Iniziano le votazioni del referendum sull’Alitalia. Ora soluzione a lungo termine

Pubblicato il 20 aprile 2017 da ansa

ROMA. – Il referendum su Alitalia è partito, ma in attesa di conoscere come si pronunceranno i lavoratori, si pensa al futuro della compagnia e alla nuova rotta da imprimere nel caso di una vittoria del sì. Ne parla il presidente designato Luigi Gubitosi, che indica come cura una “forte discontinuità”, anche nel management. E ne parla anche l’azionista e creditore Unicredit che suggerisce come unica strada una soluzione sostenibile di lungo periodo.

Sempre che l’esito del referendum, che si saprà al più tardi nelle prime ore del 25 aprile, non apra tutt’altro scenario. Intanto in manovra arriva una norma pro-Alitalia: l’ok ad un aumento del capitale sociale di Invitalia nella misura massima di 300 milioni di euro.

Si tratta dell’attesa garanzia pubblica per coprire parte del contingent equity da 400 milioni (200 li dovrebbe mettere Etihad) per tutelare il piano da eventuali imprevisti. Se prevalesse il no al referendum si verificherebbe un accompagnamento verso il fallimento, avverte, ripetendo quanto già detto anche dal ministro Carlo Calenda, Gubitosi che però non vede alternativa al sì e, in un’intervista al Messaggero, indica la ricetta che ha già in tasca per rilanciare la compagnia quando assumerà i pieni poteri: accelerare sul piano industriale, ancora “troppo timido” sul fronte dello sviluppo, con l’apertura di nuove rotte di lungo raggio e l’arrivo di nuovi aerei; inoltre una discontinuità nel top management, in cui Gubitosi ravvisa “luci e ombre”.

Una cura, evidenzia Gubitosi, già sollecitata dal presidente uscente Luca Cordero Montezemolo. Che proprio oggi era al lavoro per la compagnia ad Abu Dhabi, per discutere con i soci arabi della complessa situazione di Alitalia e dei piani per il suo rilancio.

Quello che serve alla compagnia è una “soluzione sostenibile in una prospettiva di lungo periodo”, indica invece Unicredit, che mette così dei paletti per continuare a sostenere l’azienda. In questi anni infatti l’istituto non è mai venuto meno al proprio ruolo, ma ha visto andare in fumo molto denaro:

“Abbiamo perso nel sostegno ad Alitalia 500 milioni di euro in tre anni, una somma grande”, “cosa altro possiamo fare? Continuiamo a lavorare” ma “non possiamo perdere altro”, ha puntualizzato l’a.d. Jean Pierre Mustier, non nascondendo così l’insoddisfazione.

Ora infatti l’obiettivo di Unicredit è quello di proteggere gli interessi dei propri dipendenti, dei clienti e azionisti, certamente non propensi a perdere altro denaro. Nel frattempo i lavoratori hanno iniziato ad esprimersi sul preaccordo del 14 aprile.

Si vota fino alle ore 16 del 24 aprile con nove seggi elettorali a Roma e Milano. L’esito del voto sarà portato sul tavolo dell’incontro tra azienda e sindacati già convocato per il 26 aprile al Ministero dello sviluppo: nel caso prevalesse il sì, si procederà alla firma dell’accordo definitivo.

Intanto arriva un cambio al vertice nella società che gestisce il principale scalo del paese, Fiumicino: ad Aeroporti di Roma, controllata da Atlantia, arriva Antonio Catricalà sulla poltrona di presidente al posto di Monica Mondardini; confermato invece Ugo de Carolis nella carica di a.d.

(di Enrica Piovan/ANSA)

Ultima ora

00:58Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:55Calcio: Var irrompe in Fa cup e regala un gol al Leicester

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Svolta storica nel calcio inglese dove, per la prima volta, un gol è stato assegnato con l'ausilio della Var, sperimentata nella Fa cup nell'attesa della sua introduzione anche in Premier League. Durante la partita fra Leicester e Fleetwood Town (squadra di III Divisione), vinta dalle 'Foxes' 2-0 e valida per il terzo turno, l'arbitro ha fatto ricorso al sussidio tecnologico e, dopo avere annullato in un primo momento la rete del 2-0 firmata da Kelechi Iheanacho, dopo 70" di consultazione, ha ribaltato la propria decisione, concedendo il gol del raddoppio che era stato realizzato al 32' del secondo tempo. Una rivoluzione nella terra dove è nato il calcio. Un "grazie" con tanti punti esclamativi è apparso sull'account Twitter ufficiale del Leicester. (ANSA).

00:51Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:33Calcio: doppio Balo non basta, 2-2 in derby Costa Azzurra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una doppietta di Balotelli non basta al Nizza per aggiudicarsi in trasferta il derby della Costa Azzurra. Sul terreno del Louis II, a Montecarlo, finisce 2-2 con il Monaco, passato in vantaggio con Diakhaby (33'), ma raggiunto al 2' st e superato al 23' st dall'attaccante italiano, ora a quota 9 gol. Al 48' st Radamel Falcao mette tutti d'accordo e regala il definitivo 2-2 al Monaco. Nel tardo pomeriggio si erano disputate altre due partite della 21/a di Ligue 1: il Bordeaux è stato sconfitto in casa 2-0 dal Caen, in vantaggio al 44' st con Santini su rigore; il raddoppio è arrivato in pieno recupero, al 49', con Rodelin. Il Marsiglia, invece, ha sfruttato il fattore campo e superato 2-0 lo Strasburgo: gol di N'Jie al 34' st e Payet al 43' st. Nuova classifica: Paris Saint-Germain punti 53; Marsiglia 44; Monaco 43; Lione 42; Nantes; Nizza 31; Guincamp 39; Caen e Montpellier 27; Digione 25; Stade Rennais 25; Strasburgo 24; Bordeaux e Saint-Etienne 23; Lilla 22; Amiens e Troyes 21; Angers e Tolosa 19; Metz 12.(ANSA).

00:27Medico Casa Bianca, la salute di Trump è ottima

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - La salute di Donald Trump complessivamente è eccellente: lo ha detto il controammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, in un briefing sul primo checkup medico del presidente effettuato venerdì scorso. Anche la salute cardiaca è eccellente, ha aggiunto l'ufficiale medico, secondo cui Trump ha fortissime probabilità di completare il suo mandato senza problemi medici. Jackson ha fornito nel corso del briefing alcuni dati della visita: il presidente pesa 239 libbre (108,4 kg) mentre la sua pressione del sangue è 122/74. Donald Trump ha superato "estremamente bene" anche gli esami cognitivi (30 su 30), ha detto il medico. Se ci fosse stata la presenza dell'Alzheimer o di altri problemi mentali, ha aggiunto, i test lo avrebbero rivelato.

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

Archivio Ultima ora