Dopo la sconfitta a Crotone: processo all’Inter, Pioli sulla graticola

Pubblicato il 10 aprile 2017 da ansa

Mauro Icardi inesistente a Crotone. ANSA/ALBANO ANGILLETTA

MILANO. – Processo all’Inter, franata senza orgoglio sul campo del Crotone dove tutte le grandi hanno vinto. I dirigenti accusano, accusa anche Stefano Pioli che forse incassa una fiducia passeggera ma che, inevitabilmente, sarà il primo a finire sulla graticola. La stagione rischia di chiudersi con una implosione drammatica. Fallito l’obiettivo Champions, è tangibile il rischio di lasciarsi sfuggire anche la più modesta Europa League, competizione alla quale l’Inter sembra allergica.

La resa dei conti va in scena ad Appiano Gentile dove si ritrovano Ausilio, Gardini, Zanetti e Pioli per strapazzare i giocatori. Dopo il danno, si rischia la beffa: sabato il derby con un Milan galvanizzato dalla vittoria contro il Palermo e avanti in classifica. Poi, Fiorentina e Napoli: la società vuole limitare i danni in previsione di una nuova, l’ennesima, rivoluzione di una squadra che non trova pace, instabile e fragile, forse pure arrogante come dice Piero Ausilio.

Niente giorno di riposo e ritiro anticipato di appena un giorno: una punizione a metà per i giocatori a capo chino di fronte alle loro responsabilità. Poco onore, scarso attaccamento alla maglia, nessuna fame. Il Crotone ha corso e sudato, si è impegnato e ci ha creduto portando a casa una vittoria meritata.

I campioni dell’Inter latitano, Icardi non segna fuori casa e ultimamente neanche a San Siro. E’ un campione ma non del tutto, lontano dalla classe cristallina di stelle come Dybala e Higuain, di Insigne o Belotti. Bene fa Bauza a escluderlo, per ora, dalla Nazionale argentina.

L’Inter non è ancora una grande squadra. Pioli è un allenatore serio e concreto ma il tasso tecnico è troppo povero per coltivare traguardi ambiziosi. Suning sta a guardare ma – di certo – la proprietà è irritata e delusa. La tentazione di far cadere l’ennesimo allenatore è forte nel solco di una tradizione consolidata dai tempi di Moratti a oggi. Addirittura una prassi che presuppone una scarsa disponibilità all’analisi da parte dell’intero gruppo dirigente.

L’Inter non ha fuoriclasse, non ha giovani talenti da lanciare, si affida a buoni giocatori, troppo spesso e con troppa fretta acclamati e pagati come top player. Lo dice il campo: Gagliardini, Candreva, Medel, Joao Mario passando per Banega e Kondogbia con Gabigol a fare da ciliegina su una torta indigesta.

Difficile chiedere di più a questa squadra e proprio Mancini – che quest’estate ha dato forfait – torna a farsi sentire. Avanza dubbi sull’effettiva capacità di qualche dirigente, difende Pioli e si schiera a favore di tutti quegli allenatori che pagano in prima persona senza però aver avuto alcuna voce in capitolo nella composizione dell’organico. Un’ingiustizia, secondo lui.

Non ha torto: Pioli ha raccolto l’eredità fallimentare di De Boer, una scelta frutto di un capriccio di Thohir. L’allenatore emiliano ha fatto quello che ha potuto e ora deve affrontare un improvviso calo, come già accadde la scorsa stagione con Mancini, sempre nel girone di ritorno. Eppure, nonostante Pioli sia rispettato e difeso, si pensa sempre a qualcuno ‘migliore’ di lui. Nomi importanti come se bastasse il nome a fare la squadra. Bisognerebbe invece ripartire dai giocatori, intervenire sul mercato in uscita in maniera massiccia, procedere a riequilibrare la rosa aumentandone il valore.

Prima era Conte, adesso è Spalletti il candidato più in voga. Dietro l’angolo aspetta Simeone. La società deve dare un segnale chiaro su quale strada voglia intraprendere per mantenere le sue promesse e ridare all’Inter il rango della grande squadra. Un cambio di tendenza sarebbe auspicabile: invece di sfogliare la margherita dei papabili allenatori, bisognerebbe portare a Milano giocatori diversi perché, alla fine, sono solo loro a fare la differenza.

(di Daniela Simonetti/ANSA)

Ultima ora

01:37Razzismo:Sarri,noi non tutelati quando ci gridano ‘terroni’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - ''Ci sono forme di razzismo che vengono tutelate e a noi, quando ci gridano 'terroni' oppure 'Vesuvio lavali col fuoco' non ci viene concessa la stessa tutela: questo mi fa arrabbiare''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri risponde così ad una domanda sulla sua protesta nei confronti dell'arbitro Irrati nel corso del match del san Paolo contro l'Inter.

00:45F1: Usa, Hamilton in pole, seconda Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la pole position del Gran Premio degli Stati Uniti. Sulla pista di Austin in Texas, il leader del Mondiale ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel e il compagno di scuderia Valtteri Bottas. Quinta l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Quarta posizione per la Red Bull di Daniel Ricciardo (stesso tempo di Raikkonen ma stabilito prima), mentre sesto tempo per il compagno di scuderia Max Verstappen che dovrà scontare una penalità di 15 posizioni in griglia per aver sostituito la Power Unit. Settimo crono per la Force India di Ocon davanti alla Renault di Sainz ed alla McLaren di Alonso. Decima l'altra Force India di Perez davanti alla Williams di Massa.

00:30Calcio:Sarri’se io ministro Economia,Spalletti della Difesa’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Handanovic è straordinario, forse il più forte portiere del mondo in questo momento, ma in generale abbiamo trovato di fronte un'intera squadra molto solida. Sono soddisfatto di quello che ha fatto il Napoli: avere il 75% di supremazia territoriale senza concedere tanto agli avversari sono segnali che il match l'abbiamo giocato su buoni livelli''. Ai microfoni di Premium Sport, l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri valuta così lo 0-0 del San Paolo contro l'Inter: ''Dal punto di vista delle palle gol sono due punti persi, ma se continuiamo con questo genere di prestazioni sarà difficile non fare risultato pieno''. Spalletti mi ha definito Ministro dell'Economia? Allora lui è il Ministro della Difesa".

00:28Csm:Davigo non scende in politica e critica politici e toghe

(ANSA) - SIENA, 21 OTT - Piercamillo Davigo non sarà candidato alle prossime elezioni politiche, né intende "assumere incarichi di governo". Lo ha detto oggi zittendo le voci che lo davano in lizza con i 5 stelle. "I magistrati - ha detto non sono capaci di fare politica, tantomeno lo sarei io". Davigo pero' è poi passato a dure critiche sia per i politici che il Csm. Al Parlamento contesta "di non prendere decisioni nemmeno quando per legge dovrebbe allontanare persone condannate per reati anche gravi come l'abuso d'ufficio, incidendo negativamente sulla fiducia dei cittadini".Poi del Csm critica le corsie preferenziali nell'occupare posti dirigenziali per magistrati che hanno avuto incarichi in ministeri o sono rientrati dalla politica. "Fate passare davanti quelli che hanno fatto politica. Non voglio delegittimare il Csm - ha aggiunto - ma quando sono stati arrestati i docenti che si spartivano nelle università incarichi ho sentito colleghi dire in mail che questa cosa la fa il Csm tutti i giorni, 'uno a me e uno a te'".

23:54Calcio: Spalletti, vera fortuna è allenare questi ragazzi

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "A questi calciatori vanno fatti i complimenti: continuate a dirci che siamo fortunati, ma la mia vera fortuna è allenare questi ragazzi. Sanno fare il loro mestiere, sanno dove vogliono andare e oggi sono venuti qui a giocare una buonissima partita''. Ai microfoni di Premium Sport, l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti, risponde così a chi continua a definire la sua squadra fortunata. ''Che poteva anche essere giocata anche meglio. A volte i giocatori del Napoli sembrano i figli di Goldrake, per le cose quasi incredibili che fanno, e giocare contro di loro non è facile. Dobbiamo ancora imparare tanto, perché in alcune situazioni potevamo anche fare gol, ma abbiamo anche fatto dei passi in avanti importanti''. ''Ci vuole del tempo - aggiunge Spalletti -e noi dobbiamo essere bravi ad accorciarlo. Se poi mi continuate a chiedere se lotteremo per lo Scudetto, vi rispondo di sì, lo vinceremo (ironico, ndr)".

23:45Basket: Serie A, Venezia-Cremona 92-81

(ANSA) - VENEZIA, 21 OTT - I Campioni d'Italia dell'Umana Reyer Venezia mantengono l'imbattibilità in campionato, piegando nell'anticipo della quarta giornata la Vanoli Cremona 92-81 e allungando così in testa alla classifica in solitaria per almeno 24 ore. Gli ospiti, guidati dal CT della Nazionale Sacchetti, affrontano l'incontro a viso aperto, partendo meglio degli avversari (12-20 al 5') e riuscendo poi più volte a rientrare in partita dopo il sorpasso veneziano. Decisivo il terzo quarto, in cui l'Umana Reyer serra le fila in difesa, prendendo il largo dopo il 56-52 al 23'. Venezia sfrutta la maggior profondità, trovando proprio dalla panchina le cose migliori (50 punti dei giocatori non partiti in quintetto sui 92 totali, mentre Cremona trova solo 13 punti dalle riserve), con Watt mvp (20 punti in 13', con 27 di valutazione) e Orelik ancora una volta micidiale nel tiro da 3. Nelle file cremonesi, il migliore è ancora una volta Johnson-Odom, autore di 27 punti, ma non basta, così come l'apporto sotto le plance di Sims

23:23Calcio: Inter, Vecino “stasera un punto importante”

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Abbiamo fatto una partita importante, sapevamo che sarebbe stato difficile contro quella che al momento è la squadra più forte. Nel secondo tempo abbiamo sofferto un po', ma questo punto è importante per la classifica e per il morale". Queste le parole del centrocampista dell'Inter Matias Vecino dopo il pareggio senza reti al San Paolo di Napoli. "Inter da scudetto? Noi ci sentiamo forti, ma abbiamo ancora molto da crescere: dobbiamo guardare partita dopo partita", ha concluso Vecino.

Archivio Ultima ora