25 aprile: ebrei e Pd disertano il corteo dell’Anpi a Roma

Pubblicato il 19 aprile 2017 da ansa

Un momento della manifestazione dei partigiani per il 25 aprile a Porta San Paolo, Roma, 25 aprile 2015.
ANSA/MASSIMO PERCOSSI

ROMA. – A Roma quello che l’Anpi vorrebbe fosse un 25 aprile “all’insegna dell’unità” rischia di passare alla storia come la manifestazione con più divisioni. Quella, che appare ormai insanabile, con la comunità ebraica e l’altra, figlia forse dell’accesa campagna referendaria in cui l’associazione si schierò per il ‘No’, con il Partito Democratico.

“L’Anpi che paragona la comunità ebraica di Roma a una comunità straniera è fuori dalla storia e non rappresenta più i veri partigiani”, il duro commento della presidente, Ruth Dureghello, che annuncia una manifestazione parallela di fronte a quella che fu la sede della Brigata Ebraica.

“Purtroppo ancora una volta a Roma il corteo dell’Anpi è diventato elemento di divisione quando dovrebbe essere invece l’occasione di unire la città intorno ai valori della resistenza e dell’antifascismo. Per questo, come già l’anno passato, non parteciperemo”, afferma il commissario romano del Pd, Matteo Orfini.

La sindaca di Roma Virginia Raggi, invece, presenzierà ad entrambe le iniziative. Sarà dunque sia al corteo di Porta San Paolo che alla manifestazione organizzata dalla comunità ebraica in via Balbo. La presenza della sindaca, ha sottolineato il segretario romano dell’Anpi, Fabrizio De Sanctis, “è importante per riaffermare la natura antifascista delle istituzioni”.

Ma sono le divisioni e le “incomprensioni”, come le definisce lo stesso segretario, ad aver caratterizzato la giornata scelta dall’Anpi per presentare le iniziative in vista della festa della Liberazione. “Speriamo sia una giornata di grande unità, come fu nella Resistenza”, era stato l’augurio del segretario confermando che al corteo avrebbe partecipato anche una rappresentanza palestinese “come avviene ogni anno”.

Presenza non particolarmente gradita alla comunità ebraica che accusa l’Anpi di aver cancellato “la storia”, facendo anche “sfilare gli eredi del Gran Mufti di Gerusalemme, che si alleò con Hitler con le proprie bandiere”. Senza contare – aggiunge – “le ripetute aggressioni, avvenute negli anni passati, ai danni dei rappresentanti della Brigata Ebraica”.

Da due anni, infatti, la comunità ebraica ha deciso di disertare l’appuntamento con i partigiani, in seguito ai continui momenti di tensione registrati durante il corteo proprio tra Brigata ebraica e attivisti pro-Palestina. “Sono sicuro che la loro partecipazione – ribatte De Sanctis – sarebbe stata rispettata da tutti. Non avremmo mai accettato aggressioni o insulti nei loro confronti”.

Rassicurazioni a parte, il 72/mo anniversario della Liberazione rischia di sbriciolarsi tra divisioni e polemiche. Non ultima, quella rilanciata dalla deputata del Pd, Laura Coccia, sull’assenza di rappresentanti istituzionali M5s all’anniversario del rastrellamento del quartiere Quadraro. “Una scena vergognosa e desolante – scrive -. Nessun componente della giunta, né il presidente del consiglio comunale e neanche i presidenti di Municipio”.

(di Domenico Palesse/ANSA)

Ultima ora

04:34Ivanka Trump dovra’ deporre in causa marchio italiano scarpe

NEW YORK - Ivanka Trump dovra' testimoniare nella causa che l'azienda calzaturiera fiorentina Aquazzurra ha fatto alla Marc Fisher Holdings, la societa' che produce per Ivanka una lussuosa e costosissima linea di scarpe. Lo ha stabilito il giudice federale di New York Katherine Forrest, precisando che la figlia del presidente dovra' rispondere a delle domande in una deposizione che non durera' piu' di due ore e si terra' a Washington, se questa e' la preferenza di Ivanka. La causa era stata avviata da Aquazzurra esattamente un anno fa, il 24 giugno 2016. L'azienda italiana sostiene che il modello ''Hettie'' prodotto dal marchio della figlia di Donald Trump e' una copia del suo ''Wild Thing'', e aggiunge che quasi ogni dettaglio della sua calzatura e' stato plagiato.

04:30Affondo del Nyt, pubblica ‘tutte le bugie di Trump’

NEW YORK - 'The liar in chief', un bugiardo al comando. Il New York Times ha catalogato in maniera dettagliata tutte le ''palesi bugie'' che Donald Trump ha detto dal giorno del suo giuramento ed insediamento alla Casa Bianca: una al giorno - si sottolinea - nei primi 40 giorni. Non scordando come l'ascesa politica del tycoon e' stata costruita proprio su una bugia: Barack Obama non e' nato in America. Quella di Trump viene definita una situazione ''senza precedenti per un presidente degli Stati Uniti''. Perche' se tutti i presidente hanno sempre cercato di nascondere qualche verita' - scrive il Nyt - ''nessun altro presidente ha cercato di creare un'atmosfera nella quale la verita' diventa irrilevante''.

04:17Incendio Londra: procede sgombero Camden, rabbia e paura

LONDRA - Sta procedendo lo sgombero dalle cinque torri di Camden, nel nord di Londra, dopo la decisione del consiglio comunale di evacuare i residenti per evitare pericoli legati alla presenza di rivestimenti a rischio incendio dopo la tragedia della Grenfell Tower. Tra le persone che stanno lasciando gli 800 appartamenti prevalgono la rabbia e la paura. Michelle Urquhart ha detto di essere arrabbiata perché fino a giovedì sembrava che la situazione potesse essere gestita senza ricorrere all'evacuazione. Invece ieri la decisione di liberare le torri e di ospitare i residenti in alloggi temporanei.

01:07Arabia Saudita: ‘Sventato attentato a Grande Moschea Mecca’

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Le autorità saudite hanno annunciato venerdì di aver sventato un'"azione terroristica imminente" che aveva come obiettivo la Grande Moschea della Mecca. Lo riferisce al Jazira. In un comunicato del ministro dell'interno si afferma che un uomo che progettava di attaccare la moschea si è fatto esplodere quando le forze di sicurezza hanno circondato la casa alla Mecca dove si era nascosto. Almeno 11 persone, tra cui cinque agenti di polizia, sono rimasti feriti nel crollo dell'edificio a tre piani dove l'uomo si era barricato.

00:14Calcio: all’Inter la Supercoppa Under 17

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Dopo il successo tricolore del Milan fra gli Under 16, festeggia anche la sponda della città interista con la vittoria della Supercoppa Under 17: a Cesenatico, infatti, i nerazzurri si sono imposti per 3-0 sul Como. Reti nel primo tempo di Vergani e nella ripresa di Demirovich (doppietta). Anche su questo campo, prima della partita, è stato osservato un minuto di silenzio in omaggio al vicepresidente del Settore giovanile e scolastico della Figc Fabio Bresci, scomparso due giorni fa.

23:59Vaccini: Pisa, migliaia in corteo contro obbligo

(ANSA) - PISA, 23 GIU - Migliaia di persone stanno partecipando a Pisa ad una fiaccolata contro la vaccinazione obbligatoria. Il corteo sta attraversando pacificamente le principali vie del centro cittadino aperto da un grande striscione sul quale è scritto: "Con la salute non si scherza. Libertà di scelta e sicurezza". Al corteo, senza alcuna insegna di partiti politici, partecipano almeno duemila persone che scandiscono lo slogan "libertà, libertà" e tra loro sono presenti molte famiglie con bambini. La manifestazione è assolutamente pacifica anche se ha letteralmente invaso il centro storico sostituendosi di fatto al consueto affollamento di giovani che animano la movida pisana. (ANSA).

23:38Calcio: Europei U.21, il Portogallo vince ma non basta

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Il Portogallo supera 4-2 la Macedonia nella terza e ultima giornata del gruppo B degli Europei Under 21, ma non riesce a rimanere in gioco per il posto in semifinale riservato alla miglior seconda classificata: c'è infatti già almeno una squadra, la Slovacchia (gruppo A), con una miglior differenza reti dei lusitani. A Gdynia, reti portoghesi di Edgar Ié (2' pt), Bruma (22' pt e 47' st) e Podence (12' st); macedoni di Bardi (40' pt) e Markoski (35' st). Nell'altra gara odierna, a Bydgoszcz, la Spagna già qualificata (insieme all'Inghilterra dal gruppo A) ha battuto anche la Serbia 1-0 (38' pt Suarez) concludendo il girone a punteggio pieno (Spagna 9; Portogallo 6; Serbia e Macedonia 1). La fase a gironi si conclude domani con le partite del gruppo C: Repubblica ceca-Danimarca e Italia-Germania.

Archivio Ultima ora