Gentiloni, avanti fino a 2018: “Ora giù le tasse sul lavoro”

Pubblicato il 06 marzo 2017 da ansa

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni (s) e Pippo Baudo durante la trasmissione televisiva ”Domenica in’ a Roma, 5 marzo 2017, ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Un governo “rassicurante”, che però non fa i miracoli. Quelli, “li fanno i cittadini con i loro sacrifici”. Ma è anche un “governo che non è provvisorio”, che non si trova a Palazzo Chigi – pur in “doverosa continuità” con l’esecutivo Renzi – per caso e che, soprattutto, intende arrivare “a fine legislatura” con degli obiettivi ben precisi.

Paolo Gentiloni sceglie di entrare nelle case degli italiani con un messaggio positivo e lo fa dal salotto di Domenica In intervistato da Pippo Baudo. Chiede fiducia, promette riforme. “Abbiamo molte cose da completare che ha fatto il governo Renzi e delle cose nuove e importanti”.

Tra queste, sicuramente, un intervento sul lavoro: “Il nostro obiettivo nel Def – annuncia infatti il premier – è quello di abbassare ulteriormente le tasse sul lavoro. Dobbiamo rendere gli investimenti più vantaggiosi”, ha spiegato sottolineando che questo si può ottenere dando “un’altra spinta sulle tasse del lavoro”. “Abbiamo fatto molte cose sul piano delle regole”, rivendica Gentiloni. “Si sono creati 700mila posti di lavori senza clamore, anche se la disoccupazione giovanile è ancora molto alta”.

“Le cicatrici della crisi – ha detto – si fanno sentire ancora e che ci sia una crisi di fiducia è abbastanza comprensibile, ma le cose fatte in questi anni ci hanno rimesso in carreggiata e penso che le cose possono migliorare non solo nei grandi numeri astratti ma anche nelle nostre buste paga”. E forse è anche per questo che Gentiloni chiede di dare tempo al suo Governo: “Anche per togliere un’idea di provvisorietà, vorrei che il governo si desse una agenda di riforme”.

Ricordando la nascita “in 48 ore” del suo esecutivo, l’inizio “col fiatone” per la fretta e la necessità di partire, le emergenze che si è trovato a dover gestire, ora Gentiloni vuole che il governo si dia “un cambio di passo” con riforme strutturali. E cita il lavoro, il Mezzogiorno, il processo penale, la legge sulla concorrenza e quella sulla povertà per la quale – ha detto – “mi auguro di avere novità positive in settimana”.

Ma è anche e in particolar modo sul Sud – forse complice la sua visita di ieri a Catania – che il premier insiste. “Mi darebbero un premio Nobel se avessi una ricetta semplice” per far crescere il Sud, ha detto spiegando che le potenzialità nelle regioni meridionali sono altissime come “aveva capito alla grande Carlo Azeglio Ciampi” quando disse che la crescita italiana può migliorare solo se si alza la crescita al Sud.

Gentiloni, che non si è sottratto alle domande sullo spinoso tema dello scandalo Consip (assicurando la sua fiducia in Lotti e augurandosi chiarezza e rapidità nell’accertamento della verità), guarda anche all’Europa, ai migranti, al difficile compito della ricostruzione delle zone terremotate. E lo fa chiedendo, ancora una volta, fiducia.

Se “non nascondiamo i guai che abbiamo e se riusciamo con realismo a restituire più sicurezza e fiducia” ai cittadini “abbiamo fatto” il nostro dovere, ha spiegato. E dunque, pur con una critica per le rigidità a senso unico dell’Europa (è “rigidissima sugli zero virgola dei bilanci e non su altre cose”), ha sottolineato che l’Unione è da “tenersi ben stretta”. E che ora “l’Europa deve aiutare la crescita e non deprimerla”.

Una mano, Bruxelles, però ce la può dare da subito, confida il capo del Governo. Sia “attraverso il fondo di emergenza, con una cifra attorno al miliardo” e “consentendo di togliere dai conteggi deficit/pil le spese per il sisma”. Infine, guardando all’anno che ancora si augura di passare a Palazzo Chigi, rivolge un invito al Parlamento. Affinchè sia un luogo dove ci siano “meno litigi e più leggi. Vorrei un Parlamento in cui si collabori maggiormente, che mantenendo le differenze lavori nell’interesse del Paese”.

Un invito da ‘moderato’, gli fa presente Pippo Baudo che poi lo saluta chiedendo se la moderazione sia più un pregio o un difetto. “Sicuramente è un pregio – si congeda Gentiloni – ma poi alla fine bisogna decidere”.

Ultima ora

10:10Nuova Zelanda: premier annuncia di essere incinta

(ANSA-AP) - WELLINGTON, 19 GEN - La primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Arden, ha annunciato oggi di essere incinta, precisando che il lieto evento è atteso per giugno e aggiungendo che rimarrà per sei settimane in maternità. "Intendo pienamente rimanere contattabile e disponibile per tutto il periodo di sei settimane, quando sarà necessario", ha poi affermato, aggiungendo di aver chiesto al vice premier Winston Peters di sostituirla come primo ministro finché lei non tornerà al suo ufficio. Arden, 37 anni, ha inoltre detto che suo marito Clarke Gayford resterà a casa ad occuparti del bimbo. "Clarke e io abbiamo il privilegio di essere nella posizione in cui Clarke può rimanere a casa per essere il nostro principale assistente. Sapendo che così tanti genitori si destreggiano per la cura dei loro nuovi bambini, ci consideriamo molto fortunati", ha detto la premier, che è salita al potere nell'ottobre scorso, dopo esser diventata leader del partito laburista".

08:45Mafia: confiscati beni per 25 mln nel Trapanese

(ANSA) - PALERMO, 19 GEN - Beni per oltre 25 milioni di euro sono stati confiscati nel Trapanese. La Direzione investigativa Antimafia di Trapani ha notificato il decreto del Tribunale all'imprenditore di Campobello di Mazara, Andrea Moceri, 57 anni ed ai suoi familiari. Il patrimonio, era già stato sequestrato nel novembre del 2015. Nei confronti di Moceri è stata imposta la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per due anni. Secondo i magistrati tra le imprese illecitamente finanziate vi è l'oleificio "Fontane d'oro s.a.s." (oggi in amministrazione giudiziaria), con sede a Campobello di Mazara (TP), intestato a prestanome di Francesco Luppino (detenuto), accusato di essere, tra gli uomini più fedeli del boss latitante Matteo Messina denaro. Il patrimonio comprende 35 unità immobiliari, locali commerciali, appartamenti per civile abitazione, rimesse, 35 appezzamenti di terreno, 5 compendi aziendali, quote di partecipazioni in varie società di capitali, numerosi conti bancari e polizze assicurative.

01:34Calcio: Chelsea assalto a Dzeko, pronti 50 milioni

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il Chelsea tenta l'assalto a Edin Dzeko. Lo si apprende da fonti vicine al club londinese, secondo cui i Blues sarebbero pronti a offrire 50-55 milioni di euro alla Roma per il bosniaco ed Emerson Palmieri. Se la trattativa andasse in porto, a Trigoria prenderebbero in esame la candidatura di Sturridge, già offerto in passato, e anche del viola Babacar, che piace al tecnico dei giallorossi Eusebio Di Francesco. Ma in un primo colloquio con il Chelsea si sarebbe parlato anche di un eventuale prestito dell'attaccante belga Michy Batshuayi, riserva di Morata.

01:25Calcio: Coppa del Re, Real Madrid vince in trasferta

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Con nove rincalzi in campo dall'inizio, il Real Madrid ha interrotto la striscia di tre partite senza successi andando a vincere per 1-0 sul campo del Leganes nella partita d'andata della sfida dei quarti di finale della Coppa del Re. Dal punto di vista del gioco, la crisi della squadra di Zidane continua ad essere tale ma le rete di Asensio all'89' da' un poco di serenità all'ambiente. "Intanto mi prendo il risultato - ha commentato Zidane -, che mi dà buone sensazioni. Arriverà il momento che giocheremo meglio, ne sono certo".

00:24Calcio: Mancini, mi piacerebbe allenare il Paris SG

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Seguo la Ligue 1, e il Psg è la squadra migliore. È ovvio che qualsiasi tecnico vorrebbe guidare questa squadra, è una delle migliori al mondo e con gli arrivi di Neymar e Mbappé ha buone possibilità di vincere la Champions. Mi piacerebbe allenare il Psg, perché no... Oggi c'è Emery che sta facendo bene ma nel calcio tutto può cambiare". Parole di Roberto Mancini, attuale allenatore dello Zenit, al quotidiano sportivo francese 'L'Equipe', che ha fornito un'anticipazione dell'intervista che verrà pubblicata domani. Mancini dice la sua anche sul big-match degli ottavi di Champions, in cui la squadra parigina se la vedrà con il Real Madrid. "Affrontare il Real è sempre difficile - dice -, ma penso che il Paris SG abbia buone possibilità di qualificarsi".

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

Archivio Ultima ora