“Mozione Almagro”, il governo del presidente Maduro all’esame dell’Osa

Pubblicato il 20 marzo 2017 da Mauro Bafile

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro

CARACAS – Tra l’incudine e il martello. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e il suo governo vivono oggi una congiuntura particolarmente difficile. Alla crisi politica, economica, sociale e istituzionale, nell’ambito nazionale, si aggiunge l’ulteriore appello del Segretario Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani, Luis Almagro, che complica il panorama internazionale tutt’altro che favorevole. L’ex ministro degli Esteri dell’Uruguay, nel presentare l’aggiornamento del Dossier reso noto lo scorso maggio, ha chiesto ai membri dell’organismo la sospensione, non l’espulsione, del Venezuela dall’organismo regionale se al termine perentorio di 30 giorni il governo non convoca elezioni generali, se si rifiuta di liberare i prigionieri politici e se non ratifica ognuna delle leggi varate dal Parlamento. Un ultimatum ovviamente inaccettabile per il presidente Maduro che, attraverso una nota del Ministero degli Esteri, ha considerato il contenuto del documento un’intromissione inammissibile alle vicende interne del paese e, quindi, ha accusato Almagro di essere un “nemico” dichiarato del Venezuela.

Luis Almagro, Segretario Generale dell’Organizzazione di Stati Americani

Cosa accadrà ora? L’Osa si riunirà per avviare l’analisi della realtà del Venezuela. Sarà l’inizio di una battaglia diplomatica durante la quale il governo del presidente Maduro, piaccia o no, avrà il coltello dalla parte del manico. In altre parole, sarà assai difficile che la “mozione Almagro” possa superare l’esame. Insomma, che nella riunione del Consiglio Permanente dell’Osa si stabilisca che in Venezuela esiste un’alterazione del sistema democratico; condizione “sine qua non” per procedere ad avviare la “Carta Democratica” e, in ultima istanza, decidere la sospensione del Venezuela dall’organizzazione internazionale. La “mozione Almagro” dovrà essere approvata dalla maggioranza. E cioè, da 18 dei 35 paesi membri. Ma, nei passi successivi, le decisioni dell’Organismo dovranno essere ratificate da almeno 24 dei suoi membri.
Un’analisi fredda, razionale della realtà nella quale agisce l’Osa indicherebbe un trionfo del governo del presidente Maduro. A prescindere da considerazioni sullo stato reale del dialogo tra Governo e Opposizione di cui il Vaticano è uno dei protagonisti o sui tempi della diplomazia, sempre assai lunghi quando si tratta di assumere posizioni e responsabilità chiare, la verità è che il governo ha ancora l’arma della dissuasione offerta da Petrocaribe, seppur indebolita dalla crisi petrolifera e dalla riduzione della capacità estrattiva di Pdvsa che non ha relazioni con il tetto di produzione imposto dall’Opec. A nessuno dei paesi che aderiscono a Petrocaribe conviene irritare il governo del presidente Maduro che, come ritorsione, potrebbe chiudere il rubinetto: negare il greggio a prezzi scontati ed anche esigere il pagamento delle bollette in rosso.

Il governo del presidente Maduro, quindi, ha grosse possibilità di trionfo nel braccio di ferro con il Segretario Generale dell’Osa, Luis Almagro, e con quei paesi – leggasi, Paraguay, Perù e Stati Uniti – che hanno accusato il governo del Venezuela di essere un regime “antidemocratico” che soffoca la dissidenza e incarcera gli avversari politici. Ma il successo rappresenterà paradossalmente anche un’amara sconfitta. Il solo dibattito sulla “mozione Almagro”, nell’ambito internazionale, raffigura un duro colpo alla credibilità del governo che viene sempre più spesso paragonato ai regimi di forza di Branco, Pinochet, Videla o Fujimori.
Ovviamente la pressione internazionale ha la sua importanza ma ogni sforzo sarà comunque vano se l’Opposizione non riuscirà ad archiviare le polemiche interne, gli interessi personali e a sostituire obiettivi congiunturali, come lo sono stati l’elezione del nuovo Parlamento e la lotta per il referendum revocatorio, per altri a medio e lungo termine. Vale a dire, se non riuscirà a costruire un programma di governo con pochi obiettivi ma realistici; un programma di governo che riesca a interpretare gli interessi delle varie anime che costituiscono l’alleanza e, soprattutto, a offrire risposte alle esigenze dei cittadini che desiderano non solo un cambio di governo né un salto nel vuoto.

Henry Ramos Allup, leader di Acción Democrática ed ex presidente del Parlamento

Sempre nell’ambito della politica nazionale, in questi giorni, a tener banco sono voci insistenti di una probabile “mega-elezione”, forse nel 2018. Se così fosse, slitterebbe ulteriormente la data delle regionali, che dovevano realizzarsi a dicembre dello scorso anno. L’ex presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, non senza preoccupazione ha dichiarato che il governo non ha alcuna intenzione di organizzare elezioni quest’anno perché, “qualora dovesse farlo, sicuramente le perderebbe”.
La denuncia del leader di Acciòn Democratica coincide con la preoccupazione di analisti e esperti che assicurano che sarà poco probabile che il governo si sottoponga all’esame delle regionali nel 2017 e mettono anche in dubbio la realizzazione delle presidenziali del 2018. Al contrario, altri sostengono che sarebbe possibile una “mega-elezione”, da realizzarsi l’anno prossimo. L’obiettivo, sempre stando ad analisti ed esperti in materia, sarebbe quello di offrire ai propri candidati a Governatori e Sindaci una maggiore possibilità di trionfo essendo presumibilmente il Tavolo dell’Unità concentrato più sulle presidenziali e alle prese con le aspirazioni dei piccoli leader regionali che potrebbero creare serie fessure nell’alleanza. Il governo, stimano poi gli analisti, potrebbe anche finanziare “candidature false”, specchio per allodole il cui obiettivo sarebbe l’atomizzazione dell’opposizione.
Anche il processo al quale i partiti sono obbligati a partecipare in queste settimane per ottenere il riconoscimento dal Consiglio Nazionale Elettorale suscita interesse. Nonostante le innumerevoli difficoltà poste dall’organismo elettorale, Voluntad Popular e Primero Justicia pare abbiano già superato l’esame. La prossima settimana toccherà ad Acciòn Democrática.

La decisione del Consiglio Nazionale Elettorale di obbligare i partiti politici a partecipare a un processo di legalizzazione dalle regole draconiane, stando ai leader dei maggiori partiti d’Opposizione e del Tavolo dell’Unità, ha per obiettivo decimare l’opposizione e permettere al presidente Maduro, o comunque al candidato del Psuv, di presentarsi alle prossime regionali o presidenziali con un’opposizione debole e, se possibile, divisa. Fino ad ora la maggior parte dei partiti che hanno partecipato al processo di legalizzazione, pare sia riuscita a superare l’esame. Resta, comunque, la Spada di Damocle che pende sul Tavolo dell’Unità. La coalizione dell’Opposizione, infatti, potrebbe essere messa fuori legge qualora la Corte ritenesse con fondamento le denunce poste dai rappresentanti del Psuv.
Mauro Bafile

Ultima ora

13:25Calcio: Pallotta elogia Monchi, mai visto un manager così

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Monchi è un 'animale' completamente diverso da quelli che ho visto finora. Quand'era a Siviglia, sapeva che per 15 anni avrebbe dovuto fare i conti con entrate e perdite perché non avevano abbastanza entrate. Per questo è diventato così bravo, trovando giovani giocatori che non doveva pagare un sacco di soldi e con i quali ha creato tanto valore per il club". È il commento entusiastico del presidente della Roma James Pallotta sul nuovo direttore sportivo ingaggiato dal Siviglia. Monchi, ha aggiunto il patron parlando in un'intervista telefonica con l'agenzia Ap da Boston, gli ricorda se stesso quando lavorava come manager di hedge-fund: "Cercavo di comprare a basso costo e vendere ad alto costo". Quindi, passando a parlare del futuro da dirigente dell'ex capitano giallorosso Totti, Pallotta ha detto: "Ha bisogno di un po' di tempo per pensare" in quale area del club voler lavorare. Al riguardo "abbiamo avuto molte conversazioni e siamo aperti ad aiutarlo e a lavorare con lui per il bene suo e del team".

13:21Gerusalemme: concluse preghiere Spianata, clima resta teso

(ANSAmed) - TEL AVIV, 28 LUG - Si sono concluse in un clima di tensione le preghiere islamiche del venerdì nella moschea al-Aqsa di Gerusalemme. Vi hanno preso parte centinaia di fedeli di età superiore ai 50 anni. Attorno alla Città Vecchia di Gerusalemme migliaia di altri fedeli - che non erano stati ammessi nella Spianata dalla polizia israeliana - hanno pregato in strada. Finora non si ha notizia di incidenti.

13:16Sisma L’Aquila: imprenditore Bari,’non ridevo del terremoto’

(ANSA)- BARI, 28 LUG - "Non ho mai riso del terremoto. In quella telefonata parlavo di altro". Lo ha detto con la voce commossa l'imprenditore di Altamura Vito Giuseppe Giustino, interrogato a Bari per rogatoria nell'ambito dell'inchiesta della Procura dell'Aquila su presunte mazzette in 12 appalti pubblici gestiti dai Beni Culturali d'Abruzzo,che lo scorso 19 luglio ha portato all'arresto di 10 persone. Giustino, difeso dagli avvocati Gaetano Castellaneta e Carlo Teot, si è avvalso della facoltà di non rispondere, salvo precisare il contenuto di quella intercettazione telefonica nella quale, secondo l'accusa, rideva al pensiero di nuovi appalti in seguito al terremoto del centro Italia, in particolare Amatrice. Giustino è agli arresti domiciliari per una presunta turbativa d'asta relativa all'appalto vinto dalla cooperativa l'Internazionale (si è ora dimesso da presidente del Cda) per i lavori del teatro comunale dell'Aquila. I difensori chiederanno la revoca della misura cautelare dopo il deposito di una memoria tecnica.

13:14Nomadi davanti a Municipio Napoli, no a sgombero campi

(ANSA) - NAPOLI, 28 LUG - Donne e bambini nomadi in piazza a Napoli per dire no allo sgombero disposto dalla Procura di due campi della periferia cittadina. I manifestanti si sono riuniti davanti a Palazzo San Giacomo, sede del Municipio, chiedendo all'amministrazione cittadina di intervenire per evitare che decine di famiglie vengano cacciate dai due siti senza una proposta abitativa alternativa. ''Circa 150 famiglie che dopo l'ennesimo sgombero erano riuscite a trovare 'casa' nell'area dell'ex Manifattura tabacchi dovranno abbandonare nei prossimi giorni il campo - spiega il padre comboniano Alex Zanotelli presente alla manifestazione - e la stessa sorte toccherà per altri 500 ospiti del campo di Scampia. E' incomprensibile per me che la Procura di Napoli continui ad emanare decreti di demolizione dei campi per 'giuste' ragioni senza offrire alternative a queste persone''. ''Un accanimento - dice Zanotelli - che vede negli sgomberi dei campi l'unica soluzione applicabile".

12:52‘Mio fratello è stato ucciso’, polizia blocca il funerale

(ANSA) - TORINO, 28 LUG - Prima di morire, in ospedale, aveva scritto un messaggio ai suoi cari: "mi hanno picchiato". E ora la sorella chiede di far luce sulle ultime ore della vita dell'uomo. "Ho paura che sia stato ucciso", è il suo sospetto. La squadra mobile di Torino, che indaga sulla vicenda, ha così bloccato il funerale di Christian Fuentes Sanchez, peruviano 40enne trovato svenuto in strada venerdì notte e morto lunedì in ospedale. Dalle prime ricostruzioni sembra che il 40enne, dopo essere stato a cena con alcuni amici in un locale peruviano, fosse andato in un bar di via Lauro Rossi, dove sarebbe scoppiato un litigio. La polizia ha acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza della zona per capire cos'è successo e la Procura ha disposto l'autopsia per determinare la natura delle lesioni riscontrate sul corpo dell'uomo. Il decesso di Christian sarebbe stato causato da morte cerebrale, ma la sorella è anche convinta che per salvare suo fratello non sia stato fatto tutto il possibile. (ANSA).

12:47Calcio: Pallotta, mercato del Milan? Follia, non ha i soldi

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "È uno scherzo, è pazzia, non ha senso. non hanno i soldi. Sono sconvolto dall'Uefa". Il presidente della Roma James Pallotta commenta con stupore il mercato del Milan che, con i circa 200 milioni di euro spesi finora, è il più esoso dell'estate. Il consorzio cinese che ha rilevato il club rossonero, secondo quanto riportato dalla Ap, è stato acquisito grazie al sostegno del fondo azionario statunitense Elliott. Il cui ceo Paul Singer, spiega Pallotta, "è un mio amico e arriverà a possedere il club", perché i cinesi "hanno un debito".

12:35F.1: Ungheria, Ricciardo davanti nelle prime libere

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Il pilota della Red Bull Daniel Ricciardo ha ottenuto il miglior tempo nella prima sessione di prove libere del Gran Premio di Ungheria di Formula 1, a Budapest. In 1'18"486, l'australiano ha preceduto di 234 millesimi il ferrarista Kimi Raikkonen e di 372 il rivale della Mercedes Lewis Hamilton. L'altro pilota della Rossa, Sebastian Vettel, è sesto (+1"077), preceduto dal compagno di squadra di Hamilton, il finlandese Valtteri Bottas (+0"762). Quarto crono per la seconda Red Bull, condotta dall'olandese Max Verstappen (+0"676). Da segnalare un fuori pista senza conseguenze per Vettel intorno alla mezz'ora e, pochi minuti dopo, una bandiera rossa per lo schianto contro le barriere ad una curva di Antonio Giovinazzi, su Haas: anche in questo caso, pilota indenne, ma non lo stesso per la vettura.

Archivio Ultima ora