Biotestamento: in Molise i parroci suonano le campane a morto

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

ISERNIA. – I rintocchi delle campane della chiesa di Carovilli (Isernia), prima a festa e subito dopo a morto, hanno annunciato alla piccola comunità altomolisana che la Camera aveva dato il via libera alle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat), nell’ambito della legge sul testamento biologico. A far partire l’iniziativa è stato il parroco Don Mario Fangio per contestare quello che definisce “un delittuoso evento di uno Stato che invece di aiutare a vivere aiuta a morire”.

Don Mario, 73enne originario di Castiglion Messer Marino (Chieti), si occupa delle anime dei carovillesi da 36 anni e non è nuovo a iniziative del genere. Il rituale dei rintocchi a morto lo aveva ‘inaugurato’ con l’approvazione della Legge sulle Unioni Civili e riproposto con le adozioni da parte delle coppie gay.

Stavolta, però, non è stato l’unico uomo di chiesa molisano ad attivare le campane per protesta contro una legge che per il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, è “sicuramente una norma importante e molto complessa perché riguarda aspetti delicati della vita delle persone. Sono però rimasti in sospeso alcuni elementi, a partire dal registro delle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat), che spero possano essere ripresi al Senato”.

Come Don Mario anche i parroci di Pietrabbondante, sempre nell’isernino, di Castropignano, Duronia e Salcito, in provincia di Campobasso, hanno suonato le campane a morto per “invitare tutti ad una seria riflessione a emendare sostanzialmente al Senato la norma e bocciarla, addirittura, come inutile, potendo fare già riferimento alle normative sull’accanimento terapeutico e cure palliative”.

Don Mario tiene poi subito a precisare che non si tratta di una “contestazione al diritto dello Stato di darsi delle leggi ma di una contestazione al contenuto di questa legge che, secondo il nostro modo di intendere, è totalmente assurda”.

“Noi siamo come i cani da pastore – aggiunge – dobbiamo avvisare quando c’è il pericolo. Se questo non lo facciamo siamo dei cani muti. Non voglio essere un cane muto messo a guardia della parrocchia. Voglio abbaiare anche se poi, forse, non riesco ad allontanare il pericolo, però chi vuole può difendersi dal pericolo”.

La comunità di Carovilli non ha replicato all’iniziativa di Don Mario. Pochi commenti sui social network e poca voglia di commentare. Un clima sostanzialmente diverso rispetto al maggio dell’anno scorso, quando annunciò la “morte del matrimonio”.

Le reazioni allora furono dure, con un manifesto dei fedeli in cui prendevano le distanze dal loro parroco. Ma, nel merito, Don Mario sostiene: “È stato detto che la comunità ha reagito male ma è stata la voce di qualcuno. Una, due, pochissime persone che parlano a nome della popolazione, finalmente, devono smetterla. Durante la benedizione delle case ho potuto verificare che le persone che erano d’accordo con me sono la stragrande maggioranza. Adesso immagino che la comunità è dalla mia parte”.

Don Mario ora spera che la sua voce, e quella di altri parroci molisani che si sono uniti a lui, arrivi al Senato anche se, afferma, ha appreso dai cronisti che la sua iniziativa era approdata sulle cronache nazionali. “Lo sto appendendo adesso – commenta – non sapevo che avesse avuto questa eco. Sono contento se servirà a ripensare a una legge con questi contenuti, a una legge di morte”.

(di Mariella Spaziano/ANSA)

Ultima ora

12:49Corea Nord, pronti ad attacco contro Usa e Seul

(ANSA) - PECHINO, 25 APR - La Corea del Nord minaccia ancora un attacco senza preavvisi: un editoriale del Rodong Sinmun, in prima pagina, commemora gli 85 anni della nascita delle Forze armate quando "è finita l'era in cui gli Usa costituivano in via unilaterale una minaccia nucleare". Pyongyang possiede ora "la volontà e le capacità di rispondere a ogni tipo di guerra". Se Usa e Corea del Sud continuano "la preparazione incauta di un attacco preventivo", il Nord ne "lancerà uno senza preavvisi per punizione trasformando le loro terre in inferni ardenti".

12:38Sardegna: Doddore Meloni, “il 28 vado in carcere”

(ANSA) - ORISTANO, 25 APR - "Alle 11 di venerdì 28 aprile, giorno di Sa Die de sa Sardigna, mi presenterò davanti al carcere di Massama per cominciare la carcerazione delle condanne già passate in giudicato". E' l'annuncio del leader indipendentista sardo Salvatore "Doddore" Meloni, che spiegherà domani in una conferenza stampa le motivazioni che lo hanno spinto a questa decisione (alle 10,30 davanti al portone d'ingresso dell'ex Casa circondariale di Oristano, costruita sulle rovine di quella che fu la Reggia dei Giudici di Arborea in epoca medievale). Negli ultimi mesi Doddore Meloni, 74 anni di Terralba (Oristano), ha denunciato in diverse occasioni l'accanimento giudiziario che sarebbe stato scatenato nei suoi confronti da parte della magistratura e delle forze dell'ordine, con l'obiettivo di stroncare la sua battaglia politica per l'indipendenza della Sardegna. Il movimento indipendentista Meris in domu nosta (Padroni in casa nostra), di cui è fondatore e presidente, parteciperà alle elezioni comunali di Oristano presentando come candidato a sindaco l'avvocata Cristina Puddu, che è anche la sua legale.(ANSA).

12:35Quindicenne tenta rapina a Taranto, bloccato da passanti

(ANSA) - TARANTO, 25 APR - Un ragazzino di poco più di 15 anni, armato di pistola e con il volto coperto, ieri sera ha tentato di compiere una rapina in una tabaccheria di via Oberdan a Taranto. Il minore è stato però affrontato all'esterno da alcuni passanti che lo hanno circondato e disarmato, bloccandolo nonostante il suo vano tentativo di divincolarsi e darsi alla fuga. Poco dopo sono giunti sul posto i poliziotti della sezione Falchi, che hanno preso in consegna il baby-rapinatore e hanno recuperato e sequestrato l'arma, risultata essere una pistola-giocattolo priva del tappo rosso, e una calza di colore grigio. Il 15enne è stato condotto negli uffici della Questura e dopo le formalità di rito, su disposizione dell'autorità giudiziaria, accompagnato al suo domicilio e affidato ai genitori in regime cautelare della permanenza in casa.

12:19‘Ultimatum’ Netanyahu a ministro tedesco

(ANSA) - BERLINO, 25 APR - "Sarebbe deplorevole se si arrivasse a una disdetta dei colloqui". E' quanto detto il ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel, replicando con la ZDF alla richiesta del premier israeliano Benyamin Netanyahu di cancellare l'incontro con le ong pacifiste Breaking the silence' e 'B'Tselem' programmato oggi. Il premier, gli ha dato un ultimatum, "scelga fra me e loro". "Non me lo so quasi immaginare, perché sarebbe davvero deplorevole", ha insistito sostenendo che è "assolutamente normale che si incontrino anche dei rappresentanti della società civile" nelle visite all'estero. Se però davvero la bilaterale dovesse saltare, "non sarebbe una catastrofe", questo non altererebbe le relazioni fra i due paesi, ha assicurato Gabriel: "Il mio rapporto con Israele non cambia". L''ultimatum' è stato criticato dal capo dell'opposizione israeliana Isaac Herzog.

12:17Terremoto: mosaico polaroid per Basilica Tolentino

(ANSA) - MACERATA, 25 APR - Tempo di esposizione 1 minuto e mezzo, 2 minuti per lo sviluppo, qualche ora per l'asciugatura. Risultato finale, un'istantanea polaroid di grandi dimensioni che testimonia le ferite del sisma all'interno del complesso monumentale della Basilica di San Nicola di Tolentino. Firma la testimonianza il fotografo Maurizio Galimberti, che, su invito del mecenate Alberto Marcelletti, ha contribuito al progetto 'San Nicola reMade' utilizzando uno dei pochissimi esemplari di giant polaroid, capaci di scattare fotografie istantanee 50x60 cm. Galimberti dopo aver scattato oltre 9.000 istantanee per raccontare in un mosaico assolutamente unico lo splendore artistico e spirituale del Cappellone e del complesso monumentale della Basilica, ha utilizzato una polaroid di grandi dimensioni, già adoperata tra gli altri da Andy Warhol e Karl Lagerfield, per scattare alcune foto, praticamente pezzi unici, con l'intento di sensibilizzare l'opinione pubblica sui danni procurati dal terremoto e favorire l'inizio dei restauri.

12:05Terrorismo: Minniti, dare risposta all’imprevedibile

(ANSA) - PESCARA, 25 APR - La risposta alla minaccia del terrorismo "deve essere all'altezza di prevedere l' imprevedibile". Così il ministro dell'Interno, Marco Minniti, a Pescara, in un incontro organizzato con i sindaci abruzzesi. "Comprendiamo - afferma Minniti - che abbiamo una minaccia mortale come quella del terrorismo e che tuttavia ha via via sviluppato metodiche di attacco che prevedono una capacità di previsione che è molto vicina allo zero". Ma "una democrazia impaurita è una democrazia più debole e più esposta".

11:54Russia-Giappone: colloqui Putin-Abe il 27 aprile

(ANSA) - MOSCA, 25 APR - Il presidente russo Vladimir Putin avrà colloqui con il primo ministro giapponese Shinzo Abe il 27 aprile. Così il Cremlino in una nota. "Le parti discuteranno l'attuazione degli accordi raggiunti durante la visita del presidente russo in Giappone lo scorso dicembre", recita la nota ripresa dalla Tass. Inoltre i due leader scambiano opinioni sullo stato attuale delle relazioni bilaterali e sulle prospettive di cooperazione politica, economica e umanitaria.

Archivio Ultima ora