Bomba Wikileaks, la Cia spia attraverso smartphone e tv

Pubblicato il 07 marzo 2017 da ansa

NEW YORK. – La Cia ci spia attraverso telefoni e tv, utilizzati anche come microfoni. Grazie a un programma segreto di hackeraggio chiamato ‘Weeping Angel’ (angelo piangente) è in grado di controllare gli iPhone della Apple come gli Android di Google e Microsoft. Ma anche i televisori della Samsung. Mentre con alcuni malware e ‘cavalli di troia’ riesce a penetrare i sistemi criptati dei più popolari servizi di messaggistica, come Whatsapp.

E’ l’ennesimo scenario da ‘Grande Fratello’ quello che emerge dalle ultime rilevazioni di WikiLeaks, che non a caso parla di tecniche di sorveglianza degne di un romanzo di George Orwell. Con la più famosa agenzia di spionaggio americana che avrebbe nel consolato Usa di Francoforte la base sotto copertura del suo servizio di hacker che si occupa del cyberspionaggio in Europa, Medio Oriente e Africa.

Un aspetto che potrebbe mettere in difficoltà Donald Trump, che si appresta il prossimo 14 marzo ad accogliere alla Casa Bianca Angela Merkel. I cui rapporti con Barack Obama si incrinarono proprio per motivi di spionaggio, dopo che il ‘datagate’ svelò come la Nsa controllava i telefoni della cancelliera tedesca e di altri leader alleati.

Intanto Mosca non perde l’occasione per attaccare Washington: le rivelazioni di Wikileaks sono l’ennesima dimostrazione di come gli Stati Uniti “si tengono sempre delle carte da giocare in tasca senza mostrarle sul tavolo” e di come “accusano gli altri di cose che loro fanno normalmente”, afferma una fonte del governo all’ANSA: “Washington – sottolinea – dà lezioni a tutti tranne che a sè stessa”.

L’organizzazione fondata e guidata da Juliane Assange ha pubblicato oltre 8 mila file ‘rubati’ alla Cia, che rischiano di scatenare una bufera attorno alla più popolare agenzia di spionaggio Usa. Di sicuro un altro durissimo colpo all’intelligence americana, dopo gli scandali degli ultimi anni seguiti alle rivelazioni prima dell’ex soldato Chelsea Manning e poi dell’ex contractor Edward Snowden, che tanto in imbarazzo misero l’amministrazione Obama.

Del resto per WikiLeaks la nuova valanga di informazioni riversata online potrebbe essere solo punta di un iceberg. Perché – è l’allarme lanciato da Assange – la Cia ha perso il controllo di gran parte del suo cyber-arsenale, col rischio di una proliferazione incontrollata di malware, virus e ‘cavalli di troia’ che possono finire in mano a stati rivali, cyber mafie e hacker di ogni tipo, pronti a violare l’archivio dell’agenzia di Langley.

“Una volta che una singola cyber-arma viene persa – spiega WikiLeaks – può diffondersi in tutto il mondo in pochi secondi”. A colpire di più tra le migliaia di documenti postati è per ora il programma ‘Weeping Angel’. “E’ in grado di infestare le smart tv – spiega l’organizzazione di Assange – trasformandole in microfoni”.

In particolare, “le tv attaccate vengono messe in modalità Fake Off” dal programma segreto, “in modo che il proprietario pensi che la tv sia spenta”. In realtà l’apparecchio registra le conversazioni nella stanza e le invia al server della Cia.

Un’azione “illegale” per WikiLeaks, che oltrepassa il suo mandato e i suoi poteri. Così come il controllo su smartphone, chat e social media che – sottolinea l’organizzazione – ha messo in pericolo top manager dell’industria, membri del Congresso, il governo e persino l’account Twitter del presidente Trump.

Inoltre viene fuori che nell’ottobre 2014 la Cia ha anche valutato di infestare con le sue ‘cyber-weapons’ i sofisticati sistemi di controllo usati sulle auto e sui veicoli pesanti di ultima generazione. Insomma, secondo WikiLeaks il quadro che emerge è quello di una Cia che avrebbe creato segretamente al suo interno “una sua propria Nsa”, ma con meno responsabilità e senza dover rispondere pubblicamente su come spende le ingenti risorse che finiscono nelle sue casse. Svolgendo alcune delle attività tipicamente assegnate alla National Security Agency. Un ‘doppione’ che dovrà essere in qualche modo spiegato.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

13:26Gb: sanità pubblica in crisi, esodo d’infermiere da ospedali

(ANSA) - LONDRA, 17 GEN - Assume le proporzioni di un esodo il fuggi fuggi delle infermiere dal sistema sanitario nazionale britannico (Nhs), in crisi di fondi e di staff. Lo denuncia un'inchiesta aggiornata della Bbc, sulla base di dati ufficiali stando ai quali le lettere di dimissioni arrivano ormai al ritmo di 33.000 all'anno, circa il 10% dell'organico totale del Paese. Un salasso di personale specializzato che i tentativi di incrementare il reclutamento non compensano (meno 3.000 il differenziale dell'ultimo anno, ad aggravare i buchi di un contesto già lacunoso). Con un'accelerazione del 20% del numero degli addio rispetto al biennio 2012-2013. Fra le cause citate da varie testimoni dirette, le cattive condizioni d'impiego in molte strutture, il diffuso superlavoro e i salari insufficienti in proporzione al costo della vita nel Regno Unito. Sullo sfondo della crisi della sanità, peggiora intanto l'aspettativa di vita media: calata di un anno dal 2011, in diverse regioni dell'Inghilterra e in stallo in tutto il Paese dal 2010

13:22‘Furbetti cartellino’ Agenzia Dogane Roma

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - 'Furbetti del cartellino' all'Agenzie delle Dogane Roma 1. Dodici dipendenti sono indagati per truffa aggravata e falsa attestazione. Nei loro confronti i carabinieri stanno eseguendo un'ordinanza di applicazione della misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria emessa dal Tribunale di Roma. A quanto accertato attraverso l'installazione di un sistema di videoriprese all'interno dell'Ufficio Pubblico e diversi pedinamenti giungevano sul posto di lavoro per poi abbandonarlo poco dopo senza utilizzare il "badge" elettronico. Dalle indagini dei carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Eur e della stazione Garbatella sarebbe emerso che in alcuni casi gli indagati lasciavano l'Agenzia cedendo il badge a un altro collega che attestava l'uscita al termine dell'orario di lavoro. Per gli investigatori questa pratica consentiva agli impiegati di svolgere mansioni private e di intrattenersi in esercizi pubblici risultando comunque in servizio.

13:19Mattarella, lavoro resta principale emergenza Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "La mancanza di lavoro, nonostante negli ultimi tempi si sia registrato un sensibile miglioramento, come risulta anche dai dati dell'Istat dei giorni scorsi, resta l'emergenza principale del nostro Paese". Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in una intervista a "Famiglia Cristiana" in edicola domani. "È un problema fondamentale - aggiunge - particolarmente avvertito in alcune fasce di popolazione (giovani e donne) e nel Mezzogiorno. Scontiamo gli effetti della gravissima crisi degli anni passati, che si stanno progressivamente riassorbendo".

13:18Gerusalemme: Abu Mazen, decisione di Trump è peccato

(ANSA) - IL CAIRO, 17 GEN - Il presidente palestinese Abu Mazen ha bollato come un 'peccato' la decisione del presidente statunitense Donald Trump di riconoscere Gerusalemme quale capitale di Israele e il trasferimento dell'ambasciata americana. Parlando al Cairo ad Al Azhar, la massima istituzione dell'islam sunnita, ha ribadito che "l'amministrazione americana non è più affidabile per mediare fra noi e gli israeliani".

13:16Catalogna: Puigdemont rinuncia al voto dall’esilio

(ANSA) - BARCELLONA, 17 GEN - Il presidente catalano uscente Carles Puigdemont e gli altri quattro dirigenti indipendentisti in esilio a Bruxelles hanno rinunciato a chiedere il voto delegato nella seduta costitutiva del nuovo Parlament. Il premier spagnolo Mariano Rajoy aveva minacciato un immediato ricorso alla corte costituzionale se Puigdemont avesse potuto votare dall'esilio. La presidenza provvisoria ha invece accettato il voto delegato dei tre deputati indipendentisti in carcere, Oriol Junqueras, Joaquim Forn e Jordi Sanchez.

13:10Calcio: Marca, Real sogna nuovo tridente

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Dalla BBC alla NHL. Il Real è alla ricerca di un nuovo tridente offensivo per rispondere ai colpi di mercato delle rivali più accreditate. Per il quotidiano spagnolo Marca la BBC (Bale, Benzema, Cristiano Ronaldo) ha i giorni contati e il presidente Florentino Perez è in cerca di giocatori che sappiano dare nuova linfa all'attacco dei 'galacticos'. Neymar è da sempre un pallino di Perez che sembra disposto a lasciar andare Cristiano Ronaldo. Il trasferimento del brasiliano della scorsa stagione dal Barcellona al Psg ha fatto molto rumore ed è difficile che il club parigino se lo lasci scappare dopo solo un anno ma col Real non si sa mai. Eden Hazard risponde a tutti i requisiti richiesti dal tecnico Zinedine Zidane. Il belga non è sereno al Chelsea e la scadenza di contratto nel 2020 offre ampi margini di trattativa. Infine Robert Lewandowski, trentenne attaccante polacco del Bayern. Se i tedeschi trovassero un degno sostituto potrebbero pensare alla cessione, ovviamente a non meno di 100 milioni.

13:04Mattarella, rispettare Costituzione in ogni sua parte

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Non sta a me dire se le iniziative di modifica, realizzate o non riuscite, siano state opportune o inopportune. Sta invece a me dire, e far sì, che la Costituzione in vigore venga rispettata e osservata non soltanto nei suoi principi, ma anche nella sua seconda parte". Lo afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un'intervista a "Famiglia cristiana" in edicola domani.

Archivio Ultima ora