Letta sosterrà il candidato di unità. Renziani, tifa per Orlando

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

Letta e Renzi, passaggio delle consegne

ROMA. – Tende ad escludere un suo ritorno in politica ma, a differenza di Romano Prodi, che ha già chiarito che non si schiererà alle primarie, Enrico Letta prende in considerazione di scegliere il suo candidato alla leadership del Pd. “Vedremo chi farà un discorso di unità del centrosinistra e chi un discorso europeista e non populista”, è l’identikit dell’ex premier.

“Fa il tifo per Orlando perchè spera di essere richiamato a Palazzo Chigi se salta tutto”, non hanno dubbi i renziani convinti, però, alla luce dei sondaggi, che l’ex leader dem vincerà con ampio margine sia sul Guardasigilli sia su Michele Emiliano.

Con l’occasione dell’uscita del nuovo libro, Letta torna nel salotto di Bruno Vespa. E, pur con pacatezza, si toglie qualche sassolino, senza mai nominare Renzi. “A me si rimproverava che con noi al governo Grillo andava a nozze, alla fine di questa legislatura Grillo è ai massimi”, è la stoccata contro chi accelerò la fine del suo governo. Di acqua ne è passata sotto i ponti, l’ex premier dice di considerare ormai la politica “un tempo della vita e non la vita” ma non intende rinunciare alla sua passione europeista.

Per questo sprona a mettere mano quanto prima alla legge elettorale perchè “con il proporzionale puro si torna indietro di 25 anni” con il rischio di uno scenario spagnolo senza vincitori e di un’Italia tagliata. Letta, però, non sembra aver ancora perso del tutto l’interesse per la vita interna del Pd.

“A seconda del dibattito vedrò se e chi votare” premette uno dei padri fondatori dell’Ulivo, aggiungendo poi che la sua preferenza al congresso andrà per chi crede ancora nell’unità del centrosinistra e per chi “non usa l’Europa come una clava, in modo populista”.

Profilo che non lascia dubbi ai renziani: Letta, sono convinti gli uomini dell’ex segretario dem, si schiererà per Orlando, che dichiara intenzioni unitarie, con l’obiettivo, spiegano, di fargli scalare il Pd, ricomporre la scissione con Bersani e tornare al centrosinistra.

“Un scenario da nostalgici”, maliziano i renziani che non escludono mire di Letta per un bis a Palazzo Chigi in caso di uno scenario da larga coalizione. Scenari futuri che saranno anche legati alla legge elettorale. Il confronto tra i partiti è fermo in attesa dell’esito del congresso dem.

Ma Andrea Orlando ed i suoi spronano a smuovere le acque invitando ad accantonare la scelta dichiarata del Pd per il Mattarellum “visto che gli altri non sono d’accordo”. Il modello proporzionale con un premio di governabilità, promosso dal Guardasigilli, è in realtà il punto di caduta immaginato da molti nel Pd, anche tra i renziani.

Ma per il momento le bocce restano ferme: Renzi non ha intenzione di caratterizzare la campagna congressuale con il “politichese” nè di aprire altri fronti prima del 30 aprile.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

14:15Renzi, Lega-M5s allergici a democrazia interna

(ANSA) - BRUXELLES, 28 APR - "Forza Italia e Movimento 5 Stelle sono allergici alla democrazia interna". Lo dice Matteo Renzi parlando al pubblico in un evento organizzato a Bruxelles per la chiusura, assieme a Maurizio Martina, della campagna per le primarie del Pd. "Siamo gli unici che lunedì avranno un segretario legittimato da alcune centinaia di migliaia di voti, ma speriamo anche da qualche milione".

14:13Thailandia: mandato di arresto contro rampollo Red Bull

(ANSA) - BANGKOK, 28 APR - La Corte penale di Bangkok ha emesso oggi un mandato di arresto contro Vorayuth "Boss" Yoovidhya, il nipote del fondatore thailandese della bevanda Red Bull, accusato di aver ucciso un poliziotto alla guida della sua Ferrari il 3 settembre 2012 a Bangkok. La decisione è stata presa dopo che Vorayuth, 32 anni, non ha risposto all'ottava convocazione in cinque anni per vedersi notificate le accuse, in una saga che in Thailandia è diventata il simbolo dell'impunità dell'élite e dei doppi standard della giustizia nazionale. La famiglia Yoovidhya è una delle più ricche del Paese.

14:08Fake news: Boldrini, non sono goliardata ma grave minaccia

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Le fake news non sono una goliardia, una ragazzata, ma sono una minaccia alla collettività, chi le inventa ha un progetto in mente che è quello di creare caos e di fare soldi alterando l'opinione pubblica". Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini presentando all'istituto Luigi Einaudi il suo libro "La comunità possibile. Una nuova rotta per il futuro dell'Europa". L'invito che la presidente rivolge ai ragazzi presenti è quello di "verificare sempre la fonte delle notizie. Non dovete dare per vero tutto quello che gira in rete". Boldrini fa sapere di aver istituito una commissione Internet e anche una sui fenomeni dell'odio "spero poi - aggiunge - che la legge sul cyber bullismo sia approvata quanto prima". La presidente di Montecitorio si rivolge poi alle ragazze presenti invitandole a fare attenzione: "Quello che oggi pensate possa essere divertente, domani può diventare un ricatto. Il web è la nuova frontiera della violenza contro le donne".

14:07Pd: Orlando, notabili tutti schierati a sostegno di Renzi

(ANSA) - FIRENZE, 28 APR - I notabili del Partito Democratico "sono tutti saldamente a sostegno di Matteo Renzi" in questa campagna per le primarie del 30 aprile. Lo ha detto Andrea Orlando, candidato alla segreteria del Pd, a margine di una iniziativa a Campi Bisenzio (Firenze). "In questi anni la rottamazione ha funzionato così - ha affermato - si sono tolte le prime file e le seconde hanno fatto un passo avanti, ma le dinamiche sono rimaste le stesse in molte realtà del Paese. Questo non l'ho detto io, lo ha detto Matteo Renzi quando all'indomani del referendum ha detto di aver sbagliato ad affidarsi ai notabili per costruire il consenso per il referendum: ecco, in questo momento i notabili sono tutti saldamente a sostegno di Matteo Renzi".

14:02Emiliano, io come Guevara, Renzi-Napoleone, Orlando-Pilato

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "A questo punto il mio paragone con un personaggio storico che mi viene in mente più facilmente è Che Guevara, nel senso che ho amato questo personaggio tutta la vita, ho cercato di combattere, di non valutare quando dovevo scegliere la battaglia se era possibile vincere o perdere, ma solo se era giusta". Lo ha dichiarato Michele Emiliano, candidato alla segreteria del Pd ai microfoni di RTL 102.5, che dopo aver paragonato Matteo Renzi a Napoleone e alle Giovani Marmotte, ha così risposto alla domanda sul ruolo che assegnerebbe a Orlando. "In questo mi sembra un po' Ponzio Pilato - ha proseguito con i paralleli -, con un sussulto finale, è stato lì a guardare per tre anni, è stato un ministro della Giustizia di Renzi, bravo, un bravissimo ragazzo, ora ha capito che l'aria era cambiata e ha provato a sganciarsi. Meglio tardi che mai, brava persona, ma ha questo problema alla sua credibilità rispetto al progetto alternativo al renzismo".

14:01F1: a Imola ‘Ayrton Day’ l’1 maggio nel ricordo di Senna

(ANSA) - IMOLA (BOLOGNA), 28 APR - A 23 anni dal quel tragico primo maggio, con lo schianto contro il muretto di recinzione alla curva del Tamburello, l'Autodromo di Imola ricorderà Ayrton Senna aprendo la sua pista al pubblico e mettendo in mostra il leggendario Kart con il numero 17 che lanciò il pilota brasiliano sulla scena dell'automobilismo internazionale. Alle 16.30 di lunedì nella terrazza del museo Checco Costa, dove è possibile visitare la mostra sulla F1, Senna verrà raccontato da Gian Carlo Minardi, dall'ex pilota Gianluigi Martini e dal direttore di Autosprint, Andrea Cordovani, prendendo spunto dalle foto del fotoreporter Angelo Orsi il cui sodalizio con il campione durò 11 anni. (ANSA).

13:51Incidente probatorio Marco Gasparri l’8 maggio

(ANSA) - ROMA, 28 APR - 28 APR - Il gip di Roma ha fissato per l'8 maggio l'interrogatorio in incidente probatorio di Marco Gasparri, dirigente Consip, così come richiesto dalla Procura di Roma nell'ambito dell'inchiesta che il primo marzo scorso ha portato all'arresto dell'imprenditore Alfredo Romeo per corruzione. Obiettivo del procuratore aggiunto Paolo Ielo e del sostituto Mario Palazzi è cristallizzare le sue affermazioni che sono alla base delle accuse mosse a Romeo. Parlando sia con i magistrati romani che con quelli di Napoli, il dirigente della centrale acquisti ha affermato di avere ricevuto, nell'arco di tre anni, circa 100 mila euro da parte di Romeo per ottenere informazioni relative agli appalti banditi dalla Consip. L'atto istruttorio avverrà davanti al gip Gaspare Sturzo, lo stesso magistrato che deve decidere sulla richiesta di interdizione per la Romeo Gestione.

Archivio Ultima ora