Bufera su lista sessista, la Rai chiude “Parliamone sabato”

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

ROMA. – ‘Sono sempre sexy, né tute né pigiamoni’. ‘Sono disposte a far comandare il loro uomo’. ‘Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa’. Non è la fiera degli stereotipi che anni di battaglie per l’identità e la dignità femminile, e contro la rappresentazione del ‘corpo delle donne’ nei media, hanno faticosamente cercato di spazzare via, ma la lista dei ‘Motivi per scegliere una fidanzata dell’est’ pescata su Internet e andata in onda, con tanto di grafica in sei punti, nel pomeriggio di Rai1. Un tema da salotto per gli ospiti di Parliamone sabato, condotto da Paola Perego.

Lo sdegno si accende sui social, infiamma il dibattito politico e la Rai corre con tempestività ai ripari, chiudendo il programma. Prima le scuse, della presidente Monica Maggioni, che parla di “errore folle, inaccettabile”, e del direttore di Rai1 Andrea Fabiano già in mattinata su Twitter.

Poi la scure del dg Antonio Campo Dall’Orto che decide lo stop: “Gli errori si fanno, e le scuse sono doverose, ma non bastano”, è l’ira del capo azienda che si scaglia contro “contenuti che contraddicono la missione del servizio pubblico e la linea editoriale indicati fin da inizio mandato” e spinge l’acceleratore sulla “revisione del daytime di Rai1”.

Nel diluvio di prese di distanza bipartisan, a chiedere “adeguati provvedimenti” erano stati, in particolare, la presidente della Camera Laura Boldrini, da sempre in prima linea per la difesa dell’immagine femminile (“E’ inaccettabile che in un programma tv le donne siano rappresentate come animali domestici di cui apprezzare mansuetudine, accondiscendenza, sottomissione”) e il presidente della Vigilanza, Roberto Fico, che ha stigmatizzato la “negazione del servizio pubblico”, la “carrellata inqualificabile, inimmaginabile, di luoghi comuni oscillanti tra il sessismo e il razzismo”, invocando le dimissioni dei responsabili.

La bufera si abbatte sulla Rai a pochi giorni dal varo della nuova convenzione in Consiglio dei ministri: un provvedimento, che affida il servizio pubblico all’azienda di Viale Mazzini, con cui il governo punta alla ‘svolta’ a più riprese chiesta al dg Campo Dall’Orto. Quella “spinta decisiva per il cambiamento che tutti aspettano, ma che stenta a prendere forma”, per dirla con il sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli. E anche il premier Paolo Gentiloni non ha esitato a parlare di “occasione di rilancio per il servizio pubblico”.

Il testo, già sul tavolo di Vigilanza e cda, prevede la messa a punto di un piano editoriale sul quale il cda, pur apprezzando lo stop al programma, è pronto a far sentire la sua voce: “E’ prioritario che il consiglio affronti rapidamente il nodo del piano editoriale. Meglio discutere ex ante che leccarsi le ferite ex post”, avvertono Guelfo Guelfi e Paolo Messa. E Rita Borioni invita a “una riflessione sull’intrattenimento”.

“Basta ‘compagnie’: ci vogliono nuove regole di relazione con manager di artisti e progetti chiavi in mano”, è il monito di Franco Siddi, mentre Arturo Diaconale chiede di “affrettare i tempi del piano editoriale”, evitando però tentazioni censorie. Per Michele Anzaldi, segretario della Vigilanza Rai, lo stop al programma non basta: “La Rai deve fare chiarezza sulla catena di controllo dei suoi palinsesti. Ci sono direttori, vice, vice dei vice, capi struttura e i loro vice, tutti strapagati”.

Mentre da più parti si invocano le dimissioni e la rimozione dei responsabili del programma. Tacciono gli autori del programma, tace Paola Perego. A prendere le sue difese – con una serie di tweet anch’essi al centro di polemica – è il manager e marito, Lucio Presta: “Programma chiuso! Raiuno salva e salva ora accanitevi su altro! Buona giornata della felicità. Ai politici che hanno urlato purtroppo ora tocca a ritornare a lavorare per davvero”.

E prima ancora: “Spero che @peregopaola sia cacciata da @raiuno anche a malo modo, così tutte le donne dell’Est-Ovest- scrittrici e giornaliste saranno salve”. Sul web c’è anche chi lancia l’hashtag #iostoconPaola, chi critica “la Rai Pravda” e “ipocrita” o invita a considerare il trash che dilaga.

Ultima ora

14:15Renzi, Lega-M5s allergici a democrazia interna

(ANSA) - BRUXELLES, 28 APR - "Forza Italia e Movimento 5 Stelle sono allergici alla democrazia interna". Lo dice Matteo Renzi parlando al pubblico in un evento organizzato a Bruxelles per la chiusura, assieme a Maurizio Martina, della campagna per le primarie del Pd. "Siamo gli unici che lunedì avranno un segretario legittimato da alcune centinaia di migliaia di voti, ma speriamo anche da qualche milione".

14:13Thailandia: mandato di arresto contro rampollo Red Bull

(ANSA) - BANGKOK, 28 APR - La Corte penale di Bangkok ha emesso oggi un mandato di arresto contro Vorayuth "Boss" Yoovidhya, il nipote del fondatore thailandese della bevanda Red Bull, accusato di aver ucciso un poliziotto alla guida della sua Ferrari il 3 settembre 2012 a Bangkok. La decisione è stata presa dopo che Vorayuth, 32 anni, non ha risposto all'ottava convocazione in cinque anni per vedersi notificate le accuse, in una saga che in Thailandia è diventata il simbolo dell'impunità dell'élite e dei doppi standard della giustizia nazionale. La famiglia Yoovidhya è una delle più ricche del Paese.

14:08Fake news: Boldrini, non sono goliardata ma grave minaccia

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Le fake news non sono una goliardia, una ragazzata, ma sono una minaccia alla collettività, chi le inventa ha un progetto in mente che è quello di creare caos e di fare soldi alterando l'opinione pubblica". Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini presentando all'istituto Luigi Einaudi il suo libro "La comunità possibile. Una nuova rotta per il futuro dell'Europa". L'invito che la presidente rivolge ai ragazzi presenti è quello di "verificare sempre la fonte delle notizie. Non dovete dare per vero tutto quello che gira in rete". Boldrini fa sapere di aver istituito una commissione Internet e anche una sui fenomeni dell'odio "spero poi - aggiunge - che la legge sul cyber bullismo sia approvata quanto prima". La presidente di Montecitorio si rivolge poi alle ragazze presenti invitandole a fare attenzione: "Quello che oggi pensate possa essere divertente, domani può diventare un ricatto. Il web è la nuova frontiera della violenza contro le donne".

14:07Pd: Orlando, notabili tutti schierati a sostegno di Renzi

(ANSA) - FIRENZE, 28 APR - I notabili del Partito Democratico "sono tutti saldamente a sostegno di Matteo Renzi" in questa campagna per le primarie del 30 aprile. Lo ha detto Andrea Orlando, candidato alla segreteria del Pd, a margine di una iniziativa a Campi Bisenzio (Firenze). "In questi anni la rottamazione ha funzionato così - ha affermato - si sono tolte le prime file e le seconde hanno fatto un passo avanti, ma le dinamiche sono rimaste le stesse in molte realtà del Paese. Questo non l'ho detto io, lo ha detto Matteo Renzi quando all'indomani del referendum ha detto di aver sbagliato ad affidarsi ai notabili per costruire il consenso per il referendum: ecco, in questo momento i notabili sono tutti saldamente a sostegno di Matteo Renzi".

14:02Emiliano, io come Guevara, Renzi-Napoleone, Orlando-Pilato

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "A questo punto il mio paragone con un personaggio storico che mi viene in mente più facilmente è Che Guevara, nel senso che ho amato questo personaggio tutta la vita, ho cercato di combattere, di non valutare quando dovevo scegliere la battaglia se era possibile vincere o perdere, ma solo se era giusta". Lo ha dichiarato Michele Emiliano, candidato alla segreteria del Pd ai microfoni di RTL 102.5, che dopo aver paragonato Matteo Renzi a Napoleone e alle Giovani Marmotte, ha così risposto alla domanda sul ruolo che assegnerebbe a Orlando. "In questo mi sembra un po' Ponzio Pilato - ha proseguito con i paralleli -, con un sussulto finale, è stato lì a guardare per tre anni, è stato un ministro della Giustizia di Renzi, bravo, un bravissimo ragazzo, ora ha capito che l'aria era cambiata e ha provato a sganciarsi. Meglio tardi che mai, brava persona, ma ha questo problema alla sua credibilità rispetto al progetto alternativo al renzismo".

14:01F1: a Imola ‘Ayrton Day’ l’1 maggio nel ricordo di Senna

(ANSA) - IMOLA (BOLOGNA), 28 APR - A 23 anni dal quel tragico primo maggio, con lo schianto contro il muretto di recinzione alla curva del Tamburello, l'Autodromo di Imola ricorderà Ayrton Senna aprendo la sua pista al pubblico e mettendo in mostra il leggendario Kart con il numero 17 che lanciò il pilota brasiliano sulla scena dell'automobilismo internazionale. Alle 16.30 di lunedì nella terrazza del museo Checco Costa, dove è possibile visitare la mostra sulla F1, Senna verrà raccontato da Gian Carlo Minardi, dall'ex pilota Gianluigi Martini e dal direttore di Autosprint, Andrea Cordovani, prendendo spunto dalle foto del fotoreporter Angelo Orsi il cui sodalizio con il campione durò 11 anni. (ANSA).

13:51Incidente probatorio Marco Gasparri l’8 maggio

(ANSA) - ROMA, 28 APR - 28 APR - Il gip di Roma ha fissato per l'8 maggio l'interrogatorio in incidente probatorio di Marco Gasparri, dirigente Consip, così come richiesto dalla Procura di Roma nell'ambito dell'inchiesta che il primo marzo scorso ha portato all'arresto dell'imprenditore Alfredo Romeo per corruzione. Obiettivo del procuratore aggiunto Paolo Ielo e del sostituto Mario Palazzi è cristallizzare le sue affermazioni che sono alla base delle accuse mosse a Romeo. Parlando sia con i magistrati romani che con quelli di Napoli, il dirigente della centrale acquisti ha affermato di avere ricevuto, nell'arco di tre anni, circa 100 mila euro da parte di Romeo per ottenere informazioni relative agli appalti banditi dalla Consip. L'atto istruttorio avverrà davanti al gip Gaspare Sturzo, lo stesso magistrato che deve decidere sulla richiesta di interdizione per la Romeo Gestione.

Archivio Ultima ora