Addio a voucher e referendum. Gentiloni: “Ora nuove norme “

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni (S) e il ministro del Lavoro Giuliano Poletti a Palazzo Chigi durante la conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri, Roma, 17 marzo 2017. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Addio ai voucher e al referendum, in coppia con il quesito sugli appalti, promosso dalla Cgil, che incassa il successo. Il consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge che cancella i buoni lavoro – quelli già acquistati fino all’entrata in vigore saranno utilizzabili fino al 31 dicembre 2017 – e ripristina “integralmente” la responsabilità solidale del committente con l’appaltatore e gli eventuali subappaltatori per garantire le tutele dei lavoratori.

I due temi oggetto del referendum convocato il 28 maggio e destinato così a saltare. L’ultima parola sarà comunque della Cassazione, a cui spetta la decisione ufficiale e finale. “Nel momento in cui sarà legge, lo considereremo un grande risultato” visto che quello tracciato dal decreto è “esattamente l’obiettivo che ci siamo proposti con i quesiti referendari”, ha commentato la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso.

Con l’abrogazione dei voucher, il governo si prepara a mettere in campo nuove norme: “Useremo le prossime settimane – ha spiegato il premier Paolo Gentiloni, al termine del Cdm – per una regolazione seria del lavoro saltuario e occasionale”, aprendo “un confronto” con le parti sociali ed il Parlamento.

Perché “avevamo la risposta sbagliata ad una esigenza giusta”, ha detto ancora il presidente del Consiglio spiegando di aver agito “nella consapevolezza” che l’Italia “non aveva certo bisogno nei prossimi mesi di una campagna elettorale” su questi temi e “nella consapevolezza che la decisione è coerente con l’orientamento maturato nelle ultime settimane in Parlamento”.

E, ha proseguito, “dividere il Paese tra chi demonizza i voucher e chi ne voleva circoscrivere i limiti sarebbe stato un errore e un danno per l’Italia”. Così, invece, “si libera il tavolo da una discussione ideologica che non ci avrebbe aiutato e conferma il nostro impegno per regolare in modo moderno e avanzato il mercato del lavoro”.

E’ questo il tema “vero”, ha detto anche il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, rimarcando la linea di azione dell’esecutivo: “Non è previsto un cambio di passo nelle politiche del governo sul lavoro, perché il voucher non era materia del Jobs act”, è “improprio” collegarli, “affrontiamo un tema che doveva essere affrontato”.

Poletti ha respinto anche le voci di chi parla di vittoria per la Cgil e di sconfitta per il governo: “Non era in campo una gara”. E sulla posizione espressa dai ministri di Ap, contraria all’abrogazione dei voucher, il ministro si è limitato a far notare che il decreto “è stato votato”.

Un voto, però, che appunto non trova il pieno consenso né nel fronte politico, né sindacale-imprenditoriale. Anzi. Contrarie si sono dette Confindustria, Confcommercio, Confapi, che hanno parlato di “scelta sbagliata”. Molto critica anche la Cisl, secondo cui la decisione di eliminare i voucher è “tutta politica ed incomprensibile dal punto di vista del merito”. La Uil sottolinea, invece, come occorra subito “trovare una soluzione” per regolare le attività occasionali (per studenti, pensionati, disoccupati) e per questo “ora vogliamo puntare a un accordo con il governo”.

Pronto a dare battaglia il presidente della commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi, che parla di una scelta “gravissima e inaccettabile. Ora decide la Cgil per tutti. Non voterò mai questo decreto”. Con la cancellazione dei voucher “siamo passati dall’abuso indiscriminato a zero per paura della Cgil”, dice il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, e “il risultato è il lavoro nero”.

Un rischio, questo, sottolineato da più parti, da Forza Italia a Scelta civica. No anche dall’ex ministro del Lavoro, Elsa Fornero: “Eliminare i voucher è sbagliato, mi sembra un’operazione dettata dalla paura. La necessità di regolare il lavoro occasionale c’è, con o senza voucher”. Mentre l’M5S parla di “piroetta alla Nureyev” del Governo. Resta in campo il fattore tempo. “Certo noi pensiamo che bisogna convertire presto” il decreto in legge, dice Poletti.

Ultima ora

12:38Calcio:oltraggio e risarcimento agente,Novellino chiude caso

(ANSA) - CROTONE, 29 GIU - Non ci sarà alcun processo a Crotone per l'allenatore Walter Novellino imputato del reato di oltraggio a pubblico ufficiale nel corso di una gara del campionato di calcio di Serie B del 2013. Lo ha deciso il Tribunale di Crotone prendendo atto che il tecnico ha risarcito il danno causato e dichiarando quindi di "non doversi procedere nei confronti di Novellino in ordine al reato per estinzione per intervenuto risarcimento del danno". Il fatto era accaduto il 24 settembre del 2013 nel corso della gara Crotone-Modena valida. L'attuale tecnico dell'Avellino ha scelto la strada del bonario componimento che prevede un risarcimento del danno con l'estinzione del reato.

12:37Moto:al Mugello campionato italiano, Pirro a punteggio pieno

(ANSA) - SCARPERIA (FIRENZE), 29 GIU - Il Campionato italiano velocità di motociclismo torna al Mugello per disputare questo fine settimana i round 5 e 6. Dieci le gare fra sabato e domenica. In superbike, il leader della classifica tricolore Michele Pirro (Ducati) si presenta a punteggio pieno. Proverà a frenare la cavalcata del compagno di marca Lorenzo Zanetti, distanziato in classifica di 31 punti. In moto3 Kevin Zannoni (Ktm) torna al Mugello da leader provvisorio della classe, dopo aver ottenuto la sua prima vittoria in carriera lo scorso anno proprio su questa pista. Infine nella supersport 300 il pilota da battere sarà Luca Bernardi (Yamaha). Questa classe sarà orfana di Simone Mazzola, lo sfortunato pilota caduto rovinosamente nel corso delle prove libere sul circuito di Misano. Il pilota è attualmente ricoverato in una struttura riabilitativa e il Civ, per aiutare lui e la sua famiglia, ha organizzato una lotteria di beneficenza che avrà inizio al Mugello e che si concluderà il 30 luglio

12:32Maltempo: oltre 5000 fulmini su Fvg, a Trieste vento 100 kmh

(ANSA) - TRIESTE, 29 GIU - Oltre 5.000 fulmini si sono abbattuti da ieri pomeriggio sul Friuli Venezia Giulia investito da un'ondata di maltempo con violenti temporali e bufere di vento che hanno causato numerosi allagamenti, cadute di alberi e interruzioni nella circolazione stradale in una trentina di Comuni, compresa Trieste dove, la scorsa notte, il vento ha raggiunto i cento chilometri all'ora. Lo si apprende dalla Protezione civile regionale alla cui centrale operativa sono giunte oltre 500 chiamate. Nelle varie località sono intervenuti più di 250 volontari della Protezione civile, con una settantina di mezzi. La Guardia Costiera ha soccorso due barche a vela con il motore in avaria: una a quattro miglia al largo di Lignano Sabbiadoro (Udine) con tre persone a bordo, e l'altra (con due persone a bordo) bloccata nel canale di accesso al porto di Lignano. I Vigili del fuoco di Trieste la scorsa notte hanno fatto oltre una trentina di interventi in città.

12:24Migranti: sbarco Cagliari, riprese identificazioni in porto

(ANSA) - CAGLIARI, 29 GIU - Sono riprese questa mattina le operazioni di identificazione e le visite mediche dei migranti arrivati ieri al porto di Cagliari. Dei 903 profughi, circa 450 hanno trascorso la notte all'interno del terminal crociere, allestito con brande e lettini da Caritas, Protezione civile e associazioni di volontariato. Gli altri 450 sono stati invece trasferiti nei vari centri di accoglienza sparsi di tutta la Sardegna: 429 rimarranno nel cagliaritano, 273 andranno a Sassari, 117 a Nuoro e 84 a Oristano. Per primi a lasciare il porto sono stati i bambini e le donne, tra queste sei incinte, poi tutti gli altri. Tutte le procedure si stanno svolgendo senza intoppi. I pullman con a bordo i profughi vengono scortati dalla Polizia stradale fino a destinazione, mentre le forze dell'ordine lavorano in porto per le identificazioni. Tutte le operazioni saranno ultimate entro la giornata.

12:21Yara: difesa Bossetti, corpo non in campo per 3 mesi

(ANSA) - MILANO, 29 GIU - La difesa di Massimo Bossetti, condannato all'ergastolo in primo grado per l'omicidio della 13enne Yara Gambirasio, ha prodotto nei motivi aggiunti dell'atto d'appello "una fotografia satellitare scattata il 24 gennaio 2011 che ritrae la zona del campo di Chignolo d'Isola dove successivamente, il 26 febbraio, è stato trovato il corpo della ragazzina, ma il cadavere quel giorno di fine gennaio non era là". A questo punto, spiega il legale Claudio Salvagni, "la sentenza va riscritta, perché l'accusa e i giudici hanno sostenuto che Yara scomparve e venne uccisa il 26 novembre 2010 e il cadavere restò in quel campo per tre mesi". Il nuovo elemento portato dalla difesa del muratore, è stato depositato lo scorso 15 giugno alla Corte d'assise d'appello di Brescia, dove domani inizierà il processo di secondo grado. La foto accompagna la richiesta della difesa di una maxi perizia su più elementi, tra cui il Dna. Come consulente i difensori hanno ora ingaggiato Peter Gill, uno dei 'padri' della genetica forense.

12:19Torino: Spataro, nessun indagato per nostra iniziativa

(ANSA) - TORINO, 29 GIU - "La Procura non ha disposto di propria iniziativa alcuna iscrizione nel registro degli indagati di persone aventi responsabilità istituzionali. Nella ipotesi in cui pervengano all'Ufficio querele-denunce da parte di privati, l'iscrizione dei querelati nel predetto registro costituisce atto dovuto, sia nel loro interesse che dei querelanti, anche perché determina l'inizio del decorso dei termini delle indagini preliminari". Così il procuratore di Torino, Armando Spataro, sui fatti di piazza San Carlo. "Allo stato non sono previsti interrogatori di persone che rivestono pubblici uffici (con connesse responsabilità istituzionali) o altri atti che richiedano la presenza di loro eventuali avvocati", aggiunge a proposito dell'inchiesta. Spataro annuncia che la procura continuerà a fornire informazioni solo attraverso "comunicati stampa nella convinzione che possano servire a favorire la diffusione di notizie affidabili".(ANSA).

12:18Iraq: esercito conquista rovine moschea-simbolo Mosul

(ANSA) - BAGHDAD, 29 GIU - Il comandante dell'offensiva governativa irachena per riconquistare Mosul ha detto che le forze lealiste hanno occupato oggi le rovine della storica moschea Al Nuri, distrutta alcuni giorni fa, da dove nel luglio del 2014 Abu Bakr al Baghdadi proclamò la rinascita del Califfato.

Archivio Ultima ora