Legge elettorale: Renzi riparte dal sistema tedesco

Pubblicato il 02 maggio 2017 da ansa

ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – Matteo Renzi, fresco della netta vittoria alla guida del Pd, riparte dalla riforma elettorale e studia una proposta che ricalchi il sistema tedesco, un sistema misto proporzionale-maggioritario, con una soglia di sbarramento al 5%. “Dobbiamo cercare un accordo”, è l’input che il leader dem ha dato ai suoi con l’obiettivo di approvare entro l’estate una riforma elettorale che abbia i numeri in Parlamento, soprattutto al Senato. E il sistema tedesco avrebbe il pregio di strizzare l’occhio a Silvio Berlusconi, da sempre favorevole, e a risolvere il nodo dei capilista bloccati bocciati da M5S.

La commissione Affari Istituzionali si è di nuovo aggiornata in attesa della proposta del Pd. E come previsto, Renzi, tornato in sella al partito, ha preso in mano il dossier per tentare uno sprint anche alla luce del pressing arrivato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Il sistema tedesco parte dalla presa d’atto che il Mattarellum non ha i numeri per essere approvato. Il sistema tedesco, invece, potrebbe trovare sponde inedite in Parlamento prevedendo il 50 per cento di collegi uninominali, il 50 per cento di quota proporzionale, una soglia al 5 per cento e nessun premio di maggioranza.

Massimo D’Alema, per dire, è un estimatore di antica data del sistema di Berlino ma alla luce della scissione bisognerà vedere se Mdp sarà favorevole. Anche Silvio Berlusconi è storicamente un fan della legge ma ha due motivi per frenare: non accelerare la fine della legislatura in attesa della sentenza di Strasburgo ed evitare tensioni sia dentro il partito che con gli alleati che spingono per una legge che favorisca le coalizioni.

Ed infatti Giorgia Meloni prende la mira e spara: “Pare che il Pd stia lavorando per portare in Italia il sistema elettorale tedesco. Visto che in Germania da oltre 10 anni ci sono governi di larghe intese è evidente dove voglia andare a parare Renzi…”. Ma è vero che Matteo Salvini ha fretta di andare a votare e potrebbe accettare qualsiasi riforma.

Capitolo a parte è M5S. Luigi Di Maio ha aperto da giorni per la ricerca di un accordo in commissione, partendo dal Legalicum con un premio alla lista per chi supera una soglia intorno al 37 per cento e una soglia di sbarramento al 3 per cento. La proposta alla tedesca sarà valutata dagli esperti ma è vero che la novità accantona i capilista bloccati, da sempre presi di mira dai grillini perchè attribuiscono il potere di scelta più ai capi partito che ai cittadini.

“Nonostante gli errori di destra e sinistra siamo disposti – afferma Alessandro Di Battista – a valutare correttivi di governabilità e limitati interventi sulle soglie di sbarramento per garantire al popolo italiano di esprimersi finalmente con un voto”.

Ma al di là delle opposizioni, Renzi dovrà far quadrare la proposta anche dentro il Pd. Andrea Orlando ha rilanciato il premio alla coalizione con l’obiettivo di ricostruire “un centrosinistra largo” che vada da Pisapia agli ex scissionisti. Il sistema tedesco non prevede premi di maggioranza, motivo per cui se non c’è un vincitore netto le alleanze si devono per forza fare dopo le elezioni. Ma l’ex premier è convinto che, con una campagna sul voto utile contro M5S, il Pd potrà risultare maggioritario del paese.

In ogni caso Renzi ha intenzione di far valere dentro il partito la percentuale quasi bulgara con cui ha vinto le primarie e di mettere ai voti la proposta elettorale in direzione, dove, come anche nell’assemblea, la sua area varrà il 70 per cento dei delegati.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

06:37Barcellona: a Cambrils terroristi con auto su persone

BARCELLONA - I cinque sospetti terroristi uccisi dalla polizia locale spagnola nel blitz notturno a Cambrils avevano investito alcune persone con un'automobile. Lo riferisce la polizia stessa confermando anche che i cinque indossavano cinture esplosive.

05:47Venezuela: Ortega Diaz sarebbe fuggita all’estero

CARACAS - L'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz avrebbe lasciato il Venezuela per sfuggire alla persecuzione del governo chavista, che ha ordinato l'arresto di suo marito e l'ha accusata di essere responsabile della violenza durante le manifestazioni che si susseguono nel paese dallo scorso aprile e di aver cospirato per favorire un'invasione straniera. Lo hanno indicato fonti locali citate dal portale news argentino Infobae, aggiungendo che Ortega Diaz -a cui la giustizia ha sequestrato il passaporto- avrebbe raggiunto clandestinamente la Colombia o il Brasile. La notizia non e' ancora stata confermata da fonti indipendenti. Oggi il suo successore a capo della Procura, Tarek William Saab, ha accusato Ortega Diaz di essere "la responsabile intellettuale di ognuna delle vittime registrate dallo scorso primo aprile", quando la Procuratrice ha denunciato una rottura dell'ordine costituzionale a Caracas.

05:31Barcellona: a Cambrils kamikaze con cinture esplosive

BARCELLONA - Indossavano probabilmente cinture esplosive da kamikaze i sospetti terroristi, quattro dei quali uccisi e uno ferito in un'operazione della polizia locale spagnola a Cambrils, localita' turistica a 100 chilometri da Barcellona, sulla costa sud-occidentale. Lo riferisce la tv pubblica spagnola RTVE. La televisione dice che i cinque stavano tentando di portare a termine un attacco simile a quello di Barcellona. Sette persone sono rimaste ferite, due in modo grave.

05:28Venezuela: Costituente sospende immunità marito Ortega Diaz

CARACAS - L'Assemblea Costituente promossa dal presidente Nicolas Maduro ha sospeso l'immunità parlamentare di German Ferrer, deputato chavista e marito dell'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz, su richiesta del Tribunale Supremo di Giustizia. L'alta corte aveva autorizzato ieri l'arresto di Ferrer, in base all'imputazione per corruzione, estorsione, associazione a delinquere e riciclaggio presentata dal successore di Ortega Diaz alla Procura, Tarek William Saab.

05:22Barcellona:polizia,a Cambrils si preparava attentato

BARCELLONA - Secondo la tv pubblica spagnola RTVE sono quattro i presunti terroristi uccisi dalla polizia locale della Catalogna a Cambrils. La polizia sospetta che stessero preparando un attacco nella localita' turistica a circa 100 chilometri da Barcellona. Un quinto presunto terrorista e' rimasto ferito. La polizia ha invitato i cittadini di Cambrils a non uscire di casa.

05:17Barcellona:blitz polizia a Cambrils,uccisi terroristi

ROMA - Quattro o cinque presunti terroristi sono stati uccisi in un'operazione della polizia spagnola in corso a Cambrils, cittadina sulla costa a sud-ovest di Barcellona. La notizia e' riferita dai media spagnoli ed e' riportata, fra l'altro, dall'edizione on line del Guardian. Anche alcuni agenti sono rimasti feriti. Non e' chiaro se l'operazione sia legata alla strage sulla Rambla a Barcellona.

05:13Barcellona: Consiglio Sicurezza Onu condanna attacco

NEW YORK - Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha ''condannato nei termini piu' forti l'attacco terroristico barbaro e vile a Barcellona''. Nella dichiarazione, proposta dall'Italia in accordo con la Spagna, i Quindici hanno ribadito che ''il terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni costituisce una delle piu' gravi minacce alla pace e alla sicurezza internazionali''. Il Cds ha espresso la solidarieta' alla Spagna, sottolineando la ''necessita' di intensificare gli sforzi internazionali per combattere il terrorismo e l'estremismo violento'', un invito rivolto a tutti gli Stati membri.

Archivio Ultima ora