Dopo la sconfitta a Crotone: processo all’Inter, Pioli sulla graticola

Pubblicato il 10 aprile 2017 da ansa

Mauro Icardi inesistente a Crotone. ANSA/ALBANO ANGILLETTA

MILANO. – Processo all’Inter, franata senza orgoglio sul campo del Crotone dove tutte le grandi hanno vinto. I dirigenti accusano, accusa anche Stefano Pioli che forse incassa una fiducia passeggera ma che, inevitabilmente, sarà il primo a finire sulla graticola. La stagione rischia di chiudersi con una implosione drammatica. Fallito l’obiettivo Champions, è tangibile il rischio di lasciarsi sfuggire anche la più modesta Europa League, competizione alla quale l’Inter sembra allergica.

La resa dei conti va in scena ad Appiano Gentile dove si ritrovano Ausilio, Gardini, Zanetti e Pioli per strapazzare i giocatori. Dopo il danno, si rischia la beffa: sabato il derby con un Milan galvanizzato dalla vittoria contro il Palermo e avanti in classifica. Poi, Fiorentina e Napoli: la società vuole limitare i danni in previsione di una nuova, l’ennesima, rivoluzione di una squadra che non trova pace, instabile e fragile, forse pure arrogante come dice Piero Ausilio.

Niente giorno di riposo e ritiro anticipato di appena un giorno: una punizione a metà per i giocatori a capo chino di fronte alle loro responsabilità. Poco onore, scarso attaccamento alla maglia, nessuna fame. Il Crotone ha corso e sudato, si è impegnato e ci ha creduto portando a casa una vittoria meritata.

I campioni dell’Inter latitano, Icardi non segna fuori casa e ultimamente neanche a San Siro. E’ un campione ma non del tutto, lontano dalla classe cristallina di stelle come Dybala e Higuain, di Insigne o Belotti. Bene fa Bauza a escluderlo, per ora, dalla Nazionale argentina.

L’Inter non è ancora una grande squadra. Pioli è un allenatore serio e concreto ma il tasso tecnico è troppo povero per coltivare traguardi ambiziosi. Suning sta a guardare ma – di certo – la proprietà è irritata e delusa. La tentazione di far cadere l’ennesimo allenatore è forte nel solco di una tradizione consolidata dai tempi di Moratti a oggi. Addirittura una prassi che presuppone una scarsa disponibilità all’analisi da parte dell’intero gruppo dirigente.

L’Inter non ha fuoriclasse, non ha giovani talenti da lanciare, si affida a buoni giocatori, troppo spesso e con troppa fretta acclamati e pagati come top player. Lo dice il campo: Gagliardini, Candreva, Medel, Joao Mario passando per Banega e Kondogbia con Gabigol a fare da ciliegina su una torta indigesta.

Difficile chiedere di più a questa squadra e proprio Mancini – che quest’estate ha dato forfait – torna a farsi sentire. Avanza dubbi sull’effettiva capacità di qualche dirigente, difende Pioli e si schiera a favore di tutti quegli allenatori che pagano in prima persona senza però aver avuto alcuna voce in capitolo nella composizione dell’organico. Un’ingiustizia, secondo lui.

Non ha torto: Pioli ha raccolto l’eredità fallimentare di De Boer, una scelta frutto di un capriccio di Thohir. L’allenatore emiliano ha fatto quello che ha potuto e ora deve affrontare un improvviso calo, come già accadde la scorsa stagione con Mancini, sempre nel girone di ritorno. Eppure, nonostante Pioli sia rispettato e difeso, si pensa sempre a qualcuno ‘migliore’ di lui. Nomi importanti come se bastasse il nome a fare la squadra. Bisognerebbe invece ripartire dai giocatori, intervenire sul mercato in uscita in maniera massiccia, procedere a riequilibrare la rosa aumentandone il valore.

Prima era Conte, adesso è Spalletti il candidato più in voga. Dietro l’angolo aspetta Simeone. La società deve dare un segnale chiaro su quale strada voglia intraprendere per mantenere le sue promesse e ridare all’Inter il rango della grande squadra. Un cambio di tendenza sarebbe auspicabile: invece di sfogliare la margherita dei papabili allenatori, bisognerebbe portare a Milano giocatori diversi perché, alla fine, sono solo loro a fare la differenza.

(di Daniela Simonetti/ANSA)

Ultima ora

00:12Calcio: Spagna, Atletico Madrid ko con Villareal

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Seconda sconfitta dell'anno per l'Atletico Madrid. Nell'anticipo del turno infrasettimanale della Liga, battuta d'arresto per la squadra di Simeone superata in casa 1-0 dal Villareal: decide la rete di Roberto Soriano che entra e gela così il Calderon. Un ko che complica la vita dell'Atletico che resta a quota 68 punti, terzo, ma con il Siviglia lontano solo tre lunghezze e con una gara in meno. Nelle altre gare disputate 1-1 tra Sporting e Espanyol, vittoria per 2-0 del Malaga in casa del Granada.

23:31Calcio: Chelsea vince e va a +7 su Tottenham

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Gli applausi alla fine sono tutti per Antonio Conte. Il Chelsea torna a vincere dopo la battuta d'arresto col Manchester e allo Stamford Bridge batte il Southampton 4-2, compiendo così un altro passo verso la conquista del titolo in Premier League. La squadra allenata dall'ex ct azzurro sale infatti a 78 punti, con sette lunghezze di vantaggio sul Tottenham che scende in campo domani in casa del Crystal Palace. Nella serata trionfale dei Blues i riflettori sono per Diego Costa, autore di una doppietta, seguita alle reti di Hazard e Cahill. Di Romeu e Bertrand i gol del Southampton.

21:09Calcio: Baccaglini, lavoriamo in silenzio a futuro Palermo

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Ci sono avvocati, banchieri e tecnici che stanno lavorando intensamente per finalizzare l'operazione entro i termini stabiliti. Lo fanno nel modo in cui si svolgono gli affari seri: in silenzio e con discrezione. Nel frattempo stiamo lavorando intensamente alla pianificazione del prossimo anno che deve vederci squadra forte, competitiva e all'altezza dei colori societari". E' quanto dice il presidente del Palermo calcio, Paul Baccaglini.

21:09Il paese raccolse 2 mln euro per cure, morto 14enne malato

(ANSA) - NUORO, 25 APR - E' morto questa mattina, nella sua casa di Gavoi (Nuoro), Roberto Sanna, il ragazzo di 14 anni affetto da leucodistrofia metacromatica, una malattia rara per le cui cure, undici anni fa, si era mobilitato il paese e l'intera Sardegna in una campagna di raccolta di fondi che doveva servire per i viaggi della speranza negli Stati Uniti. In quella campagna di solidarietà, da cui nacque il comitato "pro Roberto", furono raccolti oltre due milioni di euro. Molti di più di quelli che sono serviti per finanziare i due viaggi in America per sottoporre Robertino al trapianto di cellule staminali. Purtroppo, però, la sua malattia era già in stato avanzato e il piccolo che allora aveva tre anni, non è stato sottoposto all'intervento. Quei fondi, però, non sono rimasti inutilizzati. Grazie alla generosità del Comitato, presieduto da Dario Sanna, padre di Robertino, i soldi sono stati donati per la cura di altre malattie rare, per l'inserimento di ragazzi svantaggiati e per l'acquisto di apparecchiature mediche. (ANSA).

21:04Calcio: Baccaglini tagli al Palermo, ‘via molti giocatori’

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Molti dei giocatori nella rosa attuale non faranno parte del futuro del Palermo che deve ai suoi tifosi e alla propria storia un impegno maggiore, migliore e più continuativo". Lo annuncia il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, che critica senza giri di parole i giocatori soprattutto dopo la pessima figura rimediata a Roma, dove i rosanero, a un passo ormai dalla serie B, hanno lasciato l'Olimpico con un pesante 6-2.

21:03Pallavolo: gara-1 finali scudetto, Civitanova-Trentino 3-0

(ANSA) - CIVITANOVA MARCHE, 25 APR - Il primo acuto delle finali scudetto della Superlega di pallavolo è della Cucine Lube Civitanova. La formazione vincitrice della 'regular season' e della Coppa Italia si è assicurata gara 1 della serie, confermando il pronostico della vigilia e il fattore campo. 3-0 ((25-18, 25-20, 25-17) il risultato finale di un match che i padroni di casa hanno condotto fin dall'inizio nel punteggio dei singoli parziali ma anche per il volume di gioco espresso. Con un muro attento (11 block vincenti in tre set, quattro di Stankovic) e un attacco che ha viaggiato sempre su percentuali elevate (60% di squadra), la squadra di Blengini ha preso in mano le redini del gioco fin da primi scambi, non consentendo agli avversari di rispondere colpo su colpo. La Diatec Trentino ha faticato a contenere gli ex Sokolov (14 punti, con 3 muri e il 69%) e Juantorena (11 col 53%) e la potenza del servizio avversario. I cambi in corsa di Lorenzetti non hanno invertito la tendenza. Gara-2 è in programma il 4 maggio al PalaTrento.

20:40Bif&st: Avati, torno al Diavolo della mia infanzia

(ANSA) BARI, 25 APR - Pupi Avati torna ai demoni del passato con 'Il signor Diavolo'. Lo ha annunciato il regista in una master-class stamani al Bif&st divisa tra Amarcord e nostalgia. "Sto ai titoli di coda della mia vita e ho così voglia di tornare alla nostalgia del cinema con cui ho cominciato a misurarmi da bambino, con quel mondo fantastico. Torno alle cose che mi spaventavano, quando credevo ci fosse il male assoluto, in quell'atmosfera pre-conciliare dell'Italia anni Cinquanta dove i bambini erano immersi tra paura e sacralità". Nel film, che si girerà a Grado ed è tratto dal suo omonimo libro in pubblicazione per Guanda, siamo negli anni '50, a ridosso dell'alluvione del Polesine. I protagonisti sono due 14enni che vivono ancora un tipo di religiosità ancestrale. Uno dei due muore di malaria, ma la gente si convince che sia perché ha fatto cadere l'ostia e l'ha pestata. L'altro non si rassegna di aver perso l'amico del cuore e fa di tutto per contattare un essere deforme che si pensa abbia rapporti col demonio.

Archivio Ultima ora