Trump trema, l’Fbi indaga sui legami con la Russia

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

FBI Director James Comey (L) and National Security Agency Director Mike Rogers (R) prior to testifying before the House Select Intelligence Committee hearing on Russian active measures during the 2016 election campaign on Capitol Hill in Washington, DC, USA, 20 March 2017. EPA/SHAWN THEW

WASHINGTON. – Quello che il direttore dell’Fbi James Comey è disposto a concedere lo mette sul tavolo subito, confermando in apertura dell’audizione davanti alla commissione intelligence del Congresso che il Bureau sta indagando su possibili legami ed un eventuale coordinamento tra la Russia e l’entourage di Donald Trump nell’ambito di una più vasta inchiesta sul sospetto di interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali americane.

E’ la prima scossa che manda alla Casa Bianca da Capitol Hill, seguita poi a stretto giro dalla smentita di intercettazioni presso la Trump Tower, cosa che forse ancor di più mette in difficoltà il presidente, che resta aggrappato a quei 140 caratteri con cui ha accusato il predecessore Barack Obama di averlo spiato durante la campagna elettorale.

E’ la prima volta che Comey ammette pubblicamente l’esistenza dell’inchiesta sul Russiagate e lo fa – spiega – con l’autorizzazione del dipartimento di Giustizia, rompendo quindi in nome dell’interesse pubblico una prassi di segretezza altrimenti osservata al millesimo. Nessun altro dettaglio sui tempi o sulle modalità.

“E’ frustrante, ma altro non dirò”, avverte la commissione che lo mette sulla graticola per ore, senza tuttavia ottenere più di qualche commento. Comey ha infatti riconosciuto che i russi possano avere avuto delle preferenze per Trump (candidato prima e presidente poi), che il presidente russo Vladimir Putin preferisce avere a che fare con leader “che siano businessman, come Berlusconi per esempio, perché con loro é più facile negoziare”, che la Russia vorrebbe vedere sollevate le sanzioni imposte in seguito alla crisi ucraina, così come a Mosca non dispiacerebbero altre Brexit.

Fino a riferire la ricostruzione dell’intelligence secondo cui i russi “odiano” Hillary Clinton e “volevano danneggiarla”, ma “a fine estate erano convinti che Clinton avrebbe vinto”, che Trump non avesse chance e quindi decisero di rivolgere l’attenzione verso la candidata democratica.

La seconda scossa è però quella che forse nell’immediato dà più fastidio a Trump: “Non abbiamo informazioni a sostegno” di quanto espresso nel tweet del presidente Donald Trump con le accuse al suo predecessore Barack Obama di averlo intercettato presso la Trump Tower.

Eppure il presidente aveva promesso “vedrete, altro uscirà”, nell’imbarazzo seguito ai quei 140 caratteri diventato anche un ‘pasticcio’ diplomatico dopo aver tirato in ballo un presunto coinvolgimento degli 007 britannici. Nessun individuo può ordinare che un americano venga intercettato. E’ una opzione che viene garantita dopo un rigoroso processo, ha confermato ancora Comey, come a ‘scagionare’ Obama.

Quindi la stoccata definitiva da parte del capo dell’Nsa, Mike Rogers, che da parte sua ha chiarito: “Nessuno ha chiesto al Regno Unito di intercettare Donald Trump”. Tale richiesta “andrebbe espressamente contro gli accordi” tra le agenzia di intelligence di diversi paesi.

La Casa Bianca resta per ora immobile, con il portavoce Sean Spicer che non cede di un millimetro dal podio della sala stampa e piuttosto rilancia i sospetti diffusi da Trump via Twitter sui presunti rapporti tra la campagna di Hillary Clinton e i russi e sul rifiuto del comitato nazionale democratico di far esaminare dall’Fbi i propri server hackerati, mentre torna a condannare le “criminose” fughe di notizie diffuse dai media: “Indagare e avere prove sono cose diverse”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

18:33Corona, teste al processo: ‘Dà speranza ai giovani’

(ANSA) - MILANO, 27 APR - "Nel mio quartiere, vicino a Scampia, tanti miei amici sono diventati criminali, ma io voglio che il signor Fabrizio Corona dà speranza a tante persone, a tanti giovani e ai piccoli imprenditori". Lo ha detto in aula uno dei testimoni citati dalla difesa dell'ex 're dei paparazzi', nel processo di Milano a carico dell'ex agente fotografico. "Va bene, abbiamo capito che era un'attività sociale" ha commentato ironico il pm. Il clima si è 'surriscaldato' quando è entrato in aula il testimone Luigi Favoloso, compagno di Nina Moric (ex moglie di Fabrizio), e accusato dallo stesso Corona di aver messo la bomba carta sotto casa sua lo scorso agosto. L'ex 'fotografo dei vip', mentre i giudici rimandavano la testimonianza, si è messo ad urlare, rivendicando il suo "diritto" di sentire Favoloso come teste 'puro', e non con l'assistenza di un legale. Nella prossima udienza, fissata per l'11 maggio, ci sarà Belen Rodriguez tra i testi.

18:31Palermo: Baccaglini, closing? Tifosi siano tranquilli

(ANSA) - PALERMO, 27 APR - Dopo avere rispettato la data del 19 aprile, giorno di presentazione della società YW&F Global limited, che acquisirà il 100% delle azioni rosanero, Paul Baccaglini si prepara al closing del 30 aprile. Il presidente ha parlato dell'amara coincidenza tra closing e retrocessione, quasi inevitabile la prossima giornata contro la Fiorentina e ha tranquillizzato la tifoseria rosanero. "Finché non è tutto vidimato, non mi espongo, però possiamo tranquillizzare i tifosi", ha detto. Tutto pronto, quindi, per il piano B che prevede "un direttore sportivo e un allenatore che sappiano vincere la Serie B - ha concluso -. Non ci sono mezzi termini: l'anno prossimo dobbiamo vincere la Serie B. La A e la B sono campionati diversi. Ci sarà una rivoluzione, ci sarà da costruire una squadra competitiva e capace di vincere il campionato con qualche giornata d'anticipo, così potremo pensare alla A".

18:30F1:Russia,Vettel,importante essere concentrati su ogni passo

(ANSA) - ROMA, 27 APR - "Abbiamo una buona macchina e la sfida, quest'anno, sarà assicurarsi che continui a esserlo''. Parola di Sebastian Vettel nel giorno delle interviste a Sochi dove domenica di correrà la prima gara europea della stagione 2017 di Formula 1. ''Tutti miglioreranno, e anche noi dovremo fare del nostro meglio. Non vedo l'ora di iniziare il weekend perché sembra che siamo più vicini ai nostri avversari rispetto all'anno scorso. Sappiamo - aggiunge il pilota tedesco come riporta il sito media della Ferrari - di avere iniziato bene la stagione, ma la Mercedes è sempre molto forte. Dovrebbe venirne fuori una gara interessante. Mi piace la pista, anche se non è facile: è difficile tirar fuori tutto il potenziale da un solo giro e c'è sempre un paio di cose a cui bisogna stare attenti. Domani sarà un giorno importante. Siamo contenti di come sono andate le cose fino a questo momento, ma soprattutto quest'anno sarà importante essere concentrati su ogni singolo passo".

18:26Russia: Navalni aggredito di nuovo con disinfettante verde

(ANSA) - MOSCA, 27 APR - L'oppositore russo Alexiei Navalni è stato nuovamente aggredito. Uno sconosciuto gli ha gettato in faccia del disinfettante verde ed è fuggito. Questa volta però il disinfettante è finito nell'occhio destro del blogger anti-Putin che è stato costretto a farsi medicare in ospedale. "Mi hanno gettato in faccia del disinfettante verde mentre uscivo dall'ufficio", ha scritto Navalni su Twitter, dove ha postato alcune foto di lui con il viso verde dopo l'aggressione. "La cosa più schifosa - ha proseguito - è che il disinfettante è stato gettato proprio nell'occhio destro, che ora è tutto verde. Sia la pupilla sia la cornea". Poi, sempre su Twitter, il dissidente ha aggiornato sulla situazione: "L'ambulanza è arrivata, hanno guardato il mio occhio e hanno detto che mi portano in ospedale. Mi hanno bendato come se fossi un ferito grave".

18:20Crac clinica Quartu: condannato ex presidente Bologna calcio

(ANSA) - CAGLIARI, 27 APR - L'ex presidente del Bologna Calcio, l'imprenditore Sergio Porcedda, è stato condannato a 4 anni di reclusione per bancarotta fraudolenta nell'ambito dell'inchiesta sul fallimento della clinica Città di Quartu. Assolto, invece, per non aver commesso il fatto, il numero uno di Confindustria Sardegna, Alberto Scanu. La sentenza è stata pronunciata oggi dal Gup del Tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintori, a conclusione di un lungo processo celebrato con rito abbreviato. Ritenuto colpevole di bancarotta anche l'imprenditore sulcitano Carlo Uda, condannato a 3 anni e 4 mesi. Per lui e Porcedda il giudice ha anche deciso l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Entrambi, però, sono stati assolti dai reati di tentata estorsione, estorsione e usura con la formula "perché il fatto non sussiste". A due anni di carcere sono stati poi condannati Andrea Buschettu (all'epoca vicedirettore del Banco di Sardegna), Paolo Zapparoli, Paolo Moro, Pierdomenico Gallo e Caterina Della Mora, tutti legati alle società che gestì la clinica e ad un fondo di investimenti che partecipò all'operazione. Accuse cadute, infine, per Matteo Colombo, assolto per non aver commesso il fatto dall'accusa di bancarotta. Il processo è nato dall'inchiesta seguita al crac da 13 milioni di euro dell'ospedale privato quartese. Il pm Giangiacomo Pilia - che un anno fa, al termine della sua requisitoria, ha chiesto nove condanne - aveva così indagato Pierdomenico Gallo, già presidente del Cda di Kinetika Holding, Caterina Della Mora, amministratrice di un fondo d'investimento, Paolo Zapparoli, Paolo Moro e Matteo Colombo, tutti della Synergo Sgr (socia di Kinetika) e, con loro, anche agli imprenditori Carlo Uda e Sergio Porcella. (ANSA).

18:19Siria, 19 morti in raid aerei su provincia Idlib

(ANSAmed) - BEIRUT, 27 APR - Gruppi di attivisti siriani riferiscono che almeno 19 persone sono morte in vari bombardamenti sulla provincia nord-occidentale di Idlib, addossando la responsabilità dei raid alle aviazioni governativa siriana o russa. Fonti della Difesa civile attiva in regioni fuori dal controllo governativo affermano che nei bombardamenti sono stati colpiti un ospedale nella località di Deir Sharqi e un centro che coordina i servizi di ambulanze a Maarzita. Tra le località sottoposte a bombardamenti, anche Khan Sheikhun, dove il 4 aprile è avvenuto un attacco chimico che provocato oltre 90 morti. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) fornisce un bilancio di 19 uccisi in tutta la provincia di Idlib, controllata da una congerie di gruppi ribelli, da organizzazioni fondamentaliste e da qaedisti.

18:17Papa in Egitto per rilancio dialogo con Islam moderato

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 27 APR - A neanche tre settimane dai sanguinosi attentati della Domenica delle Palme, e ad ancora meno dall'attacco armato al monastero di Santa Caterina, sul Sinai, dove una cellula Isis semina terrore tra la comunità cristiana, papa Francesco arriva domani in Egitto con la sua 'scommessa' di rilanciare il dialogo con l'Islam moderato e cercare di isolare le derive estremistiche. "Mi recherò domani pellegrino di pace nell'Egitto di pace" ha twittato oggi parafrasando il motto di questo suo 18/o viaggio all'estero ("Pope of peace in Egypt of peace"), uno dei più attesi, e anche difficili, del pontificato. I motivi del viaggio, in cui con i copti ricorderà l'"ecumenismo del sangue" che unisce i cristiani, li ha sintetizzati lui stesso nel video in cui si dice "messaggero di pace" e auspica di portare "un abbraccio di consolazione e di incoraggiamento a tutti i cristiani del Medio Oriente", un messaggio "di fraternità e di riconciliazione a tutti i figli di Abramo", "particolarmente al mondo islamico".

Archivio Ultima ora