismo”, sostituire il capo dello Stato e restituire ai venezuelani quelle libertà democratiche soffocate, ma non ancora completamente proibite, dall’attuale governo.
Il Tavolo dell’Unità, oggi, non solo manca di un leader di riferimento ma, soprattutto, di un vero “programma di governo” che gli permetta di sopravvivere di là da obiettivi congiunturali come lo può essere una elezione. Il primo scoglio che l’Opposizione dovrà superare sarà rappresentato dalle candidature per le prossime regionali la cui data non è stata ancora resa nota e che, stando ad alcuni analisti e politologi, non lo sarà almeno fino a quando il Governo non avrà la certezza del trionfo. Sarà difficile per il “Tavolo dell’Unità” controllare e armonizzare le singole anime, le aspirazioni dei vari partiti e movimenti, e le leadership regionali. Sarà questo un esame importante in vista dell’appuntamento del 2018, anno in cui il Paese dovrà decidere nuovamente il proprio futuro con le elezioni presidenziali. E ai venezuelani non si potrà più promettere solo un cambio di governo ma si dovrà offrire loro un “progetto paese” credibile e realizzabile.
Mauro Bafile

Ultima ora

11:48Ungheria: Weber, ‘Orban trovi soluzione su legge anti Soros’

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - "Le proposte del governo ungherese sono inaccettabili, per noi della famiglia popolare la libertà della scienza è fondamentale. Siamo stati molto chiari oggi", sul progetto di legge sull'istruzione, che significherebbe la chiusura dell'università di George Soros, la Ceu. Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo Manfred Weber al suo arrivo al pre-vertice del Ppe. "Ora - afferma - tocca a lui trovare una soluzione, deve cambiare. La cosa buona è che parliamo tra noi. Rispetto al polacco Kaczynski, che non risponde nemmeno alle lettere dalla Commissione Ue, Orban vuole discutere dei problemi".

11:48Calcio: Conte, orgogliosi di quanto già fatto

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il primo obiettivo stagionale, la conquista di un posto in Champions League, è ad un passo e Antonio Conte ci tiene a ricordarlo. "Dobbiamo esserne orgogliosi - sottolinea il tecnico del Chelsea in vista del match di Premier League sul campo dell'Everton - Così com'è già un grande risultato essere arrivati a questo punto della stagione in lotta per il campionato e per la Fa Cup". Vincere domani a Goodison Park, infatti, significherebbe soprattutto compiere un altro passo verso lo scudetto: ad oggi sono 4 i punti di vantaggio sul Tottenham, con cinque partite a testa ancora da disputare. E la prudenza non è mai troppa, anche se si dice che il percorso che spetta ai Blues sia più facile di quello degli Spurs. "Alla fine del campionato - avverte Conte - qualsiasi partita è difficile per tante ragioni: le pressioni aumentano, devi vincere a tutti i costi e scendere in campo con questi presupposti non è semplice. Non solo per noi, ma anche per il Tottenham (domani impegnato in casa contro l'Arsenal, ndr)".

11:39Calcio: Inter, Zhang Jindong a Milano

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il proprietario dell'Inter Zhang Jindong è arrivato questa mattina presto a Milano e sarà a San Siro domani sera per assistere alla sfida contro il Napoli. Si parla insistentemente anche di un incontro con Lele Oriali, vicino al ritorno in nerazzurro a partire dalla prossima stagione con la qualifica di team manager, la stessa che ricopre in Nazionale. Zhang incontrerà tra oggi e domani anche l'allenatore Stefano Pioli e la squadra nerazzurra in vista della partita di domenica.

11:15Schengen: bilaterali Tusk con premier Slovenia e Croazia

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha incontrato oggi, prima dell'inizio dei lavori del vertice Ue sulla Brexit, il premier della Slovenia Miro Cerar per affrontare il problema delle code ai confini tra il suo Paese e la Croazia dovute ai controlli sistematici Ue reintrodotti da inizio aprile alle frontiere esterne dell'area Schengen. Ieri sera Tusk aveva visto, sempre per la stessa questione, il premier croato Andrej Plenkovic. La Croazia, infatti, pur essendo membro dell'Ue, non fa ancora parte dello spazio di libera circolazione dei cittadini Schengen.(ANSA).

10:55Brexit: Tusk, rimanere uniti per concludere i negoziati

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - "Dobbiamo restare uniti come Ue a 27, solo così saremo in grado di concludere i negoziati, e la nostra unità è anche nell'interesse della Gran Bretagna". E' il messaggio lanciato dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk al suo arrivo al vertice Ue, dicendosi "fiducioso che non cambierà" il "sostegno" attuale che al momento c'è a questo approccio da parte dei 27 e delle altre istituzioni Ue. Tusk ha quindi ribadito che l'approccio è quello di chiudere prima con il passato per poi definire il futuro: "non c'è dubbio che tutti vogliamo una futura relazione stretta e forte con la Gran Bretagna, ma prima dobbiamo sistemare il nostro passato, questo è l'unico modo per procedere". Il presidente Ue ha ricordato anche che "la prima priorità per l'Ue e la Gran Bretagna" è garantire i diritti ai cittadini "da entrambe le parti".(ANSA)

10:52Francia: En Marche!, ‘Front National espella Le Pen padre’

(ANSA) - PARIGI, 29 APR - "En Marche! esige che Jean-Marie Le Pen sia sollevato dalle sue funzioni in seno al Front National" per le "frasi ignobili" pronunciate dopo l'omaggio a Xavier Jugelé, il poliziotto ucciso il 20 aprile da un terrorista a Parigi. Il movimento del candidato Emmanuel Macron si scaglia contro le frasi-shock di Le Pen senior, che ieri ha affermato che la cerimonia in memoria di Jugelé "rendeva omaggio più all'omosessuale che al poliziotto". "Se Marine Le Pen ha detto di essersi 'emozionata' per il discorso del compagno di Xavier Jugelé - continua En Marche! - non ha ancora, 24 ore dopo, condannato in modo fermo le frasi del padre, che è ancora presidente onorario del Front National e membro di diritto del comitato centrale del partito. Chiedo alla candidata del FN di condannare pubblicamente le affermazioni del padre e di mettere immediatamente fine alle funzioni ancora occupate da Jean-Marie Le Pen in seno al Front National".

10:20Scuola:a Milano d’ora in poi senza sale le mense degli asili

(ANSA) - MILANO, 29 APR - I bambini degli asili di Milano devono adeguarsi, per quanto possano trovare la pasta insipida: d'ora in poi le mense forniranno solo piatti senza sale. E' la conseguenza di una direttiva dell'Ats, che è stata pienamente accolta da Milano Ristorazione, la società partecipata del Comune che gestisce le mense in questione. In base alla direttiva è stato eliminato il "sale aggiunto" in modo tale da "abituare al gusto naturale degli alimenti e ridurre la propensione verso cibi troppo salati". Secondo i nutrizionisti, il sale fa male alla salute, e se i bambini si abituano a non assumerlo ne beneficeranno in salute. Ecco allora che dalle mense degli asili arrivano per loro paste e risotti perfettamente insipidi (anche l'acqua della bollitura non viene salata). I genitori dei bambini, accogliendo le perplessità dei figli, hanno espresso la loro contrarietà.

Archivio Ultima ora