Brasile: Carnevale tra crisi, insicurezza e febbre gialla

Pubblicato il 24 febbraio 2017 da ansa

RIO DE JANEIRO. – La crisi economica si abbatte per il secondo anno consecutivo sul carnevale del Brasile, in recessione dal 2015: le casse dei municipi sono vuote e molti eventi, sono stati quindi cancellati o drasticamente ridotti. Ma stavolta sulla decisione di limitare la festa hanno inciso anche almeno altri due fattori: l’insicurezza provocata dalle rivolte carcerarie scoppiate il mese scorso nel nord-est del Paese e dallo sciopero della polizia militare innescatosi nelle ultime settimane a Espirito Santo e Rio de Janeiro (che hanno costretto i due Stati a invocare l’aiuto dell’esercito per pattugliare le strade), nonché una nuova emergenza sanitaria causata dall’epidemia di febbre gialla.

Se al carnevale dell’anno scorso a fare paura era la Zika, ora l’allarme è scattato per quest’altra infezione virale, altrettanto pericolosa, propagatasi in almeno 64 città dallo scorso dicembre e che ha già causato finora 83 morti. Come per Dengue, Zika e Chikungunya, la responsabile per il contagio della febbre gialla è sempre la zanzara Aedes aegypti. Ma in questo caso esiste già un antidoto e il ministero della Salute brasiliano ha organizzato una campagna di vaccinazione di massa che ha visto la consegna di 9,9 milioni di dosi supplementari.

Ma ad attenuare il ritmo della ‘folia’, è stato soprattutto il quadro economico poco incoraggiante, con un Pil che ancora stenta a recuperare e un tasso di disoccupazione ai massimi storici (quasi 13 milioni le persone rimaste senza lavoro, secondo un rapporto divulgato dall’Istituto brasiliano di geografia e statistica).

In base a uno studio di ‘Folha de S.Paolo’, il principale quotidiano nazionale, sono almeno 37 le manifestazioni allegoriche finanziate con risorse pubbliche annullate quest’anno in 13 Stati, tra cui i tre più ricchi, San Paolo, Rio de Janeiro e Minas Gerais, oltre che Bahia, Paranà e Pernambuco, regioni in cui si concentrano le sfilate in maschera più tradizionali.

A Rio, capitale mondiale del carnevale, l’apertura della baldoria è invece accompagnata da un’insolita polemica: alcuni organizzatori dei ‘blocos de rua’ (sfilate di strada) hanno deciso di eliminare dal loro repertorio le ‘marchinhas’ (marcette) che fanno allusione al colore della pelle o all’orientamento sessuale perché giudicate offensive o discriminanti. Una scelta che, per molti, equivale alla censura.

In questo clima di controversia e provocazione è stata criticata anche l’opzione del sindaco evangelico di Rio, Marcelo Crivella, di non partecipare alle sfilate in programma nel Sambodromo carioca. Se l’assenza sarà confermata, sarà la prima volta dal 1984, quando venne inaugurata la Sapucaì disegnata da Oscar Niemeyer, che un primo cittadino dà forfait a un appuntamento così importante.

(di Leonardo Cioni/ANSA)

Ultima ora

02:25Ballottaggi: Giordani vince a Padova, Sboarina a Verona

(ANSA) - VENEZIA, 26 GIU - Il centrodestra si riprende Verona, che chiude così l'era di Flavio Tosi, il centrosinistra Padova, che lascia fuori di Palazzo Moroni il leghista Massimo Bitonci. Federico Sboarina, candidato di Fi e Lega, è il nuovo sindaco della città scaligera, dove con il 57,9% dei consensi ha battuto la candidata, e compagna di Tosi, Patrizia Bisinella (42,1%), che al secondo turno godeva anche dell'appoggio del Pd. Un ribaltone simbolico se letto attraverso la lente leghista, dato che Verona era una delle città su cui puntava per il successo il leader del Carroccio, Salvini, acerrimo avversario dell'ex leghista Tosi. A Padova vince il candidato 'civico' dei Dem Sergio Giordani, che, che grazie all'apporto fondamentale della 'Coalizione Civica' di Arturo Lorenzoni, strappa la poltrona di sindaco alla Lega, defenestrato dalla sua maggioranza nel novembre 2016. Giordani, imprenditore, ha conquistato il 51,8% dei voti del ballottaggio; Bitonci si è fermato al 48,2%.

00:39Comunali: Catanzaro, Abramo sindaco per la quarta volta

(ANSA) - CATANZARO, 25 GIU - É quasi certo un quarto mandato come sindaco di Catanzaro per Sergio Abramo, 59 anni, del centrodestra, imprenditore, sostenuto da sei liste. Exit poll e proiezioni gli attribuiscono una percentuale del 65,5%, nettamente superiore rispetto a quella del suo concorrente, Vincenzo Antonio Ciconte, 62 anni, del centrosinistra, appoggiato da 11 liste, per il quale il risultato che si profila é il 34,5%. Abramo, che al primo turno aveva ottenuto il 39,72%, é il sindaco uscente ed era stato primo cittadino a Catanzaro dal 1997 al 2005. Vincenzo Antonio Ciconte, primario cardiologo, che l'11 giugno aveva ottenuto il 31,04%, é stato sostenuto da 11 liste. "Il centrodestra - ha detto a caldo Abramo - quando é unito e riesce anche a rinnovare, con 7 donne che entreranno in Consiglio con la mia elezione, diventa vincente. A Catanzaro abbiamo sbaragliato Pd e 5 stelle". (ANSA).

00:37Ballottaggi: Italia, ha votato il 46,03%

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - E' stata del 46,03% l'affluenza alle urne rilevata alle 23, alla chiusura dei seggi per i ballottaggi in 103 comuni chiamati al voto (il dato diffuso dal Viminale non tiene conto delle comunali in corso in Friuli Venezia Giulia e Sicilia). Al primo turno, alle ore 23, la percentuale dei votanti era stata del 58%.

00:19Calcio: Donnarumma, ‘attacco hacker, chiudo profili social’

(ANSA) - MILANO, 25 GIU - Si aggiunge un nuovo mistero sul caso Donnarumma. Il portiere del Milan annuncia di aver subito un "attacco hacker" sui propri account e di aver deciso quindi "di chiudere i social". Donnarumma aveva poco prima affidato a Instagram i suoi pensieri, aprendo alla possibilità di "rinnovare il contratto con il Milan" dopo gli Europei Under21, mentre nel pomeriggio aveva scritto un post su Twitter, spazzando via le voci su presunti screzi con il suo agente Mino Raiola, che a sua volta sempre su Twitter in serata aveva scritto in inglese: "Donnarumma x Haters 1-0. E adesso?" Il Milan per ora rimanda al giocatore ogni tipo di delucidazione.

00:19Ballottaggi:a Oristano vince l’astensione con il 44% votanti

(ANSA) - ORISTANO, 25 GIU - Crollo verticale dell'affluenza, in calo di quasi 20 punti, ad Oristano nel secondo turno delle elezioni amministrative. La percentuale di votanti alla chiusura dei seggi si ferma, infatti, al 43,9% rispetto al 61,9% del primo turno. (ANSA).

00:00Exit poll, avanza il centrodestra

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - I primi exit poll sembrano premiare il centrodestra ai ballottaggi delle Comunali segnati da una forte astensione. Lo schieramento è in testa a Genova, dove Emg per La7 attribuisce a Bucci tra il 50,5 e il 54,5% contro il 45,5-49,5% di Vincenzo Crivello del centrosinistra, a Catanzaro dove Piepoli/Rai dà Abramo avanti ad oltre il 56% contro il 40-44% di Vincenzo Antonio Ciconte del centrosinistra, a Verona dove il candidato sindaco Federico Sboarina (centrodestra) è al 52-56% contro Patrizia Bisinella (lista civica) al 44-48%. Il centrosinistra è avanti a Taranto, dove il candidato sindaco Rinaldo Melucci (centrosinistra) è al 49-53% su Stefania Baldassarri (centrodestra) al 47-51%. A Parma il sindaco Federico Pizzarotti (lista civica, ex Cinquestelle) è al 56,5-60,5% contro Paolo Scarpa (centrosinistra) al 39,5-43,5%. A L'Aquila è testa a testa tra i candidati sindaco Americo Di Benedetto (centrosinistra) e Pierluigi Biondi (centrodestra), entrambi al 48-52%.

23:32Ballottaggi: alle 23 chiusi regolarmente i seggi elettorali

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Si sono chiusi regolarmente alle 23 i seggi in 101 comuni nelle Regioni a statuto ordinario e in 10 nelle Regioni a statuto speciale per il turno di ballottaggio per l'elezione dei sindaci. Sono in totale 4.304.739 gli elettori, di cui 2.054.516 maschi e 2.250.223 femmine, e 5.184 le sezioni elettorali. Ventidue i capoluoghi interessati in questa tornata: Genova, Catanzaro, L'Aquila, Alessandria, Asti, Belluno, Como, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani. Subito dopo l'accertamento del numero dei votanti, inizierà lo spoglio delle schede. (ANSA).

Archivio Ultima ora