Bomba Wikileaks, la Cia spia attraverso smartphone e tv

Pubblicato il 07 marzo 2017 da ansa

NEW YORK. – La Cia ci spia attraverso telefoni e tv, utilizzati anche come microfoni. Grazie a un programma segreto di hackeraggio chiamato ‘Weeping Angel’ (angelo piangente) è in grado di controllare gli iPhone della Apple come gli Android di Google e Microsoft. Ma anche i televisori della Samsung. Mentre con alcuni malware e ‘cavalli di troia’ riesce a penetrare i sistemi criptati dei più popolari servizi di messaggistica, come Whatsapp.

E’ l’ennesimo scenario da ‘Grande Fratello’ quello che emerge dalle ultime rilevazioni di WikiLeaks, che non a caso parla di tecniche di sorveglianza degne di un romanzo di George Orwell. Con la più famosa agenzia di spionaggio americana che avrebbe nel consolato Usa di Francoforte la base sotto copertura del suo servizio di hacker che si occupa del cyberspionaggio in Europa, Medio Oriente e Africa.

Un aspetto che potrebbe mettere in difficoltà Donald Trump, che si appresta il prossimo 14 marzo ad accogliere alla Casa Bianca Angela Merkel. I cui rapporti con Barack Obama si incrinarono proprio per motivi di spionaggio, dopo che il ‘datagate’ svelò come la Nsa controllava i telefoni della cancelliera tedesca e di altri leader alleati.

Intanto Mosca non perde l’occasione per attaccare Washington: le rivelazioni di Wikileaks sono l’ennesima dimostrazione di come gli Stati Uniti “si tengono sempre delle carte da giocare in tasca senza mostrarle sul tavolo” e di come “accusano gli altri di cose che loro fanno normalmente”, afferma una fonte del governo all’ANSA: “Washington – sottolinea – dà lezioni a tutti tranne che a sè stessa”.

L’organizzazione fondata e guidata da Juliane Assange ha pubblicato oltre 8 mila file ‘rubati’ alla Cia, che rischiano di scatenare una bufera attorno alla più popolare agenzia di spionaggio Usa. Di sicuro un altro durissimo colpo all’intelligence americana, dopo gli scandali degli ultimi anni seguiti alle rivelazioni prima dell’ex soldato Chelsea Manning e poi dell’ex contractor Edward Snowden, che tanto in imbarazzo misero l’amministrazione Obama.

Del resto per WikiLeaks la nuova valanga di informazioni riversata online potrebbe essere solo punta di un iceberg. Perché – è l’allarme lanciato da Assange – la Cia ha perso il controllo di gran parte del suo cyber-arsenale, col rischio di una proliferazione incontrollata di malware, virus e ‘cavalli di troia’ che possono finire in mano a stati rivali, cyber mafie e hacker di ogni tipo, pronti a violare l’archivio dell’agenzia di Langley.

“Una volta che una singola cyber-arma viene persa – spiega WikiLeaks – può diffondersi in tutto il mondo in pochi secondi”. A colpire di più tra le migliaia di documenti postati è per ora il programma ‘Weeping Angel’. “E’ in grado di infestare le smart tv – spiega l’organizzazione di Assange – trasformandole in microfoni”.

In particolare, “le tv attaccate vengono messe in modalità Fake Off” dal programma segreto, “in modo che il proprietario pensi che la tv sia spenta”. In realtà l’apparecchio registra le conversazioni nella stanza e le invia al server della Cia.

Un’azione “illegale” per WikiLeaks, che oltrepassa il suo mandato e i suoi poteri. Così come il controllo su smartphone, chat e social media che – sottolinea l’organizzazione – ha messo in pericolo top manager dell’industria, membri del Congresso, il governo e persino l’account Twitter del presidente Trump.

Inoltre viene fuori che nell’ottobre 2014 la Cia ha anche valutato di infestare con le sue ‘cyber-weapons’ i sofisticati sistemi di controllo usati sulle auto e sui veicoli pesanti di ultima generazione. Insomma, secondo WikiLeaks il quadro che emerge è quello di una Cia che avrebbe creato segretamente al suo interno “una sua propria Nsa”, ma con meno responsabilità e senza dover rispondere pubblicamente su come spende le ingenti risorse che finiscono nelle sue casse. Svolgendo alcune delle attività tipicamente assegnate alla National Security Agency. Un ‘doppione’ che dovrà essere in qualche modo spiegato.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

21:43Calcio: serie B, Cremonese-Brescia 2-0

(ANSA) - CREMONA, 20 OTT - La Cremonese vince il derby con il Brescia 2-0 e si porta momentaneamente a un punto dalla vetta. Successo meritato da parte dei grigiorossi che con un gol per tempo regolano i biancazzurri. Primo tempo denso di emozioni con il Brescia più vivace in avvio con Somma che colpisce il palo con un destro da fuori area. La Cremonese risponde poco dopo con un cross da destra di Almici deviato da Meccariello degli ospiti che colpisce in pieno la traversa. La Cremonese è più intraprendente e al 29' si presenta a tu per tu con il portiere del Brescia ma da due passi Mokulu calcia fuori. Il gol è nell'aria e arriva al 37' con una meravigliosa azione personale di Piccolo culminata con un diagonale perfetto. La Cremonese raddoppia nel secondo tempo con Claiton di testa su un corner di Piccolo da sinistra al 24'.

21:40Legale ex moglie Della Noce, sul lastrico per colpe sue

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Non è stata la separazione dalla moglie a gettare sul lastrico Matteo Della Noce, l'ex comico della trasmissione Zelig che da alcuni giorni non ha altra casa che la sua macchina: a precisarlo è l'avvocato Andrea Natale, legale della ex moglie, che accusa Della Noce di aver rilasciato "molte dichiarazioni che non corrispondono a verità". L'avvocato ricorda che la separazione è avvenuta nel 2007 e dal 2013 Della Noce ha smesso di dare "qualsiasi tipo di contribuzione" per il mantenimento dei figli e che "per oltre 12 anni ha avuto un'altra relazione affettiva, dalla quale è nata una terza figlia". "L'attore - spiega l'avvocato - irresponsabilmente ha sperperato quanto accumulato nei momenti più felici della propria carriera per ragioni che nulla hanno a che vedere con la separazione" e "anche nel momento in cui era all'apice della propria carriera, è sempre stato 'restio' ad adempiere ai propri obblighi di mantenimento dei figli".

21:18Calcio: Pallotta, club responsabili per pochi idioti

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "La cosa frustrante è che a volte negli stadi è sufficiente che un paio di elementi facciano qualcosa di stupido affinché questo poi, purtroppo, si rifletta negativamente sul 99,9% delle persone che non la pensa in quel modo e non farebbe mai qualcosa del genere. Sono episodi gravi e deplorevoli sempre e comunque, a prescindere da quello che possa essersi verificato l'altro giorno, il mio è un discorso di carattere generale. Dispiace che i club siano ritenuti responsabili per le azioni di pochi idioti in giro per il mondo". Così James Pallotta, presidente della Roma, alla radio americana 'SiriusXM' dopo la decisione dell'Uefa di aprire un fascicolo d'inchiesta per alcuni presunti cori a sfondo razzista dei tifosi giallorossi a Londra durante la partita di Champions League col Chelsea. Da Trigoria fanno sapere che dagli audio analizzati non si riscontrano tali cori e che, soprattutto, né l'arbitro dell'incontro né il delegato Uefa hanno segnalato nulla in merito.

21:07Referendum: Zaia, veneti non hanno più anello al naso

(ANSA) - VENEZIA, 20 OTT - "La gestione di questo paese è stata una gestione centralista e assistenzialista che ha devastato i conti pubblici. E quindi fanno paura i veneti che vanno al voto. Sa perché? Perché quei mezzadri veneti che per Roma hanno l'anello al naso, non ci stanno più con l'anello al naso. È l'ora del riscatto dei veneti". Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, intervistato da '24Mattino' su radio 24. "È l'ora di dimostrare - ha aggiunto - che noi siamo rispettosi della Costituzione. Ma bisogna dare più Stato per chi vuole più Stato, come la Sicilia, che non riesce a incassare 52 miliardi di tasse ed è evidente che ha bisogno di più Stato perché l'autonomia la gestisce male, e meno Stato dove ci vuole meno Stato".

21:02Diritti tv: Lotti, in manovra nuove norme su risorse a club

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 20 OTT - Con la legge di Bilancio, le risorse dei diritti tv saranno ripartite tra i club di calcio di serie A in base a criteri nuovi, che assicurano anche maggiore "equità" e portano dal 40 al 50% la percentuale da distribuire in parti uguali tra tutte le società. Lo ha sottolineato il ministro dello Sport, Luca Lotti, in occasione del convegno dei Giovani di Confindustria. "La legge Melandri aveva stabilito che il 40% della distribuzione dei diritti televisivi era in parti uguali, ora la percentuale è elevata al 50%", ha affermato. Per l'altro 50% "i criteri, prima considerati non misurabili, oggi hanno dei parametri fissi: quello dei punti in classifica e dei campionati degli ultimi cinque anni. Credo che anche le società più piccole - ha detto Lotti - saranno contente di apprezzare una redistribuzione in termini più meritocratici" e allo stesso tempo "c'è una fetta della percentuale di ripartizione in parti uguali che aumenta".

21:02Calcio: Benevento, Di Chiara torna ad allenarsi

(ANSA) - BENEVENTO, 20 OTT - Si è allenato regolarmente nella seduta odierna, presso il centro sportivo di Paduli, l'esterno difensivo del Benevento Gianluca Di Chiara, che mercoledì scorso aveva accusato un lieve malore. Il calciatore, che ha 23 anni, ha svolto una serie di esami e accertamenti presso il centro Coni di Roma e non sarebbero stati riscontrati problemi. Di Chiara potrebbe quindi essere tra i convocati dall'allenatore Baroni per l'incontro contro la Fiorentina di domenica.

21:02Incendio Como: morta anche la quarta bimba

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - E' morta in serata all'ospedale Buzzi di Milano la bimba di 5 anni rimasta coinvolta nell' incendio stamani in un'abitazione di Como e che sarebbe stato appiccato dal padre, morto nelle fiamme con altri tre figli. La bimba era stata portata in un primo momento all'ospedale di Cantù (Como) e dopo alcune ore è stata trasferita in ambulanza all'ospedale Buzzi di Milano dove è morta nonostante i tentativi di salvarle la vita. In mattinata la bambina aveva dato qualche segno di ripresa, ma, purtroppo, ogni cura è stata inutile. Sale quindi a cinque il bilancio delle vittime: il padre, che dovrebbe essere l'autore dell'incendio e i suoi quattro figli di 3, 5, 6 e 11 anni.

Archivio Ultima ora