Gentiloni, avanti fino a 2018: “Ora giù le tasse sul lavoro”

Pubblicato il 06 marzo 2017 da ansa

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni (s) e Pippo Baudo durante la trasmissione televisiva ”Domenica in’ a Roma, 5 marzo 2017, ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Un governo “rassicurante”, che però non fa i miracoli. Quelli, “li fanno i cittadini con i loro sacrifici”. Ma è anche un “governo che non è provvisorio”, che non si trova a Palazzo Chigi – pur in “doverosa continuità” con l’esecutivo Renzi – per caso e che, soprattutto, intende arrivare “a fine legislatura” con degli obiettivi ben precisi.

Paolo Gentiloni sceglie di entrare nelle case degli italiani con un messaggio positivo e lo fa dal salotto di Domenica In intervistato da Pippo Baudo. Chiede fiducia, promette riforme. “Abbiamo molte cose da completare che ha fatto il governo Renzi e delle cose nuove e importanti”.

Tra queste, sicuramente, un intervento sul lavoro: “Il nostro obiettivo nel Def – annuncia infatti il premier – è quello di abbassare ulteriormente le tasse sul lavoro. Dobbiamo rendere gli investimenti più vantaggiosi”, ha spiegato sottolineando che questo si può ottenere dando “un’altra spinta sulle tasse del lavoro”. “Abbiamo fatto molte cose sul piano delle regole”, rivendica Gentiloni. “Si sono creati 700mila posti di lavori senza clamore, anche se la disoccupazione giovanile è ancora molto alta”.

“Le cicatrici della crisi – ha detto – si fanno sentire ancora e che ci sia una crisi di fiducia è abbastanza comprensibile, ma le cose fatte in questi anni ci hanno rimesso in carreggiata e penso che le cose possono migliorare non solo nei grandi numeri astratti ma anche nelle nostre buste paga”. E forse è anche per questo che Gentiloni chiede di dare tempo al suo Governo: “Anche per togliere un’idea di provvisorietà, vorrei che il governo si desse una agenda di riforme”.

Ricordando la nascita “in 48 ore” del suo esecutivo, l’inizio “col fiatone” per la fretta e la necessità di partire, le emergenze che si è trovato a dover gestire, ora Gentiloni vuole che il governo si dia “un cambio di passo” con riforme strutturali. E cita il lavoro, il Mezzogiorno, il processo penale, la legge sulla concorrenza e quella sulla povertà per la quale – ha detto – “mi auguro di avere novità positive in settimana”.

Ma è anche e in particolar modo sul Sud – forse complice la sua visita di ieri a Catania – che il premier insiste. “Mi darebbero un premio Nobel se avessi una ricetta semplice” per far crescere il Sud, ha detto spiegando che le potenzialità nelle regioni meridionali sono altissime come “aveva capito alla grande Carlo Azeglio Ciampi” quando disse che la crescita italiana può migliorare solo se si alza la crescita al Sud.

Gentiloni, che non si è sottratto alle domande sullo spinoso tema dello scandalo Consip (assicurando la sua fiducia in Lotti e augurandosi chiarezza e rapidità nell’accertamento della verità), guarda anche all’Europa, ai migranti, al difficile compito della ricostruzione delle zone terremotate. E lo fa chiedendo, ancora una volta, fiducia.

Se “non nascondiamo i guai che abbiamo e se riusciamo con realismo a restituire più sicurezza e fiducia” ai cittadini “abbiamo fatto” il nostro dovere, ha spiegato. E dunque, pur con una critica per le rigidità a senso unico dell’Europa (è “rigidissima sugli zero virgola dei bilanci e non su altre cose”), ha sottolineato che l’Unione è da “tenersi ben stretta”. E che ora “l’Europa deve aiutare la crescita e non deprimerla”.

Una mano, Bruxelles, però ce la può dare da subito, confida il capo del Governo. Sia “attraverso il fondo di emergenza, con una cifra attorno al miliardo” e “consentendo di togliere dai conteggi deficit/pil le spese per il sisma”. Infine, guardando all’anno che ancora si augura di passare a Palazzo Chigi, rivolge un invito al Parlamento. Affinchè sia un luogo dove ci siano “meno litigi e più leggi. Vorrei un Parlamento in cui si collabori maggiormente, che mantenendo le differenze lavori nell’interesse del Paese”.

Un invito da ‘moderato’, gli fa presente Pippo Baudo che poi lo saluta chiedendo se la moderazione sia più un pregio o un difetto. “Sicuramente è un pregio – si congeda Gentiloni – ma poi alla fine bisogna decidere”.

Ultima ora

23:52Calcio: Bari-Cittadella 4-2

(ANSA) - BARI, 20 OTT - Una vittoria che vale il (temporaneo) secondo posto in classifica: il Bari, nel secondo anticipo della decima giornata, davanti agli oltre quindicimila spettatori del San Nicola, ha battuto il Cittadella per 4-2, confermando il buon momento di forma con il terzo risultato utile di fila. La squadra di Fabio Grosso, dopo un avvio da incubo e un gol di svantaggio rimediato al 2' con una incornata di Salvi, è cresciuto arrivando a dilagare nel finale. Il pari dei pugliesi è arrivato al 20' con un colpo di testa di Basha; nella ripresa al 3' il vantaggio di Improta (settima realizzazione stagionale) al termine di una azione elaborata con ben cinque rapidi passaggi prima della conclusione che ha battuto il portiere Alfonso. Poi i veneti hanno avuto una occasionissima con Chiaretti al 9', ma Micai ha compiuto una prodezza. Il terzo centro è firmato da Galano (quinto gol) in contropiede, mentre il poker è siglato sempre Basha (doppietta). Al 37' Pasa ha accorciato le distanze per la squadra di Venturato.

23:51Somalia: premier,contro Shabaab sarà ‘stato di guerra’

(ANSA) - MOGADISCIO, 20 OTT - La Somalia decreta lo "stato di guerra" contro gli shabaab dopo l'attacco di sabato che ha fatto 358 morti. Lo ha reso il premier precisando che sarà lo stesso presidente ad annunciare una nuova offensiva contro gli estremisti islamici. Una fonte militare, coperta dall'anonimato, ha precisato che l'offensiva dovrebbe essere supportata dagli Stati Uniti.

23:10F1: Hamilton vola anche in seconde libere Usa, Vettel 3/o

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Lewis Hamilton si conferma il più veloce anche nella seconda tornata di prove libere del Gp degli Usa. Sulla pista di Austin, in Texas, il pilota della Mercedes ha fatto registrare il miglior tempo in 1'34"668, la Red Bull di Max Verstappen e la Ferrari di Sebastian Vettel, lontano oltre mezzo secondo dal leader mondiale. Quarta l'altra Mercedes di Valtteri Bottas: sesta la rossa di Kimi Raikkone, alle spalle della Red Bull di Daniel Ricciardo.

21:43Calcio: serie B, Cremonese-Brescia 2-0

(ANSA) - CREMONA, 20 OTT - La Cremonese vince il derby con il Brescia 2-0 e si porta momentaneamente a un punto dalla vetta. Successo meritato da parte dei grigiorossi che con un gol per tempo regolano i biancazzurri. Primo tempo denso di emozioni con il Brescia più vivace in avvio con Somma che colpisce il palo con un destro da fuori area. La Cremonese risponde poco dopo con un cross da destra di Almici deviato da Meccariello degli ospiti che colpisce in pieno la traversa. La Cremonese è più intraprendente e al 29' si presenta a tu per tu con il portiere del Brescia ma da due passi Mokulu calcia fuori. Il gol è nell'aria e arriva al 37' con una meravigliosa azione personale di Piccolo culminata con un diagonale perfetto. La Cremonese raddoppia nel secondo tempo con Claiton di testa su un corner di Piccolo da sinistra al 24'.

21:40Legale ex moglie Della Noce, sul lastrico per colpe sue

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Non è stata la separazione dalla moglie a gettare sul lastrico Matteo Della Noce, l'ex comico della trasmissione Zelig che da alcuni giorni non ha altra casa che la sua macchina: a precisarlo è l'avvocato Andrea Natale, legale della ex moglie, che accusa Della Noce di aver rilasciato "molte dichiarazioni che non corrispondono a verità". L'avvocato ricorda che la separazione è avvenuta nel 2007 e dal 2013 Della Noce ha smesso di dare "qualsiasi tipo di contribuzione" per il mantenimento dei figli e che "per oltre 12 anni ha avuto un'altra relazione affettiva, dalla quale è nata una terza figlia". "L'attore - spiega l'avvocato - irresponsabilmente ha sperperato quanto accumulato nei momenti più felici della propria carriera per ragioni che nulla hanno a che vedere con la separazione" e "anche nel momento in cui era all'apice della propria carriera, è sempre stato 'restio' ad adempiere ai propri obblighi di mantenimento dei figli".

21:18Calcio: Pallotta, club responsabili per pochi idioti

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "La cosa frustrante è che a volte negli stadi è sufficiente che un paio di elementi facciano qualcosa di stupido affinché questo poi, purtroppo, si rifletta negativamente sul 99,9% delle persone che non la pensa in quel modo e non farebbe mai qualcosa del genere. Sono episodi gravi e deplorevoli sempre e comunque, a prescindere da quello che possa essersi verificato l'altro giorno, il mio è un discorso di carattere generale. Dispiace che i club siano ritenuti responsabili per le azioni di pochi idioti in giro per il mondo". Così James Pallotta, presidente della Roma, alla radio americana 'SiriusXM' dopo la decisione dell'Uefa di aprire un fascicolo d'inchiesta per alcuni presunti cori a sfondo razzista dei tifosi giallorossi a Londra durante la partita di Champions League col Chelsea. Da Trigoria fanno sapere che dagli audio analizzati non si riscontrano tali cori e che, soprattutto, né l'arbitro dell'incontro né il delegato Uefa hanno segnalato nulla in merito.

21:07Referendum: Zaia, veneti non hanno più anello al naso

(ANSA) - VENEZIA, 20 OTT - "La gestione di questo paese è stata una gestione centralista e assistenzialista che ha devastato i conti pubblici. E quindi fanno paura i veneti che vanno al voto. Sa perché? Perché quei mezzadri veneti che per Roma hanno l'anello al naso, non ci stanno più con l'anello al naso. È l'ora del riscatto dei veneti". Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, intervistato da '24Mattino' su radio 24. "È l'ora di dimostrare - ha aggiunto - che noi siamo rispettosi della Costituzione. Ma bisogna dare più Stato per chi vuole più Stato, come la Sicilia, che non riesce a incassare 52 miliardi di tasse ed è evidente che ha bisogno di più Stato perché l'autonomia la gestisce male, e meno Stato dove ci vuole meno Stato".

Archivio Ultima ora