Il dopo-voucher: tra mini-job, buoni e lavoro a chiamata

Pubblicato il 06 aprile 2017 da ansa

ROMA. – Arriva il primo via libera del Parlamento all’abolizione dei voucher: la Camera ha approvato il decreto del Governo che ‘blocca’ il referendum voluto dalla Cgil. Ora la palla passa al Senato. E il segretario generale del sindacato, Susanna Camusso, avverte: “Il primo round l’abbiamo passato, ma non smobilitiamo”, visto che il sì definitivo deve arrivare infatti entro metà maggio. Ma per quella data già “ci sarà una nuova norma”, assicura Alternativa Popolare (Ap), a seguito, racconta, di un incontro con il premier.

La ricetta proposta da Angelino Alfano e dallo stato maggiore del partito prevede tre pilastri: buoni famiglia ad ore, lavoro a chiamata liberalizzato e mini contratti dall’imprinting tedesco. Per colmare il vuoto dei voucher, e non cadere nel ‘nero’, si fa sicuramente strada l’idea di un restyling del lavoro intermittente, a chiamata.

Si tratta di eliminare i vincoli di età presenti (meno di 25 anni o più di 55) e di allargarne l’applicazione ad altri settori, visto che oggi risulterebbe confinato a ristoranti e hotel. Resterebbe il tetto di 400 giornate da cumulare in tre anni. La formula viene ripresa anche nel piano presentato dai centristi. Prende quota il modello che tanto successo ha avuto in Germania, quello dei mini-job.

L’Ap a riguardo ha le idee particolarmente chiare, immagina infatti contratti di lavoro a orario ridotto per periodi già confezionati, predeterminati. Il limite sarebbe di 70 giorni o 500 ore in un anno, con un reddito massimo consentito di 7.500 euro. Niente Irpef ma contributi Inps e Inail. A differenza del lavoro a chiamata si concorda insieme come spalmare la prestazione.

Fin qui quel che potrebbe accadere nelle imprese, altra questione sono le famiglie. Ap pensa a una sorta di buono famiglia, 12 euro l’ora, non cedibili e numerati, per i lavori occasionali, con un compenso massimo annuale di 7.500 euro (2.000 se mono-committente).

Nei giorni scorsi era anche trapelata l’ipotesi di una gestione tramite piattaforma telematica, sulla falsariga di quanto accade in Francia e in Belgio, con la possibilità di effettuare i pagamenti online. L’Inps si è già candidata ad ospitare la futura banca dati.

Anche il presidente della commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi, pur restando attaccato al ‘vecchio’ modello dei voucher, pensa al ‘clic’ come soluzione, tanto che parla di un sistema telematico di “iscrizione dei lavori brevi” almeno per le imprese. Del tutto contraria all’abolizione Fi, mentre i Cinque Stelle scrivono: “Toccherà a noi, una volta al governo, mettere a punto uno strumento ad hoc”.

(Di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

09:21‘Immigrazione illegale diffonde terrorismo’

(ANSA) - NAYPYITAW (BIRMANIA), 20 NOV - "Conflitti e instabilità nel mondo sono in parte dovuti all'immigrazione illegale che diffonde il terrorismo". Lo ha detto la leader della Birmania Aung San Suu Kyi accogliendo nella capitale ministri degli esteri asiatici ed europei, tra i quali l'alto rappresentante della politica estera europea Federica Mogherini.

08:51Usa: è morto Charles Manson

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il serial killer americano Charles Manson è morto a 83 anni. Lo riportano i media americani. Era stato ricoverato in un ospedale in California per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute. Leader di una setta conosciuta con il nome di 'Family', Manson è stato uno dei killer più sanguinari della storia degli Stati Uniti. Stava scontando l'ergastolo per l'omicidio di Sharon Tate, giovane moglie di Roman Polanski, e altre sei persone a Los Angeles nell'agosto del 1969.

07:50India: offerta ricompensa a chi ‘brucera’ viva’ attrice

NEW DELHI - Intense per lo stop imposto dalla censura al debutto nelle sale previsto per l'1 dicembre, le polemiche intorno al film storico 'Padmavati' del regista Sanjay Leela Bhansali si sono ulteriormente infiammate in India dopo che ieri un gruppo marginale di difesa della 'casta dei cavalieri' ha offerto una ricompensa di dieci milioni di rupie (oltre 130.000 euro) per "chi brucerà viva la protagonista, Deepika Padukone". Tratto da 'Padmavat', un poema epico del XVI secolo, il film racconta la storia di una regina indu' (Rani Padmini, nota anche come Padmavati) che, per non cadere nelle mani del sultano di Delhi, Alauddin Khalji, al termine di un lungo assedio del Chittor Fort nel 1303 preferi' immolarsi con il fuoco insieme a tutte le altre donne.

07:44Afghanistan: liberati 30 da prigione talebani in Helmand

KABUL - Forze speciali afghane hanno liberato ieri un gruppo di almeno 30 persone, fra cui anche bambini, da una prigione dei talebani nella provincia meridionale afghana di Helmand. Lo riferisce la tv Tolo di Kabul. Fonti dell'amministrazione locale hanno reso noto che l'operazione di salvataggio e' avvenuta nel distretto di Nawzad. I prigionieri, si e' appreso, erano accusati di aver collaborato con il governo, contro gli insorti.

07:40Uragani:migliaia in corteo a Washington per aiuti Porto Rico

WASHINGTON - Migliaia di persone hanno sfilato oggi nella capitale nella marcia dell'unita' a sostegno dei fondi per i danni degli uragani a Porto Rico, che versa ancora in condizioni di emergenza. La folla, sventolando bandiere dell'isola caraibica, ha invaso il Mall ed e' arrivata sino a Capitol Hill.

07:31Trump, prossima settimana decido su import trofei elefanti

WASHINGTON - Donald Trump ha reso noto via Twitter che annuncera' la prossima settimana la sua decisione sull'importazione di grandi trofei di caccia, la cui autorizzazione ha sospeso nei giorni scorsi sull'onda delle proteste. "Sara' molto difficile farmi cambiare idea che questo spettacolo dell'orrore in qualche modo aiuta la conservazione degli elefanti o di altri animali", ha spiegato.

02:15Germania: Lindner, salta il tavolo ‘Giamaica’

(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Salta il tavolo dei cosiddetti partiti "Giamaica" a Berlino, dove Cdu, Csu, liberali e verdi hanno condotto delle trattative preliminari nelle ultime due settimane, per arrivare alle consultazioni di un possibile governo a quattro. Lo ha reso noto il leader dei liberali Christian Lindner, che ha annunciato di lasciare il tavolo. "Manca la fiducia di base" fra i partiti, detto Lindner, affermando ai cronisti che i liberali non vogliono "piantare in asso" gli elettori, e che, in questa situazione, "è meglio non governare".

Archivio Ultima ora