“Migrazione e sviluppo” alla Farnesina, per capire meglio le radici del fenomeno

Pubblicato il 10 aprile 2017 da redazione

 

 

ROMA Comprendere al meglio e affrontare le cause profonde delle migrazioni si traduce in un serio, concreto e continuativo impegno collettivo di istituzioni, società civile e organizzazioni internazionali. Con questo obiettivo, la Cooperazione italiana ha promosso alla Farnesina la conferenza su “Migrazioni e sviluppo” che ha visto la partecipazione di numerosi esponenti del sistema italiano di cooperazione, delle organizzazioni internazionali, della società civile e del settore privato, chiamati a discutere sulle ragioni profonde del fenomeno migratorio e riflettere su azioni in corso e soluzioni sostenibili.

Il nesso tra migrazione e sviluppo è un tema controverso su cui riflettere, per affrontare il quale occorre pensare a nuove forme di partenariato per trasformare i flussi in una migrazione circolare, ha affermato il Vice Ministro Mario Giro inaugurando questa mattina i lavori della conferenza.

“Il tema è al centro del dibattito europeo e rappresenta una grande sfida dei nostri giorni”, dal momento che la questione migratoria non è da considerarsi soltanto un’emergenza, ma un fenomeno di più lungo periodo che affonda le sue radici in “ragioni economiche e culturali”, presentando una “natura multidimensionale che incrocia quasi tutti gli Obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile”. Il fenomeno migratorio, ha proseguito Giro, presenta una “dimensione orizzontale”, i cui spazi fisici e giuridici riguardano tutti i continente.

“È un’illusione pensare che di fronte a tale sfida si possa rispondere da soli: viviamo in un mondo interconnesso, fluido, liquido. Di qui l’obbligo di trovare soluzioni flessibili e solide”. L’Italia, ha ricordato il viceministro, “ha pensato a una forma di partenariato che vada oltre l’aiuto pubblico allo sviluppo, coinvolgendo il settore provato e cercando di rispondere non solo alle esigenze di sviluppo. In tale contesto, la cooperazione italiana “deve essere capace di fare la differenza ogni giorno con programmi innovativi, catalizzando tutte le proprie risorse, lavorando in maniera integrata e interconnessa e valorizzando le buone pratiche”, ha aggiunto Giro.

I fenomeni migratori, ha affermato il Direttore dell’Aics, Laura Frigenti, devono essere gestiti, piuttosto che contrastati, e le politiche migratorie sono importanti per l’attuazione di azioni su larga scala, ma per molte persone i risultati arrivano attraverso i micro-interventi quotidiani.

“L’Aics è impegnata nell’attuazione degli strumenti operativi e nella valutazione comprensiva di tutti i programmi messi sul terreno dai donatori”, che sono stati messi insieme nel rapporto “Verso una migrazione sostenibile”, il primo documento analitico pubblicato sul tema, ha aggiunto Frigenti.

Secondo Pietro Sebastiani, Direttore generale della Dgcs, la migrazione è un fenomeno articolato e in continua evoluzione e il suo nesso con le tematiche di sviluppo deve essere una soluzione di tipo “win-win”. Si tratta di un fenomeno “complesso, multidimensionale e strutturato” per affrontare il quale serve rafforzare il ruolo “cruciale” delle diaspore, confrontandosi con “le cause profonde” per rendere la migrazione una scelta “responsabile e non obbligata”.

In tale contesto, ha aggiunto Sebastiani, oltre alle diaspore occorre coinvolgere nuovi attori e nuovi partner, tra cui il mondo accademico, i centri di ricerca, il settore privato, gli enti territoriali. L’obiettivo è “mettere a sistema questi attori per creare opportunità di sviluppo e accesso al credito”. Serve inoltre “un approccio integrato fra tutti gli strumenti politici a nostra disposizione, in vista dell’obiettivo finale di eliminare la povertà nel rispetto dei diritti umani”.

Della necessità di un partenariato “dialogante” fra i paesi d’origine, di transito e di arrivo dei flussi migratori ha parlato Luigi Maria Vignali, Direttore centrale per le Politiche migratorie e i visti del Maeci, secondo il quale occorre dare seguito a “iniziative concrete” in termini di cooperazione allo sviluppo e di coinvolgimento del settore privato. “Nel proporre il migration compact l’Italia ha lanciato anche il Fondo per l’Africa, uno strumento non solo di cooperazione allo sviluppo” ma che consente di attuare una serie di azioni in diversi settori, ha detto Vignali, ricordando il primo intervento finanziato nell’ambito del Fondo Africa nel Sahel. Altri progetti, ha aggiunto, sono previsti in Nigeria, in Etiopia e in Africa occidentale.

Le migrazioni, ha osservato nel suo intervento Paola Alvarez dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), sono un fenomeno “antico quanto l’umanità” per affrontare il quale occorre tenere presente tre concetti fondamentali: la reciprocità, la trasversalità e il contesto. Quanto al primo punto, è bene ricordare come tutti i paesi del mondo siano toccati dal fenomeno migratorio e che le migrazioni intra-regionali sono “le più comuni”. Per quanto concerne il concetto della trasversalità, l’Agenda 2030 – ha ricordato la Alvarez – rappresenta un parametro di riferimento per integrare il tema migratorio nelle politiche di settore dei singoli paesi. Infine, va evidenziato il fatto che la migrazione è un “fattore intrinseco dello sviluppo” e che “il rafforzamento delle risorse economiche e sociali non determina una riduzione ma un incremento della mobilità umana”.

A rappresentare il punto di vista della società civile è intervenuta la portavoce delle Organizzazioni italiane di cooperazione e solidarietà internazionale (Aoi), Silvia Stilli, la quale ha auspicato “un impegno più ampio della sola cooperazione”, dal momento che la migrazione “non è un’emergenza di pochi paesi ma riguarda tutti i continenti” e occorre affrontarla in maniera “interconnessa”, coinvolgendo pubblico, profit, no profit, mondo accademico e della formazione. Una mera “strategia securitaria” – ha aggiunto – non affronta il tema migratorio in un’ottica di diritti e sviluppo. La conferenza odierna ha avuto l’obiettivo di prendere atto delle azioni intraprese e, al contempo, ha rappresentato un momento di riflessione e un’occasione per volgere uno sguardo lungimirante al futuro, nello spirito partecipativo e di inclusività che contraddistingue la Cooperazione italiana.

(Aise)

 

Ultima ora

16:20Calcio: Balotelli, ripresi allenamenti con il Nizza

(ANSA) - NIZZA (FRANCIA), 26 GIU - All'indomani del rinnovo contrattuale con il Nizza, con cui ha firmato fino al 30 giugno del 2019, Mario Balotelli ha ripreso gli allenamenti con il club francese. Lo stesso Nizza ha diffuso alcune foto e un video in cui si vede l'attaccante arrivare al centro di allenamento, salutare allenatore e compagni e poi mettersi al lavoro, in un clima di entusiasmo per il ritorno di Supermario. Nella scorsa stagione calcistica Balotelli ha segnato 15 gol con la maglia del Nizza, che ieri ha accolto con un "bentornato a casa" la notizia del rinnovo del contratto. Il club ha anche definito "l'idolo di grandi e piccini" l'ex giocatore di Inter e Milan.

16:19Usa: fonti, ambasciatore russo Sergei Kislyak torna a Mosca

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Il Cremlino ha deciso di richiamare a Mosca il suo ambasciatore a Washington Sergei Kislyak, considerato uno dei protagonisti delle interferenze russe nelle elezioni che hanno portato Trump alla Casa Bianca. Lo scrive BuzzFeed, citando tre fonti a conoscenza della decisione. In realtà Mosca non ha indicato alcuna data in tal senso, tuttavia, aggiunge BuzzFeed, lo 'US-Russia Business Council' ha organizzato per l'11 luglio al St Regis Hotel di Washington un party di addio per l'ambasciatore. Frattanto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha scritto su Facebook: "Per tutta la notte sono stata contattata da giornalisti che volevano conferma della partenza a luglio dell'ambasciatore Kislyak...in Russia la decisione sul rientro e sulla nomina degli ambasciatori viene presa dal presidente. Quando verrà presa la decisione sulla sostituzione del nostro ambasciatore negli Usa...Kislyak entrerà nella storia come colui che ha fatto di tutto per promuovere i rapporti bilaterali".

16:18Polizia Ferroviaria compie 110 anni, fu voluta da Giolitti

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - A volerla fu l'allora ministro dell'Interno Giovanni Giolitti, nel 1907, per prevenire e contrastare i reati sui treni, seguendo di un paio d'anno la nascita delle Ferrovie, nel 1905. La Polizia Ferroviaria, che è la specialità più antica della Polizia di Stato e in questi giorni compie 110 anni, garantisce oggi la sicurezza di 2 milioni di viaggiatori che si recano in una delle 2.500 stazioni, prendono i 9mila convogli lungo i 16mila chilometri di binari. Conta oggi su 4.300 operatori, che garantiscono la sicurezza con un calo dei reati: meno 27% di furti, meno 37% di rapine, meno 5% di aggressioni e meno 9% di danneggiamenti. Nel corso del 2016 i controlli sono stati 940.649, 14.065 le sanzioni amministrative, 1.245 gli arrestati e 11.360 gli indagati. In occasione dell'anniversario il capo della Polizia,Gabrielli e l'ad di FS Italiane, Mazzoncini, hanno rinnovato la convenzione che dal 2007 garantisce lo scambio di informazioni, dotazioni tecnologiche e strumenti a supporto dell'attività della Polfer.

16:15Calcio: Premier League, de Boer tecnico del Crystal Palace

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Frank de Boer è il nuovo tecnico del Crystal Palace: lo annuncia il club di Premier League sul proprio sito internet, precisando che con il manager è stato raggiunto un accordo di tre anni. Il tecnico olandese, che subentra a Sam Allardyce, era senza squadra da novembre, quando fu esonerato dall'Inter. "È un grande onore per me - le parole di de Boer riportate sul sito dopo la sua presentazione alla stampa - essere stato nominato alla guida di uno storico club come questo: un club conosciuto in tutto il mondo per i suoi tifosi fieri e appassionati. Quest'incarico costituisce una grande opportunità per me e non vedo l'ora di cominciare il campionato lavorando con giocatori e staff". De Boer, 47 anni, è alla prima esperienza in Premier League.

16:13Consip, nuove accuse a capitano del Noe Scafarto

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Si aggrava la posizione del capitano del Noe carabinieri Gian Paolo Scafarto, interrogato oggi in procura a Roma su Consip. Le nuove ipotesi di accusa sono falso e rivelazione del segreto e si aggiungono alla prima, sempre di falso, per l'attribuzione all'imprenditore napoletano Alfredo Romeo di una frase pronunciata da Italo Bocchino e riferita a Tiziano Renzi. Le nuove contestazioni vertono per quanto riguarda il falso su un riferimento al generale Fabrizio Farragina, ex Aisi (servizio segreto interno), sulla presunta presenza di 007 durante le indagini di Scafarto su Consip; la rivelazione di segreto si riferisce invece a presunte 'soffiate' sull'andamento delle indagini - ad agosto 2016 e marzo 2017 - ad ex colleghi del Noe passati poi all'Aisi. Sabato è stato sentito l'ex presidente Consip Luigi Ferrara, ora indagato per false dichiarazioni al pm per aver ridimensionato il ruolo del comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette nella presunta violazione del segreto dell'indagine.

16:12Omicidio-suicidio a Prato, spara a moglie e si uccide

(ANSA) - PRATO, 26 GIU - Un ottantunenne ha ucciso la moglie di 79 e poi si è suicidato. E' accaduto a Prato, dove i due corpi sono stati trovati stamani nel loro appartamento. I due coniugi sono stati trovati in camera da letto. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri l'uomo avrebbe esploso contro la moglie un colpo dal suo fucile da caccia. Poi avrebbe rivolto l'arma verso di sé e avrebbe fatto fuoco ancora una volta. Per i militari il gesto sarebbe riconducibile ad una crisi depressiva. (ANSA).

16:07Spagna: ancora in fiamme parco Donana

(ANSA) - MADRID, 26 GIU - E' ancora fuori controllo uno dei tre fronti dell'incendio divampato sabato notte attorno al parco nazionale spagnolo di Donana, vicino a Huelva nel sud dell'Andalusia, dichiarato dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità e Riserva della Biosfera. Il fronte ancora attivo è quello più vicino al cuore del parco nazionale. Per l'assessore all'Ambiente dell'Andalusia José Fiscal ci sono però "buone prospettive" di poter domare anche questo fronte in giornata. Molto dipenderà dall'evoluzione del forte vento - fino a 90 km orari - che da due giorni alimenta le fiamme. L'incendio ha costretto alla fuga circa 50mila persone che trascorrevano il fine settimana nel parco, in particolare nel comune turistico di Matalascanas. Alla lotta contro le fiamme partecipano 500 pompieri appoggiati da 15 mezzi di terra e da 7 canadair, oltre che dall'Unità Militare di Emergenza (Ume). Ieri i responsabili del parco hanno ordinato l'evacuazione del centro di protezione della Lince Iberica.

Archivio Ultima ora