Mattarella: “Serve convincimento e concordia tra le istituzioni”

Pubblicato il 08 marzo 2017 da ansa

Mattarella con la Presidente della Camera, Laura Boldrini, e l’allora Presidente Vicaria del Senato, Valeria Fedeli in occasione della cerimonia di giuramento
————————————————————————

ROMA. – Dopo le sciabolate referendarie, ora tacciano le armi. Si passi dalla logica delle contrapposizioni cristallizzate al dialogo, dagli strappi da colpi di fiducia alla fase del “convincimento” reciproco, della concordia tra le istituzioni. Sergio Mattarella inserisce un solo passaggio politico nel suo intervento in occasione della Giornata internazionale della donna, ma non è casuale. Sintetizza buona parte delle sue riflessioni di queste settimane e riverbera le personali preoccupazioni per il futuro prossimo.

“Di pace abbiamo bisogno anche nelle nostre strade, nei nostri quartieri, nelle nostre scuole, persino nelle nostre istituzioni”, sottolinea il presidente della Repubblica nel suo discorso al Quirinale dedicato al ruolo delle donne per la pace. Ma se la conflittualità delle forze politiche è sempre stata letta come fisiologica in alcuni passaggi politici questa non può essere permanente.

L’orizzonte si allunga verso la fine naturale della legislatura e il Colle vuole evitare che si perdano di vista due concetti. Il primo è non dimenticare che il Governo Gentiloni è in carica, ha una solida maggioranza e ora deve accelerare. Tra economia e scadenze internazionali non ci si può rilassare: è la naturale prosecuzione di quello di Matteo Renzi e il percorso riformatore deve essere portato avanti.

Si potrebbero quasi usare le parole del potente ministro dell’economia tedesco Wolfgang Schaeuble – “la strada delle riforme di Matteo Renzi e portata avanti da Gentiloni è quella giusta” – per far capire quali e quante siano le attese esterne sulle mosse del nostro Paese. Il secondo riguarda l’armonizzazione delle due leggi elettorali costruite dalla Consulta, sulla cui indispensabilità Mattarella si è espresso con estrema chiarezza nel momento dell’incarico a Paolo Gentiloni. Caricando le forze politiche di un dovere ineludibile.

Il presidente della Repubblica, sia chiaro, non sarà mai “attore” nel lavoro di preparazione di una nuova legge elettorale, non esprime preferenze personali per un sistema o per l’altro ma certamente vigila affinchè sia garantita omogeneità tra il voto per la Camera e quello per il Senato. Condizione questa ineludibile per la futura governabilità dell’Italia.

Sulla politica estera poi la sintonia tra Mattarella e Gentiloni è totale. Così come la consapevolezza che in questi mesi si stia giocando una partita decisiva per la tenuta dell’Unione europea. E, in prospettiva, una sfida altrettanto fondamentale, tra vittoria o sconfitta di populismi e nazionalismi protezionisti.

Per questo al Quirinale nella consueta colazione che precede i Consigli europei Mattarella ha ricevuto mezzo Governo. E l’attenzione si è concentrata sulle celebrazioni del trattato di Roma che il 25 marzo riuniranno nella capitale i leader dei 27.

Deve essere “un’occasione importante di rilancio dell’Unione”, è il mantra dell’iniziativa. Che si preannuncia complessa alla ricerca di un documento da sottoscrivere a 27 che dovrebbe anche impostare un’Europa a due velocità che non a tutti piace. Ecco perchè l’Italia deve essere stabile e decisa, propositiva come tocca a uno dei Paesi fondatori della Ue.

Bisogna quindi dare segnali esterni di movimento interno, per dimostrare in patria e all’estero che il sistema-Italia non è bloccato. Questo è il presente, propedeutico per il futuro prossimo. Cioè il 2018 quando, salvo sorprese, nascerà una nuova legislatura. E un presidente della Repubblica certo non vuole vederla nascere già morta.

Per questo sulla legge elettorale il Quirinale non scherza: non si puo’ decidere la rotta del Paese sulla base di due sentenze della Consulta, organo non legiferante. Il perdurare dell’ingovernabilità sarebbe una catastrofe.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

16:35Nozze gay: piloti Apache dicono sì

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - Alta uniforme e sciabole: due capitani dell'esercito americano si sono sposati a West Point nel primo matrimonio gay di due militari in servizio attivo celebrato nella storica accademia da cui escono i vertici delle forze armate Usa. Daniel Hall, 30 anni, e Vincent Franchino, 26, si erano conosciuti nel 2009, quando erano cadetti e all'epoca in cui era ancora in vigore il compromesso del "non chiedere, non dire" inaugurato sotto Bill Clinton. I due capitani, che pilotano elicotteri Apache, hanno pronunciato il 'fatidico sì nella cappella neogotica di West Point davanti a 150 parenti e amici, molti dei quali militari in divisa. Il New York Times ha raccontato la loro storia sotto i titolo: "For the Love of the Country and Each Other", per amore della Patria e l'uno dell'altro.

16:29Londra, la fuga di gas per rottura tubo

(ANSA) - LONDRA, 23 GEN - E' stata identificata la rottura di una tubatura che oggi ha provocato una fuga di gas a Londra con conseguente evacuazione di circa 1450 persone dalla zona attorno a Charing Cross, nel centro della capitale britannica. Lo riferiscono i vigili del fuoco, che sono in queste ore al lavoro con i tecnici per cercare di riparare il guasto "quanto prima possibile". Al momento non sono segnalati timori per la salute pubblica, al di là dell'odore e della presenza di gas nell'aria nella zona attualmente cordonata dalla polizia, che si estende fino quasi a Trafalgar Square. Mentre proseguono i disagi e il caos al traffico si ripercuote su diverse aeree della città. Le stazioni di Charing Cross e Waterloo East restano chiuse, i servizi della metropolitana sono dirottati su altre linee. Inoltre, deviazioni e intasamenti si registrano per la circolazione dei bus e delle automobili.

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

Archivio Ultima ora