Brasile: Carnevale tra crisi, insicurezza e febbre gialla

Pubblicato il 24 febbraio 2017 da ansa

RIO DE JANEIRO. – La crisi economica si abbatte per il secondo anno consecutivo sul carnevale del Brasile, in recessione dal 2015: le casse dei municipi sono vuote e molti eventi, sono stati quindi cancellati o drasticamente ridotti. Ma stavolta sulla decisione di limitare la festa hanno inciso anche almeno altri due fattori: l’insicurezza provocata dalle rivolte carcerarie scoppiate il mese scorso nel nord-est del Paese e dallo sciopero della polizia militare innescatosi nelle ultime settimane a Espirito Santo e Rio de Janeiro (che hanno costretto i due Stati a invocare l’aiuto dell’esercito per pattugliare le strade), nonché una nuova emergenza sanitaria causata dall’epidemia di febbre gialla.

Se al carnevale dell’anno scorso a fare paura era la Zika, ora l’allarme è scattato per quest’altra infezione virale, altrettanto pericolosa, propagatasi in almeno 64 città dallo scorso dicembre e che ha già causato finora 83 morti. Come per Dengue, Zika e Chikungunya, la responsabile per il contagio della febbre gialla è sempre la zanzara Aedes aegypti. Ma in questo caso esiste già un antidoto e il ministero della Salute brasiliano ha organizzato una campagna di vaccinazione di massa che ha visto la consegna di 9,9 milioni di dosi supplementari.

Ma ad attenuare il ritmo della ‘folia’, è stato soprattutto il quadro economico poco incoraggiante, con un Pil che ancora stenta a recuperare e un tasso di disoccupazione ai massimi storici (quasi 13 milioni le persone rimaste senza lavoro, secondo un rapporto divulgato dall’Istituto brasiliano di geografia e statistica).

In base a uno studio di ‘Folha de S.Paolo’, il principale quotidiano nazionale, sono almeno 37 le manifestazioni allegoriche finanziate con risorse pubbliche annullate quest’anno in 13 Stati, tra cui i tre più ricchi, San Paolo, Rio de Janeiro e Minas Gerais, oltre che Bahia, Paranà e Pernambuco, regioni in cui si concentrano le sfilate in maschera più tradizionali.

A Rio, capitale mondiale del carnevale, l’apertura della baldoria è invece accompagnata da un’insolita polemica: alcuni organizzatori dei ‘blocos de rua’ (sfilate di strada) hanno deciso di eliminare dal loro repertorio le ‘marchinhas’ (marcette) che fanno allusione al colore della pelle o all’orientamento sessuale perché giudicate offensive o discriminanti. Una scelta che, per molti, equivale alla censura.

In questo clima di controversia e provocazione è stata criticata anche l’opzione del sindaco evangelico di Rio, Marcelo Crivella, di non partecipare alle sfilate in programma nel Sambodromo carioca. Se l’assenza sarà confermata, sarà la prima volta dal 1984, quando venne inaugurata la Sapucaì disegnata da Oscar Niemeyer, che un primo cittadino dà forfait a un appuntamento così importante.

(di Leonardo Cioni/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora