Bufera su lista sessista, la Rai chiude “Parliamone sabato”

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

ROMA. – ‘Sono sempre sexy, né tute né pigiamoni’. ‘Sono disposte a far comandare il loro uomo’. ‘Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa’. Non è la fiera degli stereotipi che anni di battaglie per l’identità e la dignità femminile, e contro la rappresentazione del ‘corpo delle donne’ nei media, hanno faticosamente cercato di spazzare via, ma la lista dei ‘Motivi per scegliere una fidanzata dell’est’ pescata su Internet e andata in onda, con tanto di grafica in sei punti, nel pomeriggio di Rai1. Un tema da salotto per gli ospiti di Parliamone sabato, condotto da Paola Perego.

Lo sdegno si accende sui social, infiamma il dibattito politico e la Rai corre con tempestività ai ripari, chiudendo il programma. Prima le scuse, della presidente Monica Maggioni, che parla di “errore folle, inaccettabile”, e del direttore di Rai1 Andrea Fabiano già in mattinata su Twitter.

Poi la scure del dg Antonio Campo Dall’Orto che decide lo stop: “Gli errori si fanno, e le scuse sono doverose, ma non bastano”, è l’ira del capo azienda che si scaglia contro “contenuti che contraddicono la missione del servizio pubblico e la linea editoriale indicati fin da inizio mandato” e spinge l’acceleratore sulla “revisione del daytime di Rai1”.

Nel diluvio di prese di distanza bipartisan, a chiedere “adeguati provvedimenti” erano stati, in particolare, la presidente della Camera Laura Boldrini, da sempre in prima linea per la difesa dell’immagine femminile (“E’ inaccettabile che in un programma tv le donne siano rappresentate come animali domestici di cui apprezzare mansuetudine, accondiscendenza, sottomissione”) e il presidente della Vigilanza, Roberto Fico, che ha stigmatizzato la “negazione del servizio pubblico”, la “carrellata inqualificabile, inimmaginabile, di luoghi comuni oscillanti tra il sessismo e il razzismo”, invocando le dimissioni dei responsabili.

La bufera si abbatte sulla Rai a pochi giorni dal varo della nuova convenzione in Consiglio dei ministri: un provvedimento, che affida il servizio pubblico all’azienda di Viale Mazzini, con cui il governo punta alla ‘svolta’ a più riprese chiesta al dg Campo Dall’Orto. Quella “spinta decisiva per il cambiamento che tutti aspettano, ma che stenta a prendere forma”, per dirla con il sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli. E anche il premier Paolo Gentiloni non ha esitato a parlare di “occasione di rilancio per il servizio pubblico”.

Il testo, già sul tavolo di Vigilanza e cda, prevede la messa a punto di un piano editoriale sul quale il cda, pur apprezzando lo stop al programma, è pronto a far sentire la sua voce: “E’ prioritario che il consiglio affronti rapidamente il nodo del piano editoriale. Meglio discutere ex ante che leccarsi le ferite ex post”, avvertono Guelfo Guelfi e Paolo Messa. E Rita Borioni invita a “una riflessione sull’intrattenimento”.

“Basta ‘compagnie’: ci vogliono nuove regole di relazione con manager di artisti e progetti chiavi in mano”, è il monito di Franco Siddi, mentre Arturo Diaconale chiede di “affrettare i tempi del piano editoriale”, evitando però tentazioni censorie. Per Michele Anzaldi, segretario della Vigilanza Rai, lo stop al programma non basta: “La Rai deve fare chiarezza sulla catena di controllo dei suoi palinsesti. Ci sono direttori, vice, vice dei vice, capi struttura e i loro vice, tutti strapagati”.

Mentre da più parti si invocano le dimissioni e la rimozione dei responsabili del programma. Tacciono gli autori del programma, tace Paola Perego. A prendere le sue difese – con una serie di tweet anch’essi al centro di polemica – è il manager e marito, Lucio Presta: “Programma chiuso! Raiuno salva e salva ora accanitevi su altro! Buona giornata della felicità. Ai politici che hanno urlato purtroppo ora tocca a ritornare a lavorare per davvero”.

E prima ancora: “Spero che @peregopaola sia cacciata da @raiuno anche a malo modo, così tutte le donne dell’Est-Ovest- scrittrici e giornaliste saranno salve”. Sul web c’è anche chi lancia l’hashtag #iostoconPaola, chi critica “la Rai Pravda” e “ipocrita” o invita a considerare il trash che dilaga.

Ultima ora

09:02Iraq: premier, cominciata operazione per riprendere Hawija

(ANSA-AP) - IRBIL, 21 SET - Le forze irachene hanno lanciato un'operazione per riacquistare il controllo della città di Hawija (240 km a nord di Bagdad) in mano all'Isis: lo ha annunciato il primo ministro iracheno Haider al-Abadi. L'operazione e' cominciata oggi all'alba, solo due giorni dopo l'avvio dell'offensiva nella provincia occidentale di Anbar.

09:00Francia: Philippot, vice Le Pen, lascia Front National

(ANSA) - PARIGI, 21 SET - Terremoto nel Front National dopo la doppia sconfitta elettorale: il numero 2, considerato l'ideologo del partito, Florian Philippot, ha annunciato stamane sulla tv France 2, la sua uscita dal FN al culmine di una polemica con la presidente, Marine Le Pen. Ieri sera, la Le Pen aveva annunciato il ritiro delle deleghe nel partito a Philippot, dopo che il suo vice aveva rifiutato a più riprese di lasciare la presidenza del suo movimento, Les Patriotes.

08:54Iran: Tillerson, Trump non ha condiviso sua decisione

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - Donald Trump ha preso la sua decisione se certificare o meno l'accordo su nucleare alla prossima scadenza prevista ma non l'ha condivisa con nessuno "esternamente", neppure con Theresa May che glielo aveva chiesto ieri: lo ha detto il Segretario di Stato americano Rex Tillerson, dopo una riunione dei 5+1 a margine dell'assemblea Onu.

08:48Usa: Ivanka Trump si apre su depressione post parto

(ANSA) - WASHINGTON, 21 SET - Ivanka Trump parla in tv della sua esperienza con la depressione post parto, rivelando di averne sofferto "in qualche forma con ognuno dei miei bambini". La figlia del presidente Usa Donald Trump e sua consigliera alla casa Bianca lo ha detto durante la registrazione di un popolare programma condotto da un noto 'medico televisivo', il 'The Dr. Oz Show', che andra' in onda nei prossimi giorni e di cui sono state diffuse anticipazioni. "E' stato un periodo molto arduo ed emotivo per me", ha spiegato Ivanka, "sentivo come se non potessi essere all'altezza delle mie potenzialita' da genitore, o da imprenditrice o da manager". La figlia del presidente ha quindi ammesso che non aveva in principio intenzione di rivelare tali dettagli ma che si tratta di un tema importante "che riguarda genitori in tutto il paese". Ivanka e' sposata con Jared Kushner, tra i piu' stretti consiglieri del presidente Trump, e la coppia ha tre figli: Arabella di sei anni, Joseph di tre e Theodore di un anno.

08:37Messico: sisma, 115 morti nella capitale, totale 245

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 21 SET - Il sindaco di Città del Messico, Miguel Angel Mancera, afferma che un totale di 115 persone sono morte nella capitale dopo il terremoto di magnitudo 7.1 che ha scosso la città e gli stati vicini. Ciò porta il numero di morti a livello nazionale a 245, basandosi sul precedente bilancio del governo federale.

00:28Calcio: harakiri il Real Madrid, 0-1 in casa contro il Betis

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Real Madrid fa harakiri e perde al 94' in casa contro il Betis Siviglia, in gol con Sanabria, su servizio di Barragan, nel posticipo 5/a giornata della Liga. La sconfitta del Bernabeu fa sprofondare i 'blancos' a -7 dal Barcellona, che in classifica ha fatto percorso netto (cinque partite, cinque vittorie, 15 punti), e a -3 dai 'cugini' dell'Atletico Madrid, oggi vittoriosi nei Paesi Baschi, sull'Athletic Bilbao per 2-0. Malgrado il rientro di Cristiano Ronaldo, dopo la lunga squalifica, che si è vista infliggere per avere messo le mani addosso a un arbitro, non c'è stato nulla da fare per la formazione di Zidane che colleziona la prima sconfitta nella Liga, contro due vittorie e altrettanti pareggi. Il Real Madrid si trova in classifica alle spalle di Barcellona, Atletico e Siviglia, Valencia e Real Sociedad. Domani tre partite. (ANSA).

00:09Calcio: Lazio, Inzaghi “senza infortuni forse non perdevamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ho dovuto rinunciare a quattro giocatori durante la partita e probabilmente senza queste defezioni non avremmo perso perché, nel primo tempo, eravamo stati molto bravi e avevamo creato molti problemi al Napoli. Poi, purtroppo, abbiamo avuto questa serie di infortuni che penso non sia mai capitata nella storia della Lazio". Così Simone Inzaghi commenta il ko della Lazio contro il Napoli. "Probabilmente sono troppi questi infortuni muscolari, abbiamo giocato molte partite, ho cercato di cambiare, ma gli infortuni ci sono stati lo stesso - aggiunge -. Ora dovremo cercare di fare il possibile per mettere insieme i giocatori per domenica e dobbiamo andare avanti anche se spiace per questa sconfitta, perché probabilmente non sarebbe arrivata".

Archivio Ultima ora