Biotestamento: in Molise i parroci suonano le campane a morto

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

ISERNIA. – I rintocchi delle campane della chiesa di Carovilli (Isernia), prima a festa e subito dopo a morto, hanno annunciato alla piccola comunità altomolisana che la Camera aveva dato il via libera alle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat), nell’ambito della legge sul testamento biologico. A far partire l’iniziativa è stato il parroco Don Mario Fangio per contestare quello che definisce “un delittuoso evento di uno Stato che invece di aiutare a vivere aiuta a morire”.

Don Mario, 73enne originario di Castiglion Messer Marino (Chieti), si occupa delle anime dei carovillesi da 36 anni e non è nuovo a iniziative del genere. Il rituale dei rintocchi a morto lo aveva ‘inaugurato’ con l’approvazione della Legge sulle Unioni Civili e riproposto con le adozioni da parte delle coppie gay.

Stavolta, però, non è stato l’unico uomo di chiesa molisano ad attivare le campane per protesta contro una legge che per il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, è “sicuramente una norma importante e molto complessa perché riguarda aspetti delicati della vita delle persone. Sono però rimasti in sospeso alcuni elementi, a partire dal registro delle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat), che spero possano essere ripresi al Senato”.

Come Don Mario anche i parroci di Pietrabbondante, sempre nell’isernino, di Castropignano, Duronia e Salcito, in provincia di Campobasso, hanno suonato le campane a morto per “invitare tutti ad una seria riflessione a emendare sostanzialmente al Senato la norma e bocciarla, addirittura, come inutile, potendo fare già riferimento alle normative sull’accanimento terapeutico e cure palliative”.

Don Mario tiene poi subito a precisare che non si tratta di una “contestazione al diritto dello Stato di darsi delle leggi ma di una contestazione al contenuto di questa legge che, secondo il nostro modo di intendere, è totalmente assurda”.

“Noi siamo come i cani da pastore – aggiunge – dobbiamo avvisare quando c’è il pericolo. Se questo non lo facciamo siamo dei cani muti. Non voglio essere un cane muto messo a guardia della parrocchia. Voglio abbaiare anche se poi, forse, non riesco ad allontanare il pericolo, però chi vuole può difendersi dal pericolo”.

La comunità di Carovilli non ha replicato all’iniziativa di Don Mario. Pochi commenti sui social network e poca voglia di commentare. Un clima sostanzialmente diverso rispetto al maggio dell’anno scorso, quando annunciò la “morte del matrimonio”.

Le reazioni allora furono dure, con un manifesto dei fedeli in cui prendevano le distanze dal loro parroco. Ma, nel merito, Don Mario sostiene: “È stato detto che la comunità ha reagito male ma è stata la voce di qualcuno. Una, due, pochissime persone che parlano a nome della popolazione, finalmente, devono smetterla. Durante la benedizione delle case ho potuto verificare che le persone che erano d’accordo con me sono la stragrande maggioranza. Adesso immagino che la comunità è dalla mia parte”.

Don Mario ora spera che la sua voce, e quella di altri parroci molisani che si sono uniti a lui, arrivi al Senato anche se, afferma, ha appreso dai cronisti che la sua iniziativa era approdata sulle cronache nazionali. “Lo sto appendendo adesso – commenta – non sapevo che avesse avuto questa eco. Sono contento se servirà a ripensare a una legge con questi contenuti, a una legge di morte”.

(di Mariella Spaziano/ANSA)

Ultima ora

21:30Calcio: Manchester, lutto al braccio e minuto di silenzio

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Manchester United e Ajax, squadre finaliste di Europa League, hanno osservato un minuto di silenzio prima della partita in corso ora alla Friends Arena di Stoccolma, in onore delle vittime dell'attentato di lunedì sera al concerto di Ariana Grande. Ben prima del termine dell'omaggio, con i giocatori abbracciati in mezzo al campo, il pubblico non ha trattenuto il silenzio e si è unito in un applauso inneggiando alla città colpita dal terrorismo. La squadra di Mourinho gioca con il lutto al braccio.

21:08Calcio: Mourinho, giocheremo senza felicità

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Mi aspetto una grande partita e mi aspetto che il Manchester United non sia giudicato da questa partita per tutta la stagione: ma soprattutto, giochiamo una finale di Europa League senza la felicità che comporterebbe". Così José Mourinho parla della sfida all'Ajax, tornando ad esprimere il dolore per l'attentato di Manchester. "Di solito, partite così si giocano con la felicità dentro - ha detto il tecnico portoghese pochi minuti prima del fischio d'inizio a Stoccolma - ma questa volta non è così, non può essere così".

21:03Bambino investito da un’auto a Roma, è grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Un bambino di 5 anni è stato investito da un'auto nel pomeriggio a Roma. E' accaduto in via Laodicea, zona San Paolo. Il piccolo è stato trasportato in gravi condizioni dal 118 in ospedale. Sembra fosse in compagnia di uno zio quando è stato travolto. Sul posto per i rilievi la polizia locale. Dalle primissime informazioni, sembra che il bambino sia sbucato all'improvviso tra le auto in sosta per attraversare quando l'auto lo ha investito in una stradina stretta che costeggia un piccolo parco pubblico. Secondo quanto si è appreso, in quel punto non ci sarebbero le strisce pedonali. Il piccolo è stato trasportato in ospedale in codice rosso, ma sembrerebbe non sia in pericolo di vita. La polizia locale sta effettuando accertamenti per ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente. Sono state raccolte alcune testimonianze. Sembrerebbe che il bimbo sia un nomade e che quando è stato investito fosse in compagnia di uno zio.

20:58Ddl toghe sporche: Senato approva all’unanimità

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - L'Aula di Palazzo Madama approva il ddl che inasprisce le pene per i magistrati che commettono i reati contro la Pubblica Amministrazione con 178 sì, senza contrari né astenuti. Il provvedimento passa ora all'esame della Camera

20:53Renzi, Rosatellum ha numeri Camera, vediamo se a Senato

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "La mia posizione è il Mattarellum, al Mattarellum dicono di no. Abbiamo presentato il Rosatellum, secondo me alla Camera i numeri potrebbe averli: bisogna che gli altri ci dicano se li ha anche al Senato o no". Lo dice Matteo Renzi, interpellato a margine del Maurizio Costanzo Show. "Vediamo un po', il punto vero è che noi stiamo facendo le cose sul serio per accogliere l'invito del presidente della Repubblica, dopodiché gli italiani valuteranno chi sta dalla parte della soluzione e chi no", aggiunge.

20:49G7: Politico, Trump mantiene incertezze su commercio e clima

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAG - Commercio e clima tengono in sospeso il testo del comunicato finale del G7 di Taormina a causa delle incertezze mantenute sino ad oggi dagli americani. Lo scrive Politico, citando alcuni dirigenti e diplomatici stranieri e uno americano. Finora, secondo Politico, la parte statunitense ha sottoposto punti generici che impediscono di definire con precisione le posizioni che i leader discuteranno venerdì e sabato in Sicilia. Un dirigente americano che ha visto i 'key point' Usa ha riferito che Washington ha accettato di includere solo un linguaggio generico nel 'communique' del G7, come "promuovere la prosperità economica e la crescita globale". E ha anticipato che Trump parlerà "delle pratiche commerciali sleali e di altre questioni globali, come il ruolo dell'innovazione nell'economia, l'uguaglianza delle donne e la sicurezza alimentare". (ANSA).

20:38Blitz Gdf in filiale Unicredit a Olbia, s’indaga per usura

(ANSA) - OLBIA, 24 MAG - La Guardia di finanza di Olbia ha acquisito una serie di documenti in una filiale Unicredit della città gallurese, relativi a finanziamenti erogati alla Cite Commerciale Srl,a seguito del fallimento di quest'ultima. Oggi al direttore della filiale è stato notificato un ordine di esibizione firmato dal Procuratore della Repubblica di Tempio, Domenico Fiordalisi. L'attività, coordinata dal maggiore delle Fiamme gialle Marco Salvagno, è stata disposta nell'ambito di un'inchiesta che ipotizza il reato di usura ai danni della società olbiese. La Cite commerciale srl, che si occupava della vendita di materiale e impianti idraulici, era fallita a causa di debiti per una somma vicina ai 3 milioni di euro maturati con le banche. La Procura di Tempio sta procedendo con le indagini per verificare se i tassi applicati ai prestiti avessero superato i limiti previsti dalla legge. Si parla di interessi sui prestiti che arriverebbero, stando ai conteggi effettuati da un consulente, sino al 18 per cento. (ANSA).

Archivio Ultima ora