Dopo la sconfitta a Crotone: processo all’Inter, Pioli sulla graticola

Pubblicato il 10 aprile 2017 da ansa

Mauro Icardi inesistente a Crotone. ANSA/ALBANO ANGILLETTA

MILANO. – Processo all’Inter, franata senza orgoglio sul campo del Crotone dove tutte le grandi hanno vinto. I dirigenti accusano, accusa anche Stefano Pioli che forse incassa una fiducia passeggera ma che, inevitabilmente, sarà il primo a finire sulla graticola. La stagione rischia di chiudersi con una implosione drammatica. Fallito l’obiettivo Champions, è tangibile il rischio di lasciarsi sfuggire anche la più modesta Europa League, competizione alla quale l’Inter sembra allergica.

La resa dei conti va in scena ad Appiano Gentile dove si ritrovano Ausilio, Gardini, Zanetti e Pioli per strapazzare i giocatori. Dopo il danno, si rischia la beffa: sabato il derby con un Milan galvanizzato dalla vittoria contro il Palermo e avanti in classifica. Poi, Fiorentina e Napoli: la società vuole limitare i danni in previsione di una nuova, l’ennesima, rivoluzione di una squadra che non trova pace, instabile e fragile, forse pure arrogante come dice Piero Ausilio.

Niente giorno di riposo e ritiro anticipato di appena un giorno: una punizione a metà per i giocatori a capo chino di fronte alle loro responsabilità. Poco onore, scarso attaccamento alla maglia, nessuna fame. Il Crotone ha corso e sudato, si è impegnato e ci ha creduto portando a casa una vittoria meritata.

I campioni dell’Inter latitano, Icardi non segna fuori casa e ultimamente neanche a San Siro. E’ un campione ma non del tutto, lontano dalla classe cristallina di stelle come Dybala e Higuain, di Insigne o Belotti. Bene fa Bauza a escluderlo, per ora, dalla Nazionale argentina.

L’Inter non è ancora una grande squadra. Pioli è un allenatore serio e concreto ma il tasso tecnico è troppo povero per coltivare traguardi ambiziosi. Suning sta a guardare ma – di certo – la proprietà è irritata e delusa. La tentazione di far cadere l’ennesimo allenatore è forte nel solco di una tradizione consolidata dai tempi di Moratti a oggi. Addirittura una prassi che presuppone una scarsa disponibilità all’analisi da parte dell’intero gruppo dirigente.

L’Inter non ha fuoriclasse, non ha giovani talenti da lanciare, si affida a buoni giocatori, troppo spesso e con troppa fretta acclamati e pagati come top player. Lo dice il campo: Gagliardini, Candreva, Medel, Joao Mario passando per Banega e Kondogbia con Gabigol a fare da ciliegina su una torta indigesta.

Difficile chiedere di più a questa squadra e proprio Mancini – che quest’estate ha dato forfait – torna a farsi sentire. Avanza dubbi sull’effettiva capacità di qualche dirigente, difende Pioli e si schiera a favore di tutti quegli allenatori che pagano in prima persona senza però aver avuto alcuna voce in capitolo nella composizione dell’organico. Un’ingiustizia, secondo lui.

Non ha torto: Pioli ha raccolto l’eredità fallimentare di De Boer, una scelta frutto di un capriccio di Thohir. L’allenatore emiliano ha fatto quello che ha potuto e ora deve affrontare un improvviso calo, come già accadde la scorsa stagione con Mancini, sempre nel girone di ritorno. Eppure, nonostante Pioli sia rispettato e difeso, si pensa sempre a qualcuno ‘migliore’ di lui. Nomi importanti come se bastasse il nome a fare la squadra. Bisognerebbe invece ripartire dai giocatori, intervenire sul mercato in uscita in maniera massiccia, procedere a riequilibrare la rosa aumentandone il valore.

Prima era Conte, adesso è Spalletti il candidato più in voga. Dietro l’angolo aspetta Simeone. La società deve dare un segnale chiaro su quale strada voglia intraprendere per mantenere le sue promesse e ridare all’Inter il rango della grande squadra. Un cambio di tendenza sarebbe auspicabile: invece di sfogliare la margherita dei papabili allenatori, bisognerebbe portare a Milano giocatori diversi perché, alla fine, sono solo loro a fare la differenza.

(di Daniela Simonetti/ANSA)

Ultima ora

19:59Uccise un consigliere comunale, bracciante assassinato

(ANSA) - PALAGONIA (CATANIA), 23 AGO - Il cadavere di un bracciante agricolo di 58 anni, Francesco Calcagno, ucciso con cinque colpi di pistola, è stato trovato nel suo podere di Palagonia (Ct) dai carabinieri. Calcagno il 4 ottobre dello scorso anno a Palagonia uccise sparandogli in un bar il consigliere comunale Marco Leonardo, di 41 anni e dopo si costituì ai carabinieri confessando l'omicidio e parlando di un credito di 3.000 euro che vantava dalla vittima. Nella sparatoria rimase ferito in maniera non grave il gestore del locale, Paolo Sangiorgi, 52 anni. L'uomo era tornato in libertà, dopo un paio di mesi trascorsi in carcere e dopo aver scontato gli arresti domiciliari fino allo scorso aprile, dopo che il gip aveva riconosciuto la possibilità della legittima difesa. Era stato rinviato a giudizio per omicidio e porto abusivo di armi ed era in attesa della fissazione della prima udienza del processo

19:45Ischia: Merkel a Gentiloni, personalmente colpita

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - La cancelliera tedesca Angela Merkel, in una telefonata avuta oggi con il premier Paolo Gentiloni ha espresso al premier, a quanto si apprende da fonti di governo italiano, il proprio cordoglio, sentendosi personalmente colpita dal terremoto che ha scosso Ischia, dove ha trascorso tante delle sue vacanze italiane.

19:42Ius soli: Ap, nessun accordo sottobanco, non è nel programma

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - "Lo ius soli non rientra né tra le emergenze né tra le necessità impellenti del Paese e non fa parte del programma di Governo. Dunque, non ha nessun legame né con la Legge di Stabilità né con nessun altro aspetto politica. Inoltre, dal momento che riguarda un argomento delicato soprattutto per l'opinione pubblica, non può essere alla base di accordi politici". A dirlo è Valentina Castaldini, portavoce nazionale di Alternativa Popolare. "Il nostro obiettivo ora è portare a casa una Legge di Stabilità che dia slancio alla ripresa dell'economia e favorisca il lavoro dei giovani. Chi racconta di falsi accordi sottobanco - conclude - è fuori strada o si presta a inutili strumentalizzazioni".

19:37Cavalli usati per carrozze in ore calde, multe a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 23 AGO - Nonostante l'ordinanza del Comune di Napoli, hanno utilizzato i cavalli che trainano le carrozze nelle ore più calde della giornata, dalle ore 13 alle 16. Per questo, a piazza Municipio, sono scattate multe per quattro conduttori; uno di loro è stato trovato in pieno divieto per due giorni di seguito ed altrettante volte sanzionato. Ad un secondo conduttore che esercitava al posto della madre titolare è stata ritirata la licenza e sarà trasmessa al servizio comunale che gestisce il rilascio delle licenze per il noleggio con conducente, per gli ulteriori provvedimenti. Tutti saranno segnalati alla direzione sanitaria veterinaria per valutare eventuali sofferenze patite dai cavalli e alla direzione tutela animali del Comune e alla garante degli animali. La sanzione prevista dall'ordinanza comunale va da 25 a 500 euro ma in questi casi non si esclude l'ipotesi del maltrattamento o la sospensione delle licenze.

19:30Anarchici: giudici, su Fuoriluogo no prove piano criminale

(ANSA) - BOLOGNA, 23 AGO - In quasi due anni di intercettazioni non è mai stata colta "nessuna pianificazione di imprese criminali" da parte degli anarchici di Fuoriluogo. E' l'osservazione nelle motivazioni della sentenza della Corte di Appello di Bologna che ha confermato le assoluzioni per frequentatori del circolo di via San Vitale, sequestrato nel 2011 quando scattarono misure cautelari. Il Pm Morena Plazzi aveva portato a processo 21 militanti, assolti a marzo 2014. Poi ha impugnato la decisione per 14 posizioni per associazione a delinquere, ma i giudici di appello hanno condiviso l'impostazione del tribunale sulla mancanza del 'pactum sceleris' tra imputati. Le conversazioni intercettate, si legge, "hanno ad oggetto la ricerca di una strategia capace di diffondere l'ideologia anarchica e di attirare l'attenzione su temi sociali ritenuti di assoluto rilievo" e "possono giungere al compiacimento quando è colpita la repressione", ma "non contengono la benché minima traccia di progettazione criminosa, né la presuppongono".(ANSA).

19:22Brasile: affonda nave passeggeri, almeno 7 morti

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 23 AGO - Una nave passeggeri con 70 persone a borda è affondata nel fiume Xingu, nel nord del Brasile. Sono almeno 7 i morti accertati ma ci sono decine di dispersi. Ancora ignote la cause del naufragio. Venticinque persone sono riuscite a nuotare fino alla sponda, secondo i servizi di emergenza dello Stato del Parà. La nave era salpata lunedì notte da Santarem ed era diretta a Vitoria do Xingu. Nel nord del Brasile non ci sono grandi strade e usare la nave come mezzo di trasporto è molto comune.

19:13Seu: bimba francese ricoverata a Bari,condizioni stazionarie

(ANSA) - BARI, 23 AGO - Sono stazionarie e al momento sotto controllo le condizioni di una bambina francese di 18 mesi ricoverata con sindrome Seu (Sindrome emolitico-uremica) all'ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari. La bambina era ospite per turismo con la famiglia in una masseria di Copertino (Lecce) quando ha avvertito i primi sintomi domenica mattina ed è stata inizialmente ricoverata nell'ospedale del paese. Nel pomeriggio di domenica la bimba è stata trasferita a Bari e ricoverata nell'ospedale Giovanni XXIII. Qui, sottoposta ad accertamenti, è stata confermata la patologia e sono state avviate le cure del caso con dialisi ed emotrasfusioni. Parallelamente sono state avviate dalla ASL di Lecce le indagini epidemiologiche per individuare eventuali altri casi. L'ipotesi è che la minore abbiamo contratto il batterio da formaggio fresco fatto con latte non adeguatamente pastorizzato.

Archivio Ultima ora