Referendum autonomia, il 22 ottobre il voto in Lombardia e Veneto

Pubblicato il 21 aprile 2017 da redazione

BERGAMO. – C’è la data: il 22 ottobre. Lombardia e Veneto terranno quella domenica due referendum consultivi per l’autonomia regionale, che hanno l’obiettivo di costringere il Governo a concedere più materie di competenza esclusiva. A partire da quella fiscale. Niente secessione dunque ma la richiesta di maggiori possibilità di gestione rispetto allo Stato centrale, un po’ sul modello delle regioni a statuto speciale come, per esempio, la Sicilia.

I governatori leghisti Roberto Maroni e Luca Zaia hanno trovato l’accordo per votare in contemporanea (in Lombardia con scrutinio elettronico, i tablet saranno lasciati poi alle scuole) e mandare un messaggio politico forte. Che ha anche il vantaggio di tenere compatto il loro partito, compresi gli eterni duellanti: Matteo Salvini e Umberto Bossi.

“Il 22 ottobre 2017 insieme il popolo veneto e quello lombardo scriveranno una pagina di storia”, è la convinzione di Zaia, punto di riferimento di una terra storicamente a vocazione addirittura indipendentista. Secondo Maroni, il risultato è a portata di mano, il voto favorevole all’autonomia può essere trasversale. Non solo perché i referendum sono stati sostenuti anche dai 5 Stelle.

“Credo – ha sostenuto il presidente della Lombardia – che nessun lombardo possa votare No a un referendum che dice: vuoi che una parte rilevante dei 53 miliardi di tasse lombarde rimangano qui, per aiutare chi ha bisogno, per realizzare gli ospedali, per abolire il bollo auto? Quale cittadino lombardo di buonsenso può dire di no?”.

Domanda retorica rivolta a chi, come il Governo e i vertici del Pd, è tornato a chiedergli di aprire una trattativa con l’Esecutivo sulla base dello stesso articolo 116 comma 3 della Costituzione attraverso il quale i quesiti referendari vogliono arrivare alla maggiore autonomia, senza avere però la garanzia del risultato, legato appunto a un successivo negoziato.

“Condividiamo l’obiettivo dell’autonomia – ha ribadito il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori -. Ma il Governo, con il ministro Martina, ha dato già segnali di disponibilità e apertura, quindi non c’è bisogno di fare un referendum per trattare”.

“Totalmente d’accordo” con Gori il sindaco di Milano Beppe Sala che ha definito il referendum “assolutamente inutile” ma, se si farà, “consiglierò a tutti di votare positivamente”. Maroni e Zaia tirano dritto. A meno che, concede sempre in maniera retorica il governatore lombardo, l’autonomia non arrivi subito, prima del 22 ottobre. Difficile, però. Anche perché i leghisti hanno colto l’annuncio come una svolta storica, dopo una parabola trentennale passata anche dal secessionismo.

“Era ora – ha commentato il fondatore di questa avventura politica, Umberto Bossi -. I referendum sono la conseguenza di una lunga lotta contro il centralismo. Non si poteva più aspettare. Cambierà che tratterremo con Roma”. Nessuna polemica, su questo, con l’attuale segretario, che però rivendica il successo. “Finalmente – ha dichiarato Salvini -, dopo 30 anni con il referendum ci sarà la possibilità per 15 milioni di lombardi e veneti di esprimersi per chiedere libertà, autonomia, soldi, possibilità di scegliere. Questo avviene in un momento in cui, non a caso, c’è una Lega molto forte. C’è chi chiacchiera e c’è chi fa”.

(di Alessandro Franzi/ANSA)

Ultima ora

03:55Filippine: assedio a Marawi, oggi tregua per fine Ramadan

MANILA - L'esercito filippino osservera' oggi una tregua di otto ore nella sua offensiva terrestre e navale contro i militati islamici affiliati all'Isis della citta' meridionale di Marawi, per consentire agli abitanti, molti dei quali residenti lungo le vie dei combattimenti, di celebrare la fine del Ramadan. Il portavoce dell'esercito, generale Restituto Padilla, ha detto che ''la pausa umanitaria'' negli attacchi militari comincera' alle 6 del mattino locali ma verra' revocata immediatamente se i militanti apriranno il fuoco o minacceranno le truppe o i civili.

01:13Attore Domenico Diele investe e uccide una donna in scooter

(ANSA) - SALERNO, 25 GIU - E' l'attore Domenico Diele l'uomo di 32 anni che la notte scorsa ha investito e ucciso una 48enne nei pressi dell'uscita autostradale di Montecorvino Pugliano, nel Salernitano. L'attore, senese di origini, ma trapiantato da tempo a Roma, si trovava in zona per le riprese del film 'Una vita spericolata' del regista Marco Ponti. Volto emergente del cinema e della fiction, ha recitato in diverse pellicole, tra cui 'Acab', e in numerose serie di successo della tv, come 'Don Matteo' e '1992'.Sembra che Diele stesse tornando da una festa che si era tenuta a Matera quando con la sua auto, intorno alle 2 del mattino, ha urtato lo scooter su cui viaggiava la 48 enne Ilaria Dilillo che è morta praticamente sul colpo a causa delle ferite riportate. Gli agenti della Polizia stradale di Eboli hanno arrestato il 32enne con l'accusa di omicidio stradale aggravato. L'udienza di convalida della misura è prevista per lunedì.

00:59Italia rovente, a Ferrara percepiti 49 gradi

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Chi ha potuto ha cercato refrigerio al mare. Ma non sempre chi si è rifugiato sulle spiagge è riuscito ad evitare l'afa, che ieri ha attanagliato gran parte dell'Italia, con temperature da capogiro, non solo nelle città. Complice l'elevata umidità, il caldo avvertito è stato largamente superiore ai gradi segnati dal termometro, con 10-12 tacche in più rispetto alle cifre reali. E i numeri sono stati da record: come a Ferrara, dove la temperatura percepita ha raggiunto all'ora di pranzo i 49 gradi, a fronte degli effettivi 37. E a Termoli, in Molise, dove il calore sentito è arrivato a 46 gradi, anche se la colonnina di mercurio si era fermata a 30. E pure a Capo Frasca, in Sardegna, con 37 gradi reali, ma la sensazione che ce ne fossero 44. Roventi anche le città che sono state segnalate dal Ministero della Salute con il bollino rosso. A Bologna la temperatura avvertita è stata di 42 gradi, a fronte dei 35 effettivi; 40 a Torino, Brescia e Bolzano.

23:42Europei U.21: Bernardeschi, che cuore questa Italia

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - "L'emozione è tanta, io quando indosso questa maglia provo sempre qualcosa di speciale e particolare. Fare un gol così importante è veramente bellissimo". E' un Federico Bernardeschi felice quello che commenta il successo dell'under 21 azzurra sulla Germania, arrivato per il suo gol al 30'. "Credo ci sia da fare tanti complimenti a questa squadra - dice ancora il talento azzurro -: con il cuore si va avanti, e non c'è niente da fare e non ci si smentisce mai. Ma ce lo meritavamo, e abbiamo avuto anche un pizzico di fortuna, visto che la Danimarca ha vinto. La nostra è stata una grande partita". Poi parla della sua rete. "Ho capito subito che avrei potuto fare gol - dice -. Ho tirato di sinistro perché sono più sicuro". Sottolinea poi che "questa squadra è un gruppo unito e lo ripeterò sempre: siamo così. Ma sappiamo di non aver fatto ancora niente. Ora c'è la Spagna, che è la squadra che ha impressionato di più in questo Europeo. Ma se questa Italia gioca con il cuore è dura per tutti".

23:39Calcio: Di Biagio, ora pensiamo a fare miracolo con Spagna

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - "Le critiche nei miei confronti? oggi abbiamo vinto, e non ci saranno. Comunque ci stanno, fanno parte del nostro lavoro. In questo caso bisogna capire dove migliorare". Questo il commento del ct dell'Under 21 Gigi Di Biagio dopo il successo sulla Germania che è valso l'accesso alle semifinali. "Oggi abbiamo fatto una buonissima gara contro un'avversaria forte - dice -. Il nostro obiettivo era di di vincere 1-0 e poi vedere cosa poteva succedere, e così è stato. Ora c'è da migliorare e arrivare in fondo, quindi ora subito con la testa alle semifinale". La mossa vincente è stata quella del 'falso nueve', con il trio Chiesa-Bernardeschi-Berardi che non ha dato punti di riferimento agli avversari. "La mossa è riuscita perchè abbiamo vinto - sorride Di Biagio -, altrimenti stavamo qui a parlare di scelta sbagliata. Abbiamo giocato bene perché abbiamo alzato il ritmo". Adesso c'è la semifinale di martedì a Cracovia contro la Spagna. "Cercheremo di fare il miracolo - dice Di Biagio - ma ora pensiamo a recuperare".

23:38Europei U.21: Italia-Germania 1-0

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Serviva l'impresa e gli Azzurrini l'hanno compiuta battendo 1-0 la quotatissima Germania. Un successo che permette alla formazione del tecnico Gigi Di Biagio di accedere alla semifinale dell'Europeo Under 21, in Polonia, dove martedì prossimo affronterà l'altrettanto temibile Spagna, che ha chiuso a punteggio pieno il proprio girone. Sul passaggio del turno ha influito e non poco la vittoria della Danimarca, che ha battuto 4-2 la Repubblica ceca, permettendo anche alla Germania di avanzare. In semifinale i tedeschi affronteranno l'Inghilterra. A Cracovia il gol partita l'ha siglato Bernardeschi al 30' del primo tempo. Unica nota negativa le ammonizioni di Berardi e Conti che, diffidati, sono stati ammoniti. Salteranno l'impegno con la Spagna.

23:01Gb, Corbyn accolto come una star al Glastonbury Festival

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Il leader Labour Jeremy Corbyn accolto come una star al Glastonbury Festival, la famosa tre giorni di concerti che si svolge ogni anno nel Somerset. Davanti a una folla di giovani, molti dei quali indossavano magliette con il suo nome, il sessantottenne Corbyn è tornato sui temi centrali della sua campagna elettorale, dal lavoro, ai diritti umani, alla giustizia. Un discorso più volte interrotto dagli applausi del pubblico al quale il leader Labour ha ricordato che "solo uniti si può cambiare il mondo", che la politica riguarda "la vita di tutti i giorni, quello che vogliamo, quello che sogniamo, quello che desideriamo per chi ci sta accanto". Ed ha inviato un messaggio anche al presidente Usa Donald Trump: "Costruisci ponti, non muri". Al termine del suo discorso la folla lo ha salutato intonando il suo nome al ritmo di Seven Nation Army, il pezzo degli White Stripes diventato ormai lo slogan dei suoi fan in campagna elettorale.

Archivio Ultima ora