Mattarella in Argentina e Uruguay, patria di migranti italiani

Pubblicato il 02 maggio 2017 da ansa

Il Presidente Sergio Mattarella durante il suo intervento per la celebrazione della Festa del Lavoro.(Ufficio Stampa Quirinale)

ROMA. – Almeno 20 milioni di italo-argentini pari a quasi la meta dell’attuale popolazione. Circa 1,5 milioni di italo-uruguaiani, pari al 44% della popolazione. Su questi dati impressionanti si svilupperà la prima visita di Sergio Mattarella in sud America, tra Argentina e Uruguay. Numeri determinati dall’emigrazione italiana che dopo la metà dell’800 registrò flussi impressionanti favoriti dalla mancanza di lavoro in Italia e dalla politica fondiaria dell’Argentina che aveva disperato bisogno di braccia per popolare e coltivare territori sterminati.

Si stima che nell’arco di circa un secolo partirono dall’Italia verso l’Argentina 3 milioni di persone. La storia oggi si ripete e il presidente della Repubblica avrà l’opportunità di toccare con mano gli effetti di un’integrazione riuscita e raccogliere antiche storie familiari di povertà e sofferenze. Molto simili a quelle che oggi stanno dietro ai viaggi della speranza attraverso il Mediterraneo.

Inevitabile quindi che il tema dei migranti sarà il “fil rouge” della visita di sei giorni del capo dello Stato. Partenza da Buenos Aires, tappa in Patagonia a Bariloche e conclusione a Montevideo. Un’immersione in un’Italia dell’altro mondo, ricca di suggestioni, empatia e facilità di rapporti. Una missione che non trascurerà il taglio economico con la partecipazione di Mattarella e il ministro Alfano a un “business forum” nella capitale argentina.

Che ci sia laggiù “tanta Italia” lo dimostra il fatto che in Argentina addirittura festeggino la “Giornata dell’emigrante italiano” e che in Uruguay il Parlamento abbia formalmente celebrato 70 anni della Costituzione italiana.

Intensa l’agenda: la prima giornata a Buenos Aires si aprirà con una sosta altamente simbolica al monumento dei “desaparecidos” dove vedrà una delegazione delle madri de Plaza de Mayo. Quindi, al di là degli incontri ufficiali come quello con il presidente Mauricio Macri alla casa Rosada, Mattarella visiterà una scuola italiana.

La seconda giornata sarà centrata sull’intervento che pronuncerà al Congresso a Camere riunite. Tappa di taglio “spaziale” quella di mercoledì 9 maggio a Bariloche, con la visita all’impresa di Stato Invap specializzata in satelliti. Non è la prima di questo tipo per il presidente che ha già visitato l’Esa a Parigi e la Nasa a Houston.

Tuffo nella storia infine a Montevideo dove la storia di Giuseppe Garibaldi è ancora viva: il presidente visiterà la casa dove visse l’eroe dei due mondi insieme a Ana Ribeiro da Silva, cioè Anita Garibaldi che sposò proprio in Uruguay. A Montevideo vedrà il Presidente Tabaré Vazquez e pronuncerà un discorso alle Camere.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

21:20Calcio: Florenzi, messaggio a Milik

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Ci vedremo al San Paolo e ci scambieremo la maglia. Fieri della nostra forza e più forti del nostro destino. Un grande abbraccio! Ale". Con questi messaggio, pubblicato sul proprio account di Twitter, il romanista Alessandro Florenzi ha dato appuntamento al collega del Napoli, Arkadiusz Milik, che, come il giallorosso, ha subito due gravi infortuni al ginocchio a poche settimane di distanza. L'attaccante dei partenopei oggi è stato operato a Roma e tornerà in campo fra cinque-sei mesi.

21:10Calcio: Van Bronckhorst, il Feyenoord punta alla vittoria

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - "Arriviamo a Napoli con molti infortunati ma dobbiamo vedere le cose in modo positivo e giocare meglio come squadra, sarebbe ideale trovare subito il vantaggio domani ma sarà molto difficile. Non saremo favoriti". Lo ha detto Giovanni Van Bronckhorst, allenatore del Feyenoord, alla vigilia della sfida contro il Napoli in Champions League. Il Feyenoord arriva a Napoli senza il bomber Jorgensen e il difensore Botteghin che il tecnico olandese ricorda "tornerà a gennaio-febbraio", precisa Van Bronckhorst che punta a vincere: "Domani ci servono i tre punti - dice - giocheremo senza paura ma con equilibrio. Sarà importante non prendere gol in avvio. Sappiamo di non essere favoriti ma sappiamo come gioca il Napoli, fanno un pressing molto alto e noi non dovremo rischiare di perdere palloni, ma allo stesso tempo impostare da dietro".

20:56Sport: Lotti palleggia con atleti paralimpici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Io vengo a giocare ragazzi. Invitatemi e vengo". Così il ministro dello Sport Luca Lotti che si è fermato a palleggiare con i calciatori della nazionale italiana Calcio Amputati al termine della inaugurazione del centro di preparazione paralimpica al Tre Fontane. Lotti si è fermato a palleggiare a lungo scherzando con gli atleti paralimpici che durante lo scambio del pallone lo esortavano ironicamente con queste parole: "Se cade (la palla, ndr) cade il governo".

20:47Calcio: condanna Agnelli, Malagò non si espone

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "La cosa peggiore è che il presidente di un Comitato olimpico giudichi una sentenza di primo grado. Penso che la giustizia sportiva ha tre gradi di giudizio, è giusto, doveroso, aspettare il completamento di tutto il percorso". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commenta la sentenza del Tribunale federale nazionale della Figc che ha condannato a un anno di inibizione il presidente della Juve Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita dei biglietti ai tifosi. "Dispiace comunque che il calcio e il nostro mondo - ha aggiunto Malagò a margine dell'inaugurazione del Centro di preparazione paralimpica - ogni tanto vada agli onori o agli oneri delle cronache con delle cose che indubbiamente dispiacciono a tutti in assoluto". "Non commento le sentenze", ha invece detto il ministro dello Sport Luca Lotti. Per quanto riguarda le infiltrazioni dei mafiosi nel calcio - ha aggiunto - la Commissione Antimafia ha fatto un ottimo lavoro sul quale poter lavorare come parlamento e come governo per il futuro".

20:36Sport: Lotti esalta Centro Paralimpici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Vivo questa giornata con gioia, orgoglio e grande senso di responsabilità per quello che stiamo facendo oggi. L'inaugurazione della Cittadella dello Sport paralimpico, un modello unico, deve essere vissuta come si fa quando si inaugura la grande infrastruttura di interesse strategico per tutto il Paese. L'augurio è che la Cittadella dello Sport Paralimpico possa essere un'altra pietra miliare su cui costruire il futuro". E' quanto espresso dal ministro dello Sport, Luca Lotti, intervenuto all'inaugurazione del centro di preparazione olimpica del Comitato Italiano Paralimpico al Tre Fontane. "Il cammino davanti a noi è ancora lungo - ha precisato Lotti - per questo il governo ha approvato lo stanziamento di altri 6.5 milioni per il completamento del Centro con un palazzetto polifunzionale e foresteria che lo farà diventare davvero all'avanguardia nel mondo".

20:26Calcio: Udinese, Danilo salta anche la Sampdoria

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Lesione tra il primo e il secondo grado del bicipite femorale della coscia destra: è il risultato evidenziato dagli esami strumentali cui si è sottoposto Danilo dopo l'infortunio che mercoledì scorso, nella sfida persa contro il Torino, l'ha costretto ad abbandonare il campo (e a mancare il successivo impegno contro la Roma). Il difensore seguirà ora il programma di recupero predisposto dallo staff medico della società bianconera saltando, dunque, anche la sfida casalinga con la Sampdoria (sabato alle 18). Intanto, Stipe Perica è tornato a lavorare con il gruppo, mentre Silvan Widmer sta completando il proprio percorso riabilitativo.

20:21Giappone: premier Abe, elezioni anticipate a ottobre

(ANSA) - TOKYO, 25 SET - Il premier giapponese annuncia lo scioglimento delle camere ed elezioni anticipate per avviare una 'rivoluzione della produttività' attraverso una maggiore equità fiscale e il mantenimento della sicurezza contro le minacce della Corea del Nord. Nel suo discorso alla nazione il premier si è fatto 'paladino della patria' e ha usato tutta l'esperienza dei suoi due precedenti mandati, approfittando dello scompiglio dell'opposizione. Lo scioglimento della Camera bassa - le elezioni sono previste per il 22 ottobre - anticipa di un anno la fine della legislatura e coincide con il recupero del tasso di approvazione del premier che, complice la crisi nella penisola coreana, è risalito intorno al 50% dopo un progressivo declino nei mesi estivi. Il tutto coincide con la divulgazione di due scandali di clientelismo riconducibili direttamente ad Abe, il cui clamore il partito democratico all'opposizione non è riuscito a capitalizzare.

Archivio Ultima ora