Mattarella a Locri: “Prosciugare le paludi della corruzione”

Pubblicato il 19 marzo 2017 da ansa

L’intervento del Presidente Sergio Mattarella in occasione dell’incontro promosso da “Libera.Associazione,Nomi e Numeri contro le mafie” (Dal sito ufficiale del Quirinale)

LOCRI (REGGIO CALABRIA). – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella arriva a Locri per incontrare i familiari delle vittime delle mafie e lancia un monito forte per la lotta alla criminalità organizzata. I mafiosi, dice senza mezzi termini, “non hanno onore” e benché l’Italia abbia fatto passi avanti nel contrasto, “é necessario non fermarsi e prosciugare le paludi dell’inefficienza, dell’arbitrio, del clientelismo, del favoritismo, della corruzione, della mancanza di Stato, che sono l’ambiente naturale in cui le mafie vivono e prosperano”.

Lui, colpito dalla mafia negli affetti più cari con l’omicidio del fratello Piersanti, ucciso a Palermo il 6 gennaio 1980, si trova a parlare a coloro che si trovano nella sua stessa situazione, radunati a Locri per la XXII Giornata della Memoria e dell’impegno, organizzata da Libera di don Ciotti e Avviso pubblico.

Un gesto sottolineato anche dall’ex premier Matteo Renzi: “È bello vedere oggi il Presidente della Repubblica, il Presidente di tutti gli italiani, alla manifestazione di Libera”. E Mattarella, sottolinea Renzi in un post su Facebook, “compie oggi un gesto particolarmente significativo per il Paese ma anche per la sua storia personale. Grazie Presidente Mattarella”.

Seduto al fianco del ministro dell’Interno Marco Minniti, con vicino la presidente della Commissione antimafia Rosy Bindi, il Capo dello Stato ascolta i familiari delle vittime leggere, uno ad uno, i nomi di 950 persone uccise dalle mafie, tra i quali quello di suo fratello.

Tra loro, sottolinea dopo avere preso la parola, ci sono anche “donne e bambini. Sì, tante donne e tanti bambini”. Perché, dice, “i mafiosi non conoscono pietà né umanità. I loro sicari colpiscono, con viltà, persone inermi e disarmate”. È per questo – ed è l’altro monito che lancia dalla Calabria – che “la lotta alle mafie riguarda tutti. Nessuno può pensare di chiamarsene fuori. Lottare contro la mafia – aggiunge – non è soltanto una stringente e doverosa esigenza morale e civile. E’ anche una necessità per tutti”.

E’ una necessità per la società e lo è per lo Stato, “che deve tutelare i diritti dei suoi cittadini e deve veder rispettate ovunque, senza zone franche, legalità e giustizia”. Ed in questa lotta contro le cosche ad ogni latitudine la loro parte la devono fare anche politici ed amministratori, qualunque sia il loro livello, che devono “essere fedeli ai propri doveri e, quindi, impermeabili alle infiltrazioni e alle pressioni mafiose”.

Perché la mafia, tiene a sottolineare il Capo dello Stato, “è ancora forte, è ancora presente”. E controlla attività economiche, legali e illegali, tenta di dominare su pezzi di territorio, cerca di arruolare in ogni ambiente. Da qui la necessità invocata da Mattarella di “azzerare le zone grigie, quelle della complicità, che sono il terreno di coltura di tante trame corruttive”.

Di passi avanti nella lotta alle mafie, comunque, evidenzia Mattarella, l’Italia ne ha fatti molti “seguendo anche l’intuizione di uomini illuminati e spesso vittime delle mafie”. Ed allora, è l’invito del Presidente della Repubblica, “occorre sostenere il lavoro quotidiano, la rettitudine, la professionalità, l’intelligenza di tante donne e uomini dello Stato che, in magistratura e nelle forze dell’ordine, difendono la vita sociale, la libertà personale e familiare, dall’aggressione delle mafie, con prevenzione e repressione”.

Ed infine, rivolto ai familiari delle vittime che lo ascoltano, dice che le loro ferite “sono inferte al corpo di tutta la nostra società, di tutta l’Italia” e che il loro ricordo “rappresenta la base sulla quale costruiamo, giorno dopo giorno, una società più giusta, solidale, integra, pacifica”.

(dell’inviato Alessandro Sgherri/ANSA)

Ultima ora

14:28Nuoto: Paltrinieri, record nei 1500 sl? Ci credo

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Io il record me lo sento da anni, quindi è questione di tempo. Nei 1500 credo di avere ancora tante cose da migliorare, io ci credo anche se non ci penso così tanto. La priorità oggi è continuare a vincere ed essere più forte degli altri". Lo dice il campione olimpico dei 1500 sl Gregorio Paltrinieri, a margine della presentazione di Energy for Swim, una mission benefica a favore dei bambini che l'8 e 9 agosto porterà nella Capitale le nazionali di Usa, Australia e Italia e la selezione Energy Standard Team. La conferenza è avvenuta in concomitanza con la prima giornata del trofeo internazionale Settecolli in cui il nuotatore di Carpi competerà domani nei 1500: "Questo test del Settecolli è importante per provare la tensione di gara con a leti forti. Non sono al 100% ma voglio testarmi, sta andando tutto bene, non vedo l'ora di andare a Budapest", ha confessato l'azzurro che ai mondiali di farà 800 e 1500 per "difendere le medaglie che vinsi nel 2015 e riconfermarmi ai massimi livelli".

14:28Berlusconi, Grillo aveva vizio farsi pagare in nero

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "I Cinque Stelle non hanno né arte né parte. Un movimento che cambia idea su tutto. Beppe Grillo? Un buon comico, col vizio di farsi pagare in nero, circondato di persone che non hanno mai fatto niente, i veri professionisti della politica: gente che prima delle elezioni non faceva niente". E' quanto ha dichiarato Silvio Berlusconi a L'Aria che tira su La7. E sul sindaco di Roma Virginia Raggi ha aggiunto: "Se ne freghi delle inchieste, basta con le inchieste che buttano per aria le decisioni degli elettori. Semmai dovrebbe lasciare per incapacità".

14:26Berlusconi, in governo Salvini a Interni, Montezemolo Esteri

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Montezemolo ministro. Salvini agli Interni farebbe certamente meglio di Alfano, ma può andare dove vuole lui. Uno che mi è sempre piaciuto è Montezemolo, agli Esteri sarebbe perfetto. E vorrei recuperare il nostro Frattini. Ma siamo pieni di ottime persone, leali, pronte a servire il Paese". E’ quanto ha dichiarato Silvio Berlusconi, immaginando un suo futuro governo di centrodestra, in un’intervista a L’Aria che tira. "Alfano? Difficile che chi è stato ministro tre volte con la sinistra torni con noi", ha aggiunto.

14:23Golf: watergolf a Milano, alla Darsena 5 postazioni tiro

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Golf in citta', alla Darsena di Milano. Al via la prima edizione del The Watergolf Challenge, ideato e organizzato da "Bel Vivere" e Parking Srl, in collaborazione con la Regione Lombardia, che vuole portare il golf in città. L'evento gratuito e aperto a tutti, giovani e famiglie, mira a coinvolgere circa 30.000 persone in 3 giorni di puro intrattenimento. Un pontile con 5 postazioni di tiro permetteranno a chiunque, assistito da un professionista della Pga Italiana, di cimentarsi nel raggiungere le 3 buche galleggianti (isole, delle dimensioni di 2,5 metri per 3 metri), realizzate direttamente sull'acqua della Darsena, rispettivamente a circa 20, 40 e 50 metri di lontananza. Un putting green di 8 metri per 4 metri e due gonfiabili di 20 metri quadrati saranno dedicati ad una vera e propria prova al golf aperta a tutti: in tutte le aree di gioco saranno presenti i professionisti della PGA Italiana, disponibili a dispensare consigli, indicazioni e magari a mostrare qualche "trucco del mestiere".

14:09Migranti: due fermati per sbarco Crotone, sarebbero scafisti

(ANSA) - CROTONE, 23 GIU - Due persone di nazionalità ucraina, Oleksandr Kushnir, di 24 anni, e Oleksii Furman, di 30, sono state fermate dalla Squadra mobile di Crotone con l'accusa di essere stati gli scafisti dell'imbarcazione a vela con a bordo 72 migranti intercettata e soccorsa ieri in acque internazionali da due motovedette della Guardia costiera. Dalle indagini é emerso che i due ucraini sarebbero stati coloro che avrebbero materialmente governato l'imbarcazione. Anche perchè i due sono stati notati, nel momento in cui il natante é stato intercettato, mentre si trovavano nella cabina di pilotaggio del natante. L'accusa a carico di Kushnir e Furman si basa anche sulle testimonianze di alcuni dei migranti che erano a bordo dell'imbarcazione, salpata cinque giorni prima da un porto della Turchia. Ciascun migrante avrebbe pagato per il viaggio ai componenti dell'organizzazione circa seimila dollari. (ANSA).

14:08Auto a fuoco in autostrada A4, traffico bloccato a Gonars

(ANSA) - TRIESTE, 23 GIU - Un'auto ha preso fuoco stamani sull'autostrada A4 Venezia-Trieste, in direzione Trieste, subito dopo l'area di servizio di Gonars (Udine). Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e il personale di Autovie Venete, la società che gestisce l'autostrada, e la pattuglia della Polizia Stradale che ha bloccato il traffico. Si sono formati oltre cinque i chilometri di coda in direzione Trieste e si registrano rallentamenti, in direzione Venezia, per curiosi. Autovie Venete consiglia di uscire a Latisana (Udine) per procedere in direzione Trieste.

14:07Gb: sondaggio, Corbyn preferito a May come premier

(ANSA) - LONDRA, 23 GIU - Per la prima volta in un sondaggio il leader laburista Jeremy Corbyn è preferito come possibile premier al primo ministro conservatore, Theresa May. E' quanto emerge da una rilevazione di YouGov, che vede la popolarità del capo dell'opposizione al 35% contro il 34% di quella della leader Tory. La notizia è un altro brutto colpo per May che già deve affrontare i problemi seguiti all'insuccesso elettorale e le difficoltà a siglare un accordo di governo con gli unionisti nordirlandesi del Dup.

Archivio Ultima ora