Alitalia stringe sul piano di rilancio,verso tagli da un miliardo

Pubblicato il 13 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Ultimi giorni di lavoro sul piano di rilancio di Alitalia. Il consiglio di amministrazione tornerà a riunirsi a breve, probabilmente mercoledì, per dare il via libera definitivo al piano che punta a far ripartire la compagnia attraverso un ripensamento del business e ad un sforbiciata ai costi nell’ordine di un miliardo di euro solo per i primi tre anni.

Per attuarlo al meglio si punta anche ad una riorganizzazione del management, con un tandem al vertice della compagnia: l’amministratore delegato Cramer Ball dovrebbe essere affiancato da Luigi Gubitosi (probabilmente nel ruolo di presidente esecutivo), il cui arrivo potrebbe essere deciso nel prossimo board.

Il piano, che il consiglio della scorsa settimana, ha definito “serio e realistico”, ha l’ambizioso compito di far ridecollare una compagnia che, nonostante l’accordo da 1,758 miliardi di euro di due anni e mezzo fa con Etihad per ristrutturare la compagnia italiana e riportarla all’utile quest’anno, ha archiviato il 2016 con una perdita stimata intorno al mezzo miliardo e si trova ora a fare i conti con una liquidità sufficiente per uno al massimo due mesi.

La manovra, che dovrebbe valere tra 900 milioni e 1,2 miliardi in 5 anni, ridisegna il modello business, dividendo la compagnia in due: una ‘divisione’per il lungo raggio ed una con una formula ‘ibrida’ sul breve e medio raggio. Il piano si sviluppa sul doppio binario dell’aumento dei ricavi e del taglio dei costi.

In particolare su quest’ultimo fronte la sforbiciata potrebbe arrivare fino ad un miliardo entro il 2019, come indicato dal Wall Street Journal. Una cifra che comprenderebbe anche i risparmi derivanti dal costo del personale, attraverso la rinegoziazione del contratto di lavoro e il taglio di posti di lavoro. Questa voce però finora non è stata conteggiata, perché sarà oggetto della trattativa con i sindacati.

Sulla riduzione dei costi (escluso il costo del lavoro) l’a.d. Ball ha annunciato a gennaio di aver identificato 160 milioni di tagli per il 2017, cifra che ora, dopo le richieste delle banche, potrebbe lievitare fino a 190 milioni. Nell’arco di piano la riduzione dei costi potrebbe arrivare a regime a circa 300-320 milioni.

Tutti numeri cui andranno aggiunti i risparmi sul costo del personale. Su questo aspettano alla finestra i sindacati, che dovranno rinegoziare con l’azienda il nuovo contratto e trattare sul delicato tema degli esuberi, che indiscrezioni quantificano tra 1.600 e 2.000. A loro il piano verrà presentato probabilmente la prossima settimana, dopo che sarà stato presentato al Governo, che il 9 gennaio scorso aveva concesso 2-3 settimane all’azienda per un piano “dettagliato e condiviso”.

Intanto continua la polemica sulla decisione della compagnia di interrompere dal 27 marzo le operazioni su Reggio Calabria. A fianco dei calabresi si schiera il presidente dell’Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro, che avverte: “Una città metropolitana non può essere isolata dal resto del Paese. Senza collegamenti efficienti, senza infrastrutture non può esserci sviluppo”.

Ball in una lettera inviata venerdì ai dipendenti spiega che “non sono decisioni prese a cuor leggero”, ma questi voli “producono ingenti perdite” e “per molti mesi abbiamo dialogato con le autorità del territorio” senza trovare una soluzione. Ball ribadisce comunque la disponibilità a valutare con le competenti autorità “nuovi scenari che consentano di ripristinare in maniera sostenibile i voli”.

(di Enrica Piovan/ANSA)

Ultima ora

02:25Ballottaggi: Giordani vince a Padova, Sboarina a Verona

(ANSA) - VENEZIA, 26 GIU - Il centrodestra si riprende Verona, che chiude così l'era di Flavio Tosi, il centrosinistra Padova, che lascia fuori di Palazzo Moroni il leghista Massimo Bitonci. Federico Sboarina, candidato di Fi e Lega, è il nuovo sindaco della città scaligera, dove con il 57,9% dei consensi ha battuto la candidata, e compagna di Tosi, Patrizia Bisinella (42,1%), che al secondo turno godeva anche dell'appoggio del Pd. Un ribaltone simbolico se letto attraverso la lente leghista, dato che Verona era una delle città su cui puntava per il successo il leader del Carroccio, Salvini, acerrimo avversario dell'ex leghista Tosi. A Padova vince il candidato 'civico' dei Dem Sergio Giordani, che, che grazie all'apporto fondamentale della 'Coalizione Civica' di Arturo Lorenzoni, strappa la poltrona di sindaco alla Lega, defenestrato dalla sua maggioranza nel novembre 2016. Giordani, imprenditore, ha conquistato il 51,8% dei voti del ballottaggio; Bitonci si è fermato al 48,2%.

00:39Comunali: Catanzaro, Abramo sindaco per la quarta volta

(ANSA) - CATANZARO, 25 GIU - É quasi certo un quarto mandato come sindaco di Catanzaro per Sergio Abramo, 59 anni, del centrodestra, imprenditore, sostenuto da sei liste. Exit poll e proiezioni gli attribuiscono una percentuale del 65,5%, nettamente superiore rispetto a quella del suo concorrente, Vincenzo Antonio Ciconte, 62 anni, del centrosinistra, appoggiato da 11 liste, per il quale il risultato che si profila é il 34,5%. Abramo, che al primo turno aveva ottenuto il 39,72%, é il sindaco uscente ed era stato primo cittadino a Catanzaro dal 1997 al 2005. Vincenzo Antonio Ciconte, primario cardiologo, che l'11 giugno aveva ottenuto il 31,04%, é stato sostenuto da 11 liste. "Il centrodestra - ha detto a caldo Abramo - quando é unito e riesce anche a rinnovare, con 7 donne che entreranno in Consiglio con la mia elezione, diventa vincente. A Catanzaro abbiamo sbaragliato Pd e 5 stelle". (ANSA).

00:37Ballottaggi: Italia, ha votato il 46,03%

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - E' stata del 46,03% l'affluenza alle urne rilevata alle 23, alla chiusura dei seggi per i ballottaggi in 103 comuni chiamati al voto (il dato diffuso dal Viminale non tiene conto delle comunali in corso in Friuli Venezia Giulia e Sicilia). Al primo turno, alle ore 23, la percentuale dei votanti era stata del 58%.

00:19Calcio: Donnarumma, ‘attacco hacker, chiudo profili social’

(ANSA) - MILANO, 25 GIU - Si aggiunge un nuovo mistero sul caso Donnarumma. Il portiere del Milan annuncia di aver subito un "attacco hacker" sui propri account e di aver deciso quindi "di chiudere i social". Donnarumma aveva poco prima affidato a Instagram i suoi pensieri, aprendo alla possibilità di "rinnovare il contratto con il Milan" dopo gli Europei Under21, mentre nel pomeriggio aveva scritto un post su Twitter, spazzando via le voci su presunti screzi con il suo agente Mino Raiola, che a sua volta sempre su Twitter in serata aveva scritto in inglese: "Donnarumma x Haters 1-0. E adesso?" Il Milan per ora rimanda al giocatore ogni tipo di delucidazione.

00:19Ballottaggi:a Oristano vince l’astensione con il 44% votanti

(ANSA) - ORISTANO, 25 GIU - Crollo verticale dell'affluenza, in calo di quasi 20 punti, ad Oristano nel secondo turno delle elezioni amministrative. La percentuale di votanti alla chiusura dei seggi si ferma, infatti, al 43,9% rispetto al 61,9% del primo turno. (ANSA).

00:00Exit poll, avanza il centrodestra

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - I primi exit poll sembrano premiare il centrodestra ai ballottaggi delle Comunali segnati da una forte astensione. Lo schieramento è in testa a Genova, dove Emg per La7 attribuisce a Bucci tra il 50,5 e il 54,5% contro il 45,5-49,5% di Vincenzo Crivello del centrosinistra, a Catanzaro dove Piepoli/Rai dà Abramo avanti ad oltre il 56% contro il 40-44% di Vincenzo Antonio Ciconte del centrosinistra, a Verona dove il candidato sindaco Federico Sboarina (centrodestra) è al 52-56% contro Patrizia Bisinella (lista civica) al 44-48%. Il centrosinistra è avanti a Taranto, dove il candidato sindaco Rinaldo Melucci (centrosinistra) è al 49-53% su Stefania Baldassarri (centrodestra) al 47-51%. A Parma il sindaco Federico Pizzarotti (lista civica, ex Cinquestelle) è al 56,5-60,5% contro Paolo Scarpa (centrosinistra) al 39,5-43,5%. A L'Aquila è testa a testa tra i candidati sindaco Americo Di Benedetto (centrosinistra) e Pierluigi Biondi (centrodestra), entrambi al 48-52%.

23:32Ballottaggi: alle 23 chiusi regolarmente i seggi elettorali

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Si sono chiusi regolarmente alle 23 i seggi in 101 comuni nelle Regioni a statuto ordinario e in 10 nelle Regioni a statuto speciale per il turno di ballottaggio per l'elezione dei sindaci. Sono in totale 4.304.739 gli elettori, di cui 2.054.516 maschi e 2.250.223 femmine, e 5.184 le sezioni elettorali. Ventidue i capoluoghi interessati in questa tornata: Genova, Catanzaro, L'Aquila, Alessandria, Asti, Belluno, Como, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani. Subito dopo l'accertamento del numero dei votanti, inizierà lo spoglio delle schede. (ANSA).

Archivio Ultima ora