A New York la mostra fotografica “The Great Beauty – Cinque fotografi e la città di Roma”

Pubblicato il 15 marzo 2017 da redazione

NEW YORK – L’Istituto Italiano di Cultura ospiterà dal 16 marzo al 13 aprile la mostra intitolata “The Great Beauty (La Grande Bellezza) – Cinque fotografi e la città di Roma”, che raccoglie scatti di Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Marco Delogu e Paolo Ventura, e quelli del newyorkese, Leo Rubinfien.

Tutti hanno partecipato al Festival internazionale di fotografia che si svolge ogni anno a Roma e nel cui ambito viene commissionato ad un fotografo un progetto sulla città. Ciascun artista ha dato al progetto la sua cifra stilistica e la propria identità, ma le foto esposte sono state scelte per la comune sensibilità che mostrano verso la bellezza della capitale d’Italia.

Roma è una città dal fascino millenario e fotografarla è difficilissimo, perché il rischio di cadere nel cliché della cartolina pittoresca è sempre presente, e il confronto con opere di incredibile fattura e di infinita bellezza crea una sorta di “veleno” immobilizzante.

Olivo Barbieri sceglie di volare (Roma del 2004 è il suo primo lavoro dal cielo) per avere punti di vista stranianti e mai uguali, effetto raddoppiato dall’uso del fuoco selettivo che rende tutto un piccolo modellino; Gabriele Basilico percorre il fiume Tevere, uno dei principali motivi della nascita della città, fotografando l’acqua e le due rive e concentrandosi molto sull’Isola Tiberina; Marco Delogu sceglie la notte, senza persone, macchine, voci, luci artificiali, e aspetta la luna piena che illumini, come migliaia di anni fa, monumenti antichi e recenti; Paolo Ventura ricostruisce in studio modelli della sua visione di Roma, inventando il viaggio di uno zuavo senza tempo che scompare in città.

Quattro visioni d’autore alle quali si collega lo sguardo di Leo Rubenfien che nel 2016 ha iniziato la sua «commissione Roma», un progetto che parte dalla città eterna per indagare le visioni della globalizzazione e di cui vengono mostrate per la prima volta tre immagini.

La mostra è a cura di Marco Delogu e sarà aperta dalle ore 18 alle ore 20; l’ingresso è libero.

Ultima ora

02:22Corea Nord: Usa, missile esploso in volo, non era minaccia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 APR - Il missile lanciato dalla Corea del Nord è esploso in volo sopra la terraferma, non è uscito dal territorio nordcoreano e quindi non ha rappresentato una minaccia per l'America del nord: lo afferma il comando Usa del Pacifico. Il lancio è avvenuto dalla base di Pukchang, nella Corea del nord e non ha neanche raggiunto il Mar del Giappone, secondo quanto riferiscono dirigenti Usa citati dalla Cnn. Secondo questi, il missile era probabilmente un vettore balistico di medio raggio del tipo Kn-17 il cui volo sarebbe durato solo 30-40 chilometri. ''La Corea del nord ha mancato di rispetto agli auspici della Cina e al suo altamente rispettato presidente lanciando oggi, anche se senza successo, un missile. Male!'': ha twittato Donald Trump subito dopo essere stato informato. Secondo alcuni media, che citano fonti della Casa Bianca, l'amministrazione Trump potrebbe comunque accelerare l'ipotesi di nuove sanzioni o decidere ulteriori esercitazioni navali o l'invio di aerei o navi come prova di forza.

01:14Spara ai Cc e si barrica in casa, poi anziano si arrende

(ANSA) - RAVENNA, 29 APR - Si è arreso l'uomo di 86 anni che nella serata di venerdì si era barricato con un fucile nella sua villetta a Bagnacavallo, nel ravennate, dopo avere sparato alcuni colpi contro i carabinieri che si erano recati all'abitazione per rintracciare la sua badante e che sono rimasti illesi. L'epilogo è giunto grazie all'intervento di un negoziatore del comando provinciale dell'Arma, che ha suggerito come comportarsi ad un parente che poi 'traduceva' in dialetto romagnolo all'anziano, in questo modo rassicurandolo. L'86enne a quel punto si è convinto a uscire e ad arrendersi ai militari. Sono ancora al vaglio le ragioni del suo gesto.

00:36Afghanistan: Pentagono, forse ucciso capo Isis locale

(ANSA) - WASHINGTON, 28 APR - Il Pentagono ritiene che Abdul Hasib, considerato il capo dell'Isis nel Paese, possa essere stato ucciso durante una operazione in Afghanistan nel quale sono morti anche due militari americani, probabilmente vittime di 'fuoco amico'. Insieme ad Hasib sarebbero stati uccisi "diversi alti responsabili dell'Isis e di Khorassan, la sua filiale locale'' e "sino a 35 militanti", secondo fonti del Pentagono.

00:33Iraq: forte esplosione nel centro Baghdad, almeno 4 morti

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Una fortissima esplosione ha scosso il centro di Baghdad, nel quartiere Karrada. Lo riferisce Al Arabiya in un tweet. Secondo i tweet di alcuni testimoni, ci sarebbero delle vittime e molte auto distrutte. Secondo fonti della polizia nell'esplosione, avvenuta vicino ad un comando di polizia, hanno perso la vita almeno 4 persone e altre otto sono rimaste ferite.

00:30Corea Nord lancia missile, ‘fallito’

(ANSA) - ROMA, 29 APR - I militari della Corea del Sud hanno confermato l'avvenuto lancio di un missile balistico da parte della Corea del Nord. Lo riporta l'agenzia sudcoreana Yonhap. Il lancio, secondo lo stato maggiore interforze sudcoreano citato da Yonhap, è avvenuto da poco a nord di Pyongyang, nelle prime ore del mattino. Il tipo di missile e il suo raggio d'azione, secondo i militari di Seul, non sono stati ancora identificati. Secondo quanto rilevato dai militari della Corea del Sud, il lancio di un missile balistico da parte di Pyongyang sarebbe fallito, pochi secondo dopo il decollo. "La Corea del Nord ha lanciato un missile non identificato da un sito nelle vicinanze di Bukchang, nella provincia meridionale di Pyongyang, in direzione nord-est alle 5:30 di oggi", dichiara il capo di stato maggiore interforze di (Jcs) Seul citato dall'agenzia Yonhap. "Si stima che (il lancio) sia fallito", aggiunge il comunicato del Jcs.

00:07Juve: Dybala “Il campionato non è finito per niente”

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Siamo un po' rammaricati anche per il primo tempo che abbiamo fatto, dove siamo stati troppo leziosi. Nel secondo tempo siamo migliorati ma torniamo a casa amareggiati. Il campionato non è per niente finito, se avessimo vinto avremmo mandato un grosso messaggio alla Roma. Per questo volevamo vincere". Così Paulo Dybala a Premium dopo il pareggio della Juve a Bergamo. "Distratti dalla sfida col Monaco? No, sapevamo che l'Atalanta qui ha sempre fatto bene. Dovevamo fare di più ma al Monaco penseremo da domani. Questo è punto importante ma noi volevamo vincere. Allegri e Buffon hanno detto che potrò essere tra i primi tre al mondo? Non sento pressione. Loro mi vogliono bene e pensano questo. Sono contento ma io penso solo a giocare e a fare bene per la squadra".

23:41Calcio: Allegri “Commessi errori non da Juventus”

(ANSA) - ROMA, 28 APR - A Massimiliano Allegri il pari di Bergamo non va giù e a Premium Sport non nasconde l'amarezza: "A un minuto dalla fine eravamo in vantaggio e non abbiamo vinto. Bastava restare attaccati alla gara ma siamo stati scollegati, abbiamo subito nel primo tempo ma una volta ribaltata dovevamo chiuderla - spiega il tecnico della Juventus - La Juventus di solito non prende mai gol in quel modo. Questo è un segnale di questo match che abbiamo giocato a fasi alterne. Abbiamo allungato di un punto sulla Roma e ora dovremo fare altre vittorie. Gli scudetti si vincono sempre alla fine, la squadra ha fatto 84 punti, possiamo arrivare a 96 punti e stiamo facendo un percorso importante. Avessimo vinto stasera avremmo dato un colpo decisivo al campionato. Questa partita ci servirà per capire come sarà la partita con il Monaco che gioca in maniera simile all'Atalanta".

Archivio Ultima ora