La competitività sale, ma la crisi brucia 194mila aziende

Pubblicato il 03 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Le esportazioni italiane crescono più di quelle di Francia e Germania nel 2016 e l’industria nazionale è la prima, tra i grandi paesi europei, per crescita del valore aggiunto nell’ultimo biennio, con un aumento quasi del 5%. L’Istat indica che le imprese sopravvissute alla recessione mostrano un “chiaro recupero di competitività”, nonostante il ritmo di crescita “modesto” dell’Italia, che ancora deve riconquistare oltre il 7% del Pil per tornare al livello del 2008.

Il Rapporto sulla competitività dei settori produttivi, presentato a Roma, illustra come “un’onerosa svalutazione interna”, con una stretta sui prezzi e sui salari, e gli interventi sul costo del lavoro, a partire dalla decontribuzione, hanno consentito un “sostanziale” miglioramento della competitività di prezzo del made in Italy.

Il costo del lavoro è diminuito dell’1,3% tra il terzo trimestre del 2014 e lo stesso periodo del 2016, mentre in Francia cresceva del 2,6% e in Germania del 5,2%. Questo ha contribuito a una crescita dell’export superiore alla media mondiale negli ultimi due anni, anche se l’Italia rimane un paese complessivamente poco internazionalizzato a confronto con le altre maggiori economie Ue.

Inoltre la lunga fase recessiva, tra il 2011 e il 2014, ha distrutto 194 mila aziende e 800 mila posti di lavoro, il 5% del totale. Le costruzioni sono il settore che ha sofferto di più con la perdita del 10% delle imprese e del 20% degli addetti.

Il bilancio è stato meno pesante nell’industria (-7,2% imprese, -6,8% addetti) e nei servizi di mercato (-4,7% e -3,3%), mentre i servizi alla persona sono stati l’unico comparto con una crescita di aziende (+5,3%) e addetti.

La durezza della recessione ha portato a una selezione tra le imprese, facendo crescere la produttività totale dei fattori nell’industria, aumentando la quota di aziende “in salute” sotto i profili di redditività, solidità e liquidità rispetto a quelle “fragili” (che pure contano per il 47% del valore aggiunto nel 2014).

Ha mostrato poi che solo chi esportava riusciva a crescere: “esportare è rimasta quindi una condizione necessaria, ma non sufficiente, per una performance positiva”, osserva l’Istat.

Per il 2016, da un’indagine qualitativa sulle imprese della manifattura e dei servizi, emergono “segnali di ripresa diffusi nel sistema produttivo”, con i fatturati in aumento soprattutto nei settori industriali a maggiore intensità tecnologica e l’occupazione in crescita, anche se esclusivamente per il personale più qualificato.

“La ripresa c’è, la crescita del Pil nel 2016 è la più alta dal 2010. Usciamo con una parte del sistema produttivo fuori dalla seconda recessione”, afferma il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, che cita la performance positiva dell’industria e, in misura minore, dei servizi.

(d Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

09:18Mo: media, Tillerson a Riad per limitare influenza Iran

(ANSA) - BEIRUT, 20 OTT - Il segretario di Stato Usa Rex Tillerson è atteso oggi in Arabia Saudita nell'ambito della sua missione diplomatica regionale nel Golfo e nel sud-est asiatico. E a Riad parteciperà al primo incontro del Consiglio saudita-iracheno formato per migliorare relazioni economiche tra i due paesi. Secondo la tv panaraba al Arabiya, edita dal Qatar, la visita di Tillerson nella regione ha l'obiettivo di tornare a discutere della crisi in corso da mesi tra Doha e Riad e di limitare l'influenza iraniana nel Golfo e in Iraq.

03:40Unicef: emergenza fuga bimbi in Birmania

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - Ogni settimana fino a 12 mila bambini della minoranza musulmana Rohingya scappano in Bangladesh dalla Birmania per sfuggire alle violenze. Lo afferma l'Unicef. Secondo l'agenzia dell'Onu per i minori, le condizioni di vita disperate e le malattie minacciano oltre 320 mila piccoli rifugiati Rohingya che sono scappati nel sud del Bangladesh a partire da fine agosto (circa 10 mila hanno attraversato la frontiera negli ultimi giorni). "Molti piccoli rifugiati Rohingya hanno assistito ad atrocità in Birmania che nessun bambino dovrebbe vedere, e tutti hanno subito tremende perdite", ha spiegato il direttore esecutivo di Unicef, Anthony Lake. "Questi bambini hanno urgentemente bisogno di cibo, acqua potabile, igiene e vaccinazioni per essere protetti dalle malattie che prosperano in situazioni di emergenza", ha continuato il direttore dell'agenzia Onu per i minori.

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

Archivio Ultima ora