25 aprile: ebrei e Pd disertano il corteo dell’Anpi a Roma

Un momento della manifestazione dei partigiani per il 25 aprile a Porta San Paolo, Roma, 25 aprile 2015. ANSA/MASSIMO PERCOSSI
Un momento della manifestazione dei partigiani per il 25 aprile a Porta San Paolo, Roma, 25 aprile 2015.
ANSA/MASSIMO PERCOSSI

ROMA. – A Roma quello che l’Anpi vorrebbe fosse un 25 aprile “all’insegna dell’unità” rischia di passare alla storia come la manifestazione con più divisioni. Quella, che appare ormai insanabile, con la comunità ebraica e l’altra, figlia forse dell’accesa campagna referendaria in cui l’associazione si schierò per il ‘No’, con il Partito Democratico.

“L’Anpi che paragona la comunità ebraica di Roma a una comunità straniera è fuori dalla storia e non rappresenta più i veri partigiani”, il duro commento della presidente, Ruth Dureghello, che annuncia una manifestazione parallela di fronte a quella che fu la sede della Brigata Ebraica.

“Purtroppo ancora una volta a Roma il corteo dell’Anpi è diventato elemento di divisione quando dovrebbe essere invece l’occasione di unire la città intorno ai valori della resistenza e dell’antifascismo. Per questo, come già l’anno passato, non parteciperemo”, afferma il commissario romano del Pd, Matteo Orfini.

La sindaca di Roma Virginia Raggi, invece, presenzierà ad entrambe le iniziative. Sarà dunque sia al corteo di Porta San Paolo che alla manifestazione organizzata dalla comunità ebraica in via Balbo. La presenza della sindaca, ha sottolineato il segretario romano dell’Anpi, Fabrizio De Sanctis, “è importante per riaffermare la natura antifascista delle istituzioni”.

Ma sono le divisioni e le “incomprensioni”, come le definisce lo stesso segretario, ad aver caratterizzato la giornata scelta dall’Anpi per presentare le iniziative in vista della festa della Liberazione. “Speriamo sia una giornata di grande unità, come fu nella Resistenza”, era stato l’augurio del segretario confermando che al corteo avrebbe partecipato anche una rappresentanza palestinese “come avviene ogni anno”.

Presenza non particolarmente gradita alla comunità ebraica che accusa l’Anpi di aver cancellato “la storia”, facendo anche “sfilare gli eredi del Gran Mufti di Gerusalemme, che si alleò con Hitler con le proprie bandiere”. Senza contare – aggiunge – “le ripetute aggressioni, avvenute negli anni passati, ai danni dei rappresentanti della Brigata Ebraica”.

Da due anni, infatti, la comunità ebraica ha deciso di disertare l’appuntamento con i partigiani, in seguito ai continui momenti di tensione registrati durante il corteo proprio tra Brigata ebraica e attivisti pro-Palestina. “Sono sicuro che la loro partecipazione – ribatte De Sanctis – sarebbe stata rispettata da tutti. Non avremmo mai accettato aggressioni o insulti nei loro confronti”.

Rassicurazioni a parte, il 72/mo anniversario della Liberazione rischia di sbriciolarsi tra divisioni e polemiche. Non ultima, quella rilanciata dalla deputata del Pd, Laura Coccia, sull’assenza di rappresentanti istituzionali M5s all’anniversario del rastrellamento del quartiere Quadraro. “Una scena vergognosa e desolante – scrive -. Nessun componente della giunta, né il presidente del consiglio comunale e neanche i presidenti di Municipio”.

(di Domenico Palesse/ANSA)

Condividi: