Champions: super Juve e Dybala stellare, Barca umiliato

Pubblicato il 11 aprile 2017 da ansa

Paulo Dybala (R) festeggia il gol contro il Barcellona. Torino, 11aprile 2017
ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

TORINO. – Annichilito il Barcellona, la Juventus viaggia verso le semifinali di Champions. Per i bianconeri è stata una delle più belle serate della sua storia in Champions, una sonora rivincita della sconfitta di Berlino, dove persero la Coppa dopo però aver fatto paura ai blaugrana. Questa sera più che paura hanno suscitato ammirazione per il totale controllo della partita.

Per il Barcellona sarà molto più difficile la remuntada: sarà questo sicuramente il leit motiv dei prossimi sette giorni prima del ritorno al ‘Campo Nou’. Ma recuperare tre gol alla Juve sarà più difficile che annullarne 4 al Psg. E per la squadra di Luis Enrique il 6-1 ai francesi rischia di restare un’impresa irripetibile.

Come aveva fatto il Psg all’andata in Francia, anche la Juventus ha chiuso il primo tempo sul 2-0: merito della squadra nel suo insieme, subito aggressiva e sicura, al tiro con Khedira, alto,- già dopo 23”. Sopra tutti merito di due perle di un Dybala da Pallone d’oro, in un quarto d’ora, due colpi del suo magico sinistro che hanno lasciato a bocca aperta, oltre che der Stegen e la sempre troppo molle difesa blaugrana, lo stesso connazionale Messi.

Sono bastati 6′ e 36″ alla Juventus per accendere d’entusiasmo lo stadio e fare alzare gli occhi al cielo ai 2.300 tifosi giunti a Torino dalla Catalogna: spalle alla porta, ‘La Joya” ha girato mirando al palo interno, l’assist confezionato da Cuadrado con un doppio passo e tocco d’interno che ha lasciato di sasso Mathieu.

Il Barcellona, colpito nel vivo, ha reagito: improduttivo però il su tiki taka, l’azione più bella è stato un lancio lungo in verticale di Messi che ha liberato in area Iniesta: il diagonale del centrocampista spagnolo è stato ‘sporcato ‘in angolo da Buffon. Dopo il calcio d’angolo, su azione di rimessa, la Juventus ha innescato l’azione in velocità: Manduzkic dalla fascia sinistra ha scodellato un pallone troppo invitate per l’indiavolato Dybala: sinistro al volo mezzo metro dentro l’area, altro pallone angolatissimo e der Stegen ancora battuto.

Due a zero per la Juve, come era finito il primo tempo a Parigi, come è andata al 90′ a Malaga, sabato scorso. Del Barca, a parte l’intrusione di Iniesta poco o niente da segnalare. Male Suarez che di testa in tuffo ha mancato il pallone in area: sorpreso anche Chiellini che si è visto il pallone arrivare sul piede rischiando l’autogol. Per la Juve anche la palla del 3-0 al 44′: tiro di Higuain dopo un rimbalzo strano del pallone, parata di der Stegen con un po’ troppa insicurezza.

Luis Enrique ha cercato di dare una sistemata all’assetto e ha tolto nell’intervallo Mathieu, inserendo Andrè Gomes. Destro subito pericoloso di Messi al 2′ il Barcelona sembrava ridestarsi, Suarez anticipato da Buffon, due tiri, alti, di Neymar e Iniesta hanno messo un po’ di pressione alla Juventus ; fuochi d’artificio continui: Higuain ha piazzato dal limite, parata a terra di der Stegen e poi il ‘Pipita’ si è fatto respingere il tiro dal portiere in uscita.

Ma ecco il terzo gol della Juventus, segnato da Chiellini: sul calcio d’angolo si è liberato della morsa di Mascherano in area e ha piazzato di testa nell’angolo opposto. Piccoli sussulti blaugrana, ma Juve grantica: Suarez si è liberato al tiro (23′), il suo diagonale deviato in angolo. Per tutto quel che resta il Barcellona ha cercato di segnare almeno un gol, ma ha cozzato contro la difesa bianconera: insuperabili Chilelini e Bonucci, ma anche Dani Alves e Alex Sandro.

Messi non è riuscito a destreggiarsi, Suarez è stato ancora impreciso e pure Rakitic che ha spara alto un destro (42′). L’ultimo tiro di testa di Sergi Roberto, al 94′, debolissimo.

(di Renato Botto/ANSA)

Ultima ora

16:34Erdogan lascia incontro Tusk-Juncker scuro in volto

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato ricevuto all'Europa Building dal presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, e dal presidente della Commissione, Jean Claude Juncker. Al termine dell'incontro, sullo sfondo delle tensioni tra Ue e Turchia, non è stata fatta alcuna dichiarazione, ma il turco ha lasciato l'edificio scuro in volto. Il portavoce della Commissione Margaritis Schinas ha scritto su Twitter che "Ue e Turchia devono lavorare insieme e lo faranno". Ieri Erdogan aveva chiesto all'Ue di prendere una decisione sull'adesione della Turchia all'Ue, che non va trattata come un "mendicante" tenuto sulla porta. Prima di partire per Bruxelles aveva affermato che "l'Ue aspetta che sia la Turchia a ritirarsi". Nell'accordo con la Ue sui migranti è prevista la liberalizzazione dei visti, che è tenuta bloccata perché Amkara non rispetta 7 dei 'benchmark' richiesti dall'Ue, e l'apertura di nuovi capitoli negoziali, che si è allontanata dopo la repressione seguita al fallito golpe luglio.

16:27Calcio: Gattuso, non è passo indietro

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - In attesa di firmare il contratto che lo porterà sulla panchina della Primavera del Milan, Gennaro Gattuso parla già con entusiasmo dell'esperienza che gli permetterà di tornare a lavorare in un posto che considera casa sua: "La proposta di allenare la Primavera è arrivata tre settimane fa. Secondo me è la scelta giusta, nessun passo indietro: torno in una società gloriosa che vuole essere di nuovo grande. Allenerò i giovani: spero di trasmettere il senso di appartenenza e farli migliorare. Ascolterò i consigli di Montella: è un tecnico preparatissimo, c'è solo da imparare".

16:26Gentiloni, a G7 Taormina non sarà confronto semplice

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - "A Taormina ci sarà un confronto su temi che interessano tutta l'umanità, come i cambiamenti climatici, i commerci, le migrazioni, i rapporti con l'Africa. Non sarà un confronto semplice, ma l'Italia, che ospita il vertice, cercherà di renderlo un confronto utile e capace di far convergere le posizioni": lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni arrivando al vertice Nato a Bruxelles. Gantiloni ha quindi detto che "l'Italia è impegnatissima in Iraq", dove ha la seconda forza militare dopo quella americana, "ma è importante sottolineare che l'impostazione non è solo militare, ma anche politica, coinvolgendo tutte le forze possibili per trovare soluzioni" a sfide come quella del terrorismo. "Il terrorismo si vince sul piano militare ma anche sul paino della cultura", come l'Italia sostiene da sempre, ha detto Gentiloni, che ha sottolineato come a questo fine sia utile l'"unità fra le due sponde dell'Atlantico".

16:22Università: dg Stranieri Perugia nuovo presidente Codau

(ANSA) - PERUGIA, 25 MAG - Il direttore generale dell'Università per Stranieri di Perugia Cristiano Nicoletti è il nuovo presidente del Codau, l'associazione nazionale costituita dai dg di tutti gli atenei italiani. E' stato eletto a Roma, insieme alla giunta, dai direttori generali delle 87 Università chiamate a partecipare al rinnovo delle cariche per il triennio 2017-2020. Per Nicoletti le priorità sono "promuovere una più forte cultura della qualità della didattica e della ricerca, snellire le procedure, incrementare l'internazionalizzazione, instaurare solidi rapporti di collaborazione con organizzazioni nazionali e sovranazionali, per scambi di esperienze e conoscenza per il miglioramento ed il consolidamento dell'integrazione a livello europeo ed extraeurope". "Il Codau - ha aggiunto - punterà a creare le basi per rendere l'università italiana più competitiva sullo scenario internazionale e per accrescere in questo modo la competitività del Paese". "Ma punterà anche - ha sottolineato Nicoletti - a rafforzare gli obiettivi nei rapporti sistematici con Ministeri, enti di ricerca, comitati di settore e altri organismi istituzionali per la promozione di studi congiunti, ricerche e proposte di soluzioni su problematiche attinenti la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa delle nostre università". (ANSA).

16:22F1: Gp Monaco, Vettel dominatore del venerdì

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - E' Sebastian Vettel il dominatore delle prove libere del venerdì del Gp di Monaco. Il pilota della Ferrari nella seconda sessione ha fermato il cronometro sul tempo di 1'12''759, quasi mezzo secondo migliore di quello realizzato da Daniel Ricciardo con la Red Bull. A confermare le buone sensazioni per il team di Maranello, il terzo tempo realizzato da Kimi Raikkonen (1'13''283). Molto indietro le Mercedes, con Lewis Hamilton che, dopo aver fatto meglio di tutti la mattina, non è andato oltre l'ottavo tempo (1'13''873). Tra Raikkonen ed il campione inglese si sono piazzate le Toro Rosso di Daniil Kvyat (1'13''331) e Carlos Sainz (1'13''400), Max Verstappen (Red Bull, 1'13''486) e Sergio Perez (Force India, 1'13''799). Oltre un secondo di distacco dalla ferrari di Vettel anche per la Mercedes di Valtteri Bottas (1'13''902), solo decimo nel computo dei tempi.

16:18L. elettorale: Pd per breve slittamento voto in commissione

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il capogruppo del Pd in commissione Affari costituzionali della Camera, Emanuele Fiano, ha chiesto durante l'ufficio di presidenza lo slittamento del voto sugli emendamenti alla legge elettorale da lunedì 29 maggio a mercoledì 31.

16:18L. elettorale: Orlando, contrario a sistema tedesco

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Sono contrario al tedesco perché rischia di creare un paese nel quale non c'è la governabilità e poi rischia di portarci a una campagna elettorale nella quale la denuncia principale sarebbe quella di voler fare poi il giorno dopo l'accordo con Fi". Lo ha detto Andrea Orlando (Pd) a L'Aria che tira su la7. Bisogna tornare "a un sistema di coalizioni", "con una qualche forma di premialità. Io sono per un premio di maggioranza. Il cosiddetto Rosatellum è una traccia dalla quale si può partire".

Archivio Ultima ora