Bufera su lista sessista, la Rai chiude “Parliamone sabato”

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

ROMA. – ‘Sono sempre sexy, né tute né pigiamoni’. ‘Sono disposte a far comandare il loro uomo’. ‘Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa’. Non è la fiera degli stereotipi che anni di battaglie per l’identità e la dignità femminile, e contro la rappresentazione del ‘corpo delle donne’ nei media, hanno faticosamente cercato di spazzare via, ma la lista dei ‘Motivi per scegliere una fidanzata dell’est’ pescata su Internet e andata in onda, con tanto di grafica in sei punti, nel pomeriggio di Rai1. Un tema da salotto per gli ospiti di Parliamone sabato, condotto da Paola Perego.

Lo sdegno si accende sui social, infiamma il dibattito politico e la Rai corre con tempestività ai ripari, chiudendo il programma. Prima le scuse, della presidente Monica Maggioni, che parla di “errore folle, inaccettabile”, e del direttore di Rai1 Andrea Fabiano già in mattinata su Twitter.

Poi la scure del dg Antonio Campo Dall’Orto che decide lo stop: “Gli errori si fanno, e le scuse sono doverose, ma non bastano”, è l’ira del capo azienda che si scaglia contro “contenuti che contraddicono la missione del servizio pubblico e la linea editoriale indicati fin da inizio mandato” e spinge l’acceleratore sulla “revisione del daytime di Rai1”.

Nel diluvio di prese di distanza bipartisan, a chiedere “adeguati provvedimenti” erano stati, in particolare, la presidente della Camera Laura Boldrini, da sempre in prima linea per la difesa dell’immagine femminile (“E’ inaccettabile che in un programma tv le donne siano rappresentate come animali domestici di cui apprezzare mansuetudine, accondiscendenza, sottomissione”) e il presidente della Vigilanza, Roberto Fico, che ha stigmatizzato la “negazione del servizio pubblico”, la “carrellata inqualificabile, inimmaginabile, di luoghi comuni oscillanti tra il sessismo e il razzismo”, invocando le dimissioni dei responsabili.

La bufera si abbatte sulla Rai a pochi giorni dal varo della nuova convenzione in Consiglio dei ministri: un provvedimento, che affida il servizio pubblico all’azienda di Viale Mazzini, con cui il governo punta alla ‘svolta’ a più riprese chiesta al dg Campo Dall’Orto. Quella “spinta decisiva per il cambiamento che tutti aspettano, ma che stenta a prendere forma”, per dirla con il sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli. E anche il premier Paolo Gentiloni non ha esitato a parlare di “occasione di rilancio per il servizio pubblico”.

Il testo, già sul tavolo di Vigilanza e cda, prevede la messa a punto di un piano editoriale sul quale il cda, pur apprezzando lo stop al programma, è pronto a far sentire la sua voce: “E’ prioritario che il consiglio affronti rapidamente il nodo del piano editoriale. Meglio discutere ex ante che leccarsi le ferite ex post”, avvertono Guelfo Guelfi e Paolo Messa. E Rita Borioni invita a “una riflessione sull’intrattenimento”.

“Basta ‘compagnie’: ci vogliono nuove regole di relazione con manager di artisti e progetti chiavi in mano”, è il monito di Franco Siddi, mentre Arturo Diaconale chiede di “affrettare i tempi del piano editoriale”, evitando però tentazioni censorie. Per Michele Anzaldi, segretario della Vigilanza Rai, lo stop al programma non basta: “La Rai deve fare chiarezza sulla catena di controllo dei suoi palinsesti. Ci sono direttori, vice, vice dei vice, capi struttura e i loro vice, tutti strapagati”.

Mentre da più parti si invocano le dimissioni e la rimozione dei responsabili del programma. Tacciono gli autori del programma, tace Paola Perego. A prendere le sue difese – con una serie di tweet anch’essi al centro di polemica – è il manager e marito, Lucio Presta: “Programma chiuso! Raiuno salva e salva ora accanitevi su altro! Buona giornata della felicità. Ai politici che hanno urlato purtroppo ora tocca a ritornare a lavorare per davvero”.

E prima ancora: “Spero che @peregopaola sia cacciata da @raiuno anche a malo modo, così tutte le donne dell’Est-Ovest- scrittrici e giornaliste saranno salve”. Sul web c’è anche chi lancia l’hashtag #iostoconPaola, chi critica “la Rai Pravda” e “ipocrita” o invita a considerare il trash che dilaga.

Ultima ora

15:12Morì all’ottavo mese di gravidanza, medici assolti

(ANSA) - BRESCIA, 23 NOV - Il tribunale di Brescia ha assolto "perché il fatto non sussiste" i due medici degli Spedali Civili di Brescia finiti a processo con l'accusa di omicidio colposo per la morte di Giovanna Lazzari e della bambina che la donna di 30 anni e incinta all'ottavo mese di gravidanza, aveva in grembo. Decesso avvenuto per infezione tra il 31 dicembre e il primo gennaio del 2016. Per il pm Ambrogio Cassiani l'infezione, contratta fuori dall'ospedale, era talmente estesa che i medici non avrebbero potuto salvarla. Lo stesso pm ha chiesto l'assoluzione che i giudici hanno accolto.

15:09Etruria: gup ammette oltre 2.000 parti civili

(ANSA) - AREZZO, 23 NOV - Sono oltre 2.000 le parti civili ammesse al processo per il crack dell'ex Banca Etruria dal gup di Arezzo Giampiero Borraccia, che ha invece escluso le amministrazioni comunali di Arezzo e Castiglion Fiorentino e le associazioni, tra le quali Federconsumatori e Confconsumatori, come tali. Tra le richieste di costituzione ammesse c'è pure quella del liquidatore Giuseppe Santoni che, un mese fa, aveva dato il via all'azione di responsabilità in sede civile a Roma. Giuseppe Ferrari, presidente di Federconsumatori Toscana, ha annunciato che le associazioni ripresenteranno la loro richiesta durante la prossima udienza prevista per mercoledì prossimo 29 novembre. L'udienza preliminare, che vede riunificati diversi filoni d'inchiesta (bancarotta e bancarotta bis, vicenda liquidazione all'ex direttore generale Luca Bronchi e responsabilità dei sindaci revisori), affronterà poi le richieste di rito abbreviato. Oggi il gup ha acquisito la requisitoria del pm Andrea Claudiani assente per motivi personali.

15:07Calcio: gli arbitri della Serie A

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Marco Di Bello (della sezione di Brindisi) arbitrerà il Napoli capolista nella trasferta sul campo dell'Udinese, valida per la 14/a giornata della serie A di calcio. Juventus-Crotone è stata affidata a Gavillucci (di Latina), Cagliari-Inter a Pairetto (di Nichelino). Questi gli altri arbitri del prossimo turno: Atalanta-Benevento: Pasqua di Tivoli; Bologna-Sampdoria: Maresca di Napoli; Chievo-Spal: Pezzuto di Lecce; Genoa-Roma: Giacomelli di Trieste; Lazio-Fiorentina: Massa di Imperia; Milan-Torino: Irrati di Pistoia; Sassuolo-Verona: Valeri di Roma 2.

15:07Artigiano ucciso a Sestri Levante

(ANSA) - SESTRI LEVANTE (GENOVA), 23 NOV - Un artigiano di 50 anni è stato trovato morto nello scantinato di un palazzo nella centrale via Roma a Sestri Levante. L'uomo, secondo gli investigatori, sarebbe stato ucciso. Il cadavere è stato rinvenuto in una pozza di sangue. Avrebbe ferite alla testa. Secondo le prime informazioni, l'uomo avrebbe anche una fascetta da elettricista stretta intorno al collo. La vittima è Antonio Olivieri, faceva l'imbianchino.

14:58Presidente Sudan a Putin, ‘divisi a causa degli Usa’

(ANSA) - MOSCA, 23 NOV - Il Sudan si oppone alle interferenze degli Stati Uniti negli affari dei paesi arabi. lo ha detto il presidente sudanese Omar al-Bashir al presidente russo Vladimir Putin, secondo la Tass, sottolineando che anche la divisione del suo paese in due parti è il risultato della politica degli Usa. "Siamo contrari all'interferenza degli Stati Uniti negli affari interni dei paesi arabi, incluso l'Iraq. Crediamo che alla radice dei problemi attualmente vissuti dalla regione ci sia l'interferenza degli Stati Uniti", ha detto al-Bashir. "Crediamo - ha aggiunto - che la situazione che si è verificata nel nostro paese derivi dalla politica degli Stati Uniti: il Sudan si è diviso in due a causa loro", ha affermato. (ANSA).

14:58Apre Lego store in centro a Roma

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Una parete enorme occupata da una fontana di Trevi tutta Lego con un bimbo stilizzato che lancia nell'acqua un mattoncino invece che il tradizionale soldino. E' questo il punto di forza del mega store Lego inaugurato oggi nel centro di Roma. Oltre 200 metri quadri in via Tomacelli dove poter trovare mattoncini di tutti i tipi adatti a un pubblico da un anno e mezzo fino a 99 anni. "Abbiamo voluto riportare nel cuore delle città storiche, un anno fa a Milano San Babila, oggi a Roma e domani a Torino in via Roma, i negozi di giocattoli che in questi anni sono scomparsi", spiega il General Manager Lego Italia Paolo Lazzarin. Quello di Roma è il dodicesimo store mono marca, che nasce in partnership con la Percassi, a cui si aggiungerà quello di Torino che verrà inaugurato domani. "La filosofia della Lego - spiega Lazzarin - è far divertire bambini e adulti ma anche sviluppare la creatività e cosa ci può essere di meglio che farlo giocando?".

14:50Tradizionale albero di Natale è arrivato in piazza S.Pietro

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 NOV - E' stato innalzato stamane in Piazza San Pietro l'imponente abete rosso, alto 28 metri, donato dall'arcidiocesi di Elk, in Polonia, che farà quest'anno da tradizionale e maestoso albero di Natale nella sua collocazione accanto all'obelisco. Intanto, sono iniziati i lavori, sempre al centro della piazza, per l'allestimento del presepe, che quest'anno viene offerto dall'Abbazia Territoriale di Montevergine. L'inaugurazione del presepe e l'illuminazione dell'albero avverranno il prossimo 7 dicembre, alle 16,30. L'opera d'arte presepiale, realizzata in stile settecentesco secondo la più antica tradizione napoletana, vedrà impegnato un laboratorio artigianale partenopeo e sarà costruita su un'ampia superficie di circa 80 metri quadri. L'albero proveniente dalla Polonia è stato invece trasportato su un percorso stradale di oltre 2.000 Km che ha attraversato il centro Europa. L'addobbo, poi, sarà curato dai bambini in cura presso i reparti oncologici di alcuni ospedali italiani.

Archivio Ultima ora