L’inflazione rialza la testa, ripartono i consumi

Pubblicato il 15 marzo 2017 da ansa

ROMA. – I consumi a gennaio crescono come non facevano da cinque anni e i prezzi accelerano, con un tasso d’inflazione che sale all’1,6% a febbraio, il livello più alto dal 2013. Alla luce degli ultimi dati Istat, la deflazione si allontana.

L’istituto di statistica ha rivisto al rialzo le stime preliminari sulla crescita dei prezzi nel secondo mese dell’anno e ha accorciato le distanze dal resto dell’Eurozona, dove le stime flash Eurostat hanno registrato un tasso di inflazione del 2%, in linea con gli obiettivi della Banca centrale europea.

Come a gennaio, il ritorno dell’inflazione è dovuto soprattutto all’impennata dei prezzi di frutta e verdura a causa del maltempo, con i vegetali freschi che segnano un record storico (+37,2%). Contribuiscono poi i rincari dei carburanti e degli altri beni energetici e quelli dei trasporti, a partire dai biglietti aerei.

Ne deriva una stangata per i cittadini, come denunciano le associazioni dei consumatori: secondo Federconsumatori e Adusbef il costo della vita di una famiglia media è aumentato in un anno di 474 euro. Il Codacons aggiunge che la sola spesa alimentare, una delle più difficile da ridurre, è salita di 201 euro, mentre l’Unione nazionale consumatori osserva che per una famiglia di quattro persone la batosta raggiunge 608 euro.

Del resto i prezzi del cosiddetto ‘carrello della spesa’ sono cresciuti del 3,1% da febbraio 2016, il balzo maggiore da otto anni a questa parte.

Se pesa sulle tasche degli italiani, il ritorno dell’inflazione ha anche un aspetto positivo perché aiuta la sostenibilità del debito pubblico, che viene calcolata in rapporto al Pil nominale, al lordo della dinamica dei prezzi. Per questo motivo l’uscita dalla deflazione è una buona notizia per la gestione del debito italiano che, a gennaio è tornato a crescere di 32,7 miliardi, raggiungendo quota 2.250,4.

Mentre l’inflazione riparte, le vendite al dettaglio si prendono una rivincita, a gennaio, rispetto ai magri risultati di dicembre, con un aumento del 1,4% in valore e dell’1,1% in volume su base mensile. Il confronto con gennaio 2016, però, rimane negativo con un calo dello 0,1% in valore e dell’1% in volume, e dai progressi sono esclusi i piccoli negozi, ancora in crisi.

Il centro studi di Confcommercio parla di un “segnale positivo da confermare”, mentre Confesercenti afferma che crescono “solo grande distribuzione e outlet” e che lo slancio di gennaio è dovuto allo spostamento degli acquisti eccezionali legati alla tredicesima dal Natale alla stagione dei saldi. In questo contesto, secondo il presidente di Federdistribuzione, Giovanni Cobolli Gigli, “l’impennata dell’inflazione rischia di produrre un effetto psicologico sugli acquisti, frenandoli ulteriormente”.

(di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora